User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Cina : Un Sintomo Del Disastro Libertario Futuro

    Post #185 di 185

    PECHINO - Nella trionfale crescita cinese sta apparendo un sintomo sinistro: aumenta il «magazzino» di beni finiti.
    In Cina, nuove file di auto in attesa di compratori si allineano nei piazzali, capannoni si riempiono di merci d'ogni genere - sfornate a ritmo demenziale dalla prodigiosa «produttività» cinese - che il mondo non riesce a comprare allo stesso ritmo.
    Insomma, si accumula l'invenduto.
    Sintomo taciuto, ma di dimensioni colossali.
    Nel 2004 il magazzino degli invenduti in Cina valeva solo l'1 % della crescita del PIL cinese; oggi, primo semestre del 2005, vale già il 20% (1).
    Ciò significa una sola cosa.
    Il «successo» cinese tanto lodato dai dogmatici della globalizzazione, perchè fondato sull'esportazioni di merci a basso prezzo e sul «vantaggio competitivo» dei salari infimi, può rovesciarsi in ogni momento in catastrofe.
    Per eccesso di «successo», di «vantaggio competitivo».



    A chi vendere ancora?
    Il principale cliente di Pechino, gli USA, già assorbono il 40% delle esportazioni totali cinesi: Pechino si è legato in una dipendenza assurda da un unico compratore, che per di più è il massimo debitore mondiale, ed è la superpotenza militare più potenzialmente ostile.
    Già nel Congresso si minaccia di imporre un dazio del 25% sulle merci cinesi - tanti saluti al «libero commercio globale» - se Pechino non rivaluta la sua moneta.
    In ogni caso, i rincari della benzina inducono l'insaziabile compratore americano a ridurre i consumi superflui; oltretutto, il consumatore USA non sta spendendo i soldi che guadagna mensilmente, ma quelli che ha ottenuto ipotecando la sua casa, attualmente sopravvalutata: ossia spende avendo acceso un debito che deve restituire.

    Ora, se gli USA comprano meno carabattole cinesi, non sarà facile per Pechino trovare altri mercati della stessa misura: non ce ne sono.
    Il deficit americano nell'import-export ammonta al surplus esportativo di ben dieci delle più forti economie: quello della stessa Cina addizionato a quello di Giappone, Germania, Russia, Arabia Saudita fra le altre.
    Il «successo» esportatore cinese è alle ultime fasi.
    E la stolta dirigenza di Pechino cerca di superarlo accrescendo il suo «vantaggio competitivo», ossia retribuendo sempre meno i suoi lavoratori: crede che sia medicina quello che ormai è veleno.



    Singolare assurdità: dopo un decennio di sviluppo economico prodigioso, i consumi interni, quelli del cinese medio, non sono cresciuti.
    Anzi, sono calati: nel 2004 sono scesi a solo il 42% del PIL, e nel 2005 sono sicuramente calati ancora (per contro, in USA, i consumi privati sono il 71% del PIL).
    Ciò è facilmente spiegabile: Pechino minaccia di riformare le vecchie imprese statali comuniste, per renderle «più efficienti», liberandole dell'enorme eccesso di personale.
    Ovviamente, il cinese comune reagisce al pericolo di restare senza lavoro risparmiando accanitamente sul suo magro salario, riducendo i consumi oltre la sua proverbiale frugalità.
    Lo sbilancio del PIL cinese è di un'evidenza inaudita: all'80%, è costituito dalle esportazioni e dagli investimenti fissi (ossia dagli impianti per produrre sempre più merci da esportare), e continua a salire del 30% annuo.
    Per contro i consumi interni sono marginali.

    Eppure mettere più soldi in tasca ai lavoratori cinesi è la sola scelta giusta e urgente: così compreranno le merci oggi invendute, che si accumulano nei magazzini.
    Altrettanto ovviamente, la nomenklatura cinese non avrà il coraggio di aumentare i salari proprio nel momento in cui la domanda mondiale delle sue merci cala.
    Un altro modo sarebbe di rivalutare lo yuan: con una moneta più forte in tasca, il cinese potrebbe comprare di più.
    La nomenklatura di Pechino sta facendo il contrario: opera continui interventi sul mercato valutario per tenere basso lo yuan, allo scopo di mantenere poco costose le sue merci da export.

    Essere obbligati a continui interventi è il segno che la moneta è effettivamente sottovalutata, e di molto.
    E per sostenerla, Pechino vende yuan e compra dollari.
    Altri dollari.
    Ne ha già una montagna: pari al 42% del proprio enorme PIL.
    Buoni del Tesoro USA, che rendono poco, emessi dal massimo - e insolvente - debitore mondiale.
    Bisogna dare ragione a Laura Tyson D'Andrea, l'analista della London School of Economics: la Cina essendo ancora un Paese povero, dovrebbe avere un deficit invece di un surplus (2).
    Un Paese povero deve essere in deficit perché sta spendendo più di quel che ha in cassa per dotarsi di infrastrutture (strade, reti elettriche, trasporti), istruzione, ricerca e sviluppo, le basi per il futuro sviluppo.

    La Cina ha tanti dollari nelle casseforti, da poter spendere cifre enormi per infrastrutture, senza bisogno di indebitarsi.
    Non ha giustificazione economica mantenere i dollari in cassaforte. Spenderli per infrastrutture è un modo centrale, e necessario, per accrescere la domanda interna: distribuire salari, ridurre la disoccupazione, accresce i consumi dei nuovi salariati.
    Per Laura Tyson, la Cina può senza problemi spendere in deficit l'esatto equivalente di ciò che riceve come investimenti diretti esteri, 50 miliardi di dollari l'anno, il 4% del suo PIL.
    Si noti: ciò che la Tyson propone alla Cina non è liberismo, è politica economica keynesiana.
    Dirigismo anti-ciclico.
    Il contrario di ciò che la sua London School of Economics insegna ai suoi allievi, che vengono da ogni parte del mondo a imparare le regole del libero mercato selvaggio.

    Ma il dogma, imposto dalla cultura anglosassone a tutti gli altri, viene rapidamente dimenticato dagli anglosassoni, quando fa comodo a loro.
    E gli USA si dissanguano comprando merci a basso costo cinesi; dunque Pechino cresca la sua domanda interna.
    Il Fondo Monetario impedisce ai Paesi poco sviluppati di spendere in infrastrutture; non spendano per le scuole e le strade, dedichino ogni centesimo a pagare i debiti ai banchieri internazionali, ad esportare di più. Qui, il consiglio è l'esatto opposto.
    Il punto è che oggi Laura Tyson ha ragione.
    Una decisa rivalutazione dello yuan ridurrebbe la dipendenza della Cina dalle esportazioni; incoraggerebbe investimenti nazionali nella produzione di beni non esportati, soprattutto alimentari ed elettricità, che sono scarsi in Cina (e la loro scarsità provoca inflazione); ridurrebbe il rischio di una disastrosa guerra commerciale con gli USA.



    Insomma, la Cina deve rivalutare non per fare piacere agli Stati Uniti, ma per darsi una struttura di sviluppo più sana e meno sbilanciata.
    Ma siamo sicuri che la nomenklatura di Pechino, questi comunisti che sono divenuti allievi dogmatici del «mercato globale», non seguirà il consiglio.
    Andrà al disastro che il liberismo sempre produce quando è applicato con rigore: masse di merci invendute, deflazione, gelo dei commerci.

    Maurizio Blondet



    Note
    1) Stephen Roach, «Tough flying for the global economy», Asia Times, 26 ottobre 2005.
    2) Laura Tyson D'Andrea, «A stronger yuan helps China»; Business Week, 31 ottobre 2005.






    Copyright © - EFFEDIEFFE - all rights reserved.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    SatanFascista
    Data Registrazione
    19 Sep 2004
    Località
    Oltretomba
    Messaggi
    14,331
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ciò che avevo previsto tempo fa , la delocalizzazione funziona solo nel breve periodo , quando i licenziamenti in casa sono ancora pochi e la domanda regge , ma nel lungo termine le merci che produci , di più e a minor costo , non le potrai vendere tutte ai consumatori cinesi o indiani , che sono si tanti ma molto più poveri di noi , contando anche i "nuovi ricchi" e non le potrai neanche più smerciare a casa tua visto che ha ... delocalizzato e messo sul lastrico milioni di lavoratori dell'industria...
    Poche chiare cose da fare , o pagare di più gli operai cinesi , nel caso in questione , o abbassare il prezzo dei prodotti e investire il mercato europeo di macchine a 1000 € l'una (non quella da 4000...) , solo che siccome la maggiorparte delle ditte cinesi è in rapporti di joint-venture et similia con imprenditori occidentali , questo possono permetterselo i proprietari cinesi ma non per es. un italiano ( perchè lui ha delocalizzato per lucrare maggiori profitti , se poi si vede costretto ad abbassare enormemente i prezzi cosa c'è andato a fare a Pechino?!tanto vale fosse rimasto in Italia...)

    Comunque , per quanto riguarda le infrastrutture Pechino sta investendo e molto , Il 20 settembre scorso si è svolto a Pechino il forum sulla riforma della finanza e degli investimenti nel settore delle ferrovie, nel corso del quale il vice ministro del trasporto ferroviario ha esposto la linea conduttrice che dovrebbe avvicinare il livello di sviluppo e modernizzazione delle vie di comunicazione cinesi a quello dei paesi più sviluppati entro il 2020.
    I progetti già pianificati ed approvati coinvolgono una porzione molto vasta del territorio, parte del quale era stato fino ad ora trascurato in termini di infrastrutture. Le linee ferroviarie dovrebbero essere accresciute, nel lasso di tempo stabilito al forum, del 30%, determinando una rete ferroviaria nazionale di 100.000 km² Essa si espanderà dalle coste orientali alle campagne dell’entroterra e collegherà centri urbani delle regioni occidentali al resto del paese, in maniera più efficiente di quanto non accada ora. L’ampliamento dei collegamenti ferroviari non consisterà solamente dell’aspetto quantitativo, ma riguarderà nello stesso tempo anche la qualità delle infrastrutture. A questo proposito si prevede che il 40% delle rotaie che percorreranno il paese nel 2020 saranno dotate di energia elettrica e fornite di un doppio binario.

    I popolosi centri abitati della nazione asiatica beneficeranno degli investimenti riguardanti i trasporti. In una decina di grandi città si stanno costruendo centinaia di km² di percorsi per i trasporti urbani di superficie su rotaia, mentre nel sottosuolo urbano si dipaneranno lunghe tratte di metropolitana.

    Per quanto riguarda i segnali positivi lanciati agli investitori privati cinesi, emblematiche sono le partnership pubblico-privato, indirizzate alla concretizzazione di grandi opere infrastrutturali, che si stanno diffondendo velocemente all’interno del tessuto produttivo cinese.
    L’esempio più rappresentativo è costituito dalla società, in parte privata, incaricata di costruire la linea ferroviaria Hulin.-Lesozavodsk che unirà Russia e Cina a partire dalla regione nord-orientale cinese (Manciuria)Questa pionieristica esperienza dimostra non solo il peso crescente che i privati esercitano sullo sviluppo economico cinese, ma anche che la strada è aperta per la privatizzazione di un settore strategico e fondamentale come i trasporti di beni o risorse energetiche.

 

 

Discussioni Simili

  1. Disastro solare (pannelli solari scontro UE Cina)
    Di Morfeo nel forum Politica Europea
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-06-13, 21:59
  2. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 13-10-11, 19:36
  3. Risposte: 180
    Ultimo Messaggio: 11-03-08, 20:21
  4. il futuro del Movimento Libertario
    Di Hayekfilos (POL) nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 24-10-06, 15:08
  5. ferro e cina: cronaca di un disastro
    Di ilariamaria nel forum Padania!
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 03-08-04, 15:33

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226