User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 16
  1. #1
    puttuio!
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Messaggi
    2,991
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito Luigi Gedda, il laico che difese la Chiesa dalla deriva progressista

    Alcune settimane fa si è svolto a Roma un convegno su Luigi Gedda, figura centrale e controversa del laicato cattolico del secolo scorso, e per anni Presidente nazionale dell’Azione Cattolica. A proposito di questo discusso personaggio ilsus-sidiario.net ha posto alcune domande a uno dei relatori dell’incontro, il professor Vittorio De Marco, dell’università del Salento.



    Potrebbe tracciare un breve ritratto di Luigi Gedda, storico presidente dell’Azione Cattolica?



    La presidenza di Luigi Gedda coincise in gran parte con l’ultimo periodo del pontificato di Pio XII. Già alla testa della Gioventù cattolica, nel gennaio 1952 subentrò a Vittorino Veronese alla presi-denza generale. Molto legato a papa Pacelli, in sintonia con il suo disegno di riaffermare con forza i valori del cristianesimo nella società italiana per fermare il pericolo comunista, Gedda incarnò in quegli anni la massima espressione del collateralismo tra mondo cattolico e Democrazia Cristiana. Un collateralismo che non doveva essere del tutto gratuito nel senso che già con le elezioni del 18 aprile 1948 e le successive tornate elettorali amministrative, egli intese condizionare alcune scelte di politica generale del partito di De Gasperi soprattutto nel delicato appuntamento delle elezioni am-ministrative di Roma dell’autunno 1952, in quella che è passata alla storia come “operazione Stur-zo”, nella quale Gedda, e alcune componenti del mondo cattolico più conservatrici, appoggiarono il progetto di un’alleanza con le destre pur di contenere e soprattutto evitare una vittoria socialcomu-nista. Non tutti però nell’Azione Cattolica condividevano la stretta relazione tra la stessa e i Comita-ti civici, creati da Gedda alla vigilia delle elezioni del 1948 proprio per evitare una discesa in campo diretta dell’Azione Cattolica. Nella sostanza però, in gran parte delle diocesi italiane, questa doppia realtà aveva significato un effettivo appiattimento delle strutture dell’Azione Cattolica su quelle dei Comitati civici anche perché dirigenti dell’una si ritrovavano dirigenti nell’altra.

    Gedda ebbe sempre forte il senso dell’attivismo e dell’organizzazione, nel senso di una presenza capillare dell’Associazione in tutti i gangli della società, proprio per quel disegno di riconquista cri-stiana che andrà a stemperarsi con l’avvento di papa Roncalli e di un’altra visione della vita dell’Associazione e della stessa politica italiana. Infatti quella sintonia con Pio XII che aveva per-messo a Gedda un ampio margine di manovra dentro e fuori l’Azione Cattolica, si ridimensionò e venne sostanzialmente a cadere con Giovanni XXIII.



    Su quali linee si è sviluppata l’interpretazione della sua azione ecclesiale, civile e politica?



    Bisogna fare una premessa. Soltanto in questi ultimi tempi, essendo possibile accedere all’archivio privato di Gedda e ad altre fonti documentarie dell’Azione Cattolica centrale, si sta cominciando a riflettere in modo sistematico sulla sua figura nel contesto del mondo cattolico pre e post-conciliare, superando i cliché interpretativi che una certa storiografia laica gli ha dedicato, connotandolo più di elementi negativi che positivi. Manca quindi ancora un’approfondita riflessione sulle linee attraver-so le quali si è sviluppata la sua azione ecclesiale civile e politica. Possiamo comunque dire che nessuno che si occupi senza preconcetti e con serenità della storia del movimento cattolico e di quella in particolare del secondo dopoguerra, può mettere in dubbio lo spessore della testimonianza cristiana di Gedda, la sua ricca spiritualità, il suo amore sconfinato per il papa, i vescovi e tutta la Chiesa. Si adattò alla nuova ecclesiologia uscita dal Concilio Vaticano II accettando anche con en-tusiasmo, ad esempio, la riforma liturgica che permetteva una chiara e immediata comprensione della parola di Dio a tutta l’assemblea riunita nella celebrazione eucaristica, o anche il ruolo che la Chiesa riconosceva ora ai laici soprattutto nel campo temporale, con un’autonomia di movimento e progettualità che prima del Concilio non era stato possibile avere.

    La sua azione civile prima del Concilio viene da tutti associata ai Comitati civici, un modello orga-nizzativo che se trovava in genere i vescovi disponibili e interessati, non sempre suscitava una buo-na reazione negli ambienti politici della Democrazia cristiana, anche se è stata sottolineata la neces-sità di dover scendere nelle tante realtà locali, con ricerche, studi e l’ausilio delle nuove fonti acces-sibili, per poter dare un giudizio complessivo sull’azione dei Comitati civici della cui utilità Gedda era fermamente convinto e continuerà ad esserlo anche dopo il Concilio. La scelta religiosa dell’Azione Cattolica, che mise fine al collateralismo con la DC, pur rispettandola, non la condivise e continuò a sottolineare la necessità di un impegno temporale dei laici, così come affermato dallo stesso Concilio nell’Apostolicam Actuositatem, attraverso la creazione dei Circoli “Mario Fani” a partire dall’agosto 1970.



    Quali novità sono emerse dal recente convegno di Roma?



    Il recente convegno svoltosi a Roma presso la sede dell’Azione Cattolica su “Luigi Gedda nella sto-ria del mondo cattolico italiano del ‘900” è una tappa di un progetto culturale su Gedda più ampio e articolato che ha già visto la realizzazione di due convegni: uno a Milano sulla sua spiritualità e un altro a Roma sui Comitati civici. Si prevede nei prossimi mesi un convegno conclusivo su altri a-spetti della vicenda umana e cristiana di Gedda. Il seminario organizzato dall’Azione Cattolica ha ripercorso alcune tappe cronologiche del suo impegno nell’Associazione attraverso il rapporto con alcuni personaggi altrettanto significativi del mondo cattolico come Lazzati, Carretto e La Pira, nonché le sue idee sul Concilio e sulla nuova Azione Cattolica di Bachelet e monsignor Costa. Non sempre fu in sintonia con i tre personaggi citati; vi furono tra loro e Gedda modi diversi di interpre-tare la realtà del mondo cattolico e l’evoluzione della società tra anni ‘30 ed anni ‘50, e di conse-guenze modi diversi di strategia, presenza ed azione. Sono emerse in altre parole le distanze e le convergenze di cristiani ed intellettuali comunque di grande spessore, i quali, hanno inteso, nono-stante visioni qualche volta contrapposte, servire la Chiesa nella “carità”, supportati dalla “fede”, rinnovati continuamente dalla “speranza”. Così come è emersa la posizione critica che Gedda ebbe nei confronti dell’apertura a sinistra alla fine degli anni Cinquanta – ma anche Sturzo fu più che contrario a quell’apertura – e la differente visione circa la collocazione del laico cattolico dopo il Concilio nella società italiana.

    Fonte
    L'imitazione è la più sincera forma di adulazione.(Charles Caleb Colton)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    23 Sep 2009
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luigi Gedda, il laico che difese la Chiesa dalla deriva progressista

    interessante !!!

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    07 Jun 2010
    Messaggi
    196
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luigi Gedda, il laico che difese la Chiesa dalla deriva progressista

    Dopo la morte di Pio XII venne trattato in modo molto ingiusto e messo da parte.
    Però poi la Chiesa fu costretta ad attraversare parecchi guai che sarebbero stati evitati se la Presidenza dell'Azione Cattolica fosse stata lasciata a lui o ad altri come lui.
    In seguito la sua figura è stata rivalutata, ma ormai purtroppo il danno era fatto.
    Speriamo che almeno serva di monito per il futuro.
    Morì alla bella età di 98 anni, nel 2000. A 96 anni, ancora perfettamente lucido, si era tolto qualche sassolino dalle scarpe scrivendo il libro "18 aprile 1948" che narra la storia di come, con il suo apporto determinante, fu sventato il piano che avrebbe fatto dell'Italia un paese satellite della dittatura sovietica.

  4. #4
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luigi Gedda, il laico che difese la Chiesa dalla deriva progressista

    Aggiungo che allorché, nell'AC, fu messo da parte e furono nominati ai vertici personaggi come Bachelet (la cui fedele collaboratrice, non si dimentichi, era la famosa Rosy Bindi) ed altri, che vollero imporre la c.d. "scelta religiosa" ed il rinnovamento - si fa per dire - del VAT 2, gli aderenti all'Azione cattolica che raggiungevano gli oltre 3 milioni di aderenti (sotto Gedda), si ridussero a picco a poche centinaia di migliaia. Una crisi da cui non si è più riavuta, tanto che oggi sono ancora meno di 500.000 aderenti!

  5. #5
    Forumista
    Data Registrazione
    07 Jun 2010
    Messaggi
    196
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luigi Gedda, il laico che difese la Chiesa dalla deriva progressista

    Oggi c'è qualche modesto segno di ripresa... speriamo che la lezione sia servita!!!
    Certo che con dirigenti come Rosy Bindi il numero di aderenti non può che diminuire...

  6. #6
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    A casa mia
    Messaggi
    8,389
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luigi Gedda, il laico che difese la Chiesa dalla deriva progressista

    Citazione Originariamente Scritto da Augustinus Visualizza Messaggio
    Aggiungo che allorché, nell'AC, fu messo da parte e furono nominati ai vertici personaggi come Bachelet
    Ma grazie a Dio! Te prova a dare all'Ac una lobby come la Compagnia delle Opere e poi riparliamo del numero degli iscritti.
    Antifascista, cattolico-democratico, contrario al principio "destro" di "limite e conservazione" e sostenitore del principio di "non appagamento", dunque, di centrosinistra!

  7. #7
    Forumista
    Data Registrazione
    30 Apr 2009
    Messaggi
    273
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luigi Gedda, il laico che difese la Chiesa dalla deriva progressista

    Gedda fu sicuramente una figura di primo piano del cattolicesimo dell'epoca.

  8. #8
    **********
    Data Registrazione
    04 Jun 2003
    Messaggi
    23,775
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luigi Gedda, il laico che difese la Chiesa dalla deriva progressista

    Citazione Originariamente Scritto da Popolare Visualizza Messaggio
    Ma grazie a Dio! Te prova a dare all'Ac una lobby come la Compagnia delle Opere e poi riparliamo del numero degli iscritti.
    Grazie a Dio per cosa? Un'AC, che dopo lepoca Gedda, si è snaturata e tradito lo spirito dei fondatori?
    Ed infatti i frutti sono evidenti. Lo stesso Montini aveva in animo di scioglierla!!!! Se persino lui non la sopportava più .... :gluglu:

  9. #9
    Mistica Fascista
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    115,716
    Mentioned
    447 Post(s)
    Tagged
    20 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luigi Gedda, il laico che difese la Chiesa dalla deriva progressista

    L'Azione Cattolica fu un'invenzione geniale di San Pio X, a mio avviso, ma col tempo la sua decadenza fu sempre più evidente.
    Del resto, l'Azione Cattolica dopo Pio X chi ha partorito? La Pira, Scalfaro, Marini, Moro e Andreotti, giusto per citare i nomi più altisonanti.
    Tutta gente che - duole dirlo - era nell'Azione Cattolica già ai tempi di Pio XI e Pio XII, che pure furono due grandissimi papi (anzi, direi proprio gli ultimi due grandi papi).
    Ultima modifica di Giò; 10-06-10 alle 18:30

  10. #10
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    A casa mia
    Messaggi
    8,389
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Luigi Gedda, il laico che difese la Chiesa dalla deriva progressista

    Citazione Originariamente Scritto da Giò91 Visualizza Messaggio
    L'Azione Cattolica fu un'invenzione geniale di San Pio X, a mio avviso, ma col tempo la sua decadenza fu sempre più evidente.
    Del resto, l'Azione Cattolica dopo Pio X chi ha partorito? La Pira, Scalfaro, Marini, Moro e Andreotti, giusto per citare i nomi più altisonanti.
    Tutta gente che - duole dirlo - era nell'Azione Cattolica già ai tempi di Pio XI e Pio XII, che pure furono due grandissimi papi (anzi, direi proprio gli ultimi due grandi papi).
    Grazie a Dio! Esempi da seguire, raccontare e ribadire nelle Parrocchie(!) dove ormai non ci si confronta più su certe questioni e dove soprattutto la spiritualità spesso viene meno!!!
    Antifascista, cattolico-democratico, contrario al principio "destro" di "limite e conservazione" e sostenitore del principio di "non appagamento", dunque, di centrosinistra!

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. RADICI - Luigi Gedda e i Comitati civici
    Di Florian nel forum Conservatorismo
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 09-01-09, 18:13
  2. Depravazione laico-progressista all'opera
    Di W. Von Braun nel forum Fondoscala
    Risposte: 123
    Ultimo Messaggio: 04-04-08, 01:20
  3. Movimento Laico Progressista Liberaldemocratico
    Di leone rep nel forum Repubblicani
    Risposte: 620
    Ultimo Messaggio: 20-10-07, 20:45
  4. Movimento Laico Progressista
    Di Carlo68 nel forum Repubblicani
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 20-06-07, 12:44
  5. Bloccata La Deriva Progressista!
    Di GEORGE (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 69
    Ultimo Messaggio: 20-04-05, 11:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226