User Tag List

Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 74
  1. #1
    Guido Keller
    Ospite

    Predefinito All'asta il tesoro di Gelli....un tesoro sovietico....

    L’oro del Venerabile

    All´asta il tesoro pignorato di Licio Gelli; ma perché si tratta di un tesoro sovietico? Vuoi vedere che ci hanno nascosto qualcosa…

    21 settembre: Asta semideserta: Solo 3 dei 179 lingotti d’oro provenienti dall’ex Unione Sovietica sono stati venduti all’asta stamattina e fanno parte di quello che viene chiamato il tesoro del masetro venerabile della loggia massonica P2 Licio Gelli. (…) I lingotti erano timbrati con la sigla in caratteri alfabetici in cirillico CCCP, ovvero la sigla delle Repubbliche Comuniste dell'Ex Russia Comunista.

    Per spiegare: articolo di Marino Bisso
    Articolo presente nelle categorie:
    Guerra fredda in Italia ? La Loggia P2
    Centoventisette lingotti d´oro per un peso di 127 chili più altri 52 mattoncini preziosi pesanti cinque chili e seicento grammi. Ma anche trentadue chili in "frattaglie" varie. Il tesoro, stimato oltre un milione e settecento euro, essendo stato pignorato verrà venduto al «pubblico incanto», il prossimo 20 settembre, presso il Tribunale penale di Roma. Per l´occasione l´aula Occorsio, che radizionalmente ospita maxi processi per criminalità organizzata, si trasformerà in una "succursale" super blindata della Banca d´Italia. Al posto delle gabbie con i detenuti, verranno sistemati i mattoni d´oro e d´argento del Venerabile: vennero sequestrati il 12 settembre ‘98 a, villa Wanda, la dimora ad Arezzo del maestro della loggia P2. All´alba di quel giorno gli uomini della questura di Arezzo si presentarono davanti al grande cancello marrone. In mano stringevano un mandato di perquisizione firmato dai sostituti procuratori romani Lina Cusano e Giuseppe De Falco titolari dell´indagine sul crac del gruppo Di Nepi. Non era la prima volta che gli agenti si presentavano a "casa" Gelli ma si trattava della perquisizione numero 35. Al contrario dei precedenti blitz, gli agenti non andarono a frugare nella cassaforte ma tra i vasi di fiori. Un nascondiglio diabolico. E così tra begonie e gerani, tanto amati e curati da Licio Gelli, saltò fuori il tesoro del Venerabile.
    Perché il sequestro si trasformasse in un pignoramento esecutivo ci sono voluti sette anni. Lo scorso 22 aprile, il giudice Tommaso Sciascia ha chiesto una nuova perizia per quantificare il tesoro di Gelli. La consulenza, depositata alla fine di maggio, è basata su un calcolo semplice: i 164.981 grammi d´oro con una purezza altissima (titolo 999,9) sono stati moltiplicati per 10.77 euro al grammo. Totale: 1.776.845,37 euro. I restanti 40 lingotti d´argento sono stati valutati 767,04 euro.
    Già, ma perché i lingotti erano siglati CCCP? Perché venivano dall’Unione Sovietica? Sui giornali si è letto che quei lingotti rappresentavano una ricompensa “alleata” per servizi bellici compiuti dal Gelli.
    La vulgata comunista ci fa passare il Gelli come un fascista. In effetti egli era in Repubblica Sociale.
    Ma se si alza il coperchio si scoprono tante cose. Dalla relazione della Commissione Anselmi sulla loggia P2 si scopre che Gelli in RSI avrebbe fatto l’agente doppio (per la Gestapo e per i comunisti). Sarebbe stato lui, alla “liberazione” a far catturare cinquantacinque camerati toscani. Nel dopoguerra, sempre secondo la Commissione Anselmi, fu chiesto l’arresto del Gelli per la sua partecipazione al Cominform (controspionaggio internazionale comunista) ma quest’arresto sarebbe stato evitato per intervento del servizio spionistico inglese, il CIC, che affermò trattarsi ANCHE di un loro uomo. Questo agente doppio per vocazione sarebbe stato il punto d’incontro di molte trame negli anni Settanta e sul principio degli Ottanta. L’atollo P2 permetteva la confluenza di cospiratori nei servizi segreti, nella stampa, nel banditismo e nei gruppi armati di destra e soprattutto sinistra (le infiltrazioni nelle BR sono sconvolgenti). Alla pubblica opinione il “venerabile” viene spacciato per fascista, tanto l’equazione fascista=losco il PCI l’ha imposta da tempo. Sicché non si risale mai alla verità che risulterebbe tanto scomoda a parecchi (ad esempio il Partito Comunista dovrebbe spiegare il lungo flirt che ebbe con la P2 mediante il suo responsabile ai problemi dello stato, Ugo Pecchioli). E ci si dovrebbe spiegare come mai l’uomo additato come l’anticomunista per eccellenza avesse un tesoro di provenienza sovietica…

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Senzapadrone
    Data Registrazione
    29 Mar 2005
    Messaggi
    9,999
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Gelli era un fottuto opportunista, questo è risaputo da pirma dell'81. Non ci fai alcuna rivelazione.

    Vuoi un consiglio? Vatti a leggere "L'Italia della P2" di Pino Buongiorno.

    E' un libro interessante, che contiene una dettagliata biografia di Gelli, e anche le risposte puntuali alle tue tesi.

    Alcuni lingotti sono degli anni 20. Con questo, mi vuoi dimostrare che provengano dalla casa di Ugo Pecchioli, o dalla Direzione del PCI?

    Gelli come capo della P2 ha SEMPRE impostato il suo lavoro in funzione anti-PCI, anti-sindacato, e anti-magistratura. Ci sono relazioni e documenti che lo dimostrano.

  3. #3
    Guido Keller
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da Ezechiele

    Gelli come capo della P2 ha SEMPRE impostato il suo lavoro in funzione anti-PCI, anti-sindacato, e anti-magistratura. Ci sono relazioni e documenti che lo dimostrano.
    "Nel dopoguerra, sempre secondo la Commissione Anselmi, fu chiesto l’arresto del Gelli per la sua partecipazione al Cominform (controspionaggio internazionale comunista)"

    ....si...si...hai ragione....ci sono i documenti e le relazioni....

  4. #4
    Senzapadrone
    Data Registrazione
    29 Mar 2005
    Messaggi
    9,999
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Guido Keller
    "Nel dopoguerra, sempre secondo la Commissione Anselmi, fu chiesto l’arresto del Gelli per la sua partecipazione al Cominform (controspionaggio internazionale comunista)"

    ....si...si...hai ragione....ci sono i documenti e le relazioni....
    Ma allora non capisci?

    Quando è diventato Gelli capo della P2?

    TI STO PARLANDO DELLA P2, LOGGIA MASSONICA PROPAGANDA 2

  5. #5
    Guido Keller
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da Ezechiele
    Ma allora non capisci?

    Quando è diventato Gelli capo della P2?

    TI STO PARLANDO DELLA P2, LOGGIA MASSONICA PROPAGANDA 2
    "il Partito Comunista dovrebbe spiegare il lungo flirt che ebbe con la P2 mediante il suo responsabile ai problemi dello stato, Ugo Pecchioli"

    ..io a te ti capisco bene....sei tu che non capisci il resto.....

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    08 Apr 2009
    Località
    Cyborg nazzysta teleguidato da Casaleggio
    Messaggi
    26,848
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da Guido Keller
    "il Partito Comunista dovrebbe spiegare il lungo flirt che ebbe con la P2 mediante il suo responsabile ai problemi dello stato, Ugo Pecchioli"

    ..io a te ti capisco bene....sei tu che non capisci il resto.....
    Si si va bene va bene, Gelli era un rivoluzionario bolscevico e tramava per ingresso dell'Italia nel Patto di Varsavia e per l'introduzione dei Soviet. In camera sua giganteggia una riproduzione gigante di Stalin.

    Vuoi una soluzione VERA alla Crisi Finanziaria ed al Debito Pubblico?

    NUOVA VERSIONE COMPLETATA :
    http://lukell.altervista.org/Unasolu...risiEsiste.pdf




  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    04 Oct 2003
    Località
    ..
    Messaggi
    2,693
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: All'asta il tesoro di Gelli....un tesoro sovietico....

    In Origine Postato da Guido Keller
    L’oro del Venerabile

    All´asta il tesoro pignorato di Licio Gelli; ma perché si tratta di un tesoro sovietico? Vuoi vedere che ci hanno nascosto qualcosa…

    Che Gelli sia stato un tramite fra i servizi dei due blocchi è cosa arcinota.

    Nel 1945 fu il partigiano comunista Italo Carobbi a presentare un attestato di beneremenza in suo favore, garantendone l'impunita'.

    E sono note da anni le informative del Sifar datate anni 50 (quando Gelli era semisconosciuto) in cui lo si definiva elemento di spicco dei servizi dell'Est.
    Cosi' come e' accertato che per oltre un anno (a meta' anni 50) visse in Romania.

    Poi ai gonzi hanno venduto la favola del Gelli nemico dei comunisti ecc. ecc. ecc.
    Peccato che quando i radicali per primi denunciarono l'esistenza della P2, l'Unita' scrisse un memorabile articolo in difesa di Gelli contro le "fantasticherie pannelliane".


    .......

    TANTO PER RINFRESCARE LA MEMORIA. agli smemorati (notare da che sito e' preso il pezzo)........ Leggere qua con attenzione.....

    http://www.berluscastop.it/pcampoli/...democrazia.htm




    IV. I RAPPORTI CON GELLI: LO SCHELETRO NELL'ARMADIO DEL PCI

    In molti si sono posti la domanda del come Licio Gelli sia potuto divenire un potentissimo personaggio della vita italiana. Eppure il materassaio di Arezzo non ha mai ricoperto una carica formale, di quelle che danno potere politico, ne' ha avuto un'attivita' economica e finanziaria di rilievo in grado di consentirgli grande accumulazione di denaro.

    Alla fine degli anni Settanta i potenti della politica, della finanza e del mondo militare si inchinavano di fronte al maestro venerabile, il Corriere della Sera gli riservava nell'ottobre 1980 un'intervista a piena pagina e le casseforti delle banche svizzere, a quel che si e' poi saputo, contenevano montagne d'oro e di valuta di proprieta' del nostro eroe. Era dunque un personaggio potentissimo, in grado di influenzare uomini e cose e di muovere affari importanti in ogni senso in molti settori della vita nazionale. Deteneva, con una formula che e' diventata popolare, un grande "potere occulto", cioe' un tipo di potere non visibile e legato a responsabilita' politiche ed economiche ma fondato invece sulla segretezza e l'assenza di responsabilita' verso terzi. Un potere occulto alimentato da operazioni illecite e illegittime, organizzate appunto per accrescerne ed alimentarne l'influenza.

    Depositario dei segreti delle trame inquinanti, confessore delle nefandezze di regime, mediatore dell'illegalita', gran ricattatore: ecco alcune delle definizioni proposte per mettere a fuoco la funzione reale del capo piduista al di la' dei riti e delle coperture massoniche. Occorre allora interrogarsi sull'origine della potenza di Gelli, sia che derivasse dall'accesso a informazioni riservate e illecite e dai conseguenti ricatti nel confronti dei potenti sia che si fondasse su



    pag. 153



    altre ragioni. Solo scavando nelle vicende del giovane pistoiese negli anni della guerra e del dopoguerra si rintracciano le fonti della mirabolante carriera successiva. In quegli anni Gelli fa le prime prove, decisive per tutta la sua vita successiva, nei rapporti con i potenti del momento, con il mondo politico e si esercita all'attivita' di delatore e di ricattatore che sara' in seguito perfezionata e approfondita. Tra gli incontri di quella stagione, risultano cruciali quelli con il Pci e con i servizi segreti.

    Nel 1937, a 18 anni, Licio Gelli era partito volontario per combattere nel campo fascista della guerra di Spagna. Rimpatriato nel 1938, aveva lavorato presso il Partito fascista della sua citta' natale, Pistoia, fino allo scoppio della guerra quando era stato inviato in Dalmazia sul fronte greco-macedone. Nel settembre 1943, al momerito dell'armistizio aderi' subito alla Repubblica Sociale svolgendo la funzione di ufficiale di collegamento fra il nuovo fascio repubblichino e la Wehrmacht. Sono i mesi dell'agonia nazifascista che preludono al successo della Resistenza e alla liberazione degli alleati. Ben presto con l'inizio dell'attivita' partigiana nell'autunno 1943, Gelli prende contatto con Silvano Fedi, capo del movimento anarchico libertario, e con i rappresentanti del locale Comitato di liberazione sfruttando il tramite di una sorella militante essa stessa e sposata a un elemento comunista. Offre ai partigiani la propria collaborazione e i propri servizi, iniziando il doppiogioco, in forza della posizione da lui occupata nel campo repubblichino-tedesco: fornisce informazioni ad esponenti comunisti del locale Comitato di liberazione e partecipa anche ad azioni partigiane, pur se costantemente ispirato a un'ambiguita' di comportamenti. Dopo la liberazione della Toscana, nel settembre 1944 collabora a rintracciare gli elementi pericolosi e ricercati per il collaborazionismo con i nazisti e, in questa attivita', gode della protezione dei partigiani e probabilmente anche delle autorita' americane di occupazione. Nell'ottobre 1944 Gelli richiede e ottiene la protezione dei comunisti del Comitato di liberazione che gli



    pag. 154



    rilasciano prima un attestato e poi un lasciapassare con documenti personali che gli consentiranno di salvare la vita, di abbandonare impunemente Pistoia e di recarsi nel gennaio 1945 in Sardegna, all'isola della Maddalena con un avventuroso viaggio via Roma e Napoli. Lontano dal teatro delle sue gesta di guerra, Gelli, ricercato dalle forze dell'ordine, entra in contatto con gli apparati dei servizi di sicurezza tramite i Carabinieri della Maddalena.

    Il primo attestato di benemerenze partigiane viene rilasciato a Gelli il 2 ottobre 1944 dal presidente del Comitato provinciale di Liberazione Nazionale di Pistoia, il comunista Italo Carobbi.(1) In esso si certifica che l'ufficiale di collegamento con la Wehrmacht, <<pur essendo stato al servizio dei fascisti e dei tedeschi, si e' reso utile alla causa dei patrioti pistoiesi>>, aiutando materialmente alcune formazioni tra cui quella di Silvano Fedi (ucciso dai tedeschi in un'imboscata) e partecipando alla liberazione di prigionieri politici. <<In considerazione di quanto sopra>>, conclude l'attestato, <<questo comitato autorizza Gelli Licio a circolare senza che possa in qualche modo essere disturbato>>.(2) Forte di tale accreditamento, Gelli nei mesi successivi puo' lasciare Pistoia dove era oggetto di rappresaglie, sempre protetto dai comunisti del luogo. Il 12 gennaio 1945 e' ancora Carobbi a rilasciargli un lasciapassare (3) per raggiungere la Sardegna ed e' l'apparato del Pci a fornirgli una scorta di due partigiani armati (Nello Lucchesi e tale "Alcide", con l'accompagnamento di Bruno Tesi, esponente di rilievo del Pci pistoiese) che lo conduce in salvo a Roma.

    La vita di Gelli doveva essere divenuta preziosa e la sua difesa importante se ancora il 4 febbraio 1945 l'organo del Cln di Pistoia, La Voce del Popolo, pubblicava un articolo per spiegare e ulteriormente accreditare di fronte ai partigiani la posizione dell'ex repubblichino. Tutta l'operazione di salvataggio fu assunta dal Pci, in quel momento forza egemone in Pistoia, tanto che altri esponenti del Comitato di liberazione poco ne sapevano e tanto meno acconsentivano. Gerardo Bianchi della Dc dichiara che <<nessuno ci



    pag. 155



    informo' mai>> e Vincenzo Nardi del Partito d'azione aggiunse che <<se qualcuno avesse fatto una proposta del genere si sarebbero scatenati i dissensi piu' duri>>.(4) Il primo importante giro di valzer con cambiamento di fronte, Gelli lo compie dunque tra il 1943 e il 1945 trasformandosi da repubblichino a collaboratore dei partigiani nonche' protetto dal Pci a cui probabilmente doveva la salvezza della vita. Il giovane pistoiese doveva certamente aver reso dei servizi importanti per ricevere in cambio gli attestati e l'aiuto del Cln in quei giorni percorsi dagli odi, dalle violenze e dalle lotte piu' ardue. Il secondo giro di valzer Gelli lo compie alla Maddalena dove, nel settembre 1945, viene arrestato per reati commessi da collaborazioni sta. Su propria iniziativa, al primo interrogatorio dei Carabinieri che lo tengono in custodia, Gelli fornisce una dettagliata lista di 56 collaborazionisti della Repubblica Sociale e dei nazisti dettagliando per ognuno fatti e atteggiamenti.(5) Gelli cioe' si propone come collaboratore dei servizi segreti, in quel momento in fase di riordinamento, facendo il delatore di persone che erano state suoi amici o compagni di partito e di fede con la rivelazione di circostanze anche gravi (<<torturatore>>... <<confidente dei nazisti>>... <<spia>>...) che avrebbero potuto portare pesanti conseguenze a carico dei denunciati in considerazione del clima del tempo. Si apre cosi', per Gelli, un rapporto con i servizi segreti - rapporto che forse aveva gia' dei precedenti ma che passa attraverso una tappa decisiva - basato sulla delazione di gravi notizie di cui rimane traccia scritta, ma non memoria pubblica, negli archivi delle polizie e dei vari organi di sicurezza dello Stato.

    Il 29 settembre 1950 il centro controspionaggio di Pistoia invia al Sifar centrale un'informativa in risposta a una richiesta di notizie su tale <<Gelli sospetto agente del Kominform>>. Nel dossier, classificato come <<fascicolo n. 15743 Com. In. Form>> (6) Gelli e' descritto come un personaggio <<capace di compiere qualunque azione>> che ha iniziato la collaborazione con il Pci nel 1944 e che svolge attivita' di spionaggio in favore dei paesi dell'Est. Il fascicolo fa riferimento



    pag. 156



    all'elenco dei collaborazionisti denunciati alla Maddalena e conclude con un giudizio su Gelli <<pericolosissimo sia per la zona strategica nella quale opera e di cui lui e' praticamente praticissimo, sia per l'azione informativa che espleta e per cui puo' fare moltissimo>>.

    Molto si e' discusso a varie riprese sul significato di quel fascicolo e sulle implicazioni che esso comportava. L'ipotesi di Gelli agente comunista e dei Paesi dell'Est formulata nel 1950 e riguardante gli anni precedenti sembra essere contraddetta dall'atteggiamento degli stessi servizi segreti che avrebbero lasciato un agente cosi' pericoloso operare per tanti anni. E' vero che l'ex repubblichino poteva essersi guadagnato l'impunita' collaborando al tempo stesso con il Pci e con i servizi segreti che erano stati agganciati alla Maddalena e che negli anni successivi gli avevano garantito una serie di facilitazioni di movimento, ma rimangono lo stesso inquietanti contraddizioni non risolte.

    Un'altra ipotesi piu' complessa puo' essere che Gelli avesse contemporaneamente effettuato piu' giochi su piu' fronti nel campo della delazione e dei bassi servizi, prima trescando con repubblichini e comunisti, poi con comunisti e servizi segreti italiani, con la consapevolezza di questi ultimi che poteva far loro comodo lasciare agire il Gelli al fine di acquisire informazioni e comunque legare a se' con il ricatto un personaggio defmito pericoloso e disponibile a qualsiasi avventura. Un'ulteriore ipotesi che non contraddice le precedenti e' che in quegli anni nasce quel <<mercante dell'informazione>> che lavora innanzitutto in proprio e quindi e' in grado di operare su piu' fronti vendendo la propria merce a tutti i possibili richiedenti. I rapporti certi con i servizi segreti italiani, quelli ipotizzati con i servizi dell'Est non si escludono necessariamente a vicenda. Certo e' che ancora nei primi anni Cinquanta Gelli manteneva ottimi rapporti con i comunisti tant'e' che il futuro senatore del Pci e sindaco di Pistoia, Giuseppe Corsini, gli scriveva il 29 gennaio 1952 in termini molto cordiali e amichevoli (<<ti saluto con tutta cordialita'>>) per sollecitare l'evasione di una



    pag, 157



    pratica data l'influenza del vecchio compagno pistoiese a Roma. (7) Quale che fosse la verita' ultima di quel tempo, certo e' che sia i rapporti con i servizi segreti e la conoscenza da parte di Gelli di quel che i servizi conoscevano di lui, sia il suo rapporto con il Pci, hanno costituito nei decenni successivi dei punti molto vulnerabili dell'attivita' del futuro capo della P2. Gelli non ha voluto mai riconoscere ne' il rapporto con i servizi segreti ne' quello con il Pci: anzi ha costantemente operato perche' quei nodi rimanessero nascosti. Ancora nel suo memoriale n. 2 preparato nel giugno 1984 Gelli afferma che <<in merito alle illazioni riguardanti la mia presunta collaborazione col Sid, ometto ogni commento diretto: e' palese che si tratta di pure insinuazioni>>; e ancora piu' decisa e' la smentita della collaborazione con il Pci, pure risultante nei documenti, almeno per quello che riguarda il 1944-1945. <<Io non sono mai stato in contatto con ipotetici servizi segreti dell'Est (Kominform.) contrariamente a quanto sostenuto... La piu' grave accusa rivoltami dalla Commissione [parlamentare] consiste tuttavia nell'asserire che ero legato al Pci fin dal 1944: le mie scelte ideologiche sono e sono sempre state decisamente in contrasto con la filosofia marxista-leninista>>.(8)

    L'immagine che Gelli tende a dare con costanza di se' e' quella di un uomo d'ordine anticomunista. E cio' che gli serve per i suoi giochi di potere, anche se ben sa che giocare la carta di riserva della vecchia collaborazione con il Pci puo' servirgli al momento opportuno. Quando nel 1976 un Gelli, gia' divenuto capo potente della piu' esclusiva loggia massonica, viene chiamato in causa per le implicazioni nei vari tentativi golpisti e quindi in relazione ai sequestri compiuti dalla banda dei marsigliesi a Roma, non si fa scrupolo di ricordare ai comunisti i suoi antichi meriti e trascorsi.

    L 'Unita' del 17 aprile 1976 in un articolo dedicato ai rapimenti dal titolo Qual e' la "grande famiglia" che ha protetto Bergamelli? scrive che <<il gruppo II P addirittura godrebbe fama di orientamento conservatore e neofascista:



    pag. 158



    vi farebbero parte, tra gli altri, un grosso personaggio di Arezzo, un deputato missino e un ex procuratore generale della Repubblica...>>. Il quotidiano comunista non nomina Gelli, lo chiama <<grosso personaggio di Arezzo>> e cambia il nome della P2 in II P, mentre nelle settimane successive, in seguito all'omicidio Occorsio (10 luglio) altri quotidiani come Il Messaggero e La Repubblica sono molto piu' espliciti nel nominare direttamente Licio Gelli e la sua organizzazione massonica, associandoli ad attivita' criminali. L'improvvisa chiamata in causa del capo massone anche da parte della stampa comunista, se pure con prudenza, lo induce a correre ai ripari rispolverando quei vecchi attestati partigiani che il Pci gli aveva elargito trent'anni prima. Sapeva, Gelli, che il lungo silenzio e l'antica omerta' che avevano circondato le sue gesta ed i suoi collaborazionismi durante la guerra potevano in quel momento infrangersi assestando un colpo alla sua irresistibile ascesa.

    Il 15 maggio, il maestro venerabile ottiene, dopo lunga insistenza, che l'antico presidente del Cln di Pistoia, Italo Carobbi, gli sottoscriva un nuovo attestato delle sue benemerenze partigiane con un'aggiunta, <<salvo altre possibili informazioni a me non risulta che si sia macchiato di delitti politici>>, (9) pressantemente sollecitata dallo stesso Gelli. Il giorno successivo al nuovo attestato, L'Unita' riceve una lettera indirizzata al direttore responsabile nella quale il capo della P2, chiamato in causa per i recenti fatti criminosi, ricorda per iscritto che <<i miei concittadini, compresi quelli di fede comunista? tra i quali conto da sempre amici sinceri, mi hanno da sempre dimostrato affetto e stima.

    Tanto per dimostrarle la veridicita' di questa mia affermazione, le allego la dichiarazione rilasciata dal signor Italo Carobbi, comunista militante e fervente, gia' presidente del Cln di Pistoia>>. Gelli mette cosi' le mani avanti con una lettera piena di avvertimenti mafiosi che mai venne pubblicata dal quotidiano comunista. Dopo la lettera, nonostante vi sia la sparatoria di Sezze Romano il cui protagonista e' Sandro Saccucci aff1liato alla P2, non si parla piu' di massoneria e di



    pag. 159



    loggia P2. Gli articoli annunciati da Scottoni non sono pubblicati: soltanto delle settimane dopo L'Unita', a firma dello stesso giornalista, in un articoletto su La cellula nera P2, nomina per la prima volta Gelli definendolo <<un ex ufficiale della Rsi collegato con i servizi segreti argentini>>. Gia' da tempo gli ambienti comunisti si erano orientati per una ricostruzione dell'immagine del maestro venerabile in senso unilaterale fascista e parafascista, cancellando dalla memoria quelli che pure erano stati dei rapporti importanti e dei fatti ampiamente documentati. Il 30 aprile 1972 quello stesso senatore del Pci, Giuseppe Corsini, che nel 1952 si era rivolto a Gelli con tanta cordialita' e amicizia, scrive a un "fratello" massone, Menotti Baldini, in termini assai diversi e molto duri nei confronti dell'antico amico pistoiese: <<Era l'organizzatore di tutte le azioni di rappresaglia, anche senza motivazione, che vennero compiute in quel tempo... insieme al suo degno compare... davano corso alle piu' spietate torture su coloro che erano arrestati... tanto erano brutali ed inumani che un povero giovane arrestato quale supposto partigiano... trovo' modo di impiccarsi...>>. (10) Come si poteva spiegare un simile cambiamento nella stessa persona, divenuta nel frattempo senatore del Pci, se non con la volonta' di cancellare il ricordo dei contraddittori trascorsi e degli antichi contatti che rappresentavano la cattiva coscienza comunista?

    Non solo per Gelli ma anche per il mondo comunista c'e' sempre stato l'interesse ad accreditare un'immagine del capo della P2 unilateralmente di tipo fascista: al diretto interessato faceva comodo rimuovere i cambiamenti di fronte e le delazioni grazie a cui era riuscito a salvare la vita e aveva iniziato la carriera di collaboratore di uno o piu' servizi segreti specializzandosi nella vendita delle informazioni. Ai comunisti non piaceva ricordare quella lontana vicenda nella quale erano rimasti coinvolti e la cui conoscenza avrebbe fatto cadere le interpretazioni semplici e semplicistiche della "congiura fascista". Gelli era stato condotto dai comunisti a Roma e poi a Napoli nel viaggio verso la Maddalena del gennaio 1945. Pare evidente che



    pag. 160



    Italo Carobbi non avrebbe potuto rivolgersi al Cln di Napoli accreditando Gelli senza il consenso del Pci di Roma.

    Tocca a Mino Pecorelli, un altro confessore e mercante degli affari riservati di regime, infrangere la convenzione di fatto stabilitasi fra Pci e Gelli nel corso degli anni: nella nota della sua agenzia OP del 2 gennaio 1979, pubblicando il primo attestato di benemerenza firmato da Carobbi, il giornalista confuta la tesi a senso unico di un <<Gelli ex fascista, ex nazista agente dei servizi segreti argentini, legato alla Cia, a Connally e ai falchi americani>> e commenta: <<Non quindi un Gelli nazifascista amerikano e golpista, ma un venerabile maestro sincero democratico e partigiano combattente>>. Dopo qualche settimana, il 20 febbraio, lo stesso Pecorelli annunzia di essere in possesso dell'informativa Com.In.Form.: <<E' un lungo elenco di nomi che un giorno qualcuno ha tradito [con riferimento ai nomi di collaborazionisti consegnato alla Maddalena]. Un lungo elenco di nomi, che comunque noi non tradiremo una seconda volta. Perche' non e' nostro costume rivelare segreti di Stato (e questo ha tutta l'aria di esserlo)>>. (11) Pecorelli non pote' procedere nella sua campagna, quali che fossero i suoi intendimenti. Il 20 marzo 1979 fu assassinato; annotato nella sua agenda per il 23 marzo vi era un incontro con il maestro venerabile.

    Ci si chiedeva nel capitolo precedente come s1a stato possibile che Enrico Berlinguer ignorasse la vicenda gelliana fmo al 1981. La risposta al quesito si trova anche nelle vicende richiamate e nell'opera di volontaria rimozione che il Pci ha effettuato negli ultimi decenni. Non altrimenti si spiegherebbe non solo l'atteggiamento del segretario del Pci, a cui puo' anche aver contribuito un'effettiva scarsa cono- scenza delle questioni gelliane e piduistiche indotta dai suoi piu' stretti collaboratori, ma anche l'assenza di campagne della stampa ufficiale del Pci e di iniziative parlamentari che riguardassero direttamente Gelli, il suo ruolo e la sua storia. Come abbiamo documentato, la conoscenza del peronaggio era diffusa in diverse sedi e in special modo in



    pag. 161



    alcuni ambienti interni allo stesso Partito comunista. Ci deve essere stato un forte imbarazzo per quei lontani rapporti se soltanto nell'autunno 1980 una serie di tre articoli di Ugo Baduel affrontano su L'Unita' il caso Gelli e il caso P2, allorche' si e' consumata l'alleanza con la Dc di Andreotti nel governo di solidarieta' nazionale e non vi sono prospettive di ricostituzione.

    Il ruolo gelliano nel 1944-1946 resta importante: non puo' essere un caso che in una storia di quarant'anni come quella del nostro eroe, i fatti di allora siano tornati ad emergere a distanza di tempo con un effetto sempre dirompente nel 1950 con l'informativa Com.In.Form., nel 1972 con la lettera del senatore Corsini, nel 1974 con un'informativa della Guardia di finanza che rievoca la collaborazione con il Pci, nel 1976 con il nuovo attestato Carobbi e la lettera a L 'Unita', nel 1979 con gli articoli di Pecorelli pubblicati immediatamente prima del suo assassinio. Evidentemente quel che si e' verificato nella vita di Gelli di allora assume un rilievo importante e influisce anche sul prosieguo della sua intricata attivita'.

    Fra le tante ipotesi interpretative, una cosa soltanto non e' controversa: che cioe' nel 1944-1945 Gelli collaboro' con il Pci, attraverso la componente del Cln, e che dal partito gli venne aiuto e protezione per superare i pericoli incontrati come repubblichino e collaborazionista, cosa che gli permise di superare indenne quei giorni. Il potere di Gelli e la sua costante crescita nel corso degli anni hanno avuto un punto di appoggio sulla conoscenza di fatti segreti e sul coinvolgimento che egli e' riuscito a operare nei confronti delle piu' svariate direzioni politiche. Il Pci non ha mai svelato le vicende gelliane del dopoguerra e non le ha mai combattute fino al 1981. Quel rapporto di collaborazione tenuto segreto ha costituito per il maestro venerabile un'assicurazione che ha ben funzionato. Infatti quelle lontane vicende contraddicono l'immagine accreditata dai piu': di un Gelli, cioe', che - pur tra i tanti cambiamenti di fronte e doppiogiochismi - e' stato al fondo sempre schierato con la destra nelle sue diverse sfumature e per essa ha costantemente operato.



    pag. 162



    La collaborazione con il Pci e' lo scheletro nell'armadio sia del Partito comunista che di Gelli che dei servizi segreti che ne erano a conoscenza. Questa zona inesplorata e lasciata volutamente nell'area dell'ambiguita' e della contraddizione ha prodotto un duplice e speculare effetto. Il primo, sul rapporto fra Gelli e il Pci, che sembra essere improntato nel corso degli anni a una specie di codice di un reciproco gioco delle parti, con il ruolo fisso di anticomunista assegnato dal Pci a Gelli medesimo, da questi accettato, continuamente ribadito e proclamato; e con l'intesa da parte di Gelli nei confronti del Pci che mai avrebbe dovuto trasparire nulla dell'antica collaborazione. Il secondo, sul rapporto fra Gelli e i servizi segreti, rapporto che, relativamente alla specifica conoscenza dei fatti Gelli/Pci, e' dovuto rimanere sempre improntato a un'omerta' deliberatamente mantenuta dai servizi e molto volentieri accettata da Gelli.

    NOTE

    1. Attestato del Cln di Pistoia a firma del suo presidente Italo Carobbi, rilasciato a Licio Gelli il 2 ottobre 1944 in All (T.), vol. 111 tomo Xl, p. 131.

    2. Ibidem.

    3. Salvacondotto del Cln di Pistoia a firma del suo presidente, Italo Carobbi, rilasciato a Licio Gelli il 12 gennaio 1945, in All. (T.), vol lll, tomo Xl, p. 135.

    4. Vedi Gianfranco Piazzesi, Gelli, cit.

    5. Interrogatori resi da Licio Gelli al centro Cs di Cagliari del 1945; note informative inviate dal centro suddetto a Roma e altre informative del periodo, in All. (T.), vol. lll, tomo Xl, pp. 143 sgg.

    6. Informativa Com.ln.Form. trasmessa dal centro Cs di Pistoia al Sifar centrale il 29 settembre 1950, in All. (T.), vol. 111, tomo Xl, p. 209.

    7. Lettera del senatore comunista Giuseppe Corsini a Gelli del 29 gennaio 1952 in All. (T.), vol. 111, tomo Xl, p. 225.

    8. Memoriale di Licio Gelli, cit.

    9. Nuovo attestato rilasciato a Gelli da Italo Carobbi il 15 maggio 1976, in All. (T.), vol. lll, tomo Xl, p 285.

    10. Lettera dell'ex senatore comunista Giuseppe Corsini al "fratello" Menotti Baldini del 30 aprile 1972, in All. (T.), vol. lll, tomo Xl.

    11. Due volte partigiano, in OP, 2 gennaio 1979, e Il professore e la balaustra, in OP, 10 febbraio 1979.


    E' questo l'idolo no global????

  8. #8
    Senzapadrone
    Data Registrazione
    29 Mar 2005
    Messaggi
    9,999
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ecco l'arcinoto piano di Rinascita Nazionale della Loggia P2, sequestrato alla figlia di Gelli, e poi ditemi se stiamo parlando di un "comunista".

    Piano R.N. P2

  9. #9
    Guido Keller
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da Ezechiele

    .....
    l'arcinoto piano di Rinascita Nazionale della Loggia P2
    .....
    è quell'arcinoto che stona.....
    di solito la verità gode di meno popolarità.....

  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    04 Oct 2003
    Località
    ..
    Messaggi
    2,693
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ah, aggiungo un'altra cosa. Ecco un piccolo estratto dell'audizione dell'Ammiraglio Battelli in Commissione Mitrokhin, laddove afferma di non poter escludere che Gelli fosse un agente del KGB.
    L'audizione e' del novembre 2002, ed ovviamente la stampa nostrana (con rarissime eccezioni) l'ha ignorata.

    Ah, aggiungo che Battelli era uno strettissimo amico di Calipari (quello che la sinistra ha definito "un eroe"), ma soprattutto che e' colui il quale in Commissione Mitrokhin piu' di tutti ha difeso Prodi e il governo Ulivista dalle accuse di insabbiamento del dossier mosse dalla destra.
    Ragion per cui, non lo si puo' certo sospettare di essere parte dei fantomatici "servizi deviati nemici della sinistra"....


    Ecco qua, tratto dalla Stampa....

    29 novembre 2002 - MITROKHIN: BATTELLI, GELLI DEL KGB ? NON LO ESCLUDO
    "La Stampa"
    L´AMMIRAGLIO BATTELLI ALL´AUDIZIONE DELLA COMMISSIONE MITROKHIN "Gelli agente del Kgb? Non lo escludo" Il capo del Sismi non conferma una verifica nella loggia P2
    ROMA
    "Ma scusi ammiraglio Battelli, al Sismi per caso risulta che Licio Gelli fosse un agente del Kgb?", fa Paolo Guzzanti. E il bello è che, in piena audizione in Commissione Mitrokhin del capo del servizio segreto militare che materialmente ricevette dagli omologhi inglesi il famoso dossier, a questa domanda risponde come a tutte le altre: Non lo so, non ho mai fatto anamnesi remote, ma certo non potrei escluderlo". Surreale, se non fosse che l´ammiraglio non si rende conto che la sua non-ammissione è una quasi-notizia. E se non fosse che riferimenti incrociati alla P2 e al Kgb li ha già fatti il precedente audito, generale Siracusa. Se non fosse che invece a Battelli Diliberto chiede, visto nel dossier la scheda numero 18 è intitolata a un anonimo Kars, piduista e assieme spione dell´impero sovietico, se per caso al Sismi non abbiano pensato di fare "una ricerca incrociata P2-Kgb: avete indagato su chi fosse Kars?". La risposta di Battelli è folgorante: "Ma vede, la ricerca d´archivio non è propriamente l´attività principale di un servizio di controspionaggio, noi in quegli anni eravamo impegnati con Al Quaeda. Kars? I miei uomini qualcosa mi devono aver detto, certamente il povero Bonaventura indagò...". Il colonnello Bonaventura, com´è noto, è morto quando l´attività della Mitrokhin era appena iniziata. Perdura sino a diventare certezza, durante tutta la lunghissima seduta, la sensazione che, quando i servizi segreti inglesi inviarono il materiale ai colleghi italiani "perché decidessimo cosa pubblicare e cosa no", ammette Battelli, il Sismi non abbia fatto altro che trasferire i fascicoli ("ci arrivavano in piccole bozze") così com´erano sul tavolo del ministro della Difesa. Che nel governo Prodi di allora era Nino Andreatta, da anni in coma in un ospedale di Bologna. Trasmetterli così com´erano, senza nessuna verifica: mentre invece, fa infine notare Guzzanti a Battelli, gli americani sul Mitrokhin hanno fatto le loro verifiche, e quelli risultati veri agenti del Kgb li hanno poi processati e pure condannati. Mentre da noi il dossier è evidentemente un´accozzaglia di mezze verità, invenzioni infamanti, e forse vere spie la cui identità è ancora criptata. Una cosa che fa salire la pressione ai parlamentari di questo e di quello schieramento. Ma insomma, fa il diessino Bielli, lei non ci dice nemmeno se siamo stati inconsapevoli strumento dei servizi segreti inglesi. Risponda, incalza Guzzanti. E siccome Battelli resta ancora sul vago, Fragalà di Alleanza nazionale chiede che almeno dica qual era la catena di comando nel Sismi all´epoca: a porte chiuse, però. Tutto quel che da Battelli si riesce a sapere, in 4 ore di audizione, si ottiene sommando in un´affermazione due negazioni, come fa Guzzanti: "Dunque lei ci dice che avrebbe potuto non autorizzare la pubblicazione del dossier, e che infine lo sottopose all´autorità politica". Oltretutto, Battelli si lascia sfuggire anche un altro dato: il dossier cominciò ad arrivare al Sismi già nel marzo, e non nell´agosto, del 1999. Oltre a una frase a mezza bocca, ma inquietante: "Perché non ho dato subito il dossier ai magistrati? Ma scusate, allora dovremmo mettere in piazza ogni anno migliaia di cittadini italiani!". Antonella Rampino
    E' questo l'idolo no global????

 

 
Pagina 1 di 8 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Tesoro:ok asta Bot 12 mld, tassi giu'
    Di Seyen nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 36
    Ultimo Messaggio: 13-02-12, 16:13
  2. Il tesoro del PDL
    Di Razionalista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 07-02-10, 11:59
  3. Il tesoro?
    Di Malik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 20-11-05, 13:29
  4. L'oro di Gelli all'asta a Roma
    Di Ezechiele (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-08-05, 23:47
  5. tesoro...
    Di Jaki nel forum Fondoscala
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 24-05-03, 08:52

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226