User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito "Submission" a casa nostra

    ORRORE A VALDOCCO IL KILLER ARRESTATO: DICEVA CHE L’AVEVO VIOLENTATA
    Un sms alla sua ex
    «Ti ammazzerò»
    E la sgozza in strada
    «Mi aveva denunciato, volevo vendicarmi»
    La mamma della ventenne: la polizia sapeva

    26 Ottobre 2005

    di Massimo Numa


    «”Se entro tre giorni non torni con me, ti ammazzo. Saluta la tua famiglia”». Hazika, la mamma di Fatima Ksiss, 20 anni, sgozzata, anzi macellata dal suo ex, Noureddine Kahalil, 31, come si fa con le bestie, vive questo orrore come in tranche. Nella casa di via Biella, a Valdocco, circondata dall’affetto della comunità marocchina della zona, chiede se la morte della figlia, studentessa modello dell’ultimo anno della scuola per maestre d’asilo, poteva essere evitata. «Ha inviato l’sms sul telefono della mia povera figlia qualche giorno fa. L’abbiamo detto alla polizia, ci hanno detto che non si trattava di una “minaccia concreta”. Ieri pomeriggio è tornata in via Salerno, angolo via Biella, proprio nel punto in cui l’assassino ha trafitto con un coltellaccio da cucina la gola di Fatima, morta dissanguata. Disperata, ha chiesto ai titolari del bar all’angolo, gli unici testimoni del delitto: «Perchè non me l’avete salvata?». Giovanni B. («Niente cognome, per favore, ho paura di ritorsioni», dice), 60 anni, ha visto tutto: «L’ha afferrata per i capelli e l’ha trascinata lontana dalla porta. Lei cercava di entrare, lui l’ha bloccata. Gli ho detto: “Lasciala stare, non vedi che le fai male?”. Mi ha minacciato con il coltello e poi mi ha sibilato: “Quella mi ha denunciato per violenza, e deve pagare”. Ho visto quando l’ha sgozzata. Come un animale». Noureddine ha poi asciugato, con disprezzo, la lunga lama sui vestiti di Fatima: ma le sue mani era ancora grondanti di sangue, così, tornando a casa, poco distante, dove è stato arrestato dalla polizia, ha segnato i muri di rosso, passo dopo passo. Orgoglioso del suo gesto: «Portatemi in galera, datemi pure trent’anni di carcere e non mi importa. Mi ha denunciato per violenza e doveva pagare. Ci ho pensato tutta la notte. Aveva offeso me e la mia famiglia». Difeso dall’avvocato Gianluigi Marino, rischia di essere incriminato per omicidio premeditato. Il primo settembre scorso Noureddine, operaio e incensurato, con regolare permesso di soggiorno, era stato arrestato dopo un’aggressione ai danni di Fatima, avvenuta nei giardini di via Livorno. Botte e anche un’odiosa violenza sessuale. Fu immediatamente denunciato. Una ragazza coraggiosa, lei. Ma due giorni dopo era stato scarcerato dal gip, con il solo obbligo della firma in questura. Insiste: «Lei non mi interessava più. Ho una moglie in Marocco. Quella non doveva trattarmi così». L’uomo, da mesi, la tormentava. Sempre nei dintorni, ossessivo. Dopo l’aggressione di settembre, si era persino scusato. Aveva promesso che non le avrebbe fatto più nulla, se lei avesse ripreso la relazione. «Lo perdonammo - spiegano i familiari - sperando che le minacce finissero. Ricominciò subito. Abbiamo presentato quattro denunce. Inascoltate».
    Alle 7,30 tutto finito. Il corpo, quasi decapitato (con la stessa tecnica utilizzata dai terroristi iracheni per uccidere gli ostaggi) è rimasto a lungo sul marciapiede, coperto da un lenzuolo, da cui si allargano spessi e contorti rivoli di sangue. La nonna e la mamma piangono, a poca distanza, davanti a decine di persone. Una litania in arabo, disperazione e rabbia. Gli studenti dell’istituto salesiano di via Salerno si affacciano curiosi. Alcuni ridono; si divertono, pare. Fanno il verso al pianto della nonna, sostenuta dalle donne con l’hijab, il velo islamico. Ci vogliono i poliziotti, per restituire rispetto alla famiglia di una ragazza amata e stimata: in Italia da 7 anni, con il sogno di diventare un’insegnante, aiutata con amore da una famiglia di gente onesta. Nella sua casa di via Biella, il Corano nella libreria, i simboli della sua cultura: tappeti, immagini del suo Paese. E Marilyn Monroe, nel ritratto di Andy Warhol, appeso alla parete della sua camera.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,644
    Mentioned
    44 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Oltre all'assassino io manderei in galera il gip. Quella povera ragazza è stata, anche lei, vittima dell'illegalità italica.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,431
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    non si passa dal medioevo al 2000 senza questi gravissimi traumi.
    difficilmente questa vicenda sarebbe avvenuta nel contesto di quei paesi; le pene di chi commette reato sono pesantissime e le regole e le consuetudini, costituisco una formidabile barriera di sicurezza collettiva.
    un popolo, una terra, no alla immigrazione imposta da ideologie illiberali, mafie e poteri forti.

  4. #4
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da novis
    Oltre all'assassino io manderei in galera il gip. Quella povera ragazza è stata, anche lei, vittima dell'illegalità italica.
    Non che la polizia si prenda il disturbo di convocare il marocchino, gia' indagato per violenza sessuale, a fronte di una minaccia di morte via sms...
    La ragazza e' doppiamente vittima, di una cultura di nascita che sottomette ed umilia la donna, e della societa' italiota a cui si era affidata nella speranza di potersi difendere dalle violenze subite; ma che invece ha segnato la sua condanna a morte e nel modo piu' atroce.

  5. #5
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In origine postato da Beli Mawyr
    Siamo sicuri di non avere "gente" del genere tra le nostre file?
    Personaggi, intendo, che credono sia possibile nell'attuale stato di diritto avere una sorta di ius vitae et necis sopra un'altra persona?

    Una sintetica anticipazione: non vi sono significative differenze tra integralisti islamici e cattolici ... roba da brividi ... mi sa che vi risparmio il racconto ai confini della realtà

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2003
    Località
    gallia cisalpina
    Messaggi
    4,702
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: "Submission" a casa nostra

    [QUOTE]In origine postato da raggioverde
    [B]ORRORE A VALDOCCO IL KILLER ARRESTATO: DICEVA CHE L’AVEVO VIOLENTATA
    Un sms alla sua ex
    «Ti ammazzerò»
    E la sgozza in strada
    «Mi aveva denunciato, volevo vendicarmi»
    La mamma della ventenne: la polizia sapeva

    Aveva promesso che non le avrebbe fatto più nulla, se lei avesse ripreso la relazione. «Lo perdonammo - spiegano i familiari - sperando che le minacce finissero. Ricominciò subito. Abbiamo presentato quattro denunce. Inascoltate».

    raggio verde!,

    è un fatto triste ma l'episodio farà riflettere tanti migranti del Magreb. Non puoi invocare la polizia a proteggerti quando appartieni a genti che rifiutano le regole dello stato di diritto.
    Se si fossero rivolte all'Imam della comunità cui appartengono la ragazza sarebbe morta?
    In ogni caso si può provare pietà per il morto ma non per l'omicida che dovrebbe essere spedito in manette alla giustizia islamica del suo paese.Quel tale non merita il processo in uno stato di diritto che rifiuta.
    Lo si cacci senza indugi.

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    14 Apr 2005
    Messaggi
    3,906
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    è UN ATTO CE RAPPRESENTA PERFETTAMENTE LAMENTALITA , gli usi e costumi , e sopprattuto la LEGGE islamica

    questo no è un fatto isolato , ma è la norma di ciò ch accade nei paesi islamici e elle comunità islamiche

    non lo dic io, ma lo dicono tutti i rapporti delonu e di numerosisime oranizzazioni umanitarie internazionali riguadanti i l rispetto dei diritti civili e della emancipazione femminile

    sia chiar , ache da oi ci sono uomini maneschi e violenti
    a da noi cio è condannato dallle ns leggi e dalla sesobilità civle di quasi tutti i cittadini

    di la invece è l'incontrario, nell'islam la violenza domestica sulle donne è ammmessa dalla legge coranica se non incoraggiata

    unica soluzione ; pulizia etnica

 

 

Discussioni Simili

  1. "Brunetta non venga a romperci le scatole a casa nostra"
    Di Alex il Rosso nel forum Friuli-Venezia Giulia
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 20-04-09, 09:37
  2. DA "padroni a casa nostra" AL "cappello in mano"
    Di Genyo nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 30-07-06, 06:09
  3. Risultati delle politiche "a casa nostra"
    Di yurj nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 18-04-06, 18:56
  4. Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 07-12-04, 12:11
  5. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 25-09-02, 11:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226