User Tag List

Pagina 7 di 7 PrimaPrima ... 67
Risultati da 61 a 68 di 68
  1. #61
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    E i povero Cè a cuccia con la coda tra le gambe....

    vergogna....

    fossi in lui me ne abdrei dalla lega

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #62
    email non funzionante
    Data Registrazione
    09 Apr 2005
    Località
    45,33 N , 9,18 E
    Messaggi
    17,825
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da pensiero
    E i povero Cè a cuccia con la coda tra le gambe....

    vergogna....

    fossi in lui me ne abdrei dalla lega
    Non so se lui se ne andra'.
    Arcore puo accontentare anche Ce' , ci mancherebbe.

    Se ne andranno INVECE molti dei 692866 elettori lombardi della Lega ( di cui 107400 della provincia di Brescia )
    Il problema non è Berlusconi , il problema sono gli italiani!

    DISSIDENTE POLITICO IN REGIME DA OPERETTA!
    OH CINCILLA' ... OH CINCILLA'!

  3. #63
    figlio di Zeus e Danae...
    Data Registrazione
    07 Aug 2011
    Messaggi
    1,325
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito un po di pazienza..

    In origine postato da furbo
    Non so se lui se ne andra'.
    Arcore puo accontentare anche Ce' , ci mancherebbe.

    Se ne andranno INVECE molti dei 692866 elettori lombardi della Lega ( di cui 107400 della provincia di Brescia )
    Calma aspettate l'esito della questione prima di sputare sentenze affrettate e quindi trarre conclusioni sbagliate !

  4. #64
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Regione Lombardia/ Non ci sarà nessuna crisi, Affari spiega perché
    Lunedí 10.10.2005 10:10

    Non ci sarà nessuna crisi in Lombardia: Affari è in grado di rivelare le mosse del governatore Roberto Formigoni per restare saldamente in sella al Pirellone per tutto il suo mandato. Fonti interne alla Margherita, infatti, hanno rivelato ad Affari come sarà risolta la crisi generata dalla verifica apertasi nella maggioranza di centrodestra a causa delle dimissioni di Alessandro Cè, assessore alla Sanità, e tuttora in corso.

    Scartata infatti l’ipotesi della nomina di Roberto Maroni a successore di Cè, che esporrebbe il governo Berlusconi all’ennesimo rimaneggiamento della squadra a pochi mesi dalle elezioni. Segnale che risulterebbe quantomeno ‘imbarazzante’ per la Casa delle Libertà, peraltro impegnata, oggi, in un delicato vertice Bossi-Berlusconi che potrebbe cambiare le carte in tavola: la soluzione tecnica allora sarebbe un’altra: un accordo tra il gruppo il gruppo di Centrosinistra e il governatore in grado di tagliare fuori la Lega e la sua influenza sulla giunta regionale lombarda.

    In base all’accordo, infatti, non ci sarà alcuna sfiducia alla giunta Formigoni da parte dell’Unione che, con il voto contrario solo dei Ds e Rifondazione, procederà ad un appoggio esterno, senza entrare in giunta, assumendosi così la responsabilità della sopravvivenza del team messo in piedi da Formigoni e ora in forte crisi. Ma l’appoggio esterno ha un prezzo: si tratta delle commissioni consiliari, sulle quali l’Unione ha mire espansionistiche. Una, su tutte, è quella che il centrosinistra vuole a tutti i costi ottenere: è la Commissione speciale per lo Statuto, che al momento manca di presidente, istituita allo scopo di rivedere la 'costituzione' della locomotiva d’Italia.
    Affari conosce il nome del candidato numero uno a questa poltrona: si tratta di Giuseppe Adamoli, un tempo consigliere con la Democrazia Cristiana in regione, e ora uomo di punta nella Margherita: attualmente in Commissione Territorio e presidente della Commissione elettorale, otterrebbe senza sforzo la presidenza di uno dei posti di potere più delicati del governo lombardo.

    Ma anche un’altra commissione fa gola all’Unione, e un altro margheritino sarebbe in pista per la poltrona di presidente: è quella Affari istituzionali, possibile meta per il capogruppo consiliare della Margherita, Guido Galperti.

    Perché questo spazio concesso ai Dl? È anche una sorta di ‘risarcimento’ per la mancata elezione di Riccardo Sarfatti a presidente della Regione: pare infatti che, nella logica delle alleanze interne all’Unione, i Ds abbiano imposto la candidatura di Sarfatti facendolo passare come uomo della Margherita allo scopo di avere mano libera nella scelta del candidato sindaco di Milano. I Dl avrebbero tentato più volte di proporre un candidato alternativo, ma non ci sarebbero riusciti, subendo così il diktat diessino.

    Ecco allora come si spiegherebbe la logica secondo la quale, all’atto della votazione della fiducia a Formigoni, solo i Ds esprimeranno un secco ‘no’, mentre le altre forze dell’Unione voteranno compatte in favore della giunta di centrodestra. Meta: le Commissioni regionali.



  5. #65
    figlio di Zeus e Danae...
    Data Registrazione
    07 Aug 2011
    Messaggi
    1,325
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking Belle Favole...

    In origine postato da pensiero
    Regione Lombardia/ Non ci sarà nessuna crisi, Affari spiega perché
    Lunedí 10.10.2005 10:10

    Non ci sarà nessuna crisi in Lombardia: Affari è in grado di rivelare le mosse del governatore Roberto Formigoni per restare saldamente in sella al Pirellone per tutto il suo mandato. Fonti interne alla Margherita, infatti, hanno rivelato ad Affari come sarà risolta la crisi generata dalla verifica apertasi nella maggioranza di centrodestra a causa delle dimissioni di Alessandro Cè, assessore alla Sanità, e tuttora in corso.

    Scartata infatti l’ipotesi della nomina di Roberto Maroni a successore di Cè, che esporrebbe il governo Berlusconi all’ennesimo rimaneggiamento della squadra a pochi mesi dalle elezioni. Segnale che risulterebbe quantomeno ‘imbarazzante’ per la Casa delle Libertà, peraltro impegnata, oggi, in un delicato vertice Bossi-Berlusconi che potrebbe cambiare le carte in tavola: la soluzione tecnica allora sarebbe un’altra: un accordo tra il gruppo il gruppo di Centrosinistra e il governatore in grado di tagliare fuori la Lega e la sua influenza sulla giunta regionale lombarda.

    In base all’accordo, infatti, non ci sarà alcuna sfiducia alla giunta Formigoni da parte dell’Unione che, con il voto contrario solo dei Ds e Rifondazione, procederà ad un appoggio esterno, senza entrare in giunta, assumendosi così la responsabilità della sopravvivenza del team messo in piedi da Formigoni e ora in forte crisi. Ma l’appoggio esterno ha un prezzo: si tratta delle commissioni consiliari, sulle quali l’Unione ha mire espansionistiche. Una, su tutte, è quella che il centrosinistra vuole a tutti i costi ottenere: è la Commissione speciale per lo Statuto, che al momento manca di presidente, istituita allo scopo di rivedere la 'costituzione' della locomotiva d’Italia.
    Affari conosce il nome del candidato numero uno a questa poltrona: si tratta di Giuseppe Adamoli, un tempo consigliere con la Democrazia Cristiana in regione, e ora uomo di punta nella Margherita: attualmente in Commissione Territorio e presidente della Commissione elettorale, otterrebbe senza sforzo la presidenza di uno dei posti di potere più delicati del governo lombardo.

    Ma anche un’altra commissione fa gola all’Unione, e un altro margheritino sarebbe in pista per la poltrona di presidente: è quella Affari istituzionali, possibile meta per il capogruppo consiliare della Margherita, Guido Galperti.

    Perché questo spazio concesso ai Dl? È anche una sorta di ‘risarcimento’ per la mancata elezione di Riccardo Sarfatti a presidente della Regione: pare infatti che, nella logica delle alleanze interne all’Unione, i Ds abbiano imposto la candidatura di Sarfatti facendolo passare come uomo della Margherita allo scopo di avere mano libera nella scelta del candidato sindaco di Milano. I Dl avrebbero tentato più volte di proporre un candidato alternativo, ma non ci sarebbero riusciti, subendo così il diktat diessino.

    Ecco allora come si spiegherebbe la logica secondo la quale, all’atto della votazione della fiducia a Formigoni, solo i Ds esprimeranno un secco ‘no’, mentre le altre forze dell’Unione voteranno compatte in favore della giunta di centrodestra. Meta: le Commissioni regionali.


    Non c'è che dire , una fantasia invidiabile !

  6. #66
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Capitolo finale (almeno per ora)

    L'accordo raggiunto dopo 5 ore di trattativa non spegne i malumori.

    Intesa ad Arcore, crisi risolta in Lombardia.

    Dopo l'incontro tra Bossi e Berlusconi anche Formigoni vede il premier e accetta di lasciare al suo posto l'assessore leghista Cè

    MILANO - Silvio Berlusconi e Umberto Bossi riconfermano l’alleanza e la fiducia a Roberto Formigoni. Per iscritto, e stigmatizzando le intemperanze del passato. Mentre i due grandi contendenti, gli assessori Alessandro Cè (Lega) e Giancarlo Abelli (Forza Italia) resteranno entrambi al loro posto. È l’esito del summit di villa San Martino, ad Arcore, che dovrebbe chiudere la lunga crisi lombarda innescata dalla sospensione, lo scorso 29 agosto, dell’assessore leghista da parte del presidente Roberto Formigoni.

    Il faccia a faccia Bossi-Berlusconi, seguito da un incontro a più
    volti, quello scuro di Roberto Formigoni e gli altri, neanche loro troppo solari, di Roberto Brancher e Giuliano Urbani per gli «azzurri» e di Maroni, Calderoli e Castelli per la Lega, ha dunque prodotto il risultato. Anche se tutte le implicazioni dell’accordo potranno emergere soltanto nelle prossime ore. Alla tradizionale «cena del lunedì» le pietanze servite sul desco di Arcore sono state molte e non tutte digeribili: devolution, legge elettorale, Tfr, ma soprattutto il caso Lombardia.

    Alla fine, dopo una discussione di quasi cinque ore, è tramontato il possibile assessorato per Roberto Maroni e la Casa delle libertà ha trovato un’altra strada. Che prevedibilmente sarà assai contestata dalle opposizioni. Formigoni è arrivato ad Arcore con pochi sorrisi da dispensare. Perché l’offensiva del Carroccio degli ultimi giorni l’ha messo nell’angolo e a fare ancora più male è il sospetto che Berlusconi abbia approfittato della vicenda per tenere sulla corda un potenziale futuro rivale. Il governatore si è convinto insomma che dalla crisi si deve uscire. Così, ieri avrebbe proposto a Lega e Berlusconi di concedere a Maroni - e a lui solo - la delega alla Sanità (che fu di Cè) e quella al Lavoro. Il governatore avrebbe invece opposto un rifiuto a cedere la delega all’Assistenza, chiesta dal Carroccio e oggi «regno» del grande avversario di Cè, Giancarlo Abelli.

    Sulla carta, esisteva comunque un piano B: la sostituzione di Abelli con Viviana Beccalossi (An). Ma anche in Alleanza nazionale i malumori sono molti, e la crisi suscita scintille tra il capo carismatico del partito in Lombardia, Ignazio La Russa, e la coordinatrice voluta da Fini, Cristiana Muscardini. Con la mano tesa di Formigoni e «la bacchetta magica» di Berlusconi, come la chiama Bossi, la soluzione è dunque arrivata. Fino all’ultimo però, la partita è rimasta aperta, troppi gli elementi aleatori. Lo stesso Maroni era per nulla entusiasta di lasciare Roma: «Non muoio dalla voglia di andare in Regione» ha detto ieri. Del resto l’idea di trasformare il ministro in assessore era stata di Giancarlo Giorgetti e Maroni l’ha saputa per telefono quando aveva già abbandonato il Federale. E anche Berlusconi, riferiscono i fedelissimi, non gioiva all’idea di «dimettere» un ministro a pochi mesi dalle elezioni. Mentre la Lega non ha mai smesso di tenere alta la tensione. Ancora domenica, la Padania sparava in prima pagina il «sistema di potere» che governerebbe la sanità lombarda.

    Corriere della Sera
    Marco Cremonesi
    Alessandro Trocino
    11 ottobre 2005

  7. #67
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito L'accordo....

    LOMBARDIA: ACCORDO BERLUSCONI-BOSSI, NOTA DELLA PRESIDENZA

    (Lombardia Notizie - Milano, 11 ott) Questo il documento sottoscritto la scorsa notte ad Arcore da Silvio Berlusconi e Umberto Bossi a riguardo della Regione Lombardia.

    1 - Berlusconi e Bossi "riconfermano le ragioni e la validità
    dell'alleanza politica tra i partiti della Cdl per governare la
    Regione e ribadiscono che Formigoni rappresenta il garante di
    questa alleanza, della validità del suo programma e della
    continuità della linea politica".
    2 - "Ribadiscono la validità del programma elettorale e
    confermano che il programma elettorale sottoscritto da tutte le
    componenti della Cdl è il riferimento per l'azione di governo
    lungo tutta la legislatura e in ogni suo ambito, con particolare
    riferimento a quello socio-sanitario".
    3 - "Stigmatizzano tutti i comportamenti che nel tono e nel
    contenuto, sono contro le ragioni dell'alleanza e la continuità
    della linea politica, e dichiarano che tali comportamenti non
    saranno più ritenuti ammissibili per il futuro".
    4 - "Individuano la collegialità e il metodo interassessorile
    come unico metodo di lavoro e di decisione, garantito dal ruolo
    e dalla figura del presidente".

    In una Nota, la presidenza della Regione Lombardia afferma che
    "si tratta di un accordo condizionato al rispetto letterale di
    tutte le clausole stabilite. In caso di violazione di una sola
    di esse il presidente Roberto Formigoni - che è stato eletto dai
    cittadini per governare fino al 2010 - provvederà direttamente a
    trarre le inevitabili conseguenze nei confronti di ogni responsabile".

  8. #68
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Crisi lombarda, il comitato che "vegliera'" su Ce'

    Milano, 11 OTT (Velino) - Dall'accordo siglato ad
    Arcore tra il premier Silvio Berlusconi e Umberto Bossi, chi
    esce piu' rafforzato e' proprio Roberto Formigoni. I quattro
    punti che sostanziano la ricomposizione dello strappo tra
    Lega e governatore in Lombardia frenano le intemperanze del
    Carroccio (e per ora anche i presunti grandi disegni
    strategici) e riposizionano il governatore in quel ruolo di
    "garante dell'alleanza e del rispetto della linea politica"
    che gia' i cittadini gli avevano affidato col voto di aprile.
    Se la Lega nord ottiene il rientro in giunta di Alessandro
    Ce' - sospeso dalle deleghe alla Sanita' dopo un durissimo
    attacco a Formigoni - senza la piena ritrattazione delle sue
    accuse, il quarto punto dell'accordo ridimensiona le liberta'
    di manovra del partito proprio la' dove avrebbe voluto piu'
    incidere in autonomia, ovvero la Sanita'. Il metodo
    interassessorile (indicato nel documento quale "unico"
    attraverso cui prendere "decisioni") garantisce che qualsiasi
    provvedimento prima di approdare al vaglio dell'esecutivo sia
    preventivamente elaborato da un comitato (appunto
    "interassessorile") che lo valuti sotto i vari profili di
    competenza. Il comitato interassessorile per la Sanita' e'
    guarda caso composto dai formigoniani Romano Colozzi
    (assessore alle Finanze), Gian Carlo Abelli (assessore alla
    Famiglia), oggetto in queste settimane di numerosi attacchi
    leghisti, e naturalmente il governatore.
    Durante l'incontro di ierisera, Formigoni si e' mostrato piuttosto irritato nei confronti degli attacchi mossi in questi giorni dalla
    Padania, ottenendo da Bossi l'impegno a rispondere in prima
    persona, da oggi in avanti, in qualita' di "garante", di
    quanto non solo uscira' dalle colonne del quotidiano
    leghista, ma anche di come si muoveranno i leghisti in genere
    e in particolare il reintegrato Ce'. A proposito del quale si
    fa indiretto riferimento al punto tre del documento siglato
    ieri. Laddove si "stigmatizzano tutti i comportamenti che nel
    tono e nel contenuto sono contro le ragioni dell'alleanza e
    la continuita' della linea politica". Ma soprattutto si
    ribadisce che attacchi quali quelli usati dall'ex capogruppo
    alla Camera avranno da oggi in poi come risposta la mano
    pesante: "Tali comportamenti - e' scritto - non saranno piu'
    ritenuti ammissibili per il futuro". La nota diffusa questa
    mattina dalla presidenza del Pirellone conferma la volonta'
    di Formigoni a che gli alleati rispettino "alla lettera"
    l'accordo. In caso contrario, e' scritto, "il presidente
    provvedera' direttamente a trarre le inevitabili conseguenze
    nei confronti di ogni responsabile". (cri)

 

 
Pagina 7 di 7 PrimaPrima ... 67

Discussioni Simili

  1. Regione Lombardia
    Di Gualerz nel forum Elezioni del 24 e 25 Febbraio 2013
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 26-02-13, 15:21
  2. Primarie CSX per la Regione Lombardia
    Di Llorente nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-12-12, 19:51
  3. Dal Belgio .... aria di tempesta ....
    Di Augustinus nel forum Tradizionalismo
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 07-07-10, 17:23
  4. c'è aria di tempesta
    Di assurbanipal nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 09-01-10, 02:08
  5. La Regione Sicilia copia il Piano dell'aria dal Veneto
    Di AB01 nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 24-01-09, 01:53

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226