User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post Un «antisemita» di nome Menuhin

    Maurizio Blondet
    17/11/2005
    DUSSELDORF - Gerard Menuhin, il figlio del celebre violinista ebreo Yehudi Menuhin, non è più presidente della «Yehudi Menuhin Foundation» di Dusseldorf, la fondazione che porta il nome di suo padre.
    E' stato licenziato in tronco.
    Per dichiarazioni antisemite rilasciate al quotidiano National Zeitung e al mensile Deutsche Stimme, due pubblicazioni di estrema destra.
    I tedeschi sono «sotto un ricatto senza fine», ha detto Gerar Menuhin.
    «Una lobby internazionale di persone e organizzazioni potenti vuole tenere la Germania sotto pressione. Certi Stati - specialmente l'America, ma anche altri europei, traggono vantaggio da una Germania obbediente».
    Il «ricatto senza fine» è la macchia dello sterminio degli ebrei.
    «Quelli che proclamano di parlare a nome delle vittime [delle stragi naziste] dispongono di reti di altoparlanti migliori di quelli che hanno i rappresentanti di altri gruppi di sopravvissuti. Basta pensare ai sopravvissuti del genocidio in Cambogia, degli indiani d'America, degli armeni. Non sono il solo ebreo a pensarla così».



    Menuhin figlio ha aggiunto: «i tedeschi stessi hanno fornito il mezzo del ricatto, benché il periodo della macchia sia durato solo 12 anni; 12 anni su duemila anni di sviluppo immacolato. Un popolo che si lascia intimidire 60 anni dopo la fine della guerra, a causa degli eventi di quel tempo, non è sano».
    Apparentemente, Menuhin è convinto che la Germania è tenuta sotto ricatto e «obbediente» per farle pagare le spese dell'Unione Europea.
    «L'Unione Europea», ha detto, «è diventato un mostro di proporzioni colossali, che divora enormi somme, la maggior parte pagate dalla Germania».
    «Ma la gente non può essere sfruttata così in eterno; finché c'è un deficit di bilancio, nemmeno un soldo del denaro pubblico tedesco deve finire all'estero».
    Menuhin ha accennato sarcastico a «cacciatori di souvenir» ebrei che, a suo dire, sono in cerca in Germania di prove, grazie alle quali reclamare compensazioni in denaro per le persecuzioni del periodo bellico.
    I giornali a cui il figlio del violinista ha concesso la sua rovente intervista simpatizzano per il Partito Nazional-Democratico, ritenuto neonazista.
    Ma la cosa non disturba Menuhin, anzi: «i partiti estremi devono parlare chiaro, offrire alternative, specie adesso che i partiti del centro sono indistinguibili gli uni dagli altri, e mancano di coraggio o di soluzioni».



    A quanto pare, la famiglia Menuhin ha una storia di simpatia per il nazionalismo tedesco.
    Il nonno dell'intervistato, Moshe, era un fiero anti-sionista ed è stato art-director del National Zeitung, il giornale d'estrema destra, lasciandolo con l'accusa di non essere abbastanza anti -ebraico.
    Il padre, il violinista famoso, nominato pari d'Inghilterra nel '93 col nome di barone Menuhin di Stoke d'Abernon, poco prima della sua morte, nel 1999, accettò di suonare sotto la direzione del maestro Wilhelm Furtwangler, il maestro dal passato filo-nazista, quasi una non-persona nella repubblica federale di oggi.
    ll figlio Gerard, 57 anni, scrittore e produttore, ha superato padre e nonno.
    Alla notizia del suo licenziamento dalla Menuhin Foundation, ha dichiarato: «è una decisione logica e comprensibile in questa nazione 'rieducata'. Non per questo cambierò opinioni».
    La voce che si fa correre adesso è che sia uno squilibrato.
    La Jewish Telegraphic Agency (1) cita un anonimo «amico di famiglia» che dice di Gerard: «è sempre stato il meno musicalmente dotato della famiglia, e ne ha sofferto psicologicamente».

    Maurizio Blondet




    --------------------------------------------------------------------------------
    Note
    1) «Menuhin's son forced to design over anti-semitic interviews», JTA, 15 novembre 2005.



    Copyright © - EFFEDIEFFE - all rights reserved.
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito bravo gerart

    yehudi menuhim è stato uno dei più grandi violinisti (con david oistrach) e il figlio è degno della grandezza del padre.
    ha proprio ragione. c'è una differenza abissale tra i tedeschi che hanno più di 65 anni e le generazioni più giovani.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-05-13, 12:10
  2. Io ti Assolvo (Nel nome del Papa o nel nome di Dio)?
    Di Danny nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 29-01-07, 00:57
  3. Io, antisemita.
    Di Esmor nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 02-02-05, 10:09
  4. e se diventassi antisemita? (col nome di elfo sombrero)
    Di Shambler nel forum Tradizione Cattolica
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 14-12-02, 09:41
  5. Dopo Jung "antisemita", ora Marconi "antisemita"
    Di Patrizio (POL) nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 22-03-02, 17:03

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226