User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking Israele, baluardo della democrazia

    Kuss ummik, sharamuta*…go back to your country…
    ..con queste parole i “gentilissimi” guardiani del centro di immigrazione
    dell’areopoorto di Tel Aviv mi hanno rispedito in Italia dopo una giornata
    di interrogatori, perquisizioni e una nottata passata nelle celle di Isreale.

    La storia inizia all’arrivo nell’aereoporto di Tel Aviv, sono le 3,15 del
    mattino del 13 novembre….
    Ritorno dall’Italia, motivi familiari, 10 giorni di respiro dopo le bombe
    sonore dei mesi scorsi.
    Come di “consueto” da oltre un anno e mezzo a questa parte, le forze di
    sicurezza israeliane, ad ogni entrata su Israele, (anche quella da Gaza),
    mi fermano per un controllo speciale; noi che lavoriamo a Gaza purtroppo
    siamo comunque sottoposti a controlli particolari, vista la situazione di
    alta tensione e di pericolosita’ del posto.

    Da un po’ di tempo a questa parte i servizi segreti israeliani mi avevano
    cominciato a tenere d’occhio in modo particolare… ho passato gli ultimi 3
    anni e 3 mesi nella striscia di Gaza. Molto lavoro, responsabile di una
    ONG, implementazione di progetti di emergenza e sviluppo per il Ministero
    degli Esteri italiano.
    La cosa e’ abbastanza normale…motivi di sicurezza, infatti non mi sono
    mai rifiutata di fronte ai controlli, anche se pesanti, insistenti e spesso
    umilianti.
    Era molto chiaro che il loro obbiettivo era farmi abbandonare il campo,
    rinunciare al servizio umanitario a Gaza, lasciare Gaza e i palestinesi
    nella loro gabbia.
    Questo in effetti e’ quello che hanno fatto un po’ tutti (ONG,
    Organizzazioni internazionali), negli anni passati. Con noi non ci sono
    riusciti, siamo rimasti li, imperterriti, sotto le loro bombe, a
    denunciare, ma anche a cercare di trovare con i palestinesi risposte diverse.

    Si sa che quando si e’ in ballo, si viene coinvolti a tutto campo, e nei
    limiti del possibile e’ fondamentale e necessario. Con questo non intendo
    coinvolti in azioni di terrorismo, se fosse necessaria la spiegazione,
    coinvolti nella vita della gente; conosco e aiuto tantissimi palestinesi,
    donne uomini bambini/e. Ci preoccupiamo a portarli fuori dal paese anche
    per pochi giorni, (campi estivi, partite di calcio, formazione delle
    insegnanti). Ci preoccupiamo a fargli attraversare le frontiere per andare
    a curarsi all’estero…e cosi via…normalissimi e profondamente necessari
    interventi sociali e umanitari.

    La nostra ong, (CRIC) si e’ sempre opposta al ritirarsi dal lavorare a
    Gaza. In questi anni siamo stati testimoni della profonda ingiustizia di
    cui nessuno parlava e conosceva in modo approfondito. Siamo stati testimoni
    di una quotidianeita’ fatta di bombe, violenze sulla popolazione in gabbia
    senza lavoro, speranze e futuro.

    Grazie al lavoro mirato di Israele, che ce l’ha messa tutta a ridurli
    semplici approfittatori di assistenza umanitaria, i palestinesi stanno
    diventando un popolo dipendente da tutto, inermi, irragionevoli, incapaci
    di rispondere con dignita’ e democrazia. Grazie a una campagna stampa ben
    fatta che ha rafforzato l’idea che il terrorismo si annida li dentro,
    chiunque ci entra o ci vive lo diventa per forza.

    Ed e’ cosi che Israele mi ha considerato, per rafforzare anche in questo
    caso la possibilita’ di buttarmi fuori per motivi di sicurezza….

    “…come hai fatto a stare a Gaza per tre anni… non sei una persona
    normale… e’ impossibile…
    sappiamo che non hai interessi di amore, quindi e’ chiaro che i tuoi
    interessi sono di altro genere… basterebbe solo una piccola parte di
    tutta quella energia che hai, per farci contenti anche a noi… adesso tu
    sei qui, in questo posto, senza legge, questo posto non esiste, io non ti
    sto interrogando ufficialmente… se voglio ti faccio parlare, con le buone
    o con le cattive… ma voglio invece che tu collabori con noi… tu conosci
    tanta gente… devi dirmi i nomi di tutti quelli che conosci… sicuramente
    in mezzo c’e’ qualcuno di importante che ci puo’ interessare… lo dicono
    tutti quelli che passano di qui che hai conoscenze e connessioni… tutti
    parlano di te… noi vogliamo che ci fai qualche nome importante…
    qualcuno con il quale hai preso il caffe’ insieme… al resto pensiamo
    noi… se non collabori non entri mai piu’… e non giocare con noi…
    ricorda nessuno ti puo’ salvare, nemmeno Sharon in persona… solo io posso
    decidere… quindi e’ inutile anche il tuo ambasciatore…” ecc.

    E cosi’ il “colloquio” e’ andato avanti, prima con una donna, poi con un
    uomo, che tra minacce e aneddoti mi hanno fatto capire molto bene… (cosi
    come lo avevano fatto capire anche la prima volta) che devo stare molto
    attenta alla mia sicurezza.
    Le mie risposte, a loro parere non sono state collaborative, non andava
    bene il nome di un semplice Mohamad o Sami, non andava bene la mia
    risposta… “al massimo posso collaborare con voi cercando di farvi fare la
    pace…”

    Non voglio nemmeno ricordare tutto il resto del discorso e quanto hanno
    cercato di intimorirmi.
    Interrogatori e perquisizioni fisiche ripetute, finche’ senza che me ne
    accorgessi, e senza che mi informassero di niente mi hanno portato al
    centro di detenzione e dopo avermi sequestrato… sempre “gentilmente”…
    (ho un braccio un po’ contuso) anche tutti i miei telefoni… mi hanno
    stampato un bel “denied entry” sul passaporto.

    Con questo hanno tolto di mezzo l’ennesima cooperante rompi scatole…
    tanto si sa con la scusa di terrorismo e sicurezza si ottiene tutto.

    Ritengo debba essere fatta una protesta formale. Credo che il nostro
    Ministero debba riuscire a dire due cose a questi signori della sicurezza,
    nel rispetto di tutte le regole internazionali, deve garantire a tutte le
    ONG dentro e fuori la Striscia di Gaza di operare secondo criteri che non
    implichino la nostra sicurezza e soprattutto nel rispetto dei diritti umani.

    Meri
    CRIC
    Rappresentante Paese in Palestina

    * pesanti offese “figlia di…” etc. dette in arabo dal personale di
    sicurezza israeliano

    ——–

    GO BACK TO YOUR COUNTRY.
    COME ISRAELE ACCOGLIE I COOPERANTI IN PALESTINA

    Il 14 novembre scorso Meri, rappresentante paese per il CRIC (Centro
    Regionale d’Intervento per la Cooperazione), stava rientrando in Palestina
    dopo un breve periodo passato in Italia.
    Al controllo passaporti all’aeroporto Ben Gurion, Meri è stata fermata
    dalla sicurezza israeliana ed è stata sottoposta ad un lungo interrogatorio
    alle 3:00 del mattino, cui ne sono seguiti altri per tutta la giornata,
    intervallati da lunghe attese, finché alle 15:00 si è vista rifiutare
    l’ingresso in Israele.

    Né il nostro il Consolato, né la nostra Ambasciata, intervenute in
    aeroporto, hanno potuto comprendere le motivazioni della sicurezza
    israeliana o accedere ad alcuna informazione che potesse fermare o almeno
    chiarire l’assurda decisione.

    Alle 5:00 del mattino del 15 novembre, dopo 26 ore passate tra
    intimidazioni e minacce e dopo una notte rinchiusa in cella, Meri è stata
    imbarcata su un aereo per l’Italia a sue spese.

    Meri, oltre ad essere rappresentante del CRIC, gestisce un progetto di
    gestione e riciclo dei rifiuti solidi urbani nella Striscia di Gaza
    cofinanziato dal Ministero degli Esteri italiano.
    Il CRIC da oltre 15 anni è impegnato in progetti di sviluppo e umanitari
    sostenuti dal Ministero degli Affari Esteri, dalla Commissione Europea,
    dalle Nazioni Unite, da Regioni e Comuni italiani, ed in iniziative di
    solidarietà a beneficio della popolazione palestinese dei territori occupati.
    Moltissime sono state le persone che hanno contribuito alle attività del
    CRIC, che si sono recate nei territori occupati in questi anni, dando il
    loro supporto professionale ed umano alla costruzione di un futuro
    sostenibile e degno per il popolo palestinese.

    Il modo in cui Israele ha sempre trattato i cooperanti che lavorano in
    Palestina è noto e inaccettabile.
    Israele, impedendo ai cooperanti di svolgere il proprio lavoro, rende
    inutili gli sforzi della società civile, dell’Italia e di tutti gli altri
    Stati per la promozione dello sviluppo e della convivenza pacifica nella
    regione.
    Israele, ostacolando il lavoro delle organizzazioni umanitarie in
    Palestina, mostra ancora una volta netta opposizione ad ogni processo di pace!
    Mentre il Presidente Ciampi dichiara che la sicurezza di Israele va
    garantita, Israele nemmeno rispetta le richieste delle nostre
    rappresentanze diplomatiche.
    Quale di cooperazione italiana e internazionale in Palestina, se i diritti
    di chi lavora nella cooperazione sono violati in questo modo?
    Quando allo status da cooperanti in territori occupati verranno conferite
    la dignità e la sicurezza che merita rispetto ai soprusi di Israele?

    CRIC
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    El Criticon
    Ospite

    Predefinito A questo punto ...

    ... Meri dovrebbe rivolgersi a Mahmud Ahmadinejad, il presidente iraniano, chiedendogli di suggerire a Putin di indirizzare formale richiesta diplomatica a Berluscohen affinché quest'ultimo supplichi Benedictus Sedicesimus di rivolgere umile preghiera al presidente israeliano Katzcazz, ovviamente dopo avere elargito a Katzcazz un altro miliardo di euros, oltre a quelli già stanziati (a nostre spese), affinché Katzcazz cessi di rompere los coyones ai funzionari ONG del CRIC e tutti gli altri, a patto che sempre lui, il Katzcazz ordini all'attuale presidente di turno del consiglio europeo di trovare alternativo ma decoroso impiego alla suddetta MERI ...

    ... ovviamente sempre nel pieno rispetto delle attuali prevalenti prassi Geopol-Talmuddistiche ...

 

 

Discussioni Simili

  1. Ultras baluardo della libertà di pensiero
    Di Felipe K. nel forum Fondoscala
    Risposte: 74
    Ultimo Messaggio: 09-10-13, 18:05
  2. Israele nuovamente baluardo della civiltà occidentale
    Di l'inquirente nel forum Politica Estera
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-06-13, 11:56
  3. Israele conferma la superiorità della democrazia
    Di l'inquirente nel forum Politica Estera
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 10-10-11, 15:45
  4. La Monnezza come Baluardo Antiberlusconiano della Sinistra nel Sud
    Di Mantide nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-09-08, 09:25
  5. Israele, baluardo della democrazia
    Di Guido Keller nel forum Destra Radicale
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 21-11-05, 12:40

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226