User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Amministrative a Messina: siamo al delirio

    Ragno, «il Limonata» e 21 liste per la sfida

    Gara nel centrodestra, quasi mille candidati al consiglio comunale.

    E c'è chi non sa per quale partito corre

    Dodici voti. Dodici voti bastarono a Giuseppe Lombardo, nel delirio di conteggi intorno alle liste civetta, per vincere il suo terno al lotto: un seggio da consigliere provinciale. Che ci metti, a prendere dodici voti? La mamma, la moglie, i fratelli, un paio di cognati, due zie e qualche cugino. E stai a posto per anni.

    Va da sé che, alla lotteria delle prossime comunali, sulla ruota di Luigi Ragno, il candidato della Cdl, hanno deciso di giocare circa in 930. «Vado a spanne», dice l'aspirante sindaco. «Dunque, con me stanno 21 liste con 45 candidati a lista meno una che ne ha solo una trentina... Ma esattamente non li ha contati nessuno». Una ha bussato pure alla porta di Nunzio Romeo, il presidente dell'Ordine dei Medici candidato per gli autonomisti. Era la donna dell'impresa di pulizie che, armata di stracci e secchi d'acqua, lava le scale: «Presidente, ci posso dare il mio santino?» «Candidata siete?» «Sì, presidente». «E di che partito?» «Hiiiii! E che ne so io, di che partito, presidente?» «Ma come: mi date un santino elettorale e non sapete manco per chi vi candidate?» «Hiiii! Il partito! Hanno fatto tutto loro, presidente! Un piacere mi chiesero. Dovevo dire di no?».

    Era fortissima la destra, a Messina. Alle ultime politiche elesse a mani basse due deputati e un senatore senza lasciare alle sinistre manco la soddisfazione di infastidire la trionfale tripletta. Alle ultime comunali, maggio 2003, prese il 66 per cento. Tanto da spingere Rifondazione a sfogarsi su internet parlando di una città «geneticamente di destra». L'estenuante braccio di ferro voluto dai vertici di An per non concedere agli avversari le dimissioni del sindaco allora eletto, Giuseppe Buzzanca, condannato e dichiarato incompatibile per il famoso viaggio in auto blu fino al porto d'imbarco della nave che lo doveva portare in viaggio di nozze, ha però squassato tutto.

    «Non avevamo scelta», ha detto mille volte Domenico Nania, che di An messinese è stato in questi anni il leader indiscusso, «Hanno fatto fuori per una sciocchezza una persona perbene votata dalla gente. Era una questione di principio». Fatto sta che per due anni la città è rimasta in una fase delicatissima nelle mani di un commissario di governo che veniva giù dal Friuli tre o quattro giorni la settimana. E la scelta pesa. Come pesa l'invettiva che il prudente arcivescovo Giovanni Marra lanciò qualche settimana fa in un'intervista al Corriere facendosi interprete di un sentimento comune: «Hanno abbandonato Messina a se stessa. Al degrado. Alla mafia. Due anni e mezzo di abbandono».

    Risultato: Luigi Ragno, cui la destra chiede di recuperare quel rapporto infranto con la città in una sfida diventata centrale a livello nazionale, si trova a battersi non solo contro la sinistra e non solo contro il cartello autonomista di Raffaele Lombardo ma anche contro una lista di Alternativa Sociale (il cui candidato Filippo Clementi accusa An delle peggiori nefandezze clientelari) più una della Fiamma Tricolore (che con Vincenzo Allastra è se possibile ancora più dura) più una terza costruita tra «uomini di destra perbene e disgustati» da Nello Musumeci, il più votato degli euro-parlamentari aennini che, dopo aver contribuito alla miracolosa vittoria di Umberto Scapagnini a Catania, ha sbattuto la porta del partito per fondare Alleanza Siciliana, tatticamente alleata dei lombardiani.
    E così, nella sua ex-roccaforte, Ragno confida di sentirsi «in una corsa ad handicap». Una frase che due anni fa gli avrebbe guadagnato risate di scherno. Chi l'immaginava che le cose si complicassero tanto, a destra, a Messina? Prima i sondaggi da brividi, poi le tensioni interne, poi i moniti di alleati come l'Udc Gianpiero D'Alia: «Non possiamo perdere una città di centrodestra come questa impiccandoci dopo quello che è successo a un uomo di An». Settimane di trattative, appelli, rotture e cuciture. Finché la scelta non era caduta appunto sul capogruppo di An in Provincia, Luigi junior. Il gemello aitante, destrorso e capelluto del candidato unionista Francantonio Genovese: tutti e due nati il 24 dicembre, tutti e due figli d'arte dato che Luigi è figlio del senatore Totò Ragno a sua volta erede del senatore Luigi Ragno senior, tutti e due avvocati: «Con la differenza che, per dirla in celentanese, io sono rockissimo e Francantonio è lento. Quando parla, poi, pare mio nonno...». Come slogan, calcando sui conflitti d'interesse dell'avversario, ne ha scelto uno che dice: «Un sindaco utile alla città, non una città utile al sindaco».

    Vicino a Ignazio La Russa ma non ostile a Nania, che ben volentieri gli ha ceduto il passo rinunciando al «suo» candidato, il city manager Gianfranco Scoglio, per non vedersi rinfacciare un'eventuale batosta, il bel Luigi (sposato, tre figli, jogging mattutino, ultimo libro letto quello di Tiziano Terzani) può contare come dicevamo su 21 liste di appoggio tra cui 8 in qualche modo legate ad An: Alleanza Giovani, Alleanza per Messina, Alleanza Rosa, Alleanza Tricolore... Un esperimento che, chissà potrebbe poi dilagare in tutta Italia aprendo scenari da incubo: se già qui la scheda è larga 97,5 per 48,3 centimetri e ospita 1755 candidati, ve l'immaginate a livello nazionale? «Lo so, poi bisognerà cambiare», sospira Ragno, «L'avevamo già provata alle comunali di Milazzo dov'era andata benissimo. Più gente coinvolgi, più si impegna». Come Santino Ruggeri, che ha un chiosco di limonate in piazza Cairoli, azzanna gli arbitri su una tv locale in nome del Messina, porta fissa al collo un'amata sciarpa giallorossa e si presenta così: «Vota Santo Ruggeri, detto Limonata».

    «Promettono posti a tutti!» — urlano nel megafono gli uomini Alleanza Siciliana al mercato della Giostra — «Promettono posti a tutti!». È guerra, spiega Nello Musumeci: «Proprio perché io sono un uomo di destra. E vedo in An, qui più ancora che nel resto d'Italia, un solo obiettivo: il potere. Solo il potere conta. Il potere. Lui, Ragno, è una brava persona. Ma il suo ruolo oggi è solo quello della foglia di fico di un sistema che ha visto An tradire Fiuggi e omologarsi ai peggiori partiti della prima repubblica. Un partito dilaniato dalle correnti. Sempre più coinvolto nei sistemi clientelari. Sotto il tallone di Roma, dove decidono in tre come ai tempi dell'impero romano. Hanno tenuto per due anni Messina in ostaggio. Basta». Dall'altra parte, Luigi Ragno sospira: «Ah, Nello... Ah, Nello...».

    Gian Antonio Stella
    23 novembre 2005

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Re: Amministrative a Messina: siamo al delirio

    In Origine Postato da Liutprando
    Ragno, «il Limonata» e 21 liste per la sfida

    Gara nel centrodestra, quasi mille candidati al consiglio comunale.

    E c'è chi non sa per quale partito corre

    Dodici voti. Dodici voti bastarono a Giuseppe Lombardo, nel delirio di conteggi intorno alle liste civetta, per vincere il suo terno al lotto: un seggio da consigliere provinciale. Che ci metti, a prendere dodici voti? La mamma, la moglie, i fratelli, un paio di cognati, due zie e qualche cugino. E stai a posto per anni.

    Va da sé che, alla lotteria delle prossime comunali, sulla ruota di Luigi Ragno, il candidato della Cdl, hanno deciso di giocare circa in 930. «Vado a spanne», dice l'aspirante sindaco. «Dunque, con me stanno 21 liste con 45 candidati a lista meno una che ne ha solo una trentina... Ma esattamente non li ha contati nessuno». Una ha bussato pure alla porta di Nunzio Romeo, il presidente dell'Ordine dei Medici candidato per gli autonomisti. Era la donna dell'impresa di pulizie che, armata di stracci e secchi d'acqua, lava le scale: «Presidente, ci posso dare il mio santino?» «Candidata siete?» «Sì, presidente». «E di che partito?» «Hiiiii! E che ne so io, di che partito, presidente?» «Ma come: mi date un santino elettorale e non sapete manco per chi vi candidate?» «Hiiii! Il partito! Hanno fatto tutto loro, presidente! Un piacere mi chiesero. Dovevo dire di no?».

    Era fortissima la destra, a Messina. Alle ultime politiche elesse a mani basse due deputati e un senatore senza lasciare alle sinistre manco la soddisfazione di infastidire la trionfale tripletta. Alle ultime comunali, maggio 2003, prese il 66 per cento. Tanto da spingere Rifondazione a sfogarsi su internet parlando di una città «geneticamente di destra». L'estenuante braccio di ferro voluto dai vertici di An per non concedere agli avversari le dimissioni del sindaco allora eletto, Giuseppe Buzzanca, condannato e dichiarato incompatibile per il famoso viaggio in auto blu fino al porto d'imbarco della nave che lo doveva portare in viaggio di nozze, ha però squassato tutto.

    «Non avevamo scelta», ha detto mille volte Domenico Nania, che di An messinese è stato in questi anni il leader indiscusso, «Hanno fatto fuori per una sciocchezza una persona perbene votata dalla gente. Era una questione di principio». Fatto sta che per due anni la città è rimasta in una fase delicatissima nelle mani di un commissario di governo che veniva giù dal Friuli tre o quattro giorni la settimana. E la scelta pesa. Come pesa l'invettiva che il prudente arcivescovo Giovanni Marra lanciò qualche settimana fa in un'intervista al Corriere facendosi interprete di un sentimento comune: «Hanno abbandonato Messina a se stessa. Al degrado. Alla mafia. Due anni e mezzo di abbandono».

    Risultato: Luigi Ragno, cui la destra chiede di recuperare quel rapporto infranto con la città in una sfida diventata centrale a livello nazionale, si trova a battersi non solo contro la sinistra e non solo contro il cartello autonomista di Raffaele Lombardo ma anche contro una lista di Alternativa Sociale (il cui candidato Filippo Clementi accusa An delle peggiori nefandezze clientelari) più una della Fiamma Tricolore (che con Vincenzo Allastra è se possibile ancora più dura) più una terza costruita tra «uomini di destra perbene e disgustati» da Nello Musumeci, il più votato degli euro-parlamentari aennini che, dopo aver contribuito alla miracolosa vittoria di Umberto Scapagnini a Catania, ha sbattuto la porta del partito per fondare Alleanza Siciliana, tatticamente alleata dei lombardiani.
    E così, nella sua ex-roccaforte, Ragno confida di sentirsi «in una corsa ad handicap». Una frase che due anni fa gli avrebbe guadagnato risate di scherno. Chi l'immaginava che le cose si complicassero tanto, a destra, a Messina? Prima i sondaggi da brividi, poi le tensioni interne, poi i moniti di alleati come l'Udc Gianpiero D'Alia: «Non possiamo perdere una città di centrodestra come questa impiccandoci dopo quello che è successo a un uomo di An». Settimane di trattative, appelli, rotture e cuciture. Finché la scelta non era caduta appunto sul capogruppo di An in Provincia, Luigi junior. Il gemello aitante, destrorso e capelluto del candidato unionista Francantonio Genovese: tutti e due nati il 24 dicembre, tutti e due figli d'arte dato che Luigi è figlio del senatore Totò Ragno a sua volta erede del senatore Luigi Ragno senior, tutti e due avvocati: «Con la differenza che, per dirla in celentanese, io sono rockissimo e Francantonio è lento. Quando parla, poi, pare mio nonno...». Come slogan, calcando sui conflitti d'interesse dell'avversario, ne ha scelto uno che dice: «Un sindaco utile alla città, non una città utile al sindaco».

    Vicino a Ignazio La Russa ma non ostile a Nania, che ben volentieri gli ha ceduto il passo rinunciando al «suo» candidato, il city manager Gianfranco Scoglio, per non vedersi rinfacciare un'eventuale batosta, il bel Luigi (sposato, tre figli, jogging mattutino, ultimo libro letto quello di Tiziano Terzani) può contare come dicevamo su 21 liste di appoggio tra cui 8 in qualche modo legate ad An: Alleanza Giovani, Alleanza per Messina, Alleanza Rosa, Alleanza Tricolore... Un esperimento che, chissà potrebbe poi dilagare in tutta Italia aprendo scenari da incubo: se già qui la scheda è larga 97,5 per 48,3 centimetri e ospita 1755 candidati, ve l'immaginate a livello nazionale? «Lo so, poi bisognerà cambiare», sospira Ragno, «L'avevamo già provata alle comunali di Milazzo dov'era andata benissimo. Più gente coinvolgi, più si impegna». Come Santino Ruggeri, che ha un chiosco di limonate in piazza Cairoli, azzanna gli arbitri su una tv locale in nome del Messina, porta fissa al collo un'amata sciarpa giallorossa e si presenta così: «Vota Santo Ruggeri, detto Limonata».

    «Promettono posti a tutti!» — urlano nel megafono gli uomini Alleanza Siciliana al mercato della Giostra — «Promettono posti a tutti!». È guerra, spiega Nello Musumeci: «Proprio perché io sono un uomo di destra. E vedo in An, qui più ancora che nel resto d'Italia, un solo obiettivo: il potere. Solo il potere conta. Il potere. Lui, Ragno, è una brava persona. Ma il suo ruolo oggi è solo quello della foglia di fico di un sistema che ha visto An tradire Fiuggi e omologarsi ai peggiori partiti della prima repubblica. Un partito dilaniato dalle correnti. Sempre più coinvolto nei sistemi clientelari. Sotto il tallone di Roma, dove decidono in tre come ai tempi dell'impero romano. Hanno tenuto per due anni Messina in ostaggio. Basta». Dall'altra parte, Luigi Ragno sospira: «Ah, Nello... Ah, Nello...».

    Gian Antonio Stella
    23 novembre 2005
    Hii!! La vedo dura parlare di devolution e federalismo fiscale con Limonata e suoi campari....

  3. #3
    Rage against the Empire
    Data Registrazione
    03 Sep 2005
    Messaggi
    110
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Beh, che c'è di male? La vera democrazia si basa sulla partecipazione diffusa e attiva della cittadinanza alla vita politica, sulla disponibilità sacrificale dei privati cittadini al servizio nei confronti della cosa... pubblica.
    Trovo lodevole quanto avviene in Sicilia.

  4. #4
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    In Origine Postato da [email protected]
    Beh, che c'è di male? La vera democrazia si basa sulla partecipazione diffusa e attiva della cittadinanza alla vita politica, sulla disponibilità sacrificale dei privati cittadini al servizio nei confronti della cosa... pubblica.
    Trovo lodevole quanto avviene in Sicilia.
    Hiiiii! cosa.....nostra no pubblica.
    Bacio le mani...

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    03 Sep 2004
    Località
    Palermo
    Messaggi
    1,725
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Eccolo....

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma che faccia c'ha?!?
    E' pazzesco......... Se gli unici candidati fossero questo e il cane del mio vicino non avrei dubbi a chi dare il voto.......... al cane naturalmente!

  7. #7
    Ecogiustiziere Insubre
    Data Registrazione
    05 Apr 2004
    Località
    Dove c'è bisogno di me, in Insubria
    Messaggi
    3,516
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Io voterei comunque il cane, a prescindere dagli altri candidati...
    Iunthanaka
    Conte della Martesana

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Loro almeno possono godersi una giornata al mare

  9. #9
    Registered User
    Data Registrazione
    29 Jan 2003
    Località
    Insubria
    Messaggi
    764
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Altre news dalla Sicilia

    Gli arrestati condizionavano l'assegnazione delle commesse pubbliche, e imponevano e riscuotevano il pizzo. Erano in contatto anche con i capi latitanti
    Infiltrazioni mafiose negli appalti:
    a Trapani in carcere 6 imprenditori

    ROMA - Appalti e mafia: a Trapani la polizia ha eseguito 6 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di imprenditori edili ritenuti responsabili di associazione mafiosa ed estorsione plurima. Gli arresti arrivano a conclusione di un'indagine denominata 'Progetto Mafia Appalti Trapani'.

    Grazie alle intercettazioni, gli investigatori della polizia di Stato di Trapani hanno assistito a vari summit di mafia tra un ristretto gruppo di 'uomini d'onore' che, attraverso l'infiltrazione occulta nel sistema imprenditoriale e nel sistema amministrativo locale, controllavano e davano direttive per la manipolazione ed il condizionamento di appalti pubblici.

    In manette sono finiti con l'accusa di associazione mafiosa ed estorsione Antonino Birrittella, 49 anni; Tommaso Coppola, di 66; Francesco Pace, di 64 e Antonino Spezia, di 52. Il provvedimento del gip della Dda di Palermo è stato notificato in carcere ad Antonino Aleo, di 52 anni e Vito Russo, di 47.

    L'indagine ha inoltre consentito di far luce su vari condizionamenti illeciti per la fornitura di calcestruzzo proveniente da alcune ditte in varie opere da realizzare nel comprensorio siciliano.

    In particolare, dalle intercettazioni ambientali, sulla cui base si forma l'intera inchiesta, la polizia ha pure individuato il "reggente" del mandamento mafioso di Trapani che ha preso il posto di Vincenzo Virga, arrestato il 21 febbraio 2001. Il neocapomafia, al quale è stato notificato un provvedimento cautelare, secondo l'accusa risulta al vertice di un comitato ristretto di imprenditori che hanno riorganizzato il mandamento mafioso partecipando attivamente alle fasi deliberative, organizzative ed esecutive di atti criminali, come l'imposizione del pagamento del pizzo alle imprese che lavorano nel territorio trapanese e il controllo di appalti indetti da enti locali.

    Questo gruppo di imprenditori aveva anche un contatto mediato con esponenti mafiosi latitanti. In passato lo avevano avuto con il boss di Alcamo, Vincenzo Milazzo, deceduto alcuni anni fa e poi con Vincenzo Virga. Negli ultimi tempi i contatti erano con il vertice attuale di Cosa nostra e cioè con il boss latitante Matteo Messina Denaro.

    L'indagine ha pure consentito di raccogliere molteplici e rilevanti elementi probatori sul condizionamento illecito della fase dell'aggiudicazione delle gare di appalto, e quindi anche dell'operato della pubblica amministrazione, da parte di un gruppo di imprenditori e di funzionari pubblici.

    (24 novembre 2005)
    Repubblica.it

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226