User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 20
  1. #1
    NAZIONALISTA CRISTIANO
    Data Registrazione
    28 Sep 2004
    Località
    Le forti montagne
    Messaggi
    1,262
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Massimo Fini su arresto di Irving.

    Uno storico in galera: un'assurdità
    di Massimo Fini [20/11/2005]
    Fonte:massimofini.it


    _Lo storico inglese David Irving è stato arrestato la settimana scorsa a Graz, in Austria, perché nel 1989 «aveva negato in pubblici discorsi l'Olocausto». E in base a una legge, che esiste in Austria, Germania e Francia, negare l'Olocausto è un reato. In Austria Irving rischia una condanna a vent'anni di reclusione.
    Amos Luzzatto, presidente dell'Unione delle comunità ebraiche, giustifica il provvedimento. «Credo che sia sbagliato porre la questione in astratto, come se fossimo davanti a una semplice manifestazione di opinioni. Chi esalta il nazismo e nega la Shoah non si limita ad esprimere il suo pensiero, ma intende promuovere la diffusione di pregiudizi razzisti, vuole preparare il terreno per il risorgere di una dottrina che ha causato in Europa lutti e distruzioni senza pari. Credo che di fronte a un simile pericolo sia opportuno tutelarsi anche attraverso la legislazione penale».

    Buoni motivi per tappare la bocca altrui se ne trovano sempre, arrivando financo a fare un cattolicissimo processo alle intenzioni come Amos Luzzato, perché negare lo sterminio degli ebrei (per la verità Irving non lo nega, lo ridimensiona drasticamente, ma questo, all'interno del discorso più generale che riguarda la libertà della manifestazione del pensiero e della ricerca storica, è un dettaglio) non significa, per ciò stesso, essere razzisti e antisemiti.

    Ma la questione di fondo è che quelle di Irving sono opinioni, suffragate, per la verità, anche da argomenti e documenti, tutti naturalmente da verificare, e che quello per cui è stato arrestato e può essere condannato è un reato di opinione. Ora, in una democrazia i reati di opinione non dovrebbero esistere, altrimenti non è più una democrazia. I reati di opinione sono tipici dei totalitarismi, dei fascismi e furono particolarmente in auge proprio sotto il regime nazista che, per paura delle idee altrui, mandava i libri sgraditi al rogo (in alcune democrazie ci si limita a vietarne la pubblicazione, ma la sostanza è la stessa).

    Una democrazia, se vuol essere tale, deve accettare la diffusione anche delle idee più aberranti e che le paiono più aberranti. Il discrimine assoluto è che non siano fatte valere con la violenza. È il prezzo che la democrazia paga a se stessa.

    Io devo poter essere libero di negare ciò che mi pare, anche l'esistenza del Duomo di Milano. Le opinioni, le idee, gli argomenti si controbattono con altre opinioni, con altre idee, con altri argomenti, con i ragionamenti, i dati, le documentazioni, non con le manette. La libertà di pensiero, come quella di ricerca storica che ne è un aspetto, è indivisibile e non ammette eccezioni. Perché si comincia con gli Irving e si finisce, fatalmente, col mandare al rogo i Giordano Bruno o far abiurare Galileo.
    NEMO ME DOMAT

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sotto molti aspetti la democrazia, in fondo, è la più perfezionata manifestazione del totalitarismo.

    Leggetevi, fra gli innumerevoli volumi, "La Libertà in Tocqueville" edito dalla LLCP qualche tempo fa.

    Leggete, studiate, approfondite, informatevi su tutto ciò che vi sta a cuore e che siete consapevoli di non conoscere abbastanza: NON FATE COME CARMENCITO EL BOLLITO!!!!

    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  3. #3
    motan
    Ospite

    Predefinito Re: Massimo Fini su arresto di Irving.

    In Origine Postato da Colonnello
    Uno storico in galera: un'assurdità
    di Massimo Fini [20/11/2005]
    Fonte:massimofini.it


    _Lo storico inglese David Irving è stato arrestato la settimana scorsa a Graz, in Austria, perché nel 1989 «aveva negato in pubblici discorsi l'Olocausto». E in base a una legge, che esiste in Austria, Germania e Francia, negare l'Olocausto è un reato. In Austria Irving rischia una condanna a vent'anni di reclusione.
    Amos Luzzatto, presidente dell'Unione delle comunità ebraiche, giustifica il provvedimento. «Credo che sia sbagliato porre la questione in astratto, come se fossimo davanti a una semplice manifestazione di opinioni. Chi esalta il nazismo e nega la Shoah non si limita ad esprimere il suo pensiero, ma intende promuovere la diffusione di pregiudizi razzisti, vuole preparare il terreno per il risorgere di una dottrina che ha causato in Europa lutti e distruzioni senza pari. Credo che di fronte a un simile pericolo sia opportuno tutelarsi anche attraverso la legislazione penale».

    Buoni motivi per tappare la bocca altrui se ne trovano sempre, arrivando financo a fare un cattolicissimo processo alle intenzioni come Amos Luzzato, perché negare lo sterminio degli ebrei (per la verità Irving non lo nega, lo ridimensiona drasticamente, ma questo, all'interno del discorso più generale che riguarda la libertà della manifestazione del pensiero e della ricerca storica, è un dettaglio) non significa, per ciò stesso, essere razzisti e antisemiti.

    Ma la questione di fondo è che quelle di Irving sono opinioni, suffragate, per la verità, anche da argomenti e documenti, tutti naturalmente da verificare, e che quello per cui è stato arrestato e può essere condannato è un reato di opinione. Ora, in una democrazia i reati di opinione non dovrebbero esistere, altrimenti non è più una democrazia. I reati di opinione sono tipici dei totalitarismi, dei fascismi e furono particolarmente in auge proprio sotto il regime nazista che, per paura delle idee altrui, mandava i libri sgraditi al rogo (in alcune democrazie ci si limita a vietarne la pubblicazione, ma la sostanza è la stessa).

    Una democrazia, se vuol essere tale, deve accettare la diffusione anche delle idee più aberranti e che le paiono più aberranti. Il discrimine assoluto è che non siano fatte valere con la violenza. È il prezzo che la democrazia paga a se stessa.

    Io devo poter essere libero di negare ciò che mi pare, anche l'esistenza del Duomo di Milano. Le opinioni, le idee, gli argomenti si controbattono con altre opinioni, con altre idee, con altri argomenti, con i ragionamenti, i dati, le documentazioni, non con le manette. La libertà di pensiero, come quella di ricerca storica che ne è un aspetto, è indivisibile e non ammette eccezioni. Perché si comincia con gli Irving e si finisce, fatalmente, col mandare al rogo i Giordano Bruno o far abiurare Galileo.
    Già, con la differenza che se Massimo Fini sostiene che il Duomo di Milano non esiste ci facciamo quattro risate, se uno storico (che tra l'altro non è laureato in nulla, ma questo non conta) nega o ridimensiona l'olocausto e l'ideologia nazista, con tutto quello che è successo in quel periodo storico, non mi pare strano che qualcuno si incazzi.
    Il suo discrimine (la non violenza) sulla libertà di pensiero vale solo su idee astratte o anche su ciò che pensiamo delle persone?
    Perchè se esprimere opinioni non fosse in nessun caso reato potrei tranquillamente mandare a cagare o insultare chi non mi piace. Tanto sono solo opinioni, non c'è violenza...

  4. #4
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Concordo in linea di massima con Fini.

  5. #5
    motan
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da Bèrghem
    Concordo in linea di massima con Fini.
    Ma secondo te, se in nome della democrazia e della libertà di pensiero, ti incontro per strada e ti copro di insulti non ci sono problemi?

  6. #6
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da motan
    Ma secondo te, se in nome della democrazia e della libertà di pensiero, ti incontro per strada e ti copro di insulti non ci sono problemi?
    Sai bene che la calunnia/diffamazione è una fattispecie ben diversa.
    Cerca di non fare demagogia, tigrotto da benzinaio!
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  7. #7
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da motan
    Ma secondo te, se in nome della democrazia e della libertà di pensiero, ti incontro per strada e ti copro di insulti non ci sono problemi?
    Un conto è punire la diffamazione o la calunnia o le offese morali con sanzioni amministrative e multe, altro è mettere in galera le persone.

  8. #8
    motan
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da Iunthanaka
    Sai bene che la calunnia/diffamazione è una fattispecie ben diversa.
    Cerca di non fare demagogia, tigrotto da benzinaio!
    Magari, con quel che costa la benzina!
    Era un modo provocatorio per evidenziare come le opinioni non vengono considerate "democraticamente" allo stesso modo, per cui secondo Fini potrei sostenere tranquillamente che Hitler era un sant'uomo, ma essere denunciato se dò del pirla a chi non condivide questa idea.
    La libertà di pensiero non è così facile da inquadrare, potendo coinvolgere sia fatti, che idee, o persone. E spesso nei discorsi, a meno che si insulti direttamente qualcuno, le cose si intrecciano e non credo sia semplicissimo stabilire dei confini.

  9. #9
    motan
    Ospite

    Predefinito

    In Origine Postato da Beli Mawyr
    Il punto, tuttavia, è un altro; secondo il c.p. austriaco è reato affermare che l'olocausto non è mai esistito ma la cosa sconcertante è che Irving non arriva a negarlo (in questo senso non si può nemmeno definire "negazionista") ma solo ad affermare - prove alla mano - che le strutture di Auschwitz sono successive al 1948
    E' rimasto due giorni nel carcere di Graz e da domenica si trova in quello di Vienna. Rischia dieci anni di carcere, che potrebbero diventare venti se il tribunale riconoscesse «una particolare pericolosità del colpevole o delle sue attività». Il giudice dovrà decidere entro dieci giorni se confermare o meno l'arresto. In un caso analogo - nel 1984 a Innsbruck - Irving era stato espulso in Baviera. Ma dal 1993 non può più mettere piede in Germania, dove è «persona non gradita». Un link sulla homepage chiarisce di quale organizzazione studentesca Irving sarebbe stato ospite: Olympia, una Burschenschaft, associazione politica goliardica, di estrema destra che fra l'11 e il 13 novembre teneva la sua festa annuale.

    Il mandato d'arresto emesso dalla Procura della Repubblica nel 1989 contro «il cittadino britannico David Inrving» è motivato dalla negazione dell'esistenza di camere a gas nei campi di concentramento nazisti, fatta nel corso di conferenze a Vienna e in Stiria. Nelle sue opere storiche Irving ha ridimensionato drasticamente i numeri delle vittime della Shoah, attribuito la responsabilità della Seconda Guerra Mondiale alla Gran Bretagna anzichè alla Germania, negato che sia stata di Hitler la decisione della «soluzione finale» per gli ebrei. Negli Anni 80 si è spinto ancora più lontano, negando la presenza di camere a gas ad Auschwitz.
    Tratto da "La Stampa"

  10. #10
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Motan,da persona libertaria e di sinistra, ti dico
    che stavolta concordo con Fini e ritengo l'arresto
    di Irwin un'assurdita'. C'e' bisogno che esistano rompiballe
    come Irwin (anche se avessero torto marcio)
    per scavare sotto le verita' ufficiali. Perche' qualche
    volta capita che abbiano ragione. Quante volte nella
    storia un vero genocidio e' stato tenuto nascosto
    o viceversa, un finto genocidio e' stato inscenato
    per giustificare una guerra? L'olocausto e' un evento
    storico su cui si dovrebbe poter indagare scientificamente,
    ma questo la legge austriaca e tedesca non lo consente!

    Andiamo a vedere tutte le balle che hanno raccontato
    gli americani su Saddam e sulla Serbia. Non pensi che qualche
    balla sulla Germania l'abbiano anche raccontata?

    Naturalmente vale anche per la parte opposta.
    Tutti quei movimenti di estrema destra che ci spiegano
    come i campi nazisti non fossero cosi' male o cosi' grandi,
    poi vanno a raccontarci che in Cina ci sono 50 milioni
    di internati nei lager komunisti....(esempio, articolo
    su La Padania di sabato)...balle anche quelle...

    Allora, facciamo cosi: mettamo in galera sia chi
    ci propina balle per difetto che per eccesso?

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Massimo Fini su arresto di Irving.
    Di Colonnello nel forum Politica Europea
    Risposte: 75
    Ultimo Messaggio: 16-01-06, 21:21
  2. Massimo Fini sull' arresto di Irving.
    Di Colonnello nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 23-11-05, 16:30
  3. Massimo Fini su arresto di David Irving
    Di waldgaenger76 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 21-11-05, 12:30
  4. Massimo Fini su arresto di Irving.
    Di Colonnello nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-11-05, 11:58
  5. Massimo Fini su arresto di Irving.
    Di Colonnello nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 21-11-05, 11:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226