User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Fisco Federale

  1. #1
    Iscritto
    Data Registrazione
    04 May 2002
    Messaggi
    822
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Fisco Federale

    Pagliarini: «Ogni ente decentrato deciderà se e quanto tassare i propri residenti»
    «Fisco federale, più responsabilità alle Regioni»
    Si dovrà dichiarare nero su bianco come verranno spesi i soldi. Il risultato è la trasparenza nei conti pubblici

    gianluca savoini
    --------------------------------------------------------------------------------
    Avanza il progetto federalista della Lega Nord. Incassata la devoluzione in Parlamento, ora si guarda immediatamente al passo successivo. Quello decisivo, il cui nome è chiaro: federalismo fiscale (o fisco federale, come preferisce definirlo il Ministro del Welfare Roberto Maroni).
    È stato Giancarlo Pagliarini a trattare dell’argomento alla scuola quadri federale del movimento, svoltasi lo scorso fine settimana nella splendida cornice di Sestri Levante, in Liguria. E sarà da questa bozza che la Lega prenderà spunto per approfondire il tema nei prossimi mesi, in vista delle elezioni politiche di primavera. Ne parliamo con lo stesso Pagliarini.
    Onorevole Pagliarini, riassume per i i nostri lettori i contenuti della sua proposta?
    «Prima mi conceda una premessa importante. Di federalismo fiscale, o di fisco federale, si può discutere seriamente soltanto se si è in una Repubblica federale. E visto che nella riforma sulla devoluzione approvata la scorsa settimana in aula si parla di “Senato federale” mi sembra finalmente giunto il momento tanto agognato dalla Lega: trattare di federalismo vero, di federalismo fiscale sulla base di una riforma approvata in Parlamento che ci potrà traghettare verso una vera Repubblica federale».
    Parliamone, allora.
    «Un fisco federale innanzitutto servirà a responsabilizzare le Regioni. Dovendo dichiarare in anticipo ai cittadini quanto e per che cosa esse spenderanno, non potranno scialare il denaro del contribuente. Il meccanismo è semplice e funzionale. Le singole Regioni danno allo Stato tutte le informazioni necessarie adatte a calcolare il potenziale fiscale e il potenziale contributivo di ciascuna di esse. Facciamo un esempio. In base alle problematiche, alla conformazione territoriale, alla densità di popolazione, ai servizi offerti dalle diverse Regioni, lo Stato chiede 100 alla Regione A, 70 alla Regione B, 40 alla Regione C e così via in modo da raggiungere una somma totale pari a 1000. Questa somma finisce dalle Regioni allo Stato».
    E se lo Stato ha bisogno di più soldi?
    «Le regioni tutte insieme danno 1000 e stop. Se lo stato ha bisogno di altri 200 li va a prendere dal mercato, non certo dalle tasche dei cittadini, che hanno già dato. E inoltre lo Stato deve dichiarare, mettere nero su bianco, come spenderà i soldi ricevuti dai cittadini, dalle Regioni e dal mercato. Si ottiene così un ulteriore risultato: la trasparenza dei conti pubblici».
    Ma sulla base di quale principio una Regione decide quanti soldi dare allo Stato centrale?
    «All’interno delle Regioni sarà in vigore una sovranità fiscale assoluta, altrimenti è inutile parlare di federalismo fiscale. Sovranità fiscale assoluta che permetterà a ciascuna Regione di decidere se e quanto tassare i propri cittadini in cambio di ben determinati servizi pubblici. La Regione incasserà una somma attraverso l’Iva, un’altra tassando le benzine, un’altra ancora con la flat tax, altre con le imposte dirette e indirette e così via. Federalismo è differenza: la Lombardia decide per i lombardi, la Liguria per i liguri, eccetera».
    Cioè lei dice che ci potranno essere Regioni che tasseranno di più i cittadini rispetto ad altre?
    «In un sistema federale è giusto che sia così. Se una Regione decide di offrire servizi migliori tasserà i suoi cittadini in un certo modo, mentre magari un’altra Regione dirà ai suoi cittadini: vi lasciamo in tasca più soldi, ma quest’anno non miglioriamo i servizi esistenti. Ci potranno poi essere Regioni che, avendo sul territorio importanti case da gioco, tasseranno quelle e non i cittadini».
    Mi scusi, ma se io ligure vedo che in Piemonte tassano meno, non mi arrabbio?
    «Perché mai? Non sei mica in galera. Se non ti va il prelievo fiscale della tua Regione in una Repubblica federale si può fare come diceva Miglio: votare con i piedi».
    Ovvero?
    «Vado in Piemonte, o in un’altra Regione che la cui politica fiscale è più vicina al mio modus operandi. Il federalismo fiscale è infatti basato su tre importanti principi: quello della concorrenza fiscale tra le Regioni e poi c’è quello quello della trasparenza nella spesa pubblica. Ma mentre tutto il resto appartiene al progetto da attuare, la trasparenza va richiesta senza indugi anche allo Stato attuale e mi auguro che la Lega lo faccia fin da subito. Quando si fa la legge Finanziaria l’amministrazione centrale deve motivare le spese in maniera chiara e trasparente. Non credo sia necessario attendere la nascita della Repubblica federale per avanzare questa richiesta, no?».
    Quale è il terzo principio, onorevole Pagliarini?
    «Il principio della contrapposizione di interessi. Se il mio vicino di casa evade le tasse nell’attuale sistema, io posso anche far finta di nulla, tanto siamo in pieno centralismo. Ma se il mio vicino evade le tasse in una Repubblica federale, allora danneggia direttamente anche me, in quanto impedisce alla mia Regione di investire i soldi dei cittadini nei servizi necessari e previsti. Con il federalismo l’evasione non è legittimata da alcunchè, anche perché tutti gli enti locali si responsabilizzano grazie alla trasparenza amministrativa. Una volta stabilito, inoltre, che allo Stato centrale va una parte ben precisa del prelievo fiscale, mentre la maggior parte rimane sul territorio regionale, è evidente che saranno eliminate le attuali spese folli che contraddistinguono il settore pubblico».
    Ma al Sud cosa diranno? Avranno il timore di perdere l’assistenzialismo a pioggia che ha contraddistinto decenni di interventi dello Stato?
    «Tutte le persone del Sud che conosco si dicono felici dell’introduzione del federalismo fiscale. Il problema del Mezzogiorno, così come quello della Padania, è il centralismo di Roma. Molti meridionali sono convinti che senza il centralismo romano e con un fisco federale potranno diventare finalmente padroni del proprio destino. Un concetto che peraltro condividiamo in pieno anche noi padani».


    [Data pubblicazione: 22/11/2005]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Rage against the Empire
    Data Registrazione
    03 Sep 2005
    Messaggi
    110
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'importante sarebbe che alla determinazione delle quote contribuissero anche il tasso di evasione fiscale e di lavoro sommerso. I mancati incassi dovuti all'evasione non possono essere compensati dai trasferimenti statali.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    7,255
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito mi pare il minimo

    considerare il sommerso è doveroso.
    anche il pil lo contempla ! merito di craxi per avere mano libera nell'aumento del debito pubblico, e abbiamo anche sorpassato la perfida albione. che f (p) ! senza quel 25% supplementare il rapporo debito/pil si sarebbe fermato prima.

  4. #4
    Rage against the Empire
    Data Registrazione
    03 Sep 2005
    Messaggi
    110
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Tab. 4 - Indice regionale di rischio di economia sommersa



    1999
    N° indice Italia= 100




    Calabria
    200
    _

    Sicilia
    163
    _

    Campania
    156
    __

    Basilicata
    140
    ¯

    Puglia
    139
    =

    Molise
    138
    =

    Sardegna
    126
    =

    Valle d'Aosta
    126
    ¯

    Friuli
    119
    ¯

    Abruzzo
    103
    _


    Italia
    100


    Lazio
    98
    _

    Liguria
    98
    =

    Umbria
    97
    _

    Toscana
    85
    _

    Emilia Romagna
    83
    =

    Piemonte
    79
    =

    Marche
    78
    _

    Trentino Alto Adige
    72
    ¯

    Lombardia
    69
    __

    Veneto
    66

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226