User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Gentilini O'Passionale

  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking Gentilini O'Passionale

    PADOVA. A quel punto Giancarlo Gentilini , prosindaco leghista di Treviso diventato celebre per le sue crociate anti immigrati (fece togliere le panchine dai parchi per evitare bivacchi indesiderati), s’è alzato in piedi, s’è girato verso Adriano Galliani
    seduto qualche fila sopra e ha dato inizio allo show: dal grido “ladri, ladri” al non meno elegante gesto dell’ombrello (pare sia uno specialista in materia, altro che Zamparini). Gianluca Galliani, figlio del governatore rossonero, ha abbozzato una reazione. Chi era intorno gli ha suggerito di lasciar perdere. Era il minuto 41 della partita, quello del rigore che ha dato la stura al successo d’un Milan fino a quel momento boccheggiante. Contestatissimo rigore, ancorché poco contestabile.
    La seconda vittoria consecutiva, la prima in trasferta della stagione rossonera, è nata nella caciara. Nell’intervallo il corpulento Gentilini - verdissima cravatta padana, stemma della Lega Nord appuntato sulla giacca blu, sciarpa del Treviso annodata al girovita - ha continuato a dar libero sfogo alla sua somma incavolatura parlando al telefonino con un misterioso interlocutore: «Questo è il potere arrogante! L’ho detto a Galliani: lei ci ha tolto lo stadio. Il Tenni andava benissimo, ma lei ce l’ha tolto perché aveva paura: il Tenni è la fossa dei leoni. E poi a me interessa dare il calcio ai miei concittadini. Darlo agli altri non me ne frega un c.... E quel rigore: non era un fallo eclatante. Volevo vedere a parti invertite. Nel secondo tempo li faremo piangere».
    Nel secondo tempo, in realtà, è andata in altro modo. Il prosindaco (esauriti i due mandati non poteva essere rieletto: di qui la carica; il sindaco ora è Gian Paolo Gobbo, amante del rugby e ieri assente) in tribuna s’è quietato, ma dopo - in zona buffet - è tornato a esternare col suo fair play:
    «Quando sei al vertice, gli insulti devi sopportarli. I rigori si danno di fronte a falli ben precisi e individuati, lì c’era un mischione. A Galliani l’ho detto: non potete vincere così, siete dei ladri, sportivamente parlando. Lui? Ha allargato le braccia. Non sono io il responsabile, m’ha risposto». E via con una grassa risata e una flute di prosecco. L’astio di Gentilini trae origine dalla questione stadio.
    Il prosindaco voleva denunciare la Lega per avere costretto il Treviso a giocare a Padova in trasferta permanente (il Tenni non possiede i requisiti minimi richiesti). Poi voleva marciare su Roma (naturalmente). «Meglio in B che giocare qui», lo striscione esposto dai tifosi trevigiani, i quali non hanno perso l’occasione di partecipare all’invettiva contro Galliani con un coro dagli sgradevoli connotati
    nazi.

    Galliani, probabilmente, riferirà a Silvio Berlusconi
    e magari creerà ulteriori imbarazzi nella maggioranza di Governo. Era sufficientemente contrariato (eufemismo). «Il rigore? Io non ho visto niente. Arrivederci», ha detto lasciando il proprio posto in tribuna. Per le scale lo hanno sentito lamentarsi con maggior veemenza («Mi sono stufato di sentirmi dare del ladro in ogni stadio»), mentre il figlio Gianluca osservava: «Dovremmo essere noi a protestare. Era rigore più espulsione». Anche questa un’interpretazione sbilanciata. Comunque. Adriano Galliani ha poi svicolato su argomenti più lieti e meno scabrosi. «Adesso dobbiamo cercare un filotto di successi per recuperare il terreno perduto nelle giornate precedenti.
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Gentilini O'Passionale

    In origine postato da Shaytan
    PADOVA. A quel punto Giancarlo Gentilini , prosindaco leghista di Treviso diventato celebre per le sue crociate anti immigrati (fece togliere le panchine dai parchi per evitare bivacchi indesiderati), s’è alzato in piedi, s’è girato verso Adriano Galliani
    seduto qualche fila sopra e ha dato inizio allo show: dal grido “ladri, ladri” al non meno elegante gesto dell’ombrello (pare sia uno specialista in materia, altro che Zamparini). Gianluca Galliani, figlio del governatore rossonero, ha abbozzato una reazione. Chi era intorno gli ha suggerito di lasciar perdere. Era il minuto 41 della partita, quello del rigore che ha dato la stura al successo d’un Milan fino a quel momento boccheggiante. Contestatissimo rigore, ancorché poco contestabile.
    La seconda vittoria consecutiva, la prima in trasferta della stagione rossonera, è nata nella caciara. Nell’intervallo il corpulento Gentilini - verdissima cravatta padana, stemma della Lega Nord appuntato sulla giacca blu, sciarpa del Treviso annodata al girovita - ha continuato a dar libero sfogo alla sua somma incavolatura parlando al telefonino con un misterioso interlocutore: «Questo è il potere arrogante! L’ho detto a Galliani: lei ci ha tolto lo stadio. Il Tenni andava benissimo, ma lei ce l’ha tolto perché aveva paura: il Tenni è la fossa dei leoni. E poi a me interessa dare il calcio ai miei concittadini. Darlo agli altri non me ne frega un c.... E quel rigore: non era un fallo eclatante. Volevo vedere a parti invertite. Nel secondo tempo li faremo piangere».
    Nel secondo tempo, in realtà, è andata in altro modo. Il prosindaco (esauriti i due mandati non poteva essere rieletto: di qui la carica; il sindaco ora è Gian Paolo Gobbo, amante del rugby e ieri assente) in tribuna s’è quietato, ma dopo - in zona buffet - è tornato a esternare col suo fair play:
    «Quando sei al vertice, gli insulti devi sopportarli. I rigori si danno di fronte a falli ben precisi e individuati, lì c’era un mischione. A Galliani l’ho detto: non potete vincere così, siete dei ladri, sportivamente parlando. Lui? Ha allargato le braccia. Non sono io il responsabile, m’ha risposto». E via con una grassa risata e una flute di prosecco. L’astio di Gentilini trae origine dalla questione stadio.
    Il prosindaco voleva denunciare la Lega per avere costretto il Treviso a giocare a Padova in trasferta permanente (il Tenni non possiede i requisiti minimi richiesti). Poi voleva marciare su Roma (naturalmente). «Meglio in B che giocare qui», lo striscione esposto dai tifosi trevigiani, i quali non hanno perso l’occasione di partecipare all’invettiva contro Galliani con un coro dagli sgradevoli connotati
    nazi.

    Galliani, probabilmente, riferirà a Silvio Berlusconi
    e magari creerà ulteriori imbarazzi nella maggioranza di Governo. Era sufficientemente contrariato (eufemismo). «Il rigore? Io non ho visto niente. Arrivederci», ha detto lasciando il proprio posto in tribuna. Per le scale lo hanno sentito lamentarsi con maggior veemenza («Mi sono stufato di sentirmi dare del ladro in ogni stadio»), mentre il figlio Gianluca osservava: «Dovremmo essere noi a protestare. Era rigore più espulsione». Anche questa un’interpretazione sbilanciata. Comunque. Adriano Galliani ha poi svicolato su argomenti più lieti e meno scabrosi. «Adesso dobbiamo cercare un filotto di successi per recuperare il terreno perduto nelle giornate precedenti.


  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    veramente un pirla

  4. #4
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Nanths
    veramente un pirla
    Galliani?
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    04 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Iunthanaka
    Galliani?
    no lui è il ladro

 

 

Discussioni Simili

  1. Trieste: Aggressione in Costiera, pista passionale
    Di Josef Scveik nel forum Cronaca
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 23-05-12, 09:32
  2. Gli antichi iniziati temevano il contaggio passionale
    Di millenomi nel forum Esoterismo e Tradizione
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 14-07-08, 11:35
  3. Delitto passionale
    Di Bèrghem nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 11-12-05, 22:03
  4. Ennesimo omicidio passionale in Calafrica
    Di Landser nel forum Padania!
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-08-03, 23:46
  5. Gentilini, ancora Gentilini, per mille anni Gentilini
    Di carbonass nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-12-02, 19:27

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226