User Tag List

Risultati da 1 a 5 di 5
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    12 Apr 2002
    Località
    parma
    Messaggi
    3,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito considerazioni sulla devolution

    Sulla falsa riforma federalista dello Stato.



    Le giornate nere dei federalisti italiani sono due: l'8 marzo 2001 ed il 16 novembre 2005. La prima data si riferisce al periodo in cui stava per terminare la tredicesima legislatura (quella dell'Ulivo), quando il Senato approvò, in seconda lettura, a strettissima maggioranza e con la durissima opposizione del centro destra, il testo di riforma del Titolo V° della Costituzione italiana dedicato a "Le regioni, le province, ed i comuni". L'approvazione fu determinata dal fatto che la sinistra aveva bisogno della patente "federalista" da utilizzare nell'imminente campagna elettorale del 2001. Il testo fu definitivamente approvato il 7 ottobre 2001 con un referendum costituzionale al quale parteciparono solo il 34 % degli aventi diritto al voto; neppure nelle regioni rosse ottenne il 50%. La seconda data si riferisce alle modifiche costituzionali approvate dal governo di centro-destra e con tutta probabilità saranno abolite con un referendum costituzionale prima che entrino in vigore. Entrambe le riforme hanno suonato la campana da morto per il federalismo, perché stravolgono nell'opinione pubblica i principi ed i concetti sui quali si fonda ed hanno generato nella gente l'idea assurda che attraverso di esse l'Italia sia "federale", mentre il federalismo è cosa assolutamente diversa.

    La prima riforma del titolo V° della Costituzione fu effettuata dal centro sinistra nel 2001. Con la modifica dell'art. 114 rendeva "..i Comuni, le province, le città metropolitane e le regioni.... enti autonomi con propri statuti, poteri e funzioni secondo i principi della Costituzione...", in evidente contraddizione con l'assetto centralista esistente dell'intero impianto costituzionale italiano. Con la riforma del centrosinistra, infatti, con l'art. 117 vengono elencate le materie di "esclusiva" competenza statale, per lasciare tutto il resto alla competenza "concorrente" regionale. Questo ha generato una valanga di ricorsi per le materie "concorrenti" in cui sia le Regioni sia lo Stato vogliono avere competenza.

    Confrontando le due riforme si può dire che i recenti cambiamenti apportati dal centro destra rispetto al riforma della sinistra, da un punto di vista del federalismo, sono minimi ed insignificanti e si riferiscono sostanzialmente alle competenze degli infermieri, dei bidelli e della polizia amministrativa che dallo Stato dovrebbero passare alle Regioni. Gli altri cambiamenti apportati al Titolo V° non riguardano l'assetto federalista dello Stato e lasciano sostanzialmente invariato il centralismo statale al quale, soprattutto per merito della riforma voluta dalle sinistre, si aggiunge un marcato accentramento regionale, provinciale e comunale.

    La diminuzione di 200 parlamentari della riforma presentata dal centro destra sarà compensata dall'aumento dei consiglieri regionali; la suddivisione delle funzioni e competenze resta sostanzialmente la stessa di oggi, mentre il capo del governo eletto dalla coalizione e la diminuzione del potere di garanzia del capo dello Stato non hanno alcuna relazione né col federalismo né con la garanzia costituzionale. Basta pensare alla diversa soluzione dei due problemi dati da federalismo americano e da quello svizzero.

    Non vi è alcun dubbio che Gianfranco Miglio, il padre del federalismo italiano, avrebbe bocciato senza appello sia la riforma del centrosinistra, sia la riforma del centrodestra. Senza alcun pudore culturale, infatti, entrambe le riforme costituzionali non hanno esitato a mascherare la decentralizzazione (parola chiave del federalismo che significa "abolizione del centro"), con l' "autonomia" e la "devolution". La prima non tiene conto che il federalismo è il contrario di ogni sistema di autonomia; la seconda, la cui radice latina (devolutio) implica un movimento dall'alto verso il basso, mentre non c'è studioso serio del federalismo che non affermi il contrario, non tiene conto che il federalismo è il contrario dei sistemi decentrati e regionali, mentre il potere dello Stato è rigidamente suddiviso a diversi livelli istituzionali. Come giustamente sosteneva Miglio, senza una vera riforma federalista dello Stato nessun "federalismo fiscale è possibile" e questo renderà ancora una volta statica e passibile di violazione la nostra Costituzione, perché a differenza delle costituzioni federali che si basano su "garanzie", si basa su "principi" che ognuno può interpretare a suo modo, amplificando a dismisura le possibilità di alterazione di giudizio e di violazione delle garanzie.

    La vera riforma federale della Costituzione potrà avvenire riscrivendo interamente la prima parte della Carta ed introducendo il concetto che "la democrazia rappresentativa sia equilibrata per mezzo della democrazia diretta" (sia Miglio sia Bobbio si sono espressi a favore di questa tesi). Elemento essenziale di tale "equilibrio e conciliazione" è, infatti il "contratto politico" o "di federazione". Questo genera lo Stato contrattuale (federale) o della libertà.

    La discussione di questi temi attraverso i media, in tempi davvero lunghi, potrebbe rimediare alla falsità delle informazioni fino adesso fornite sul federalismo e potrebbe restituirgli la dignità che i partiti di governo e di opposizione gli hanno tolto. Purtroppo quando un mito, un pregiudizio, un'opinione o un'idea scientifica si è stabilito e radicato fra la gente, diventa molto difficile estirparlo. La difficoltà che s'incontra a disingannare la maggioranza delle persone da un'idea diffusa nel tempo dagli strumenti di comunicazione di massa, anche se appare palesemente errata, è impresa che né i libri, né i discorsi possono compiere in breve tempo. Radio, televisione e giornali hanno presentato alla gente un concetto falso, ambiguo o aberrante del federalismo di cui pochissimi conoscono la fondamentale natura "contrattuale". Le ragioni politiche di ciò sono diverse. La prima è che per frenare una possibile avanzata della Lega nord, che col federalismo aveva presentato un'idea geniale ed innovativa dello Stato, i vecchi partiti, usi a cambiare il pelo ma non il vizio, hanno indicato il federalismo, come "secessionista" e "razzista" e gli hanno voluto attribuire un carattere "nazionalista" (l'interesse nazionale) incompatibile con la sua natura. Due menzogne di incredibile portata da cui la Lega nord non ha saputo difendersi energicamente creando le condizioni per i compromessi che avrebbero in seguito snaturato lo spirito e la lettera del federalismo che voleva affermare.

    Il federalismo, infatti, per sua natura risponde ad una logica di unione, mai di divisione, di solidarietà, mai di antagonismo, sia nei rapporti fra le persone, sia fra le persone e le istituzioni, quando esistono le condizioni che permettono ai "contraenti" di trarre reciproco vantaggio dall'azione comune.

    Per le ragioni esposte il movimento che rappresento è a disposizione di chiunque voglia aprire un confronto serio ed approfondito sulla natura e sui contenuti del federalismo, considerando che l'attuale inganno prodotto nei confronti del popolo italiano serve solo ai partiti e non ai cittadini.

    Ci scusiamo per la lunghezza e ringraziamo per l'eventuale attenzione e pubblicazione



    Per l'Unione per l'Autogoverno, Paolo Bonacchi



    http://www.autogoverno.org/



    Ps. L'Unione per l'Autogoverno è stata fondata a Mantova il 13 settembre 1997 e registrata il 26 settembre dello stesso anno.



    circolo federalista Gianfranco Miglio Parma circolo_gfmiglio@libero.it

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io fatico a comprendere dove questo movimento voglia andare a parare.

    Non si tratta di chiuder gli occhi di fronte ai limiti della devolution, ma credo che l'autonomismo sia l'unica via percorribile alla "liberazione" sociale ed economica del Nord nei confronti di Roma.

    Una nuova autentica stagione costituente di carattere federalista non è possibile, perchè bisognerebbe trasformare le regioni (o che altro volete voi)in Stati sovrani, liberi poi, eventualmente, di aggregarsi o meno. Ciò è costituzionalmente impossibile.

    Quindi, non vi è altra strada se non quella aperta dagli Statuti valdostani e trentini e sud-tirolesi; non vi è altra strada, in attesa che il diritto internazionale e gli eventi storici facciano il loro corso, se non quella di vedersi riconosciute prerogative, legislative e fiscali, che ricalchino i tradizionali assetti federali.

    Si può quindi criticare la Lega sul piano della strategia (romana, cadregara, inculturale) e dei contenuti (scialbi, inincisivi), ma non sul piano della "forma", perchè riforme e rivoluzione sono due cose diverse.

  3. #3
    Moderatore
    Data Registrazione
    12 Apr 2002
    Località
    parma
    Messaggi
    3,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ciao Zena , ti leggo sempre volentieri, e non mi spaventano le tue critiche anzi... Vedi il problema dello stato italico ,con la portentosa "forza" che veicola i partiti ,i quali poi manovrano i politici di terza tacca, hanno alterato visibilmente il rapporto coi cittadini, trasformandoli in sudditi da detentori sovrani dello stato. A questo punto , la pseudo devolution della Lega , o della CDL rispecchia totalmente la "presa in giro" ,dell'autonomia sbandierata,avendo la CDL riprestinato alcune prerogative che la passata legislatura di sinistra aveva "tolto" allo stato centrale.
    Se non riusciremo a far comprendere alla gente i vantaggi di tornare a toccare da vicino la gestione dello stato , non riusciremo MAI PIU' a parlare di federalismo. Naturalmente per arrivare a tutto ciò non bisogna più parlare di roma ladrona ,ma andare a toglierle dal cassetto le chiavi della cassaforte! E smettere anche di far passare (cosa che tu sai ) non vera la volontà del nord ad abbandonare il sud italia ma ribadire costantemente il dovere del sud di adeguarsi strutturalmente al resto del paese , e questo si faciliterà portando il paese verso un federalismo reale sia politico che "fiscale", il sud non solo ha possibilità enormi di reddito procapite , ma addirittura sostenere il resto del paese ,solo deve scoprire la chiave per aprire la porta.
    un saluto a zena ( vado spesso (quando potevo) in quel di chiavari )

  4. #4
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    La mia critica voleva essere costruttiva, e infatti sono d'accordo con la tua analisi. Ma continua a risultarmi poco chiaro il pensiero di questo movimento.
    Io sono di "Santa", ma vengo spesso a Parma, città di cui sono per metà originario, in cui ho decine di parenti fra zii e cugini e in cui ho vissuto sei anni, quelli dell'università. Anni ruggenti

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    12 Apr 2002
    Località
    parma
    Messaggi
    3,105
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [QUOTE=ZENA]La mia critica voleva essere costruttiva, e infatti sono d'accordo con la tua analisi. Ma continua a risultarmi poco chiaro il pensiero di questo movimento.

    Il pensiero politico se entri nel sito , leggi o scarichi i nosti " pensieri " che sono tanti , non ti schiariranno tutti gli orizonti , ma .....
    certo anche noi saremo schiavi di utopie , ma visto che senza queste l'uomo non può vivere , ben vengano le utopie. saluti .
    www.autogoverno.org.

 

 

Discussioni Simili

  1. UK - è rissa sulla devolution
    Di Liutprando nel forum Padania!
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 03-07-06, 14:39
  2. Referendum sulla Devolution
    Di er uagh nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 15-02-06, 14:04
  3. Sulla devolution
    Di dejudicibus nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-01-06, 14:45
  4. Sulla devolution
    Di dejudicibus nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-01-06, 14:44
  5. Referendum Sulla Devolution
    Di itloox nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 43
    Ultimo Messaggio: 22-10-05, 12:32

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226