User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    06 May 2005
    Località
    Bassa Brianza
    Messaggi
    712
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito RPL complottismi e antigiudaismo

    qualco giorno fa con piacere ho sentito nella trasmissione di cainarca onda libera un intervista a massimo (?) Introvigne , studioso di religioni, in cui si mettevano nell'anglo e quasi si deridevano le tesi di chi crede nel grande complotto demo-pluto-massonico, ma soprattutto (gratta gratta) giudaico.
    Hanno apertamente denunciato l'antigiudaismo e antisemitismo che serpeggia tra le fila dei cattolico tradizionalisti che sono tanto di moda...

    Mi son detto finalmente.

    stamani sempre su RPL c'era la Sanzini, che è certamente una giornalista che sa fare il suo lavoro, ma che prima di andare in onda fa i gargarismi con l'acqua santa.
    Intervista Alexandre del Valle sulla Turchia e il ventilato ingresso nel UE, con tutti i retroscena e motivazioni del caso.
    Ma andiamo al punto:
    Del valle sottolinea la natura e l'origine dell'europa:
    grecia classica in filosofia
    romana per il diritto
    giudaico cristiana per lla religione e la morale

    la sanzini con tono indispettito ribatte "più cristiana che giudaica"
    del valle spiega che l'origine del monoteismo è giudaico..tutto qua.

    Mi chiedo dove vogliamo andare se nei media padanisti siamo zeppi di pregiudizi e spiegazioni banalizzanti

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Cristo non era giudeo?
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    06 May 2005
    Località
    Bassa Brianza
    Messaggi
    712
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Shaytan
    Cristo non era giudeo?
    vai a dirlo alla sanzini e ai cattos trad.

    PS
    chissa se anche cainarca entra a far parte della lista da segnalare ai vertici che stanno componendo in altre stanze di POL

  4. #4
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Vabbè Cainarca è noto che sia filo giudaico
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  5. #5
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,275
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    E le radici celto-germaniche?
    Nessuno se ne ricorda.

  6. #6
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    i baschi poi sono i piu' sfigati di tutti...o non sono europei
    o non hanno radici, evidentemente

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Aug 2004
    Località
    zevio
    Messaggi
    425
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    i celti sono di origine indoeuropea non germanica.
    La lega Lombarda ha combattuto i germanici del Barbarossa!!!!!!

  8. #8
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,275
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da peronimarco
    i celti sono di origine indoeuropea non germanica.
    La lega Lombarda ha combattuto i germanici del Barbarossa!!!!!!
    Perchè, i germani non erano-sono indoeuropei?
    Per non dimenticare che la definizione di "germani" è opera degli storici romani, che hanno distinto fra le popolazioni stanziate a ovest e quelle a est del Reno.

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    25 Aug 2004
    Località
    In Vmbra pugnabimus
    Messaggi
    1,093
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I Celti sono i Celti... difendiamo le specificità, grazie!

    Interessante articolo per Eridano e per tutti gli appassionati dei Celti, veri CELTI.


    Spesso, per una leggerezza in campo storico ed etnologico, se non per oscure velleità politiche, i Celti e i Germani vengono erroneamente, sotto il piano etnico, accomunati gli uni agli altri.

    Sia i Celti che i Germani sono popolazioni indoeuropee, ma la lingua, i costumi, le usanze e la religione si differenziano platealmente.

    Le abissali differenze linguistiche, l’esclusiva accettazione di un movimento patrilineare nelle dinastie, l’assenza di una casta religiosa elitaria ed eminente come quella druidica, lo scarso livello tecnologico in campo bellico, l’assenza del carro da guerra nella cultura militare, l’uso di non radersi il mento e le guance, queste e molte altre sono le discriminanti che mostrano chiaramente quanto i Germani differissero dai Celti, e di come appartenessero ad un etne differente.

    L’unica eccezione che conferma la regola è quella dei Belgi, le tribù appunto della Gallia Belgica, che a detta dello stesso Cesare erano nate dalla fusione di elementi celtici con elementi germanici.

    Se per quanto riguarda l’etne i Belgi avevano sangue germanico nelle vene però, per quanto riguarda la cultura e la lingua, erano assolutamente celtici, e secondo quindi le basi dell’antropologia moderna, che fa giustamente coincidere l’identità di un popolo con la sua lingua e la sua cultura, i Belgi vanno considerati in tutto e per tutto Celti.

    Comunque, dando uno sguardo anche fugace alla storia d'Europa, non può sfuggire quanto questi due popoli, ben lontani dal formare un'unità culturale, si siano sempre contrapposti ferocemente.

    Durante la prima Età del Ferro, Celti e Germani lottarono aspramente per la supremazia territoriale in Germania, e gli scontri si protrassero per secoli, fino a che i Germani non riuscirono a scacciare i loro avversari ad Ovest del Reno.

    Tra il 120 e il 105 a.C. i Cimbri ed i Teutoni, prima di farsi massacrare da Gaio Mario, avevano messo a soqquadro tutta la Gallia Comata, il Norico e la Penisola Iberica, trucidando e depredando le popolazioni celtiche che vi risiedevano; vero è che dalle fonti romane si può dedurre che negli accampamenti cimbrici e teutonici vi fosse una cospicua presenza celtica, ma si suppone si trattasse di mercenari Gaesati raccattati lungo la via, e comunque questo risulta essere l’unico esempio di un sodalizio celtico-germanico.

    Nel 58 a.C. gli Edui, ed insieme a loro molte nazioni della Gallia Comata, supplicano Cesare e le sue legioni di intervenire per salvarli dal flagello germanico, impersonato in questo caso da Ariovisto, re dei Suebi, che aveva varcato il Reno col palese intento di insediarsi nelle Gallie.

    E ancora : durante la Rivolta Pangallica del 52 a.C., che vede tutte le nazioni della Gallia senza esclusione (persino i solitamente filoromani Edui) schierarsi al fianco di Vercingetorige, Cesare utilizzerà come cavalleria ausiliaria, venendo a mancargli per ovvie ragioni l’apporto celtico, mercenari Usipeti e Tencteri, ovvero tribù germaniche della zona renana.

    I Batavi, un popolo germanico d’oltre Reno, furono largamente impiegati come ausiliari durante le campagne romane in Britannia, ed il generale romano Agricola non manca di puntualizzare la loro ferocia ed efficienza nel massacrare i Caledoni di Calgaco nella battaglia di Monte Graupio (Scozia Centro-Settentrionale).

    Il movimento armoricano dei Bagaudi (contadini e piccoli possidenti delle zone celtiche romanizzate che si erano ribellati a Roma ) era venuto a crearsi proprio perché i Romani non riuscivano ad offrire abbastanza garanzie per proteggere i loro sudditi dalle incursioni germaniche, spingendoli così ad organizzarsi autonomamente in gruppi armati.

    I Franchi e i Burgundi spazzarono via il regno gallo-romano di Siagrio, e per i secoli successivi guerreggiarono senza posa contro i regni dei Bretoni, nati dalla sovrapposizione di elementi cornici ai Bagaudi dell’Armorica.
    Ma perché i Britanni della Cornovaglia erano migrati in Armorica?

    Perché a quanto pare neanche in Britannia i rapporti tra Celti e Germani erano contraddistinti da particolare amicizia.

    La migrazione dei Cornici in Armorica nasce come risposta alle pressioni dei popoli germanici degli Juti, degli Angli, dei Sassoni e dei Frisoni, che dopo aver passato un buon secolo e mezzo a predare le coste dell’isola, avevano deciso di insediarcisi stabilmente, massacrandone o schiavizzandone gli autoctoni.

    I Romano-Britannici che non fuggirono in Armorica si organizzarono sotto una serie di capi guerrieri che portano nomi sia celtici che romani (Costantino, Vortigern, Ambrosio Aureliano, Uther Pendragon, Cunedda, Owain, Uriens) e per un secolo pieno diedero battaglia alle schiere germaniche, perdendo terreno lentamente ma inesorabilmente, finché vennero confinati nel Galles e nella Scozia (cfr. “De Excidio Britanniae”, la raccolta cronache del monaco romano-britannico Gildas, e “I Quattro Rami del Mabinogi”, saga gallese del V/VI secolo d.C. che ha dato origine alle leggende arturiane).
    Per definire i Celti di Britannia (e, anche se non abbiamo prove certe in tal senso, probabilmente anche i Celti continentali) i Germani utilizzavano il termine “Welisch” o “Weleas”, letteralmente “stranieri”, tanto a rimarcare la profonda differenza che
    divideva i due popoli.

    Dal 700 al 1000 d.C. i pirati Vikinghi, Danesi e Norvegesi, si abbattono senza posa sulle coste d’Irlanda e di Scozia, massacrando e predando qualsiasi cosa capiti loro a tiro e finendo con l’insediarsi stabilmente sul suolo irlandese e negli arcipelaghi caledoni.
    Basta leggere le cronache ecclesiastiche dei monasteri irlandesi, o le “Cronache della guerra tra i Gaill ("stranieri", riferito ai Vikinghi) e i Gaedhil (Gaelici)” per capire quanto fosse l’odio che i Celti d’Irlanda provassero per gli invasori scandinavi.

    Non va comunque negato che la dominazione norvegese negli arcipelaghi scozzesi portò alla nascita di una cultura nuova, forte dei caratteri propri sia di quella celtica, che di quella scandinava.

    Sarebbero stati i figli di questa cultura, i feroci Galloglas e gli indomabili Re delle Isole, a difendere fieramente l'indipendenza della Scozia e dell'Irlanda, e a dare per lungo tempo filo da torcere dall'espansionismo inglese.


    tratto dall'Istituto di Archeologia Sperimentale Gallica :

    http://www.fianna-ap-palug.com
    Frumentarius
    "Punctim et Caesim ferire"

  10. #10
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,275
    Mentioned
    38 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: I Celti sono i Celti... difendiamo le specificità, grazie!

    In origine postato da Frumentarius
    Interessante articolo per Eridano e per tutti gli appassionati dei Celti, veri CELTI.


    Spesso, per una leggerezza in campo storico ed etnologico, se non per oscure velleità politiche, i Celti e i Germani vengono erroneamente, sotto il piano etnico, accomunati gli uni agli altri.

    Sia i Celti che i Germani sono popolazioni indoeuropee, ma la lingua, i costumi, le usanze e la religione si differenziano platealmente.

    Le abissali differenze linguistiche, l’esclusiva accettazione di un movimento patrilineare nelle dinastie, l’assenza di una casta religiosa elitaria ed eminente come quella druidica, lo scarso livello tecnologico in campo bellico, l’assenza del carro da guerra nella cultura militare, l’uso di non radersi il mento e le guance, queste e molte altre sono le discriminanti che mostrano chiaramente quanto i Germani differissero dai Celti, e di come appartenessero ad un etne differente.

    L’unica eccezione che conferma la regola è quella dei Belgi, le tribù appunto della Gallia Belgica, che a detta dello stesso Cesare erano nate dalla fusione di elementi celtici con elementi germanici.

    Se per quanto riguarda l’etne i Belgi avevano sangue germanico nelle vene però, per quanto riguarda la cultura e la lingua, erano assolutamente celtici, e secondo quindi le basi dell’antropologia moderna, che fa giustamente coincidere l’identità di un popolo con la sua lingua e la sua cultura, i Belgi vanno considerati in tutto e per tutto Celti.

    Comunque, dando uno sguardo anche fugace alla storia d'Europa, non può sfuggire quanto questi due popoli, ben lontani dal formare un'unità culturale, si siano sempre contrapposti ferocemente.

    Durante la prima Età del Ferro, Celti e Germani lottarono aspramente per la supremazia territoriale in Germania, e gli scontri si protrassero per secoli, fino a che i Germani non riuscirono a scacciare i loro avversari ad Ovest del Reno.

    Tra il 120 e il 105 a.C. i Cimbri ed i Teutoni, prima di farsi massacrare da Gaio Mario, avevano messo a soqquadro tutta la Gallia Comata, il Norico e la Penisola Iberica, trucidando e depredando le popolazioni celtiche che vi risiedevano; vero è che dalle fonti romane si può dedurre che negli accampamenti cimbrici e teutonici vi fosse una cospicua presenza celtica, ma si suppone si trattasse di mercenari Gaesati raccattati lungo la via, e comunque questo risulta essere l’unico esempio di un sodalizio celtico-germanico.

    Nel 58 a.C. gli Edui, ed insieme a loro molte nazioni della Gallia Comata, supplicano Cesare e le sue legioni di intervenire per salvarli dal flagello germanico, impersonato in questo caso da Ariovisto, re dei Suebi, che aveva varcato il Reno col palese intento di insediarsi nelle Gallie.

    E ancora : durante la Rivolta Pangallica del 52 a.C., che vede tutte le nazioni della Gallia senza esclusione (persino i solitamente filoromani Edui) schierarsi al fianco di Vercingetorige, Cesare utilizzerà come cavalleria ausiliaria, venendo a mancargli per ovvie ragioni l’apporto celtico, mercenari Usipeti e Tencteri, ovvero tribù germaniche della zona renana.

    I Batavi, un popolo germanico d’oltre Reno, furono largamente impiegati come ausiliari durante le campagne romane in Britannia, ed il generale romano Agricola non manca di puntualizzare la loro ferocia ed efficienza nel massacrare i Caledoni di Calgaco nella battaglia di Monte Graupio (Scozia Centro-Settentrionale).

    Il movimento armoricano dei Bagaudi (contadini e piccoli possidenti delle zone celtiche romanizzate che si erano ribellati a Roma ) era venuto a crearsi proprio perché i Romani non riuscivano ad offrire abbastanza garanzie per proteggere i loro sudditi dalle incursioni germaniche, spingendoli così ad organizzarsi autonomamente in gruppi armati.

    I Franchi e i Burgundi spazzarono via il regno gallo-romano di Siagrio, e per i secoli successivi guerreggiarono senza posa contro i regni dei Bretoni, nati dalla sovrapposizione di elementi cornici ai Bagaudi dell’Armorica.
    Ma perché i Britanni della Cornovaglia erano migrati in Armorica?

    Perché a quanto pare neanche in Britannia i rapporti tra Celti e Germani erano contraddistinti da particolare amicizia.

    La migrazione dei Cornici in Armorica nasce come risposta alle pressioni dei popoli germanici degli Juti, degli Angli, dei Sassoni e dei Frisoni, che dopo aver passato un buon secolo e mezzo a predare le coste dell’isola, avevano deciso di insediarcisi stabilmente, massacrandone o schiavizzandone gli autoctoni.

    I Romano-Britannici che non fuggirono in Armorica si organizzarono sotto una serie di capi guerrieri che portano nomi sia celtici che romani (Costantino, Vortigern, Ambrosio Aureliano, Uther Pendragon, Cunedda, Owain, Uriens) e per un secolo pieno diedero battaglia alle schiere germaniche, perdendo terreno lentamente ma inesorabilmente, finché vennero confinati nel Galles e nella Scozia (cfr. “De Excidio Britanniae”, la raccolta cronache del monaco romano-britannico Gildas, e “I Quattro Rami del Mabinogi”, saga gallese del V/VI secolo d.C. che ha dato origine alle leggende arturiane).
    Per definire i Celti di Britannia (e, anche se non abbiamo prove certe in tal senso, probabilmente anche i Celti continentali) i Germani utilizzavano il termine “Welisch” o “Weleas”, letteralmente “stranieri”, tanto a rimarcare la profonda differenza che
    divideva i due popoli.

    Dal 700 al 1000 d.C. i pirati Vikinghi, Danesi e Norvegesi, si abbattono senza posa sulle coste d’Irlanda e di Scozia, massacrando e predando qualsiasi cosa capiti loro a tiro e finendo con l’insediarsi stabilmente sul suolo irlandese e negli arcipelaghi caledoni.
    Basta leggere le cronache ecclesiastiche dei monasteri irlandesi, o le “Cronache della guerra tra i Gaill ("stranieri", riferito ai Vikinghi) e i Gaedhil (Gaelici)” per capire quanto fosse l’odio che i Celti d’Irlanda provassero per gli invasori scandinavi.

    Non va comunque negato che la dominazione norvegese negli arcipelaghi scozzesi portò alla nascita di una cultura nuova, forte dei caratteri propri sia di quella celtica, che di quella scandinava.

    Sarebbero stati i figli di questa cultura, i feroci Galloglas e gli indomabili Re delle Isole, a difendere fieramente l'indipendenza della Scozia e dell'Irlanda, e a dare per lungo tempo filo da torcere dall'espansionismo inglese.


    tratto dall'Istituto di Archeologia Sperimentale Gallica :

    http://www.fianna-ap-palug.com
    Niente di nuovo sotto il sole.
    L'elemento linguistico non corrisponde sempre con quello antropologico nel suo insieme.
    Questo è un dato di fatto.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 139
    Ultimo Messaggio: 04-05-08, 18:55
  2. Cristianesimo e antigiudaismo
    Di torquemada nel forum Cattolici
    Risposte: 74
    Ultimo Messaggio: 29-09-05, 18:08
  3. Complottismi, dietrologismi, paranoie etc etc
    Di panzerfaust2005 nel forum Politica Estera
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 19-08-05, 13:16
  4. Dietrologie e complottismi vari
    Di Orazio Coclite nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 23-03-05, 21:48
  5. Sull'antigiudaismo
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-08-04, 20:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226