User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 43

Discussione: La lingua madre...

  1. #1
    sübre ò söpèi? No, Zølfø.
    Data Registrazione
    02 Apr 2009
    Località
    Canton Basgovia, Bagossonia Prealpina
    Messaggi
    1,082
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking La lingua madre...

    Söpèlade sül müs...

    Quella «I» come «italiano» che la scuola ha trascurato - Corriere della Sera

    IL DIBATTITO / Croce sbagliava: insegnare la letteratura non basta
    Quella «I» come «italiano»
    che la scuola ha trascurato
    Un documento della Crusca e dei Lincei lancia l'allarme: i ragazzi ignorano la lingua madre

    L' italiano a scuola è minac*ciato. Da chi? Da tutti (o quasi): dalla politica, e cioè dalle riforme previste o, meglio, minacciate, dagli allievi che non vogliono saperne di regole in generale, figurarsi di quelle grammaticali, persino dai professori, e vedremo perché. L’insegnamento dell’italiano è minacciato anche (o soprattutto) dalla società, che offre poli di attrazione ben diversi dall’approfondimento della lingua-madre: immagini, tecnologie, internet, l’immancabile televisione eccetera.


    La riforma, si diceva: per alcuni indirizzi della scuola superiore prevede una riduzione. Ma non è questo quel che conta davvero: a preoccupare è l’atteggiamento di generale superficialità con cui si guarda alla nostra lingua. Per esempio, a molti addetti ai lavori è sembrata una provocazione, con questi chiari di luna, la recente crociata leghista per il dialetto nelle scuole. I chiari di luna sono quelli che impietosamente emergono dalle classifiche internazionali (Ocse-Pisa) riguardanti le competenze linguistiche dei nostri giovani, collocati agli ultimi posti. Per queste buone ragioni, le due maggiori accademie italiane, la Crusca e i Lincei, hanno deciso di lanciare un appello su Lingua italiana, scuola, sviluppo, partendo da un principio solo apparentemente assodato: «una padronanza medio-alta dell’italiano è un bene per il Paese e il suo sviluppo culturale ed economico ». Assodato? Niente affatto, sarebbe meglio non dare niente per scontato. Vi ricordate il famoso slogan delle tre «I» su cui un passato governo Berlusconi fondava la prospettiva di una scuola rinnovata? C’era di tutto (inglese internet impresa) salvo che l’italiano che pure aveva la stessa iniziale.

    L’appello degli accademici, steso da Francesco Bruni, sostiene che «una conoscenza della lingua materna sicura e ricca, che non si limiti ai bisogni comunicativi primari, elementari (...) è una precondizione per un Paese civile». Quel che si propone è insomma «un deciso rafforzamento dell’italiano nell’insegnamento scolastico». Con una sottolineatura: che le ore dedicate alla lingua siano tenute ben distinte da quelle riguardanti la lettura dei testi. Il che riduce l’antica prevalenza crociana della letteratura come disciplina regina, per ripartire più terre à terre dalla lingua d’uso. Il paradosso vuole addirittura che studenti Erasmus venuti da noi dopo aver imparato l’italiano all’estero siano più preparati dei nostri sulle strutture morfologiche e sintattiche e persino sul lessico.

    Il filologo Cesare Segre, professore universitario di lungo corso, conosce bene le carenze degli studenti: «Sanno poche parole, non sono capaci di costruire frasi complesse e fanno errori di ortografia gravissimi, insomma non sanno usare la lingua: riassumere, raccontare, riferire. Questo significa che non hanno il dominio della realtà, perché la lingua è il modo che abbiamo per metterci in contatto con il mondo: e se non sei capace di esprimerti non sei capace di giudicare. Per di più la civiltà dell’immagine in genere usa la lingua per formulare slogan e non ragionamenti». C’è poi la questione della presunta concorrenza dell’inglese: «Se non possiedi la struttura della tua lingua non sei in grado di imparare le altre, per questo le campagne a favore dell’inglese non hanno senso se non si legano a un miglioramento dell’italiano».

    Basterà rivedere i programmi? Aggiungere un’ora? O mantenere le attuali? Il presidente d’onore della Crusca, Francesco Sabatini, punta su un aspetto che definisce paradossale: «Non c’è nessun collegamento tra la formazione universitaria e l’immissione degli insegnanti nella scuola: si richiederebbe una competenza linguistica e tecnico-didattica specifica. Un tempo poteva insegnare italiano nelle superiori anche un laureato in giurisprudenza che aveva fallito la carriera di avvocato oppure un laureato in pedagogia. Ma ancora oggi se io chiedo a cento professori di italiano quanti hanno studiato linguistica o storia della lingua, rispondono positivamente soltanto in dieci. Il predominio della letteratura è un tardo influsso crociano». Non per niente Sabatini ha scritto già un paio d’anni fa un saggio intitolato Lettera sul ritorno alla grammatica. Ma contro la grammatica sembrano schierarsi persino i professori, che forse sarebbero i primi a doverla imparare: «È vero, c’è un blocco dei docenti, i quali sostengono che chi sa bene la letteratura può insegnare tranquillamente la lingua. Per non dire poi dei ministeri, che ignorano persino l’esistenza di una disciplina che si chiama linguistica». Insomma, ci vorrebbe, secondo Sabatini, una politica mirata all’insegnamento dell’italiano, tenendo conto del fatto che l’italiano serve a tutti i cittadini e a tutti i professionisti: non solo ai docenti di italiano, ma ai magistrati, agli avvocati, ai medici, agli ingegneri eccetera.

    E il dialetto? «È importante culturalmente, storicamente, strutturalmente. Va bene presentarlo, ma insegnarlo sistematicamente sarebbe una follia: il dialetto si impara, non si insegna». Bisogna andare sul campo, come si dice, per avere una voce ancora più netta sulla questione. Carla Marello è glottodidatta all’Università di Torino e si occupa molto dell’insegnamento a stranieri. Una prospettiva diversa? «No, tutto ciò che vale nell’insegnamento dell’italiano agli stranieri, serve a maggior ragione per i parlanti nativi. Oggi poi...». Oggi? «Con le classi multilingue l’insegnamento dell’italiano è cambiato per forza. Se poi sentiamo in televisione il Grande Fratello, si capisce subito che la lingua dei giovani è diversa da quella delle antologie scolastiche e dalle scritture artificiali che si richiedono nei temi». Dunque? «La scuola continua a insegnare un italiano fittizio, c’è un distacco enorme tra l’esempio che diamo e ciò che gli allievi sono in grado di recepire. Dunque se vogliamo che l’italiano scritto dei nostri ragazzi migliori dobbiamo impegnarci a farli scrivere di cose concrete, con un insegnamento molto pratico che non guardi più alla lingua letteraria come al solo modello». Bandire la letteratura? «No, si arriverà alla letteratura come massimo grado di utilità e bellezza, ma prima punterei su forme di scrittura meno belle e più concrete, senza ostinarmi a perseguire norme utopiche e senza dare per scontato niente». Proprio niente? Neanche la differenza tra scritto e orale? «Tra scritto e parlato c’è uno scollamento enorme: puntando sul parlato, alzeremo anche il livello dello scritto. Sempre meglio dire: 'se lo sapevo non venivo' piuttosto che 'se non lo saprei non verrei'. Che bisogno c’è di pretendere a tutti i costi 'se l’avessi saputo non sarei venuto'? Pazienza se non sarà lo scritto di Igor Man o di Scalfari, ma quello più realistico della Littiz*zetto! ».

    Paolo Di Stefano

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    07 Jun 2009
    Messaggi
    242
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La lingua madre...

    la cultura dell'estroversione forzata porta a queste conseguenze.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La lingua madre...

    l'italiano non è la mia madrelingua.

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    27 Apr 2009
    Messaggi
    8,434
    Mentioned
    20 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La lingua madre...

    --ogni generazione contribuisce all'imbarbarimento di quella successiva : solo quando si sarà toccato il fondo nell'incapacità linguistica e la società sarà consapevole della sua regressione ,solo allora si potrà nuovamente comprendere che occorrerà educare i pargoletti ad ascoltare più che vedere, a comprendere più che discutere e negare.
    L'imbarbarimento linguistico è poi facilitato dalla pigrizia dei bambini che non sono invogliati dai loro genitori alla lettura e senza di questa non c'è verso poi che i bambini possano scrivere una paginetta di pensieri senza soffrire.
    Non ci credete? Provate ad ascoltare gli adolescenti sui mezzi di trasporto e vi cadranno le braccia e le orecchie.

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    1,215
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Thumbs down Rif: La lingua madre...

    Precisiamo che l'itagliano è il dialetto toscano..che hanno imposto con la coeercizione scolastica per unire l'itaglia. A Milano, nelle scuole, ti mettevano in castigo, ti deridevano ferocemente di fronte a tutti, se dicevi qualche parola in Milanese, ti appioppavano un grave complesso di inferiorità. Noi, che siamo normalmente rispettosi, abbiamo e parliamo in itagliano, in altre latitudini no. Da Ignazio Buttitta calabrese), più o meno:
    ",,,,se a un popolo togli la lingua lasciatagli dai padri......è morto per sempre"
    Questa è l'idaglia unida unica e indivizibbile......

  6. #6
    Moderato con i moderati
    Data Registrazione
    04 May 2005
    Località
    Bolzano/Bozen
    Messaggi
    39,282
    Mentioned
    95 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Rif: La lingua madre...

    Citazione Originariamente Scritto da dime can Visualizza Messaggio
    l'italiano non è la mia madrelingua.
    Poaro can! :gluglu:

  7. #7
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La lingua madre...

    il mio nick name è : dime can ma no sta dirme talian (tell me dog but not italian)

  8. #8
    a mia insaputa
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Casa mia
    Messaggi
    2,342
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La lingua madre...

    me, tant per nà n'sël sicür a l'o lisìt en mantuà :gluglu:
    Se vedòm!

  9. #9
    Moderato con i moderati
    Data Registrazione
    04 May 2005
    Località
    Bolzano/Bozen
    Messaggi
    39,282
    Mentioned
    95 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Rif: La lingua madre...

    Citazione Originariamente Scritto da dime can Visualizza Messaggio
    il mio nick name è : dime can ma no sta dirme talian (tell me dog but not italian)
    Talian te o ghe scrito su a carta de identità. A te voresi che fuse scrito "veneto", ma me sa che te ghe da spetar un po'..... :gluglu:
    Ultima modifica di Scipione; 19-12-09 alle 21:31

  10. #10
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: La lingua madre...

    ... spetar un fià

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 26-07-18, 19:49
  2. Risposte: 135
    Ultimo Messaggio: 18-02-11, 16:21
  3. Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 24-06-07, 13:30
  4. Lingua madre ed etnia
    Di lanzichenecco nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-12-05, 14:07
  5. Convegno "Lingua Madre". E allora parlo in limba
    Di frankobollo nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 09-05-05, 16:29

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226