User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Grandesilvio
    Ospite

    Predefinito Bush dichiara guerra all'Islam radicale

    Bush dichiara guerra all'Islam radicale
    di Daniel Pipes
    L'Opinione delle Libertà
    14 ottobre 2005
    Pezzo in lingua originale inglese: Bush Declares War on Radical Islam

    Un coraggioso discorso pronunciato da George W. Bush la scorsa settimana ha inaugurato una nuova era in quella che egli definisce come "la guerra al terrorismo".

    Per comprendere appieno il suo significato occorre considerare qualche antefatto. Gli islamisti (i fautori dell'Islam radicale) iniziarono la loro guerra contro gli Stati Uniti nel 1979, quando l'Ayatollah Khomeini arrivò al potere in Iran e in seguito, nel corso dello stesso anno, i suoi fiancheggiatori presero d'assalto l'ambasciata americana di Teheran.

    Ma nei successivi ventidue anni gli Stati Uniti hanno pensato di trovarsi di fronte a un problema prettamente di natura criminosa e non sono riusciti ad accorgersi che si trattava di una guerra mossa contro di loro. Ad esempio, nel 1998, quando gli islamisti attaccarono due ambasciate nell'Africa Orientale, Washington reagì sguinzagliando i suoi investigatori, arrestando i perpetratori, portandoli a New York, assegnando loro degli avvocati difensori, per poi giudicarli colpevoli e mandarli in galera.

    La seconda era ebbe inizio l'11 settembre 2001. Quella sera il presidente Bush dichiarò "guerra al terrorismo" e il governo statunitense entrò prontamente in guerra approvando, ad esempio, il Patriot Act americano. Sebbene io sia lieto di questo cambiamento, è da quattro anni che critico la locuzione "guerra al terrorismo" intesa come tattica militare, trovando ciò eufemistico, inesatto e ostruzionistico. Piuttosto, ho ripetutamente invitato il Presidente a dare il via a una terza era prendendo atto che si tratta di una guerra contro l'Islam radicale.

    Bush ha occasionalmente menzionato l'Islam radicale – in effetti fin da nove giorni dopo l'11 settembre – ma non con la frequenza necessaria a indurre l'opinione pubblica a mutare le proprie convinzioni. Il premier britannico Tony Blair ha altresì affrontato il problema a luglio quando, subito dopo gli attentati di Londra, egli focalizzò l'attenzione su "un'ideologia religiosa, una tendenza esistente in seno alla religione islamica".

    Ma la terza era è iniziata realmente il 6 ottobre con il discorso di Bush al National Endowment for Democracy. Egli non solo ha dato diversi nomi alle forze che si celano dietro il terrorismo ("Qualcuno lo chiama radicalismo islamico; qualcun altro jihadismo militante; altri ancora islamo-fascismo"), ma è perfino sceso nei dettagli. In particolare, egli:

    ha presentato questa "ideologia omicida" dei radicali islamici come "la grande sfida del nostro secolo";
    ha operato una distinzione tra essa e la religione dell'Islam;
    ha fatto dei paralleli tra l'Islam radicale e il comunismo (entrambi sono elitari, crudeli, totalitari, sprezzanti della libertà di ogni individuo e decisamente contraddittori), per poi rimarcare quanto la guerra americana all'Islam radicale "rassomigli alla lotta condotta nel secolo scorso contro il comunismo";
    ha messo in evidenza la triplice offensiva islamista per arrivare al potere: porre fine all'influenza occidentale nel mondo musulmano, ottenere il controllo dei governi musulmani e fondare "un impero islamico radicale che si estende dalla Spagna all'Indonesia";
    ha illustrato la "visione politica violenta" dell'Islam radicale che annovera un programma volto "a sviluppare armi di distruzione di massa, ad annientare Israele, a minacciare l'Europa, ad aggredire gli americani e a costringere con il ricatto il nostro governo all'isolamento";
    ha delineato il suo obiettivo primario: "asservire tutte le nazioni e minacciare il mondo";
    ha fatto notare che gli stessi musulmani hanno l'onere di svolgere "il compito più importante" di combattere l'islamismo;
    ha invitato "tutti gli autorevoli leader islamici a unirsi nella pubblica condanna" di questa ideologia e ad agire contro di essa.
    Il contenuto dettagliato del discorso del presidente Bush trasforma la visione ufficiale americana di chi sia il nemico, passando dalla nozione superficiale e inadeguata di "terrorismo" al concetto molto più accurato di "radicalismo islamico". Questo cambiamento assume potenzialmente un'importanza permanente se alla fine, dopo ventisei anni, esso induce la buona società a dare un nome al nemico.

    Farlo significa, ad esempio, che le autorità preposte all'immigrazione e le forze dell'ordine possono tener conto dell'Islam quando decidono chi lasciare entrare nel paese o chi indagare per reati legati al terrorismo. Se si focalizzeranno sui musulmani come la sola ed unica fonte primaria dell'estremismo islamico, riusciranno alla fine a fare il loro lavoro adeguatamente.

    Malgrado questi innumerevoli progressi, il discorso pronunciato da Bush è lungi dall'essere esatto

    La sue citazioni dal Corano richiamano alla mente quanto asserito da lui nel 2001, quando egli impartì degli insegnamenti ai musulmani in merito alla vera natura della loro fede; il suo commento relativo a come gli estremisti distorcano "l'idea di jihad" implica sfortunatamente che il jihad sia qualcosa di positivo.

    Tuttavia, è molto più preoccupante il fatto che il presidente Bush abbia circoscritto "l'impero islamico radicale" (o califfato) alla sola area che va dalla Spagna all'Indonesia, poiché gli islamisti hanno una visione globale che richiede altresì il controllo sui paesi che non sono musulmani – e in particolar modo, gli Stati Uniti. Le loro ambizioni universali di certo possono essere fermate, ma innanzitutto esse andrebbero comprese e respinte. Solo quando gli americani capiranno che gli islamisti intendono rimpiazzare la Costituzione americana con la Shari'a entreranno nella quarta ed ultima era di questa guerra.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    24 Nov 2003
    Messaggi
    4,895
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Bush dichiara guerra all'Islam radicale

    Originally posted by Grandesilvio
    Bush dichiara guerra all'Islam radicale
    di Daniel Pipes
    L'Opinione delle Libertà
    14 ottobre 2005
    Pezzo in lingua originale inglese: Bush Declares War on Radical Islam

    Un coraggioso discorso pronunciato da George W. Bush la scorsa settimana ha inaugurato una nuova era in quella che egli definisce come "la guerra al terrorismo".

    Per comprendere appieno il suo significato occorre considerare qualche antefatto. Gli islamisti (i fautori dell'Islam radicale) iniziarono la loro guerra contro gli Stati Uniti nel 1979, quando l'Ayatollah Khomeini arrivò al potere in Iran e in seguito, nel corso dello stesso anno, i suoi fiancheggiatori presero d'assalto l'ambasciata americana di Teheran.

    Ma nei successivi ventidue anni gli Stati Uniti hanno pensato di trovarsi di fronte a un problema prettamente di natura criminosa e non sono riusciti ad accorgersi che si trattava di una guerra mossa contro di loro. Ad esempio, nel 1998, quando gli islamisti attaccarono due ambasciate nell'Africa Orientale, Washington reagì sguinzagliando i suoi investigatori, arrestando i perpetratori, portandoli a New York, assegnando loro degli avvocati difensori, per poi giudicarli colpevoli e mandarli in galera.

    La seconda era ebbe inizio l'11 settembre 2001. Quella sera il presidente Bush dichiarò "guerra al terrorismo" e il governo statunitense entrò prontamente in guerra approvando, ad esempio, il Patriot Act americano. Sebbene io sia lieto di questo cambiamento, è da quattro anni che critico la locuzione "guerra al terrorismo" intesa come tattica militare, trovando ciò eufemistico, inesatto e ostruzionistico. Piuttosto, ho ripetutamente invitato il Presidente a dare il via a una terza era prendendo atto che si tratta di una guerra contro l'Islam radicale.

    Bush ha occasionalmente menzionato l'Islam radicale – in effetti fin da nove giorni dopo l'11 settembre – ma non con la frequenza necessaria a indurre l'opinione pubblica a mutare le proprie convinzioni. Il premier britannico Tony Blair ha altresì affrontato il problema a luglio quando, subito dopo gli attentati di Londra, egli focalizzò l'attenzione su "un'ideologia religiosa, una tendenza esistente in seno alla religione islamica".

    Ma la terza era è iniziata realmente il 6 ottobre con il discorso di Bush al National Endowment for Democracy. Egli non solo ha dato diversi nomi alle forze che si celano dietro il terrorismo ("Qualcuno lo chiama radicalismo islamico; qualcun altro jihadismo militante; altri ancora islamo-fascismo"), ma è perfino sceso nei dettagli. In particolare, egli:

    ha presentato questa "ideologia omicida" dei radicali islamici come "la grande sfida del nostro secolo";
    ha operato una distinzione tra essa e la religione dell'Islam;
    ha fatto dei paralleli tra l'Islam radicale e il comunismo (entrambi sono elitari, crudeli, totalitari, sprezzanti della libertà di ogni individuo e decisamente contraddittori), per poi rimarcare quanto la guerra americana all'Islam radicale "rassomigli alla lotta condotta nel secolo scorso contro il comunismo";
    ha messo in evidenza la triplice offensiva islamista per arrivare al potere: porre fine all'influenza occidentale nel mondo musulmano, ottenere il controllo dei governi musulmani e fondare "un impero islamico radicale che si estende dalla Spagna all'Indonesia";
    ha illustrato la "visione politica violenta" dell'Islam radicale che annovera un programma volto "a sviluppare armi di distruzione di massa, ad annientare Israele, a minacciare l'Europa, ad aggredire gli americani e a costringere con il ricatto il nostro governo all'isolamento";
    ha delineato il suo obiettivo primario: "asservire tutte le nazioni e minacciare il mondo";
    ha fatto notare che gli stessi musulmani hanno l'onere di svolgere "il compito più importante" di combattere l'islamismo;
    ha invitato "tutti gli autorevoli leader islamici a unirsi nella pubblica condanna" di questa ideologia e ad agire contro di essa.
    Il contenuto dettagliato del discorso del presidente Bush trasforma la visione ufficiale americana di chi sia il nemico, passando dalla nozione superficiale e inadeguata di "terrorismo" al concetto molto più accurato di "radicalismo islamico". Questo cambiamento assume potenzialmente un'importanza permanente se alla fine, dopo ventisei anni, esso induce la buona società a dare un nome al nemico.

    Farlo significa, ad esempio, che le autorità preposte all'immigrazione e le forze dell'ordine possono tener conto dell'Islam quando decidono chi lasciare entrare nel paese o chi indagare per reati legati al terrorismo. Se si focalizzeranno sui musulmani come la sola ed unica fonte primaria dell'estremismo islamico, riusciranno alla fine a fare il loro lavoro adeguatamente.

    Malgrado questi innumerevoli progressi, il discorso pronunciato da Bush è lungi dall'essere esatto

    La sue citazioni dal Corano richiamano alla mente quanto asserito da lui nel 2001, quando egli impartì degli insegnamenti ai musulmani in merito alla vera natura della loro fede; il suo commento relativo a come gli estremisti distorcano "l'idea di jihad" implica sfortunatamente che il jihad sia qualcosa di positivo.

    Tuttavia, è molto più preoccupante il fatto che il presidente Bush abbia circoscritto "l'impero islamico radicale" (o califfato) alla sola area che va dalla Spagna all'Indonesia, poiché gli islamisti hanno una visione globale che richiede altresì il controllo sui paesi che non sono musulmani – e in particolar modo, gli Stati Uniti. Le loro ambizioni universali di certo possono essere fermate, ma innanzitutto esse andrebbero comprese e respinte. Solo quando gli americani capiranno che gli islamisti intendono rimpiazzare la Costituzione americana con la Shari'a entreranno nella quarta ed ultima era di questa guerra.
    L'islam radicale non prevede altri territori che non siano quelli dell'Islam, ma comunque sta trovando sempre più gente sia in Asia che in Africa che in medio oriente, vedi Israele che si oppone a questi piani criminosi; lunga vita alla resistenza SudSudanese lunga vita alla resistenza Indiana ed Israeliana

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    29 Oct 2005
    Località
    dal 16 febr nella citta delle olimpiadi a sgobbare fino al giorno dopo bevendo birra in ufficio e fumando l impossibile
    Messaggi
    2,947
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    hahahah
    mi chiedo se bush abbia citato anche che Dio in persona ha affidato all amerika di prendere le redini del mondo e di condurci tutti alla MC DEMOCRACY!o forse aveva paura di apparire il coglione,bugiardo che e´visto che gia noi abbiamo la fortuna di avere un unto dal signore


  4. #4
    SubZero
    Ospite

    Predefinito


 

 

Discussioni Simili

  1. Bush dichiara guerra a Putin.
    Di canapone 59 nel forum Politica Estera
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 31-03-08, 18:35
  2. Apl dichiara guerra all'Impero
    Di LIBERAL_ nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 13-06-05, 10:31
  3. La Nike Ci Dichiara Guerra
    Di Arancia Meccanica nel forum Destra Radicale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 23-02-05, 12:04
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 27-08-03, 20:05
  5. ironia: bush dichiara guerra alla masturbazione
    Di Shambler nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 11-12-02, 22:59

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226