User Tag List

Risultati da 1 a 10 di 10
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,758
    Mentioned
    11 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Cittadella: sit-in per l'immigrato discriminato

    il mattino Domenica 6 novembre 2005

    PROTESTA A CITTADELLA

    Cerca un posto ma è «riservato» a lavoratori italiani
    La manifestazione davanti alla sede del centro per l'impiego di Cittadella Ferrari


    Sit-in al centro per l'impiego per l'immigrato discriminato


    ClTTADELLA.
    Offerta di lavoro per soli italiani, al centro provinciale per l'impiego di Cittadella.
    Per questa discriminazione, Rete del lavoro migrante Padova-Alta, associazione Japoo, Ascan e Zattera Urbana, con l'adesione di Fiom-Cgil, Cgil Padova e Rifondazione Comunista, hanno manifestato ieri mattina davanti all'ufficio dellavoro, all'incrocio di Borgo Bassano, solidarizzando con Ismail Aityahya, 42 anni, marocchino, regolare, in Italia dal '97.


    Col permesso di soggiorno dal 2000, il nordafricano vive a Limena ed è laureato a Lione (Francia) in ingegneria elettronica. Venerdì si era recato nel centro provinciale per l'impiego di Cittadella per un posto di lavoro.

    Ma qui, ricorda, lo aspettava una brutta sorpresa. «Da poco - spiega Aityahya - sono rimasto disoccupato e ho notato un'offerta di lavoro, come elettricista, alla Technocar spa di Limena; l'impiegata mi ha però detto, consultata la scheda, che l'annuncio era riservato a soli lavoratori italiani».

    Nel volantino di protesta, si legge che «si tratta di un atto assolutamente illegale», che va a cozzare contro la costituzione e le leggi del lavoro; illegale è pure il fatto che «l'azienda presenti richieste di questo tipo e una struttura pubblica le avalli e non le denunci».

    Daniela Ruffini, assessore all'accoglienza del Comune di Padova, presente al sit-in di protesta a Cittadella, sottolinea la natura «discriminatoria» dell'atto e invita la Provincia ad «assumersi le proprie responsabilità».
    Ruffini chiama in causa anche il sindaco di Cittadella, Massimo Bitonci, definito dai manifestanti «alfiere della legalità», perché prenda posizione sulla vicenda.

    L'assessore provinciale al lavoro, Roberto Tosetto, spiega che «se simili episodi sono effettivamente avvenuti, li stigmatizzo decisamente». Tosetto però non condivide il modus operandi dei manifestanti.

    «Si rischia di fomentare sospetti, senza risolvere nulla: di certo i nostri uffici non hanno mai ricevuto, ne mai riceveranno, disposizioni discriminatorie da me, ne tanto meno dal presidente; i nostri centri per l'impiego - tiene a sottolineare costituiscono invece una realtà completamente integrata e molti sono gli investimenti in questo senso, dall'apprendimento della lingua ai mediatori culturali».

    Quanto a Bitonci e all'epiteto di«alfiere del la legalità», il sindaco di Cittadella commenta: «Me ne vanto».
    Poi aggiunge: «Certe chiamate in causa, su materie che non sono assolutamente di competenza dell'amministrazione comunale, mirano solo a politicizzare una questione; è un fatto specifico, che non può essere generalizzato; la nostra gente è molto più tollerante di quanto certe persone vogliano far pensare».

    (Silvia Bergamin)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Veneta sempre itagliana mai
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    '' E' in gran parte merito di Luca Cordero di Montezemolo se la Juventus non si rivolse ai tribunali ordinari '' (Joseph S. Blatter - Presidente F.I.F.A. - Dicembre 2007)
    Messaggi
    63,122
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Cittadella: sit-in per l'immigrato discriminato

    In origine postato da Maxadhego
    il mattino Domenica 6 novembre 2005

    PROTESTA A CITTADELLA

    Cerca un posto ma è «riservato» a lavoratori italiani
    La manifestazione davanti alla sede del centro per l'impiego di Cittadella Ferrari


    Sit-in al centro per l'impiego per l'immigrato discriminato


    ClTTADELLA.
    Offerta di lavoro per soli italiani, al centro provinciale per l'impiego di Cittadella.
    Per questa discriminazione, Rete del lavoro migrante Padova-Alta, associazione Japoo, Ascan e Zattera Urbana, con l'adesione di Fiom-Cgil, Cgil Padova e Rifondazione Comunista, hanno manifestato ieri mattina davanti all'ufficio dellavoro, all'incrocio di Borgo Bassano, solidarizzando con Ismail Aityahya, 42 anni, marocchino, regolare, in Italia dal '97.


    Col permesso di soggiorno dal 2000, il nordafricano vive a Limena ed è laureato a Lione (Francia) in ingegneria elettronica. Venerdì si era recato nel centro provinciale per l'impiego di Cittadella per un posto di lavoro.

    Ma qui, ricorda, lo aspettava una brutta sorpresa. «Da poco - spiega Aityahya - sono rimasto disoccupato e ho notato un'offerta di lavoro, come elettricista, alla Technocar spa di Limena; l'impiegata mi ha però detto, consultata la scheda, che l'annuncio era riservato a soli lavoratori italiani».

    Nel volantino di protesta, si legge che «si tratta di un atto assolutamente illegale», che va a cozzare contro la costituzione e le leggi del lavoro; illegale è pure il fatto che «l'azienda presenti richieste di questo tipo e una struttura pubblica le avalli e non le denunci».

    Daniela Ruffini, assessore all'accoglienza del Comune di Padova, presente al sit-in di protesta a Cittadella, sottolinea la natura «discriminatoria» dell'atto e invita la Provincia ad «assumersi le proprie responsabilità».
    Ruffini chiama in causa anche il sindaco di Cittadella, Massimo Bitonci, definito dai manifestanti «alfiere della legalità», perché prenda posizione sulla vicenda.

    L'assessore provinciale al lavoro, Roberto Tosetto, spiega che «se simili episodi sono effettivamente avvenuti, li stigmatizzo decisamente». Tosetto però non condivide il modus operandi dei manifestanti.

    «Si rischia di fomentare sospetti, senza risolvere nulla: di certo i nostri uffici non hanno mai ricevuto, ne mai riceveranno, disposizioni discriminatorie da me, ne tanto meno dal presidente; i nostri centri per l'impiego - tiene a sottolineare costituiscono invece una realtà completamente integrata e molti sono gli investimenti in questo senso, dall'apprendimento della lingua ai mediatori culturali».

    Quanto a Bitonci e all'epiteto di«alfiere del la legalità», il sindaco di Cittadella commenta: «Me ne vanto».
    Poi aggiunge: «Certe chiamate in causa, su materie che non sono assolutamente di competenza dell'amministrazione comunale, mirano solo a politicizzare una questione; è un fatto specifico, che non può essere generalizzato; la nostra gente è molto più tollerante di quanto certe persone vogliano far pensare».

    (Silvia Bergamin)
    al posto di Bitonci avrei detto che è giusto e sacrosanto che il lavoro vada prima ai miei concittadini Veneti....punto

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito qualcosa mi sfugge

    l'immigrato aspirante elettricista era laurato in ingegeria in francia.
    perchè viene qua ? non sarà stato espulso ?

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,966
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: qualcosa mi sfugge

    In origine postato da dime can
    l'immigrato aspirante elettricista era laurato in ingegeria in francia.
    perchè viene qua ? non sarà stato espulso ?
    Vero dime can, e poi c'è anche un'altra piccola questione: non si può obbligare le aziende ad assumere lavoratori extracomunitari, magari maghrebini, se l'esperienza insegna che non valgono un'unghia di quelli padani: la qualità del lavoro degli extra è nettamente inferiore a quella di qui e su questo non ci piove.
    Alla faccia della caritas

  5. #5
    motan
    Ospite

    Predefinito Re: Re: qualcosa mi sfugge

    In origine postato da novis
    Vero dime can, e poi c'è anche un'altra piccola questione: non si può obbligare le aziende ad assumere lavoratori extracomunitari, magari maghrebini, se l'esperienza insegna che non valgono un'unghia di quelli padani: la qualità del lavoro degli extra è nettamente inferiore a quella di qui e su questo non ci piove.
    Alla faccia della caritas
    Le aziende non hanno l'obbligo di assumere tramite i centri per l'impiego. Se non vogliono stranieri facciano autonomamente la selezione. Nel momento in cui decidono di avvalersi di tali centri non possono discriminare in base alla nazionalità:

    L. 189/02 art. 2 Comma 3.
    La Repubblica italiana, in attuazione della convenzione dell'OIL n. 143 del 24 giugno 1975, ratificata con legge 10 aprile 1981, n. 158, garantisce a tutti i lavoratori stranieri regolarmente soggiornanti nel suo territorio e alle loro famiglie parità di trattamento e piena uguaglianza di diritti rispetto ai lavoratori italiani.

  6. #6
    motan
    Ospite

    Predefinito Re: qualcosa mi sfugge

    In origine postato da dime can
    l'immigrato aspirante elettricista era laurato in ingegeria in francia.
    perchè viene qua ? non sarà stato espulso ?
    Improbabile.
    L'accordo di Shengen (L.388/93, art. 25 c. 1) e la legge 39/90 condizionano il mantenimento/rilascio del permesso di soggiorno a un extra-UE espulso da un altro stato aderente alla convenzione, ad una consultazione con lo stato UE da cui è stato espulso.

    Articolo 25
    Qualora una parte contraente preveda di accordare un titolo di soggiorno ad uno straniero segnalato ai fini della non ammissione, essa consulta preliminarmente la parte contraente che ha effettuato la segnalazione e tiene conto degli interessi di quest'ultima; il titolo di soggiorno sarà accordato soltanto per motivi seri, in particolare umanitari o in conseguenza di obblighi internazionali.
    Se il titolo di soggiorno viene rilasciato, la parte contraente che ha effettuato la segnalazione procede al ritiro di quest'ultima, ma può tuttavia iscrivere lo straniero nel proprio elenco delle persone segnalate.
    Qualora risulti che uno straniero titolare di un titolo di soggiorno in corso di validità rilasciato da una delle Parti Contraenti é segnalato ai fini della non ammissione, la parte contraente che ha effettuato la segnalazione consulta la parte che ha rilasciato il titolo di soggiorno per stabilire se vi sono motivi sufficienti per ritirare il titolo stesso...

  7. #7
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,966
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: qualcosa mi sfugge

    In origine postato da motan
    Le aziende non hanno l'obbligo di assumere tramite i centri per l'impiego. Se non vogliono stranieri facciano autonomamente la selezione. Nel momento in cui decidono di avvalersi di tali centri non possono discriminare in base alla nazionalità:

    L. 189/02 art. 2 Comma 3.
    La Repubblica italiana, in attuazione della convenzione dell'OIL n. 143 del 24 giugno 1975, ratificata con legge 10 aprile 1981, n. 158, garantisce a tutti i lavoratori stranieri regolarmente soggiornanti nel suo territorio e alle loro famiglie parità di trattamento e piena uguaglianza di diritti rispetto ai lavoratori italiani.
    Lo so benissimo che ci sono le leggi procomunitari e che c'è anche il famigerato art. 3 della Cost., tutte cose varate sotto il diktat del socialismo e assolutamente inadatte a governare la realtà attuale. Le leggi sono solo strumenti, il loro successo dipende unicamente dal modo in cui questi strumenti sono usati e in Itaglia sono stati usati malissimo, tanto che oramai sono del tutto delegittimati.
    Anche a prescindere da questo una legge che imponga ad un imprenditore di non discriminare nell'assunzione tra un lavoratore italiano che si è formato qui e un lavoratore che si è formato nel terzo mondo è sbagliata, dal momento, caro Motan, che l'imprenditore rischia i SUOI soldi e non quelli di qualcun altro. Dunque se l'imprenditore decide di assumere l'extra fatti suoi, dovrà garantirgli parità di trattamento, ma se non lo vuole assumere non può essere obbligato a farlo.

  8. #8
    motan
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Re: Re: qualcosa mi sfugge

    In origine postato da novis
    Lo so benissimo che ci sono le leggi procomunitari e che c'è anche il famigerato art. 3 della Cost., tutte cose varate sotto il diktat del socialismo e assolutamente inadatte a governare la realtà attuale. Le leggi sono solo strumenti, il loro successo dipende unicamente dal modo in cui questi strumenti sono usati e in Itaglia sono stati usati malissimo, tanto che oramai sono del tutto delegittimati.
    Anche a prescindere da questo una legge che imponga ad un imprenditore di non discriminare nell'assunzione tra un lavoratore italiano che si è formato qui e un lavoratore che si è formato nel terzo mondo è sbagliata, dal momento, caro Motan, che l'imprenditore rischia i SUOI soldi e non quelli di qualcun altro. Dunque se l'imprenditore decide di assumere l'extra fatti suoi, dovrà garantirgli parità di trattamento, ma se non lo vuole assumere non può essere obbligato a farlo.
    Infatti io dicevo che non è obbligato ad assumere un extra-UE. Basta che non faccia uso dei centri per l'impiego, altrimenti deve sottostare a dei vincoli precisi.

  9. #9
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,966
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Re: qualcosa mi sfugge

    In origine postato da motan
    Infatti io dicevo che non è obbligato ad assumere un extra-UE. Basta che non faccia uso dei centri per l'impiego, altrimenti deve sottostare a dei vincoli precisi.
    e perchè i centri per l'impiego devono funzionare in base a leggi e criteri che tu stesso definisci sbagliate?

  10. #10
    motan
    Ospite

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Re: Re: qualcosa mi sfugge

    In origine postato da novis
    e perchè i centri per l'impiego devono funzionare in base a leggi e criteri che tu stesso definisci sbagliate?
    Io non sostengo che leggi sono sbagliate, dico solo che l'azienda ha libertà di scelta nel come assumere.
    Se non ha intenzione di prendere un extra-UE, ma si avvale di un centro per l'impiego, passa automaticamente dalla parte del torto.
    Comunque la 189/02 è la Bossi-Fini che impone parità di trattamento ai lavoratori (che io contesto ma per altri motivi legati al sistema delle quote).

 

 

Discussioni Simili

  1. Uomo, discriminato e solo
    Di Cuordy nel forum Fondoscala
    Risposte: 401
    Ultimo Messaggio: 04-12-13, 23:32
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-12-12, 16:07
  3. Mi sento discriminato!!!
    Di codino nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 08-02-10, 11:21
  4. Cittadella: sit-in per l'immigrato discriminato
    Di Maxadhego nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 06-11-05, 20:42
  5. Quando è l'uomo ad essere discriminato dal Femminismo.
    Di Sir Demos nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 18-04-02, 03:35

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226