User Tag List

Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 49
  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    49,389
    Mentioned
    39 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Thumbs up Te la do io l'indipendenza

    Te la do io l’indipendenza

    È stata finalmente approvata la legge sulla Devolution ed è un fatto importante. La Lega ha pagato per questo risultato un prezzo altissimo: l’alleanza con scomodi compagni di viaggio che ha fatto perdere quasi due terzi dell’elettorato, l’accettazione di corresponsabilità politica nella formazione di leggi assolutamente impopolari.
    La riforma così è oggi ridotta a poca cosa in termini di reale cambiamento in senso federale e di cammino verso la libertà dei popoli ingabbiati nella Repubblica italiana, ma è un primo importante punto fermo e – soprattutto – una bandiera, un’affermazione simbolica che nel maleodorante stagno del conservatorismo dominante assume dimensioni e valori morali e ideali di altissimo livello.
    Per tutto questo essa va difesa con le unghie e coi denti, ma soprattutto va considerata come un primo acquisito (sia pur microscopico) tassello di un mosaico di libertà, il basello iniziale di un percorso verso il Federalismo vero e – poi – verso l’indipendenza della Padania. È questo l’unico vero grande obiettivo che ci ha fatti ritrovare e unire, che tiene assieme il popolo padanista, che giustifica tutti i sacrifici e anche le umiliazioni della nostra lotta. È anche l’essenziale obiettivo politico affermato con forza nello Statuto della Lega Nord: è il vero motivo di esistenza del Movimento padanista.
    La prossima tappa del percorso è costituita dal referendum confermativo: una prova in cui il Movimento si deve impegnare con tutte le sue energie, consapevole che la fortuna dell’idea federale e autonomista va al di là del risultato della consultazione. Se il referendum sarà vinto, allora si avrà la conferma dell’evoluzione liberale della cultura popolare e si dovrà esigere con forza che la riforma venga attuata fin da subito, e si dovrà approntare il successivo gradino normativo della scala da percorrere. Se il referendum sarà perso si dovrà esaminare con attenzione la mappa geografica e sociale dell’approvazione e della disapprovazione, si dovrà chedere con estrema energia l’immediata puntuale applicazione della riforma dell’Ulivo (che in termini di efficacia federalista non è molto meno utile della Devoluzione), e si dovrà con raddoppiata energia accelerare il cammino verso la libertà dei popoli. La bandiera innalzata oggi non può cadere perché il partito federalista e padanista uscirà dalla battaglia referendaria vittorioso indipendentemente dall’esito formale della stessa.
    Per farlo ha però bisogno che le sue schiere siano salde e i suoi obiettivi certi.
    Nell’umiliante conto che il Movimento ha dovuto pagare per arrivare all’approvazione della legge di riforma c’è anche una voce tutta interna alla sua struttura: il comodo adattamento per imitazione ai comportamenti dei temporanei compagni di strada da parte di alcuni esponenti dell’apparato. La scelta di condividere le posizioni di potere degli alleati ha partorito una pustolosi di cariche, “posti”, piccole e grandi stazioni di potere, rendite di posizione, eccetera, che sono state occupate con sospetta buona volontà da parte di esponenti del Movimento o di personaggi da esso delegati. È spesso gente che con ha vissuto la convivenza con gli alleati con la stessa penosa sofferenza della base, ma che si è agilmente adattata alle lusinghe e ai vantaggi del potere: dalle auto blu, agli stipendi, alle comparsate sui mezzi di informazione, alla presenza nella mondanità più becera. Per alcuni di questi (e vogliamo sperare che siano pochi) la Devoluzione potrà anche sembrare invece un punto di arrivo, il definitivo suggello al loro accesso ai piani alti della Nomenklatura, la finale eliminazione delle differenze fra occupanti e occupato nell’accesso al buffet. A questi si potrà anche aggiungere qualche ingenuo convinto che basti una legge (anzi: il nome di una legge) a porre finalmente termine a decenni di ingiustizie e prevaricazioni senza sospettare che non è mai successo che il prevaricatore decida spontaneamente di smettere di prevaricare solo per far contento il prevaricato.
    La legge sulla Devoluzione è – come detto – il primo passo di un cammino lungo e faticoso: dopo avere brevemente e sobriamente festeggiato questa iniziale vittoria, l’esercito si deve preparare per marce e battaglie assai più faticose, deve raccogliere le sue schiere, ripulire le uniformi e affilare le armi. Soprattutto deve ricordare a tutti i veri obiettivi della sua stessa esistenza. Se occorre deve lasciare indietro quelli che eccedono nei festeggiamenti e che si sono contentati di avere vinto la prima scaramuccia. Soprattutto però deve cercare di recuperare tutti quelli che per sfiducia se ne erano tornati a casa, e quelli più “cattivi” cui non erano piaciute le scelte tattiche accomadanti, gli alleati e i rallentamenti, e che si erano ritirati nei boschi e sui monti a continuare la loro irrinunciabile battaglia. L’esercito delle libertà padanista ha oggi più che mai bisogno dei guerrieri della lotta senza sfumature e compromessi. La Lega ha oggi bisogno degli indipendentisti se non vuole correre il rischio di restarsene ferma per sempre a festeggiare la prima labile vittoria: deve scegliere fra l’uovo e la gallina, fra il piatto di lenticchie e il regno, fra le cadreghe e la libertà, fra un paio di sottosegretariati sfigati e l’indipendenza della Padania, fra un lecca-lecca e un sogno.
    Gli indipendentisti ci sono sempre stati dal Po in poi: qualcuno si è arroccato in Movimenti periferici, altri si sono rinchiusi nelle Associazioni culturali, alcuni hanno continuato ad addestrarsi per conto loro, altri sono andati da soli in giro a predicare parole di libertà, molti stanno aspettando che la bandiera bianco-rossa di Legnano riprenda a sventolare, molti di più sono rimasti a lamentarsi della strafottenza dei carrieristi, e a tirare la carretta.
    Questi oggi sono perfettamente consapevoli che senza di loro non si va da nessuna parte, che è venuto il momento di lasciare indietro i culi di piombo, gli incravattati e quelli che si sono lasciare incaprettare con corde tricolori. Sono di nuovo qui, come gli irosi montanari di Braveheart, accorsi sotto i vessilli e dietro i tamburi come quel giorno lontano e vicinissimo del Po. Chiedono di accelerare la marcia ma vogliono contare di più, molto di più.
    Alcuni di loro, quelli che preferiscono le insidiose e mortali della cultura a quelle più folcloristiche della militanza urlata, si ritrovano domenica prossima a Belgirate a parlare di indipendenza della Padania e a ragionare sulle prossime tappe della Lunga Marcia verso la libertà.

    Gilberto Oneto

    Da “Il Federalismo”, 21 novembre 2005

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    R.i.P. quorthon
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Asa Bay
    Messaggi
    1,791
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Al 99% sarò a Belgirate...chi c'è di voi?
    --------------
    The Warrior

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    16 Nov 2005
    Località
    Provincia di Monza e Brianza
    Messaggi
    23
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' il primo passo per l'indipendenza, non smettiamo di credere nella nostra terra.

  4. #4
    w la libertà
    Data Registrazione
    12 Jan 2005
    Località
    milano
    Messaggi
    142
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Te la do io l'indipendenza

    mi permetto di quotare una parte dell'articolo di Oneto, e siccome so che legge su questo forum vorrei fargli alcune semplici domande. Premetto che condivido buona parte di quanto scritto, ma Oneto ogni tanto mi ricorda la cara Penelope.....


    In Origine Postato da Eridano
    Te la do io l’indipendenza


    La legge sulla Devoluzione è – come detto – il primo passo di un cammino lungo e faticoso: dopo avere brevemente e sobriamente festeggiato questa iniziale vittoria, l’esercito si deve preparare per marce e battaglie assai più faticose, deve raccogliere le sue schiere, ripulire le uniformi e affilare le armi. Soprattutto deve ricordare a tutti i veri obiettivi della sua stessa esistenza. Se occorre deve lasciare indietro quelli che eccedono nei festeggiamenti e che si sono contentati di avere vinto la prima scaramuccia. Soprattutto però deve cercare di recuperare tutti quelli che per sfiducia se ne erano tornati a casa, e quelli più “cattivi” cui non erano piaciute le scelte tattiche accomadanti, gli alleati e i rallentamenti, e che si erano ritirati nei boschi e sui monti a continuare la loro irrinunciabile battaglia. L’esercito delle libertà padanista ha oggi più che mai bisogno dei guerrieri della lotta senza sfumature e compromessi. La Lega ha oggi bisogno degli indipendentisti se non vuole correre il rischio di restarsene ferma per sempre a festeggiare la prima labile vittoria: deve scegliere fra l’uovo e la gallina, fra il piatto di lenticchie e il regno, fra le cadreghe e la libertà, fra un paio di sottosegretariati sfigati e l’indipendenza della Padania

    i sottosegretari sfigati chi sarebbero?
    BALOCCHI E STEFANI???
    e lei caro Oneto pensa che sia facile? Lei è troppo intelligente per non sapere che proprio di questi due personaggi la Lega non può farne a meno, ma andiamo avanti...non mi faccia raccontare tutto, se no qui c'è sempre qualcuno che dice che sono pettegolezzi..

    fra un lecca-lecca e un sogno.
    Gli indipendentisti ci sono sempre stati dal Po in poi: qualcuno si è arroccato in Movimenti periferici, altri si sono rinchiusi nelle Associazioni culturali, alcuni hanno continuato ad addestrarsi per conto loro, altri sono andati da soli in giro a predicare parole di libertà, molti stanno aspettando che la bandiera bianco-rossa di Legnano riprenda a sventolare, molti di più sono rimasti a lamentarsi della strafottenza dei carrieristi, e a tirare la carretta.
    Questi oggi sono perfettamente consapevoli che senza di loro non si va da nessuna parte, che è venuto il momento di lasciare indietro i culi di piombo, gli incravattati e quelli che si sono lasciare incaprettare con corde tricolori. Sono di nuovo qui, come gli irosi montanari di Braveheart, accorsi sotto i vessilli e dietro i tamburi come quel giorno lontano e vicinissimo del Po. Chiedono di accelerare la marcia ma vogliono contare di più, molto di più.
    Alcuni di loro, quelli che preferiscono le insidiose e mortali della cultura a quelle più folcloristiche della militanza urlata, si ritrovano domenica prossima a Belgirate a parlare di indipendenza della Padania e a ragionare sulle prossime tappe della Lunga Marcia verso la libertà.
    Gilberto Oneto.
    Da “Il Federalismo”, 21 novembre 2005
    ecco appunto si ritrovano a Belgirate...e non in Via Bellerio dove le decisioni si prendono...
    e sì, dovrebbero tornare gli indipendestisti, ci pensa lei Oneto a far annullare le espulsioni degli indipendentisti, o questi devono venire a chiedere venia con la cenere in testa sempre a Via Bellerio?
    Senta caro Oneto, se io vengo a Belgirate con una decina di militanti espulsi perchè secessionisti ed indipendentisti, ci pensa lei a farli rientrare nei ranghi?
    Un altra cosa che non ho mai capito, lei è l'unico che può permetersi di scrivere e dire per radio certe cose, come mai alcuni parlamentari, ma anche semplici militanti di sezione, che l'hanno fatto sono stati brutalmente buttati fuori, altri invece messi in condizione di andarsene? Ogni tanto se l'è chiesto? Perchè a me mi tengono? A cosa servo? A far sembrare il movimento libero?
    Mi creda, non so se lei mente sapendo di mentire, oppure è un illuso - molto colto ed intelligente per giunta -. Leggo sempre i quaderni padani e sono socio della Libera Compagnia.
    Un ultima domanda, che forse è un po' ripetitiva:
    non si sente responsabile di tante espulsioni?
    non crede che sia anche ora di finirla con il colpo al cerchio e l'altro alla botte?
    Con stima e affetto

  5. #5
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Te la do io l'indipendenza

    In Origine Postato da Beli Mawyr
    E'indubbiamente questo un rilievo che sarebbe molto interessante approfondire.

    Aggiungo solo che la stragrande maggioranza dei SOM (attuali, ma - ahinoi - anche del passato) a malapena sa chi sia Oneto, figuriamoci i QP
    Anch'io condivido il tuo tremendo sospetto, Beli.
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    31 Mar 2005
    Località
    venezia
    Messaggi
    1,511
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    azz...che rispostaccia...beh io so chi è Oneto perchè ascolto la sua trasmissione su RPL e sono anch'io socio della Compagnia, però in effetti quanto scritto da GdA mi lascia un po' così..non saprei

  7. #7
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Te la do io l'indipendenza

    In Origine Postato da Beli Mawyr
    E'indubbiamente questo un rilievo che sarebbe molto interessante approfondire.

    Aggiungo solo che la stragrande maggioranza dei SOM (attuali, ma - ahinoi - anche del passato) a malapena sa chi sia Oneto, figuriamoci i QP
    Senz'altro è così figurati che taluni pensavano che la LCP fosse una associazione di fuori usciti leghisti.
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  8. #8
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Re: Te la do io l'indipendenza

    In Origine Postato da Beli Mawyr
    Dunque su questo aspetto abbiamo fatto chiarezza; molto più interessante, invece, capire perchè Oneto può trattare tali argomenti senza incorrere in sanzioni disciplinari mentre - come dice taluno - se queste stesse argomentazioni contribuiscono a "ravvivare" le serate in sezione si convertono il più delle volte in provvedimenti di espulsione.

    Cosa c'è di vero in questo rilievo?
    E' una bella domanda.
    Ho sempre continuato a pensare che se Oneto non viene "sanzionato" da bellerio è per evitare guai peggiori tipo sommosse nei SOM rimasti indipendentisti, ecc.
    Ma, riflettendo sul fatto che davvero pare che Oneto e la LLCP siano conosciuti dopo tutto soltanto da una parte infinitesima dei SOM, il mistero s'infittisce...
    Certamente Oneto, secondo il mio modestissimo parere, non ha mai ritenuto di affondare ancor di più il colpo o di passare dalle parole ai fatti forse poiché non vuole correre il rischio di farsi togliere da bellerio i (pochi) spazi di cui dispone per il proprio pensiero/per la LLCP.
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    31 Mar 2005
    Località
    venezia
    Messaggi
    1,511
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Re: Re: Te la do io l'indipendenza

    In Origine Postato da Iunthanaka
    E' una bella domanda.
    Ho sempre continuato a pensare che se Oneto non viene "sanzionato" da bellerio è per evitare guai peggiori tipo sommosse nei SOM rimasti indipendentisti, ecc.
    Ma, riflettendo sul fatto che davvero pare che Oneto e la LLCP siano conosciuti dopo tutto soltanto da una parte infinitesima dei SOM, il mistero s'infittisce...
    Certamente Oneto, secondo il mio modestissimo parere, non ha mai ritenuto di affondare ancor di più il colpo o di passare dalle parole ai fatti forse poiché non vuole correre il rischio di farsi togliere da bellerio i (pochi) spazi di cui dispone per il proprio pensiero/per la LLCP.
    si può essere...però allora non è un uomo libero...perchè ha paura? comunque concordo, se fosse più incisivo forse lo farebbero fuori. Però rileggendo l'articolo postato dal federalismo, mi sembra che sia stato abbastanza chiaro, quando parla di incaprettati, culi di piombo ecc..non le manda a dire, mi sembra. E allora perchè glielo lasciano fare? Forse fa parte del gioco? Non so devo rifletterci ancora un po'

  10. #10
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Re: Re: Re: Re: Re: Re: Te la do io l'indipendenza

    In Origine Postato da Beli Mawyr
    Una risposta potrebbe essere rinvenuta nel valore altamente "ecumenico" (ovviamente in senso padanista ) dell'opera di "evangelizzazione" (sempre in senso padanista) del nostro, capace di entusiasmare le persone ma, allo stesso tempo, sempre in grado di canalizzare l'irrequietezza del singolo nei canali della LN .... quando invece non ci riesce
    Oh yes, could be...
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

 

 
Pagina 1 di 5 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 96
    Ultimo Messaggio: 22-05-13, 20:22
  2. Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 23-02-13, 20:24
  3. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 17-02-13, 10:04
  4. Indipendenza Bancaria = Indipendenza Politica
    Di Aresti nel forum Sardegna - Sardìnnia
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 18-10-07, 14:10
  5. indipendenza, ma cos'è ?
    Di Princ.Citeriore (POL) nel forum Regno delle Due Sicilie
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 20-06-07, 08:25

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226