User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,200
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito Cittadella: sit-in per l'immigrato discriminato

    il mattino Domenica 6 novembre 2005

    PROTESTA A CITTADELLA

    Cerca un posto ma è «riservato» a lavoratori italiani
    La manifestazione davanti alla sede del centro per l'impiego di Cittadella Ferrari


    Sit-in al centro per l'impiego per l'immigrato discriminato


    ClTTADELLA.
    Offerta di lavoro per soli italiani, al centro provinciale per l'impiego di Cittadella.
    Per questa discriminazione, Rete del lavoro migrante Padova-Alta, associazione Japoo, Ascan e Zattera Urbana, con l'adesione di Fiom-Cgil, Cgil Padova e Rifondazione Comunista, hanno manifestato ieri mattina davanti all'ufficio dellavoro, all'incrocio di Borgo Bassano, solidarizzando con Ismail Aityahya, 42 anni, marocchino, regolare, in Italia dal '97.


    Col permesso di soggiorno dal 2000, il nordafricano vive a Limena ed è laureato a Lione (Francia) in ingegneria elettronica. Venerdì si era recato nel centro provinciale per l'impiego di Cittadella per un posto di lavoro.

    Ma qui, ricorda, lo aspettava una brutta sorpresa. «Da poco - spiega Aityahya - sono rimasto disoccupato e ho notato un'offerta di lavoro, come elettricista, alla Technocar spa di Limena; l'impiegata mi ha però detto, consultata la scheda, che l'annuncio era riservato a soli lavoratori italiani».

    Nel volantino di protesta, si legge che «si tratta di un atto assolutamente illegale», che va a cozzare contro la costituzione e le leggi del lavoro; illegale è pure il fatto che «l'azienda presenti richieste di questo tipo e una struttura pubblica le avalli e non le denunci».

    Daniela Ruffini, assessore all'accoglienza del Comune di Padova, presente al sit-in di protesta a Cittadella, sottolinea la natura «discriminatoria» dell'atto e invita la Provincia ad «assumersi le proprie responsabilità».
    Ruffini chiama in causa anche il sindaco di Cittadella, Massimo Bitonci, definito dai manifestanti «alfiere della legalità», perché prenda posizione sulla vicenda.

    L'assessore provinciale al lavoro, Roberto Tosetto, spiega che «se simili episodi sono effettivamente avvenuti, li stigmatizzo decisamente». Tosetto però non condivide il modus operandi dei manifestanti.

    «Si rischia di fomentare sospetti, senza risolvere nulla: di certo i nostri uffici non hanno mai ricevuto, ne mai riceveranno, disposizioni discriminatorie da me, ne tanto meno dal presidente; i nostri centri per l'impiego - tiene a sottolineare costituiscono invece una realtà completamente integrata e molti sono gli investimenti in questo senso, dall'apprendimento della lingua ai mediatori culturali».

    Quanto a Bitonci e all'epiteto di«alfiere del la legalità», il sindaco di Cittadella commenta: «Me ne vanto».
    Poi aggiunge: «Certe chiamate in causa, su materie che non sono assolutamente di competenza dell'amministrazione comunale, mirano solo a politicizzare una questione; è un fatto specifico, che non può essere generalizzato; la nostra gente è molto più tollerante di quanto certe persone vogliano far pensare».

    (Silvia Bergamin)

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Totila
    Ospite

    Predefinito Re: Cittadella: sit-in per l'immigrato discriminato

    Originally posted by Maxadhego
    il mattino Domenica 6 novembre 2005

    PROTESTA A CITTADELLA

    Cerca un posto ma è «riservato» a lavoratori italiani
    La manifestazione davanti alla sede del centro per l'impiego di Cittadella Ferrari


    Sit-in al centro per l'impiego per l'immigrato discriminato


    ClTTADELLA.
    Offerta di lavoro per soli italiani, al centro provinciale per l'impiego di Cittadella.
    Per questa discriminazione, Rete del lavoro migrante Padova-Alta, associazione Japoo, Ascan e Zattera Urbana, con l'adesione di Fiom-Cgil, Cgil Padova e Rifondazione Comunista, hanno manifestato ieri mattina davanti all'ufficio dellavoro, all'incrocio di Borgo Bassano, solidarizzando con Ismail Aityahya, 42 anni, marocchino, regolare, in Italia dal '97.


    Col permesso di soggiorno dal 2000, il nordafricano vive a Limena ed è laureato a Lione (Francia) in ingegneria elettronica. Venerdì si era recato nel centro provinciale per l'impiego di Cittadella per un posto di lavoro.

    Ma qui, ricorda, lo aspettava una brutta sorpresa. «Da poco - spiega Aityahya - sono rimasto disoccupato e ho notato un'offerta di lavoro, come elettricista, alla Technocar spa di Limena; l'impiegata mi ha però detto, consultata la scheda, che l'annuncio era riservato a soli lavoratori italiani».

    Nel volantino di protesta, si legge che «si tratta di un atto assolutamente illegale», che va a cozzare contro la costituzione e le leggi del lavoro; illegale è pure il fatto che «l'azienda presenti richieste di questo tipo e una struttura pubblica le avalli e non le denunci».

    Daniela Ruffini, assessore all'accoglienza del Comune di Padova, presente al sit-in di protesta a Cittadella, sottolinea la natura «discriminatoria» dell'atto e invita la Provincia ad «assumersi le proprie responsabilità».
    Ruffini chiama in causa anche il sindaco di Cittadella, Massimo Bitonci, definito dai manifestanti «alfiere della legalità», perché prenda posizione sulla vicenda.

    L'assessore provinciale al lavoro, Roberto Tosetto, spiega che «se simili episodi sono effettivamente avvenuti, li stigmatizzo decisamente». Tosetto però non condivide il modus operandi dei manifestanti.

    «Si rischia di fomentare sospetti, senza risolvere nulla: di certo i nostri uffici non hanno mai ricevuto, ne mai riceveranno, disposizioni discriminatorie da me, ne tanto meno dal presidente; i nostri centri per l'impiego - tiene a sottolineare costituiscono invece una realtà completamente integrata e molti sono gli investimenti in questo senso, dall'apprendimento della lingua ai mediatori culturali».

    Quanto a Bitonci e all'epiteto di«alfiere del la legalità», il sindaco di Cittadella commenta: «Me ne vanto».
    Poi aggiunge: «Certe chiamate in causa, su materie che non sono assolutamente di competenza dell'amministrazione comunale, mirano solo a politicizzare una questione; è un fatto specifico, che non può essere generalizzato; la nostra gente è molto più tollerante di quanto certe persone vogliano far pensare».

    (Silvia Bergamin)
    Chissà se per un immigrato padano a Marrakesh, che pretende un lavoro riservato ai marocchini, si mobiliterrebbero tutti i rappresentanti delle istituzioni del luogo.

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Unhappy GLI ZANZIBARESI SONO PIU' INTELLIGENTI DEI PADANI

    http://www.televideo.rai.it/televide...te.jsp?id=1204

    28/10/2005 20:45

    MA A ZANZIBAR SI PARLA DI SECESSIONE
    Come già avvenuto in passato, la campa-
    gna elettorale ha vissuto momenti di
    violenza a Zanzibar, l'isola in cui
    molti abitanti aspirano ad abbandonare
    l'unità nazionale con il Tanganica.

    Esponenti del Cuf, il partito secessio-
    nista, hanno dato vita a vibranti pro-
    teste di piazza, degenerate in scontri
    con la polizia. Altre violenze hanno
    opposto manifestanti del Cuf a rappre-
    sentanti del Ccm. In tutto si sono con-
    tate diverse decine di feriti.

    La Costituzione garantisce ampia auto-
    nomia alle isole di Pemba e Zanzibar,
    che già hanno un loro presidente e un


    Le crescenti divisioni tra Tanganica e
    Zanzibar si sono palesate con l'ammis-
    sione di quest'ultima nella Fifa come
    squadra nazionale di calcio e con la
    presenza contemporanea di 3 bandiere.



    Qualche mese fa,il Parlamento di Zanzi-
    bar ha poi approvato una legge che vie-
    ta agli stranieri .(ivi compresi i con-
    nazionali della terraferma)
    di occupare
    posti di lavoro nell'isola finché ci
    sono autoctoni a disposizione. In com-
    penso, l'autorità centrale ha messo un
    freno alla libertà di espressione. .




    Lo zoccolo duro del partito Cuf è com-
    posto dagli appartenenti alla comunità








    Perchè non sono nato a zanzibar, perchè?

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito ma perchè l'ingegnere non era i francia ?

    dove si era brillantemente laureato ? che sia stato espulso ?

 

 

Discussioni Simili

  1. Uomo, discriminato e solo
    Di Cuordy nel forum Fondoscala
    Risposte: 401
    Ultimo Messaggio: 04-12-13, 22:32
  2. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-12-12, 15:07
  3. Mi sento discriminato!!!
    Di codino nel forum Parlamento di Pol
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 08-02-10, 10:21
  4. Cittadella: sit-in per l'immigrato discriminato
    Di Maxadhego nel forum Padania!
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 07-11-05, 15:38
  5. Quando è l'uomo ad essere discriminato dal Femminismo.
    Di Sir Demos nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 18-04-02, 02:35

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226