User Tag List

Risultati da 1 a 6 di 6
  1. #1
    Totila
    Ospite

    Predefinito Bush voleva bombardare un alleato: il Qatar

    Bush voleva bombardare un alleato: il Qatar
    Maurizio Blondet
    23/11/2005
    Tony Blair e Geroge W. BushBush espose a Blair un piano per distruggere Al Jazeera, la nota TV araba, a suon di bombe.
    Il fatto che Al Jazeera abbia sede in Qatar, piccolo emirato «amico» (o servo) degli Stati Uniti, non sembrava d’ostacolo al presidente americano: bombardare anche gli «alleati» è la nuova dottrina imperiale.
    L’idea è stata ventilata durante un incontro a due alla Casa Bianca il 16 aprile del 2004, ha rivelato il Daily Mirror (1).
    Erano i giorni dell’attacco a Falluja con bombe al fosforo e varie atrocità, e Al Jazeera faceva infuriare il Pentagono con i suoi coraggiosi reportages da dietro le linee degli insorti, mostrando cadaveri di vittime, di soldati americani e di contractor (mercenari) fatti a pezzi.



    A Tony Blair c’è voluto del bello e del buono per dissuadere l’«alleato» americano, facendogli presente che un bombardamento aereo avrebbe ucciso molti civili innocenti e avrebbe alienato ulteriormente il Medio Oriente, facendo una cattivissima impressione agli «alleati» musulmani della coalizione.
    Anche perché i giornalisti di Al Jazeera non sono dei jihadisti fanatici, ma per lo più autorevoli giornalisti di formazione occidentale, e molti di nazionalità algerina e tunisina.
    Di questo colloquio esiste un resoconto ufficiale: un memorandum segreto conservato a Downing Street, che qualcuno ha visto.
    «Un memorandum esplosivo che, se fosse reso pubblico, danneggerebbe gravemente Bush», dice una fonte anonima al Mirror.
    Il governo Blair non ha veramente smentito.
    Un portavoce si è limitato a dire che il tono di Bush era «scherzoso».
    Ma un’altra fonte anonima smentisce: «Bush era mortalmente serio, come Blair del resto. Ciò risulta chiarissimo dalle parole usate da entrambi».



    Così un parlamentare britannico, Peter Kilfoyle (ex ministro della Difesa e laburista come Blair) ha chiesto in modo imperioso che il memorandum sia reso pubblico: «dà un’idea precisa della mentalità degli architetti di questa guerra; è agghiacciante che un uomo potente come Bush possa proporre simili azioni».
    Ma Blair non ci pensa proprio alla pubblicazione.
    Anzi, su incarico del governo, il procuratore generale Lord Goldsmith (ebreo) ha minacciato i giornali inglesi, se avessero osato pubblicare il memorandum, di gravi sanzioni penali in nome della legge sul segreto di Stato (Official Secrets Act).
    E tre responsabili della soffiata sul documento, l’ex parlamentare laburista Tony Clarke e il suo assistente Leo O’Connor, nonché David Keogh, un funzionario del governo, sono stati arrestati e rilasciati su cauzione, in attesa del processo per direttissima fissato per il 29 novembre.
    Che avverrà a porte chiuse (2).



    Le rivelazioni gettano una luce sinistra su una quantità di «incidenti involontari» e di «errori» americani che hanno colpito Al Jazeera.
    Nel 2001, la stazione della TV a Kabul fu colpita per errore da due bombe intelligenti.
    Nel 2003, il giornalista della TV Tarek Ayyub fu ammazzato da un missile USA mentre, in diretta, parlava da Baghdad.
    Decine di reporter non «embedded» sono stati uccisi in Iraq «per caso» o da oscuri «terroristi islamici»: questi assassinii, regolarmente attribuiti al fantomatico Al Zarqawi, hanno avuto l’effetto - casualmente gradito al Pentagono - che i media non osano più uscire dalla zona verde, la fortezza in cui è chiuso il regime collaborazionista iracheno.
    Almeno 59 giornalisti sono stati uccisi in Iraq, e altre centinaia aggrediti fisicamente: molti direttamente dagli americani, gli altri dal loro vero alleato Al Zarqawi.

    Tutti «errori».
    Come quello che ha trucidato Nicola Calipari e (certo per errore) mancato di ammazzare Giuliana Sgrena, che cercava notizie su Falluja.
    Del resto, anche loro, cittadini di un Paese «alleato», e dunque bombardabile a piacere come un qualunque Qatar.
    Che dire?
    Viene a punto l’osservazione di Enzo Baroni (è un ex collega di Avvenire): «a forza di esportare la democrazia, non ce n’è rimasta più per loro».
    Vige un’idea di «democrazia» per affermare la quale si comincia col sopprimere la libertà d’informazione, attraverso l’omicidio del reporter.
    Persino a Londra la democrazia intimidisce i giornalisti e li arresta.
    Ma la tendenza si rafforza di giorno in giorno.



    Vi possiamo includere l’arresto di David Irving, lo storico britannico accusato di «negare l’olocausto».
    E’ tutto parte della stessa storia: arrestare per nascondere menzogne, uccidere e silenziare per celare atrocità e delitti.
    E’ consentito solo applaudire il potere anglo-ebraico.
    Avanza un «giornalismo» come quello che, dalla radio di Stalin, proclamava: «compagni, ogni giorno la vita in URSS diventa più facile e felice».
    Anno 1937: l’anno in cui milioni di contadini proprietari erano avviati al Gulag, fucilati e lasciati morire, e - di conseguenza - l’Unione Sovietica conosceva la più atroce carestia di tutta la storia.
    Allora forza, compagni: Sharon è centrista e, coraggioso, vuole la pace, Bush espande la democrazia, in Iraq sono state tenute libere elezioni, la globalizzazione ci fa solo del bene, i nazionalsocialisti uccisero 9 (anzi 12) milioni di ebrei.
    E da noi la vita diventa ogni giorno più facile e felice.

    Maurizio Blondet




    --------------------------------------------------------------------------------
    Note
    1) Kevin Maguire e Andy Lines, «Bush plot to bomb his arab allay», Daily Mirror, 22 novembre 2005.
    2) Richard Norton-Taylor, «Legal gag on Bush-Blair war row», Guardian, 23 novembre 2005.




    Copyright © - EFFEDIEFFE - all rights reserved.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Questo articolo da' la misura del regime totalitario stiamo in cui stiamo vivendo.
    Ieri sera su La7, Ferrara ha "interrogato" in modo arrogante ed intimidatorio il giornalista (Sigfrido Ranucci) autore del reportage sul fosforo bianco di Falluja.
    Siamo solo all'inizio...

  3. #3
    El Criticon
    Ospite

    Predefinito Scusa, neh!

    ... non vorrei sembrare antipatico inquisitore ... però mi chiedo - e del succitato ranucci ('nun me ne potrebbe ecccetera) ...

    ... però, ahooo?, come fate a resistere alla vista di certi abnormi suini sopravvissuti al secondario successivo al primario deteriorato che ha originato il porcilaio conosciuto?


  4. #4
    Totila
    Ospite

    Predefinito Re: Scusa, neh!

    In Origine Postato da El Criticon
    ... non vorrei sembrare antipatico inquisitore ... però mi chiedo - e del succitato ranucci ('nun me ne potrebbe ecccetera) ...

    ... però, ahooo?, come fate a resistere alla vista di certi abnormi suini sopravvissuti al secondario successivo al primario deteriorato che ha originato il porcilaio conosciuto?

    Primo: controllare sempre il nemico...

  5. #5
    El Criticon
    Ospite

    Predefinito Cioè ...

    ... volevo solo dire ... anche se proprio non osavo pensare ... anche perché in queste ultime ore, più che pensare, avrei proprio vogli di STERMINARE ... il Qatar?

    ... Mannooo ... ma quale Qatarrrr del carrrr?

    Vorrei sterminare innanzi tutto il sistema stellare della RAI pro-domus-mei (atinus pluribus?), con la sola eccezione della favolosa Anna La Rosa dopo che ha superato una pericolosa dieta dimagrante ... macccheccc sto dicendo ... la preferivo decisamente ASSAI allorquando più GRASSOTTELLA era prima di riapparire con la NUTELLA ...

  6. #6
    Totila
    Ospite

    Predefinito Re: Cioè ...

    In Origine Postato da El Criticon
    ... volevo solo dire ... anche se proprio non osavo pensare ... anche perché in queste ultime ore, più che pensare, avrei proprio vogli di STERMINARE ... il Qatar?

    ... Mannooo ... ma quale Qatarrrr del carrrr?

    Vorrei sterminare innanzi tutto il sistema stellare della RAI pro-domus-mei (atinus pluribus?), con la sola eccezione della favolosa Anna La Rosa dopo che ha superato una pericolosa dieta dimagrante ... macccheccc sto dicendo ... la preferivo decisamente ASSAI allorquando più GRASSOTTELLA era prima di riapparire con la NUTELLA ...
    Quando saremo al potere la RAI (Mediaset la oscureremo) trasmetterà solo marce militari, inni, documentari sul Movimento, discorsi del Capo, notiziari e concerti di musica classica.

 

 

Discussioni Simili

  1. Quello che voleva bombardare l'Iran
    Di Shambler nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-10-07, 21:22
  2. Bush voleva bombardare un alleato: il Qatar
    Di Totila nel forum Politica Estera
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 23-11-05, 18:45
  3. bush voleva bombardare al jazeera ma tony blair lo fermo'
    Di cangaru' nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 22-11-05, 18:57
  4. Bush voleva bombardare Al Jazeera
    Di beppe2 nel forum Politica Estera
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-11-05, 14:51

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226