User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    27 Apr 2005
    Messaggi
    510
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Critica del progressismo cattolico

    Articolo pubblicato su Il Timone, n. 18, marzo 2002

    di Rino Cammilleri



    Ormai dovrebbe essere chiaro a tutti dove sta andando a parare il cosiddetto progressimo cattolico: per la solita eterogenesi dei fini, esattamente dove dice di non voler andare. Alla trasformazione della religione cristiana in un instrumentum regni.

    Sì, perché si comincia con le solite buone intenzioni di cui sono lastricate le vie di un certo posto, si comincia col voler depurare dalle incrostazioni la fede, riportare la stessa alla purezza originaria, eliminare gli orpelli e le sovrastrutture accumulatisi nei secoli, ridurre all'essenziale. E si finisce col rimanere senza niente, senza acqua del bagnetto, senza vaschetta e senza bambino. Tolto l'«in più» doveva emergere una fede «adulta». Invece, quel che si vede sono solo gusci, solidaristici o liturgici, sperimentazioni infantili spacciate per spirito evangelico, sessantottismo ritardatario. Inutile rielencare qui i preti rappers e/o no global e tutte le altre trovate che fanno la gioia delle brevi di costume in cronaca. Il progressismo ormai fa una cosa sola: cercare di sbarazzarsi dell'identità cristiana per sostituirla con l'offerta agli Stati (meglio, all'Onu) di manovalanza gratuita politicamente corretta.

    Da quando le ideologie hanno fatto il loro ingresso nella Storia, non è mai mancato il gruppetto di cristiani che entusiasticamente ha gridato il suo passons aux barbares! In verità, è sempre stato un gruppetto, non di più, anche se pretenzioso: il vero cristianesimo era, secondo loro, il loro. Minoranze sparute di intellettuali, cui il troppo studio aveva dato alla testa, però influenti per via della loro visibilità. E furono cattolici-liberali, cattolici per il socialismo, catto-comunisti e via dicendo. Veri pifferi di montagna, partivano per convertire e tornavano convertiti. Sempre col dito accusatorio puntato sulle «secolari connivenze tra la Chiesa e il Potere», finivano invariabilmente per puntellarlo loro, il Potere, schierandosi ogni volta col Pensiero Unico di turno. Uno psicologo avrebbe rivelato il perché di certe «sofferte e tormentate» scelte: paura della ghigliottina. Ora, poiché la coerenza è una delle esigenze più forti dell'animo umano, chi non vive per come pensa finisce per pensare per come vive, e il fascino del vincitore è una sirena irresistibile. Ma, appunto per questo, Cristo aveva detto «la verità vi farà liberi», liberi dal condizionamento, dalla paura dell'impopolarità, perfino dalla paura della morte. Invece, i «sofferti e tormentati» non riescono mai a vedere nel Crocifisso il Re dei Re. Prima gli tolgono la corona imperiale, poi la porpora regale, poi la camicia e infine lo lasciano nudo, così che rimanga solo un cadavere appeso al muro. E se qualcuno questo solo vede, un cadavere appeso, allora zitti e mosca, per non offendere l'unico dio in cui davvero credono, il Di(alog)o.

    Oggi, quell'antica posizione minoritaria è diventata egemone, e non basterà il coraggio pastorale di un solo Biffi a scalfirla. Ho detto egemone, non di massa, perché il popolo sta da tutt'altra parte, si esprime solo nel segreto dell'urna elettorale o «vota coi piedi» andando ad affollare i santuari. A Messa la domenica ci va, sì, perché costretto dal comandamento. E sta pure in silenzio quando la predica viene effettuata dal solito giovane missionario appena tornato dall'Africa a battere cassa. Nove volte su dieci la filippica frusta gli uditori, colpevoli di tutta la fame del mondo. E già: lui c'è stato, da quelle parti, è testimone oculare. Diceva il divo Giulio che a pensar male si fa peccato ma a volte ci s'azzecca, e la mente corre a quelli che, turisti in Russia, si erano trovati due strade in là e non si erano accorti dell'assalto al Palazzo d'Inverno nel 1917.

    Ma ecco una buona domanda da girare a Pietro Gheddo, decano dei missionari italiani: come mai certi missionari dicono l'esatto contrario di quel che dice lui e la loro visione delle cose pare molto più vicina a quella degli anti-global? Riguardo alla risposta io una mezza idea l'avrei, ma per verificarla occorrerebbe andare a dare un'occhiata al curriculum dei missionari di cui sopra.

    Niente, torniamo al cosiddetto progressismo. Inizialmente si era pensato che intendesse per cristianesimo solo la «solidarietà» oves et boves; anzi, esclusivamente boves, vista l'unidirezionalità verso gli «ultimi». Già in questo mostrava il suo volto di instrumentum regni, spontaneamente e gratuitamente offerto al Potere anche se non richiesto. Adesso si svela che è proprio il cristianesimo la sua uggia, perché gli impedisce l'«apertura» verso tutte le altre religioni e ideologie (che sono religioni laiche). Finale: rimane instrumentum regni, sì, ma del regno prossimo venturo, quello descritto da Soloviev o da Benson. Nei sogni del progressista medio, ci si faccia caso, c'è un pianeta unito e governato dall'Onu, un'umanità affratellata ed ecologica senza barriere né divisioni, che onori tutti i Grandi Uomini di Pace, tra cui anche, perché no, Gesù Cristo. L'inno appropriato è Imagine, di John Lennon, i cui versi, significativamente, dicono a un certo punto: and no religion too. Sì, perché le religioni dividono. Invece bisogna cercare quel che unisce. Se me l'avessero detto, che l'ultima speranza era Oriana Fallaci…
    Gilbert

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Grazie per questo testo ricco di spunti.
    In questo forum purtroppo, per ovvi motivi, si sottolineano più i pericoli del tradizionalismo che quelli del progressismo.
    Queste ideologie, perchè di ideologie si tratta, sono tuttavia del tutto simili, e manifestano spesso le medesime attitudini, anche se i con risultati differenti.
    Il classico esempio è il Concilio Vaticano II. Nè tradizionalisti, nè progressisti lo conoscono, entrambi lo manipolano, gli uni per rifiutarlo, gli altri per sostenere le loro tesi.

  3. #3
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Thomas Aquinas
    Grazie per questo testo ricco di spunti.
    In questo forum purtroppo, per ovvi motivi, si sottolineano più i pericoli del tradizionalismo che quelli del progressismo.
    Queste ideologie, perchè di ideologie si tratta, sono tuttavia del tutto simili, e manifestano spesso le medesime attitudini, anche se i con risultati differenti.
    Il classico esempio è il Concilio Vaticano II. Nè tradizionalisti, nè progressisti lo conoscono, entrambi lo manipolano, gli uni per rifiutarlo, gli altri per sostenere le loro tesi.
    condivido Thomas...e personalmente c'ho provato a spostare l'attenzione sul fronte progressista della Chiesa che secondo me miete più vittime è più subdolo e pericoloso......e semina un mare di m...ucilaggini
    Li ritengo più pericolosi perchè mentre i tradizionalisti non lo conoscono....i progressisti lo studiano attentamente invece per tirare fuori quanto più si può estrapolando frasi dal contesto e ingannando la gente...altro che zizzania......qui stiamo all'ortica e all'orticaria........

    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  4. #4
    Dal 2004 con amore
    Data Registrazione
    15 Jun 2004
    Località
    Attorno a Milano
    Messaggi
    19,247
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Forse miete più vittime, ma dal punto di vista ideologico il progressismo è del tutto simile al tradizionalismo. Penso anche che, confutato uno, è confutato anche l'altro.
    Lo studio del Concilio dei tradizionalisti è lo stesso dei progressisti: si prende qualche citazione, la si interpreta a modo proprio e da una parte si sostiene che dice cose contrarie a prima, dall'altra ci si appoggia al Concilio per sostenere le proprie tesi.

  5. #5
    più arcipreti, meno arcigay
    Data Registrazione
    03 Jun 2004
    Località
    Tra la verità e l'errore non c'è nessuna via di mezzo, tra questi due poli opposti non c'è che un immenso vuoto. Colui che si pone in questo vuoto è altrettanto lontano dalla verità di colui che è nell'errore (J. Donoso Cortes)
    Messaggi
    19,845
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Oltretutto, la stessa nozione di "progresso" è estrane alla dottrina cattolica, perchè implica una visione della storia come parabola daslla abrabrie alla civiltà, quindi in divenire progressivo.

    Il che è falso, perchè la storia non conduce verso nessun progresso (il termine infatti è relativo: ad esempio, oggi c'è progresso rispetto al medioevo nella sanità, e ciò è bene, ma c'è anche progresso rispetto alle armi, e ciò è male).

    Per noi la storia conduce verso Dio e verso la Parousia, quindi non ha alcuna idea di progresso insita.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 23-01-14, 12:00
  2. I limiti del progressismo?
    Di MaIn nel forum Internazionale Progressista
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 19-06-13, 12:10
  3. Un cattolico può votare per un politico cattolico che vive nel peccato?
    Di Alex il Rosso nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 75
    Ultimo Messaggio: 28-08-08, 03:38
  4. Progressismo islamico
    Di novizio nel forum Politica Estera
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 04-08-08, 06:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226