User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking I lager serbi in Bosnia? Un falso, un pretesto per la guerra

    | Lunedi 28 Novembre 2005 - 14:11 | |

    "Sì. La mia affermazione sull’esistenza campi di sterminio serbi in Bosnia fu un falso. Con le mie dichiarazioni intendevo offrire un pretesto alla Nato per bombardare i serbi: questa la confessione che Alija Izetbegovic, ex presidente della Bosnia musulmana, aveva reso, in fin di vita, nell’ospedale di Sarajevo, a Richard Holbruck ed a Bernard Kouchner.
    La rivista sorella di Rinascita in Serbia, Evropa Nacija, ha dedicato al documento un servizio di Costa Hristic (traduzione di Dragan Mraovic). Eccone un sunto.
    Non esistevano campi di sterminio serbi nella Bosnia anche se Alija Izetbegovic l'aveva detto a François Mitterrand nel giugno del 1992 a Sarajevo. Fu una menzogna, un artifizio utilizzato per offrire un pretesto alla premeditata aggressione dell’Occidente contro i Serbi e per consolidare le simpatie atlantiche in favore dei musulmani.
    Tale confessione fu resa da Alija Izetbegovic il 2 dicembre 2003, a Bernard Kouchner e Richard Holbruck seduti accanto al suo letto, poco prima della sua morte. Una testimonianza che ora si trova nel libro di Bernard Kouchner intitolato "I guerrieri della pace" (Editore: Grasset et Fasquelle, 2004), pagine 384 - 387.
    Soprassediamo sulle effusioni liriche di Kouchner, (assieme alla Bonino uno dei più invasati guerrafondai e “vendicatori” antiserbi in servizio permanente effettivo, ndR) e sul suo entusiasmo nei confronti di colui che riteneva "il miglior rappresentante dell’Islam della luce". Parliamo solo dei fatti.
    Alla fine dell’incontro Kouchner chiede a Izetbegovic se esistevano i campi di sterminio serbi. Gli ricorda il suo incontro con Mitterrand e ciò che lui, Izetbegovic, gli aveva detto sull'esistenza dei campi di sterminio: "Lei ha ripetuto la stessa cosa davanti ai giornalisti. Ciò aveva provocato una grande inquietudine nel mondo. François Mitterrand mi ha mandato a Omarska, abbiamo visto anche altre prigioni. Si trattava dei posti orrendi, ma non c'era nessun sterminio sistematico. Lei lo sa?"
    Risposta: Si. Io pensavo che le mie rivelazioni avrebbero potuto accelerare i bombardamenti dei serbi da parte della NATO."
    Interviene Richard Holbruck: "Lei ha capito a Helsinki che il presidente Bush senior non avrebbe reagito?"
    Izetbegovic: "Sì. L'affermazione di sterminio di massa era falsa. Non esistevano campi di sterminio serbi, qualsiasi fosse l'orrore dei posti."
    È tutto, ma sufficiente per capire la vergognosa posizione dell'Occidente durante la guerra in Jugoslavia: l’Occidente aveva accettato coscientemente tali menzogne ed anzi si era adoprato a produrne molte altre e a diffonderle per giustificare l’intervento atlantico, i bombardamenti indiscriminati di una popolazione europea. Per creare "i pretesti necessari a giustificare Le menzogne di Izetbegovic relative all'esistenza dei campi di sterminio serbi rappresentavano un grande successo della propaganda musulmana che ha contribuito fortemente alla demonizzazione dei serbi in Bosnia ed altrove.
    Una menzogna mediatica - condita da altre menzogne non ancora confessate - che, tra l’altro, ha permesso la costitizone di quel “Tribunale penale internazionale dell'Aia”. Tribunale inutile (che neanche gli Usa “riconoscono” - dopo averne sollecitato la fondazione - per timore di essere chiamati alla sbarra come criminali di guerra...) da qualche giorno presieduto dal giurista milanese Fausto Pocar.
    Naturalmente, tale confessione - ignorata dalla grande stampa internazionale ma vergognosamente utilizzata da uno dei principali manipolatori della pubblica opinione per il lurido fine di reclamizzare un proprio libro di memorie- non attenua la tragedia scatenata contro il popolo serbo.
    Ma è comunque una lezione utile per chi crede che la verità abbia ancora un senso.
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Un po' come la balla della "pulizia etnica" in Kosovo.
    Anche lì c'era un testimone oculare: tale Antonio Russo. Un agente provocatore della Bonino che si ritrovò a Pristina e che tramite telefono cellulare (ma chi glielo aveva fornito?) da una cantina dove era nascosto "vedeva" le stragi che i serbi compivano nel Kosovo. Al tempo era un pupillo del conduttore comico del Tg4: Emilio Fede.
    Poi tentò lo stesso giochetto nel Caucaso, in funzione anti-russa; ma lo ritrovarono lungo il ciglio di una strada pieno di piombo.

  3. #3
    legio_taurinensis
    Ospite

    Predefinito

    La cosa interessante è che verso la Serbia, che ha avuto la sola colpa di difendere la propria sovranità, si è scatenata l'ira U$A e l'indignazione europea...ma contro i tagliatori di gole in Bosnia o in altri paesi non europei, nessuno ha mai detto niente....

  4. #4
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Der Wehrwolf
    | Lunedi 28 Novembre 2005 - 14:11 | |

    "Sì. La mia affermazione sull’esistenza campi di sterminio serbi in Bosnia fu un falso. Con le mie dichiarazioni intendevo offrire un pretesto alla Nato per bombardare i serbi: questa la confessione che Alija Izetbegovic, ex presidente della Bosnia musulmana, aveva reso, in fin di vita, nell’ospedale di Sarajevo, a Richard Holbruck ed a Bernard Kouchner.
    La rivista sorella di Rinascita in Serbia, Evropa Nacija, ha dedicato al documento un servizio di Costa Hristic (traduzione di Dragan Mraovic). Eccone un sunto.
    Non esistevano campi di sterminio serbi nella Bosnia anche se Alija Izetbegovic l'aveva detto a François Mitterrand nel giugno del 1992 a Sarajevo. Fu una menzogna, un artifizio utilizzato per offrire un pretesto alla premeditata aggressione dell’Occidente contro i Serbi e per consolidare le simpatie atlantiche in favore dei musulmani.
    Tale confessione fu resa da Alija Izetbegovic il 2 dicembre 2003, a Bernard Kouchner e Richard Holbruck seduti accanto al suo letto, poco prima della sua morte. Una testimonianza che ora si trova nel libro di Bernard Kouchner intitolato "I guerrieri della pace" (Editore: Grasset et Fasquelle, 2004), pagine 384 - 387.
    Soprassediamo sulle effusioni liriche di Kouchner, (assieme alla Bonino uno dei più invasati guerrafondai e “vendicatori” antiserbi in servizio permanente effettivo, ndR) e sul suo entusiasmo nei confronti di colui che riteneva "il miglior rappresentante dell’Islam della luce". Parliamo solo dei fatti.
    Alla fine dell’incontro Kouchner chiede a Izetbegovic se esistevano i campi di sterminio serbi. Gli ricorda il suo incontro con Mitterrand e ciò che lui, Izetbegovic, gli aveva detto sull'esistenza dei campi di sterminio: "Lei ha ripetuto la stessa cosa davanti ai giornalisti. Ciò aveva provocato una grande inquietudine nel mondo. François Mitterrand mi ha mandato a Omarska, abbiamo visto anche altre prigioni. Si trattava dei posti orrendi, ma non c'era nessun sterminio sistematico. Lei lo sa?"
    Risposta: Si. Io pensavo che le mie rivelazioni avrebbero potuto accelerare i bombardamenti dei serbi da parte della NATO."
    Interviene Richard Holbruck: "Lei ha capito a Helsinki che il presidente Bush senior non avrebbe reagito?"
    Izetbegovic: "Sì. L'affermazione di sterminio di massa era falsa. Non esistevano campi di sterminio serbi, qualsiasi fosse l'orrore dei posti."
    È tutto, ma sufficiente per capire la vergognosa posizione dell'Occidente durante la guerra in Jugoslavia: l’Occidente aveva accettato coscientemente tali menzogne ed anzi si era adoprato a produrne molte altre e a diffonderle per giustificare l’intervento atlantico, i bombardamenti indiscriminati di una popolazione europea. Per creare "i pretesti necessari a giustificare Le menzogne di Izetbegovic relative all'esistenza dei campi di sterminio serbi rappresentavano un grande successo della propaganda musulmana che ha contribuito fortemente alla demonizzazione dei serbi in Bosnia ed altrove.
    Una menzogna mediatica - condita da altre menzogne non ancora confessate - che, tra l’altro, ha permesso la costitizone di quel “Tribunale penale internazionale dell'Aia”. Tribunale inutile (che neanche gli Usa “riconoscono” - dopo averne sollecitato la fondazione - per timore di essere chiamati alla sbarra come criminali di guerra...) da qualche giorno presieduto dal giurista milanese Fausto Pocar.
    Naturalmente, tale confessione - ignorata dalla grande stampa internazionale ma vergognosamente utilizzata da uno dei principali manipolatori della pubblica opinione per il lurido fine di reclamizzare un proprio libro di memorie- non attenua la tragedia scatenata contro il popolo serbo.
    Ma è comunque una lezione utile per chi crede che la verità abbia ancora un senso.
    Qual'e' la fonte di questo interessante articolo?

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da raggioverde
    Qual'e' la fonte di questo interessante articolo?
    "Rinascita Nazionale"
    "Sarà qualcun'altro a ballare, ma sono io che ho scritto la musica. Io avrò influenzato la storia del XXI secolo più di qualunque altro europeo".

    Der Wehrwolf

  6. #6
    sognatore
    Data Registrazione
    11 Nov 2004
    Località
    "Viviamo tutti sotto il medesimo cielo, ma non abbiano lo stesso orizzonte" K. Adenauer
    Messaggi
    735
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Der Wehrwolf
    "Rinascita Nazionale"
    va be', ma sono troppo naziunali per i miei gusti...
    Ecco la loro posizione sulla riforma costituzionale:
    "All’orizzonte, però, già si profila un’altra minaccia: il federalismo fiscale, ancor più figlio dell’egoismo delle regioni più ricche a danno delle più povere, quasi tutte meridionali.
    ....
    Anche in questo caso sarà un referendum dell’egoismo contro la solidarietà nazionale. Certe leggi non dovrebbero essere proprio promulgate e nemmeno fatti referendum su di esse."

  7. #7
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da raggioverde
    va be', ma sono troppo naziunali per i miei gusti...
    Ecco la loro posizione sulla riforma costituzionale:
    "All’orizzonte, però, già si profila un’altra minaccia: il federalismo fiscale, ancor più figlio dell’egoismo delle regioni più ricche a danno delle più povere, quasi tutte meridionali.
    ....
    Anche in questo caso sarà un referendum dell’egoismo contro la solidarietà nazionale. Certe leggi non dovrebbero essere proprio promulgate e nemmeno fatti referendum su di esse."
    Raggioverde, che siano nazziunali è un fatto. E su questo da loro ci separa un abisso; ma in fatto di politica estera, visto che la Lega non ce l'ha o preferisce la politica dello struzzo, giocoforza dobbiamo postare articoli che possono provenire sia da Rinascita e sia, come abbiamo fatto in altre occasioni, da Liberazione o da Il Manifesto...

  8. #8
    la ricerca della bellezza nascosta
    Data Registrazione
    03 May 2005
    Località
    Calabria Citeriore - Regno delle Due Sicilie
    Messaggi
    1,943
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    contro la Serbia e contro Milosevic si è scatenato un inferno di menzogne!

    Il caso del Kossovo deve far vergognare tutti noi europei.

    Milosevic deve essere liberato immediatamente! Ogni giorno che passa in carcere è un giorno maledetto per l'Europa.

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 01-07-13, 16:44
  2. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 18-11-10, 14:54
  3. Bosnia-Erzegovina: Serbi approvano una risoluzione per la secessione
    Di westminster nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 25-02-08, 02:59
  4. Bosnia-Erzegovina: Serbi approvano una risoluzione per la secessione
    Di westminster nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 24-02-08, 16:39
  5. Parlamento dei Serbi di Bosnia richiede secessione immediata
    Di Kranzler II nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-02-08, 08:37

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226