User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Il Patriota
    Ospite

    Thumbs up ottimo borghezio:" perchè israele può avere la bomba h e l'iran no?"

    Iran sorvegliato speciale Ma non sia il solo
    Mario Borghezio: «Il fatto oggettivo è che esiste una profonda disparità di trattamento tra questo Paese e le altre potenze alleate degli Usa. A queste ultime tutto è concesso, riarmo nucleare compreso»

    l di là delle dichiarazioni antisioniste del Presidente iraniano Ahmadinejad, che hanno scatenato l’opinione pubblica occidentale in difesa del diritto di esistenza dello Stato ebraico, è da tempo che gli Usa accusano l’Iran di lavorare per dotarsi di armamenti nucleari, violando in tal modo il trattato di non proliferazione di armamenti atomici. Qualcuno già parlato di strategia americana per invadere l’Iran, definito sbrigativamente da Washington, uno Stato-canaglia.
    Ne parliamo con l’europarlamentare leghista Mario Borghezio.
    Onorevole Borghezio, le accuse americane sono credibili oppure assisteremo alla fabbricazione di prove fasulle atte a dare un pretesto agli americani per attaccare Teheran, come già accaduto con l’Iraq?
    «Innanzitutto non si può parlare della corsa agli armamenti nucleari da parte dell’Iran senza evidenziare l’aspetto geopolitico della vicenda. L’Iran è una grande potenza asiatica circondata da Paesi alleati degli Stati Uniti dotati di armamenti atomici. Senza contare la presenza di ingenti truppe americane ai suoi confini, in Iraq e in Afghanistan. Se a questa situazione aggiungiamo il ricordo drammatico della lunga guerra intercorsa tra l’Iran di Komeini e l’Iraq di Saddam negli anni Ottanta del secolo scorso, con il suo cumulo di orrori, di devastazioni, di utilizzo da parte irachena di gas mortali, allora potremo anche capire meglio certi timori e certe reazioni allarmate da parte degli iraniani».
    Lei crede quindi che l’Iran, avendo ben vivo il ricordo della guerra che ha causato centinaia di migliaia di vittime vent’anni fa, teme di restare in balìa di nuove aggressioni senza avere armamenti all’altezza? E il trattato di non proliferazione nucleare che fine deve fare, quella della carta straccia?
    «Se perfino parte dell’opposizione interna al regime iraniano non è contraria alle ricerche sul nucleare militare, qualcosa dovrà pur significare, no? E poi dove sono le prove che l’Iran stia realmente violando quel trattato internazionale? I controlli recenti non dimostrano alcuna violazione da parte di Teheran. Per questo la richiesta fatta dal ministro degli Esteri italiano Gianfranco Fini di portare l’Iran davanti al Consiglio di sicurezza dell’Onu appare poco motivata e alquanto velleitaria. L’Agenzia internazionale sull’energia non ha trovato alcuna prova in proposito».
    Però Teheran non vuole fermare le sue ricerche sull’impoverimento dell’uranio e con l’uranio impoverito si può costruire la bomba atomica.
    «Vero, però è la stessa Intelligence americana che dice che ci vorranno almeno 10 anni prima che l’Iran potrà avere una bomba nucleare grazie al procedimento dell’uranio impoverito. E poi, mi scusi, come si può pensare di far condannare l’Iran quando ci sono le altre potenze dell’area che violano il trattato di non proliferazione nucleare?».
    A chi si riferisce?
    «A Israele e al Pakistan, tanto per dirne due. Il fatto oggettivo è che esiste una profonda disparità di trattamento tra l’Iran e le altre potenze alleate degli Usa. A queste ultime tutto è concesso, riarmo nucleare compreso. È giusto? Non lo credo».
    I rapporti commerciali importanti che intercorrono tra l’Italia e l’Iran sono a rischio, secondo lei?
    «Mi auguro proprio di no. La bilancia commerciale di Teheran nel primo semestre del 2004 parla di una plusvalenza di 10 miliardi di dollari, il che fa dell’Iran una potenza economica di prim’ordine, che intrattiene relazioni commerciali con tutta l’Europa, e l’Italia è in pole-position. Si parla ogni dì di potenzialità enormi della Cina in senso commerciale, pensando a un domani, e non si approfitta dell’oggi che si chiama Iran?».
    E i contatti dell’Iran con il terrorismo islamico?
    «Su questo punto non dobbiamo transigere: proprio noi della Lega che ci battiamo contro l’invasione islamica in Europa, diciamo chiaro e forte che i contatti iraniani con il terrorismo vanno fermati con una decisa presa di posizione diplomatica. Seguiamo il positivo esempio della Russia, che è riuscita a far sì che dagli hezbollah integralisti iraniani non giungesse più alcun aiuto alla guerriglia cecena muslulmana. Una politica di sano realismo vuole però sottolineare che in quell’area non sempre gli interessi di noi europei collimano con gli interessi della superpotenza statunitense».

    Gianluca Savoini

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    Due pesi, due misure Una politica miope

    «Il diritto all’esistenza di Israele non può essere messo in discussione e quindi le dichiarazioni del Presidente iraniano Ahmadinejad vanno respinte con decisione al mittente. Ciò non significa però adottare la miope politica del “due pesi e due misure”, secondo la quale a Israele tutto è concesso, edificazione di un Muro antipalestinese compreso, mentre i suoi vicini (sbrigativamente definiti Stati -canaglia dall’amministrazione statunitense) non devono sgarrare nemmeno a parole».
    Giacomo Stucchi, presidente della Commissione parlamentare Politiche dell’Unione europea alla Camera, osserva con preoccupazione l’escalation di tensione in atto nel vicino Oriente dopo le dure parole del Presidente iraniano contro Israele (a dir la verità un po’ “modificate” dai traduttori occidentali che le hanno girate alla stampa).
    «L’Iran è un Paese fondamentale nello scacchiere mediorientale - spiega Stucchi - e quindi le valutazioni della comunità internazionale devono andare a 360 gradi. I rapporti che intercorrono tra gli sciiti iraniani e quelli iracheni trasformano l’Iran in un punto strategico delicatissimo per gli equilibri di un’area che da sempre è una polveriera e non è proprio il caso di buttare benzina sul fuoco con dichiarazioni sopra le righe provenienti dagli Usa». Aggredire militarmente Teheran sarebbe quindi, per Stucchi, un errore letale. «Gli americani devono evitare di cercare a tutti i costi il “casus belli”, il pretesto per aggredire l’Iran - sottolinea il deputato bergamasco -, si andrebbe verso la destabilizzazione dell’area con risultati assolutamente imprevedibili e pericolosi anche per noi europei. Già l’intervento armato in Iraq è stato effettuato adducendo un pretesto che poi si è dimostrato fasullo, non si può continuare a minacciare mezzo mondo sulla base di prove non dimostrabili, né tantomeno per dichiarazioni, sia pur vergognose, come quelle di Ahmadinejad».
    La soluzione sta perciò nella via diplomatica, conclude Stucchi. «Patti chiari, amicizia lunga con l’Iran - è il pensiero del parlamentare leghista -. Qualora certi atteggiamenti e comportamenti inaccettabili continuassero, allora si potrebbe studiare qualche misura adatta a far capire che l’Ue non scherza sui principi e sui valori fondamentali della convivenza umana, anche l’embargo se necessario. Ma non si parli di intervento militare, per favore: creerebbe più danni che benefici, anche allo stesso Israele».
    G. S.

  3. #3
    Ordine e Disciplina
    Data Registrazione
    08 Apr 2002
    Località
    Reazione, Tradizione, Controrivoluzione, Restaurazione, Legittimismo, Sanfedismo
    Messaggi
    5,143
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E c'è chi dice che Borghezio è un sionista...

  4. #4
    14/05/48 Schiavi di Sion
    Data Registrazione
    15 Jan 2005
    Località
    Al sicuro nella Basilica della Nativita', in Palestina ovvero in Terra Santa.
    Messaggi
    1,621
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Perche' il Pakistan con la "bombetta" non fa paura?

    Lo sanno gli Us-raeliani che Musharaff non e' eterno?

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Originally posted by Peucezio
    E c'è chi dice che Borghezio è un sionista...
    ...esatto. La posizione di Borghezio dovrebbe essere quella di tutta la LN...e certi signori della LN che partecipano alle manifestazioni pro-entità sionista dovrebbero vergognarsi
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 26-09-09, 15:27
  2. Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 06-07-09, 20:00
  3. Gli "esperti" ad Obama: "Nel 2009 l'Iran avra' la bomba"
    Di Marco123 nel forum Politica Estera
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 04-12-08, 10:48
  4. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 15-06-08, 13:14
  5. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 15-12-06, 01:41

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226