User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Un Popolo Multirazzializzato,globalizzato E Terronificato,votato All'estinzione

    Lo dicono i dati dell'Istat In Italia i neo-papà più vecchi del mondo Più che le donne, sono gli uomini a decidere di posticipare la nascita del primo figlio. E la natalità ci rimette STRUMENTIVERSIONE STAMPABILEI PIU' LETTIINVIA QUESTO ARTICOLO

    Una famiglia (Corbis)
    ROMA - Vecchi, vecchi, vecchi. Gli italiani sono vecchi. E continuano a collezionare un record di senilità dietro l'altro. L'ultimo in ordine di tempo è sui padri: i padri italiani sono i più vecchi al mondo. Più che per le donne, diventare papà in Italia è un' esperienza che, molto più di quanto avviene negli altri paesi, si fa in età avanzata e che alla fine registra un numero complessivo minore di figli. A sottolineare questo primato, non proprio prestigioso ma che smentisce l'opinione diffusa secondo la quale vede nelle donne le responsabili del basso livello di fecondità nazionale, è l'Istat, che oggi ha presentato una ricerca in cui per la prima volta ha messo a fuoco le caratteristiche della paternità nel nostro paese.

    Rispetto agli altri Paesi, le donne italiane hanno il primo figlio un anno più tardi ma diventa oltre il doppio, ossia superiore ai due anni, negli uomini. La nascita del primo figlio per le donne (quelle nate nella prima metà degli anni '60) arriva mediamente intorno a 27 anni, un anno in più rispetto alla Francia e mezzo anno in più rispetto a Spagna ma mezzo anno in meno rispetto alla Finlandia. Gli uomini invece (sempre nati nella prima metà degli anni '60), diventano padri per la prima volta mediamente a 33 anni (3,5 in più rispetto a quelli nati dieci anni prima) mentre in Spagna, Francia e Finlandia l'età dei neo-padri è inferiore a 31 anni.

    Ma non solo. L'Istat dice che nella scelta di avere il primo figlio un «più marcato effetto negativo» è da attribuire all'età di lui rispetto all'età di lei: più tardi gli uomini arrivano a stare in coppia e più tendono a posticipare ulteriormente la decisione di mettere al mondo un figlio. La propensione ad avere il primo figlio si riduce di ben circa l'80% per chi si sposa attorno ai 35 anni rispetto a chi si sposta intorno ai 25. Questo vale sia al nord che al su del paese. L'età femminile sembra invece incidere negativamente solo quando è lei ad essere più grande.

    All'origine del fenomeno, per l'Istat, c'è il riferimento ad un modello di 'iperrazionalizzazione'; in età matura si diventa più prudenti, meno disposti a mettersi in gioco o in discussione per eventi carichi di vincoli e responsabilità. Tutto ciò sembra valere soprattutto per gli uomini, che possono rimandare la decisione di diventare padre 'sine die', mentre per le donne il periodo fecondo impone una 'deadline'.

    L'Istat conferma che i giovani italiani continuano a rimanere in casa con mamma e papà più dei coetanei europei. Nella fascia 30-34 anni vive con i genitori il 40% degli uomini e circa il 20% delle donne. L'uscita dalla casa di origine avviene solitamente intorno ai 30 anni e a seguito di matrimonio. È stata inoltre rinforzata la quota di donne con istruzione superiore a quello dello sposo, più che raddoppiata negli ultimi 30 anni (era meno del 10% per i matrimoni celebrati a fine anni '60, ora sono circa il 22%) mentre è diminuita nettamente la situazione nella quale lui ha un titolo di studio di livello superiore (da 18% a 14%).

    Alla nascita del primo figlio, prosegue l'Istat, i genitori sperimentano le difficoltà legate alla cura del bambino. Dopo la prima nascita la partecipazione domestica paterna risulta «nulla o insoddisfacente» ma, come avviene in altri paesi come gli Usa, nel caso la coppia sia giovane ed abbia un reddito doppio soprattutto al Centro nord - una consistente partecipazione dei padri alla cura del primo figlio si ripercuote positivamente sulla fecondità ed aumenta la probabilità di avere altri figli. Le coppie in cui lei non lavora e lui ha un lavoro di alto livello presentano una propensione di andare oltre al figlio unico tra il 10 e il 20% più elevato rispetto alle altre coppie. Il secondo figlio è tendenzialmente più difficile che nasca in una coppia d'istruzione intermedia mentre è più facile in quelle con bassa istruzione o in quelle con alto titolo di studio.
    21 ottobre 2005

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    CI SONO MOLTI FATTORI CHE I DATI ISTAT OMETTONO


  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    22 - Per interrompere la "marcia verso la morte" della nostra gente

    Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale il tasso di natalità della popolazione tirolese della Provincia di Bolzano era pericolosamente precipitato a fronte di una crescita demografica di quella "italiana" e di un continuo flusso immigratorio. In quella occasione si era parlato di "marcia verso la morte" della antica comunità sud-tirolese. Il fenomeno si è interrotto e ribaltato con l'ottenimento di ampie forme di autonomia: oggi quella comunità è vitale e mostra la propria forza richiedendo fette sempre più grandi di libertà. L'intera Padania sta' oggi vivendo una esperienza simile: è il paese con il più basso tasso di natalità del mondo intero e vede la propria terra riempirsi di immigrati prolifici. Le cause di questa situazione vanno cercate nella precarietà di tante situazioni economiche, nell'incertezza del futuro ma anche nella caduta di libertà, nella perdita di fiducia nelle risorse comunitarie e nella crisi di identità. Molti Padani hanno oggi paura di affidare i loro figli a una società "spadanizzata" e impoverita di quei valori che hanno sempre fatto di questa terra un focolaio di vita e di vitalità. La pericolosa tendenza può essere invertita solo ridando alla nostra gente fiducia e speranza: è certo che l'indipendenza della Padania (con la conseguente prospettiva di ricostruire una società piena di antiche certezze e di forti identità) porterà la nostra società a trovare condizioni anche demografiche più equilibrate. Popoli liberi mettono al mondo figli desiderati e liberi.
    .
    .


  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,896
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Jenainsubrica
    22 - Per interrompere la "marcia verso la morte" della nostra gente

    Negli anni successivi alla seconda guerra mondiale il tasso di natalità della popolazione tirolese della Provincia di Bolzano era pericolosamente precipitato a fronte di una crescita demografica di quella "italiana" e di un continuo flusso immigratorio. In quella occasione si era parlato di "marcia verso la morte" della antica comunità sud-tirolese. Il fenomeno si è interrotto e ribaltato con l'ottenimento di ampie forme di autonomia: oggi quella comunità è vitale e mostra la propria forza richiedendo fette sempre più grandi di libertà. L'intera Padania sta' oggi vivendo una esperienza simile: è il paese con il più basso tasso di natalità del mondo intero e vede la propria terra riempirsi di immigrati prolifici. Le cause di questa situazione vanno cercate nella precarietà di tante situazioni economiche, nell'incertezza del futuro ma anche nella caduta di libertà, nella perdita di fiducia nelle risorse comunitarie e nella crisi di identità. Molti Padani hanno oggi paura di affidare i loro figli a una società "spadanizzata" e impoverita di quei valori che hanno sempre fatto di questa terra un focolaio di vita e di vitalità. La pericolosa tendenza può essere invertita solo ridando alla nostra gente fiducia e speranza: è certo che l'indipendenza della Padania (con la conseguente prospettiva di ricostruire una società piena di antiche certezze e di forti identità) porterà la nostra società a trovare condizioni anche demografiche più equilibrate. Popoli liberi mettono al mondo figli desiderati e liberi.
    .
    .
    Grazie Oneto.

  5. #5
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se depurato dalla merda socialist libertaria sì .

  6. #6
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,218
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Eridano
    Grazie Oneto.
    hai avuto occasione di visitare Bolzano ultimamente?
    quella che solo 20-30 anni fa era la piccola, caratteristica, cittadina montana, con una sua specificità urbana, è cresciuta all'inverosimile con traffico, smog e cemento da far invidia anche alle più disastrate città della pianura.
    Ormai è sicuro che Trento e Bolzano daranno vita a una unica, mostruosa megalopoli situata ai piedi delle più belle montagne del mondo.
    ha ma anche queste ultime saranno "valorizzate" a dovere.
    ricordo che il primo nato del 2000 fu un bambino di Bolzano e naturalmente il solito demagogo, salutò l'evento come l'inizio della svolta demografica per la città.........
    in effetti non aveva torto; il neonato era pakistano........

  7. #7
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,896
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Maxadhego
    hai avuto occasione di visitare Bolzano ultimamente?
    quella che solo 20-30 anni fa era la piccola, caratteristica, cittadina montana, con una sua specificità urbana, è cresciuta all'inverosimile con traffico, smog e cemento da far invidia anche alle più disastrate città della pianura.
    Ormai è sicuro che Trento e Bolzano daranno vita a una unica, mostruosa megalopoli situata ai piedi delle più belle montagne del mondo.
    ha ma anche queste ultime saranno "valorizzate" a dovere.
    ricordo che il primo nato del 2000 fu un bambino di Bolzano e naturalmente il solito demagogo, salutò l'evento come l'inizio della svolta demografica per la città.........
    in effetti non aveva torto; il neonato era pakistano........
    Da cinque anni frequento il Sud Tirolo (e anche il Tirolo Libero) durante il periodo natalizio; mi sono sempre rifiutato di visitare Bolzano poichè ritengo che di tirolese non conservi più nulla.
    La città nella quale dimoro in albergo è Stertzing.
    Benchè lassù sia straniero, in quel luogo splendido mi sento a casa e una parte di me rimarrà sempre lì.
    Tirol über alles.

  8. #8
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,896
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Emiliano



    magari vi estingueste...



    Ti estinguerai prima tu.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 02-04-18, 21:20
  2. Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 20-04-08, 23:10
  3. Gli italiani sono un popolo a rischio di estinzione
    Di oggettivista nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 11-04-08, 13:05
  4. Siamo un popolo a rischio di estinzione fisica !!!
    Di oggettivista nel forum Destra Radicale
    Risposte: 69
    Ultimo Messaggio: 08-04-08, 06:51
  5. Castelli: italiani popolo di smidollati destinato all'estinzione
    Di Il Patriota nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 03-11-05, 18:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226