User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Commercio delle armi

  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Sep 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    5,339
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Commercio delle armi

    Se la produzione delle armi è un grave disordine che regna nel mondo odierno rispetto alle vere necessità degli uomini e all'impiego dei mezzi adatti a soddisfarle, non lo è meno il commercio delle stesse armi. Anzi, a proposito di questo, è necessario aggiungere che il giudizio morale è ancora più severo."
    (Giovanni Paolo II, Sollicitudo rei socialis, 24)


    Che ne pensate?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    penso che occorre leggere anche il pezzo che segue:

    .........
    E nessuno ignora — come rileva il recente Documento della Pontificia Commissione Iustitia et Pax sul debito internazionale — che in certi casi i capitali, dati in prestito dal mondo dello sviluppo, son serviti ad acquistare armamenti nel mondo non sviluppato. Se a tutto questo si aggiunge il pericolo tremendo, universalmente conosciuto, rappresentato dalle armi atomiche accumulate fino all'incredibile, la conclusione logica appare questa: il panorama del mondo odierno, compreso quello economico, anziché rivelare preoccupazione per un vero sviluppo che conduca tutti verso una vita "più umana" — come auspicava l'Enciclica Populorum Progressio — , sembra destinato ad avviarci più rapidamente verso la morte. Le conseguenze di tale stato di cose si manifestano nell'acuirsi di una piaga tipica e rivelatrice degli squilibri e dei conflitti del mondo contemporaneo: i milioni di rifugiati, a cui guerre, calamità naturali, persecuzioni e discriminazioni di ogni tipo hanno sottratto la casa, il lavoro, la famiglia e la patria. La tragedia di queste moltitudini si riflette nel volto disfatto di uomini, donne e bambini, che, in un mondo diviso e divenuto inospitale, non riescono a trovare più un focolare.

    ..........
    http://digilander.libero.it/magistero/gp2solli.htm



    Credo a questo:

    si fa tanto clamore e tante marce per far cessare le guerre, che non ci si applica forse più concretamente per far cessare il commercio delle armi specialmente in Africa......

    Non hanno medicine e non hanno ospedali, ma stranamente non si vede un soldato senza un arma....e qualcuno deve spiegare come fa la Francia a gestire un movimento economico di commercio delle armi senza che nessuno dica nulla..così come la Russia e l'America..il più pulito ha la rogna..come la nostra MARCA BERETTA....e le armi ai palestinesi chi gliele passa? e perchè non dire nulla della bomba atomica che ha Israele? alcuni dicono che è necessaria per equilibrare la situazione in Medio Oriente......e non dimentichiamo che l'India, si l'India che muore di fame ha la sua bomba atomica...ma la guerra è stata dichiarata solo all'Iraq....

    Insomma....è un tasto dolente questo che ha i suoi scheletri nell'armadio........ha luci ed ombre.......e una verità che non verrà mai a galla......
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    01 Sep 2005
    Località
    Emilia Romagna
    Messaggi
    5,339
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Italia hanno cambiato la legge 185/90.Ahimè. Lo sapevate?
    Avete mai chiesto alla vostra banca se investe i vostri risparmi in armi?

    Per maggiori informazioni:

    www.controlarms.org

    http://www.banchearmate.it/

  4. #4
    INNAMORARSI DELLA CHIESA
    Data Registrazione
    25 Apr 2005
    Località
    Varese
    Messaggi
    6,420
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    DIALOGHI

    Dopo un secolo di tragedie pur fra contraddizioni si riapre la speranza: un colloquio tra Eraldo Affinati e Mario Rigoni Stern

    '900, l'Europa dai fucili al walkman

    «Abbiamo raggiunto un continente senza confini che ci dobbiamo ancora meritare: dal Mediterraneo al Baltico»

    Di Eraldo Affinati

    Ho visto la casa di Mario Rigoni Stern, ad Asiago, in tutte le stagioni: d'estate era scintillante e rinserrata su se stessa in un riverbero del sole in mezzo ai rami degli alberi; nel dolce autunno dei cacciatori solitari assomigliava alla castagna dentro il riccio spinoso; negli inverni lontani pareva accucciata alla maniera del capriolo infreddolito; a primavera si preparava a spiccare il balzo giù nella valle, inseguendo le allodole.

    Sono trascorsi sessant'anni dalla fine della Seconda guerra mondiale. Più di 90 dall'attentato di Sarajevo: entrambi i conflitti bellici, ma specialmente il primo, hanno segnato in modo irreversibile l'Altopiano dei Sette Comuni. Cosa abbiamo guadagnato nel frattempo, noi, reduci di pace? Lo chiedo all'antico ragazzo che, nel fatidico settembre 1939, quando la Germania e l'Unione Sovietica si spartirono la Polonia, non aveva ancora compiuto diciott'anni, ma era già caporalmaggiore degli alpini, entusiasta e fresco di nomina, acquartierato con il suo reparto nel settore del Monte Bianco, diviso fra gare di sci ed esercitazioni al poligono di tiro, pronto ad entrare in azione per eseguire gli ordini dei comandi superiori.

    Il continente riguadagnato

    Le sue parole, pronunciate nella lucida consapevolezza di aver militato, in quanto sottufficiale dell'Armir, dalla parte sbagliata, scendono su di me come una specie di benedizione: «Abbiamo guadagnato un'Europa senza confini che ci dobbiamo ancora meritare: dal Mediterraneo al Baltico. Gli Stati che prima si combattevano adesso hanno la moneta unica. Sarebbe arrivato il momento di riconoscere nostra anche un'unità morale. Se andiamo a zappare nei millenni, ci scopriremo figli del Centro Africa. Dirci siciliani o padani è ridicolo. Al mondo siamo tutti compaesani».

    Va bene, sergente. Ma cosa abbiamo perso? «La misura umana. Negli anni Cinquanta la gente cantava: si sentiva fischiettare per le strade, nei campi e nelle cucine. Oggi chi lo fa più? La musica si ascolta n elle cuffiette, ognuno per conto suo. In treno tutti stanno zitti, leggono o fanno finta, pur di non parlare. Poi scendono alla stazione senza dire buongiorno e buonasera. Isolamento e comodità sembrano procedere di comune accordo: è forse il prezzo che dobbiamo pagare al progresso?».
    «Se penso all'Europa», sostiene adesso Mario Rigoni Stern, «mi viene in mente Alcide De Gasperi. Lo ricordo sotto un larice, a Sella di Valsugana dove veniva a riposare. Gli bastava poco: un quaderno, qualche libro e una penna stilografica a cui teneva molto. Mi è rimasta negli occhi la sua semplicità».

    Il Vangelo letto nel lager

    Lascio scorrere i titoli che, come ponti fra due generazioni, illustrano la nostra amicizia. Una classe scolastica. «La mia maestra Elisa. Quaranta ragazzi. Sapeva tenerli a bada. Non aveva preferenza per poveri e ricchi, ti giudicava solo per quello che dimostravi di essere». Anna Frank. «Credo di averne viste tante, nei lager tedeschi, trascinate a fare le schiave in Germania. Riscopro ora le sue sembianze nello sguardo di Caterina, mia nipote». Il fungo atomico. «Ero tornato da poco. I giornali parlavano di una bomba strana che aveva provocato decine di morti. Quando venimmo a sapere la verità, pensai: per fortuna quell'arma non l'aveva avuta Hitler!». La steppa. «Le sere estive di luglio, quando ti senti portato per l'universo. Le notti, con le stelle che si possono contare una ad una. Senza presenza umana». Un uomo con le mani in tasca. «Charlot col berretto di sghimbescio.

    Finalmente qualcuno che non ha niente da fare».
    Un testo memorabile: «Il Vangelo di Giovanni. Lo lessi nel lager, con la fame, il freddo e i pidocchi. Mi sembrò tutto chiarissimo. Perché i teologi e gli esegeti ne discutono tanto?». Un film di guerra. «L'infanzia di Ivan di Andrej Tarkovskij». Don Gnocchi. «Era uno sbandato come noi, quei giorni di gennaio del 1943. Immaginai che ci desse la benedizione in articulo mortis, prima della ritirata». Il fucile. «Un giocattolo per sparare al tirassegno». La baita celeste. «È un luogo dove non c'è freddo. Non si ha fame, non si ha sete. Si sta con gli amici a ragionare, come nel vascello di Dante». Una tazza di latte. «La bevanda più buona che ci sia. Non dà, come il vino, solo ebbrezza. Siamo mammiferi, nati per succhiare il latte della madre. Ah! Se avessi potuto averne una nel lager!».
    E se dovessi dare qualche consiglio a un giovane, cosa gli diresti? «Non sprecare il tuo tempo perché poi lo rimpiangerai. Cerca di non attribuire troppa importanza a personaggi senza valore. Scegli un lavoro adatto a te non per guadagnare denaro ma per completare la vita».

    «Non so se oggi siamo più sereni di ieri - riflette Mario -. Il benessere non è prerogativa di tutti. Pochi giorni fa, in un supermercato, ho rivisto il libretto della spesa fra le mani di una giovane moglie che aveva appena comprato pane e formaggio. Non me lo ricordavo dai tempi di guerra. Adesso ricompare. E non è un semplice reperto: serve ancora a sbarcare il lunario».
    Andare oltre è stato il sogno dell'uomo novecentesco. Il suo vanto, il suo delirio. Ad ogni costo bisognava partire verso nuovi traguardi, fuori e dentro di noi, mettendo in conto di spingersi talmente in là da non poter più tornare indietro. Tutto ciò che imbrigliava l'energia non era ritenuto degno di essere preso in considerazione. È stato giusto? Oppure quell'idea di libertà era illusoria? «Mi fai tremare le vene nei polsi», dice Mario Rigoni Stern. E aggiunge: «Chi può stabilire, nella vita di un uomo o nella ricerca scientifica, quale è il punto preciso in cui fermarsi? Dovremmo riuscire ad evitare le stupidaggini, le crudeltà. Non sarebbe poco». Il silenzio pesa su di noi per qualche secondo, prima che il vecchio alpino riprenda a parlare: «Ricordo un semplice boscaiolo che aveva fatto soltanto la terza elementare. Una volta qualcuno gli chiese: come va Bortolo? E lui rispose con una frase che ancora adesso mi resta dentro, al pari di una sen tenza inappellabile: ah caro, in questo mondo non c'è redenzione».

    Un alpino e la redenzione

    Guardo il sergente maggiore e penso ad Alì, un ragazzo afghano che ho avuto in classe quest'anno. Ha perso i genitori in guerra, da bambino. Mentre io gli insegnavo l'italiano, lui mi raccontava la storia del suo lungo cammino, dalla pianure asiatiche a piedi fino a Teheran sulle spalle del fratello più grande, attraverso i valichi innevati, sfuggendo al fuoco delle guardie turche. E poi ancora più avanti, sotto il Caucaso per raggiungere Istanbul, fino a restare da solo. Il mio scolaro è arrivato in Italia agganciandosi alle sospensioni di un Tir. Due giorni e due notti senza mangiare né bere dal mar Egeo a quello Adriatico fino alle cupole dorate di San Marco. Ha staccato la presa, ormai sfinito, solo durante la sosta del camion a un semaforo alla periferia di Treviso, non lontano dalla casa di Mario Rigoni Stern. Alì ha superato tutti i confini ma adesso ne cerca uno per frenare la sua corsa: quanto vorrei che trovasse, se non la redenzione, almeno il coraggio di voltarsi indietro!


    www.avvenire.it
    Fraternamente Caterina
    Laica Domenicana

 

 

Discussioni Simili

  1. L' Onu vuole restringere il commercio delle armi convenzionali
    Di Avanguardia nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 10-06-13, 12:26
  2. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 20-03-06, 23:56
  3. Più facile il commercio d'armi!
    Di Gino Cerutti nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 28-03-03, 21:50

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226