User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 27
  1. #1
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    La Padania alla “conquista” del Sud

    ieri Convention a milano
    La Padania alla “conquista” del Sud
    Da dicembre il nostro quotidiano in tutte le edicole. Paragone: «Scelta di provocazione e di libertà»

    La Padania sbarca in Italia. Dal primo dicembre infatti, il nostro giornale sarà anche nelle edicole del Sud e delle isole, coprendo con maggiore capillarità il Centro.
    Un progetto ambizioso in cui tutti, redazione, direzione, amministratori e vertici del Movimento credono molto e su cui tutti abbiamo scommesso. Forte di un «costante incremento delle vendite» e di «riscontri positivi dal mercato pubblicitario», la Padania fa una «scelta di provocazione e di libertà»: da dicembre - ha annunciato il direttore Gianluigi Paragone - diventa un quotidiano nazionale, superando i confini del Nord, rafforzandosi al Centro e soprattutto debuttando nelle edicole del Sud. Il tutto con una nuova veste grafica e un formato più piccolo.
    «Abbiamo deciso di affrontare questa sfida, che è sì provocatoria ma industrialmente sta in piedi - ha spiegato Paragone - spinti dalle tante lettere ricevute dal Meridione in questi mesi, che dimostrano che non è vero che lì si guarda con distacco e cattiveria alla Lega Nord e al suo panorama editoriale di riferimento».
    Paragone è convinto che sia necessario «dare voce e risalto a quella cultura autonomista e federalista che esistono, e sono forti, anche nel Sud Italia: potremo individuare dei percorsi di convergenza».
    Dietro il debutto nelle edicole del Sud, anche una volontà più squisitamente politica, «spiegare il federalismo e la recente riforma costituzionale. C’è la tendenza a criticare in maniera aprioristica questa riforma come se fosse ostile al Mezzogiorno: ma sono convinto del contrario e del fatto che nel Sud non tutti la pensino così».
    «Se il Sud vuole continuare a crescere senza regole, a non capire che il suo grande valore è legato al turismo inteso in senso industriale, a non archiviare la logica della “magnata”, continuerò ad attaccarlo - dice il direttore -. Non vogliamo accarezzare o coccolare il Sud, ma prenderlo per il bavero e dire: se qualcuno non la pensa così e vuole farsi sentire, questo è il giornale. Del resto, voti non ne dobbiamo prendere... anche se qualche voto poi arriva». Per affrontare la nuova sfida, la Editoriale Nord si è affidata a un secondo centro stampa a Roma (oltre a quello già operativo di Paderno Dugnano, in provincia di Milano). I punti vendita - spiega il direttore generale Roberto Mura - passeranno da 15mila a 19.700, gestiti attraverso 130 distributori contro gli 80 attuali, per raggiungere anche le principali edicole del Centro e del Sud, Isole comprese. La copertura sarà di 45mila copie al Nord e di 25mila al Centro-Sud, che a regime diventeranno 15mila. Cambierà anche il formato (che diventerà più compatto, passando dal 36x56 al 35x50), accompagnato da un lieve restyling grafico che diventerà con il tempo più marcato.
    L’operazione comporta circa 250mila euro in termini di maggiori costi, «ma siamo ottimisti sul raggiungimento del break even - sottolinea Mura - in tempi rapidi grazie all’aumento delle vendite e della raccolta pubblicitaria». Sul fronte della promozione, domenica spazi pubblicitari su numerosi quotidiani del Centro-Sud, ieri al Teatro Nuovo di Milano convention tra politici, buyer, distributori, edicolanti e Fieg.
    Tra le firme di recente arruolate dal quotidiano, oltre a quelle di Maurizio Blondet, Massimo Fini e Stefania Atzori, quella di Pierluigi Diaco, con una rubrica in prima pagina: «Magari aprirà un percorso di dialogo con la sinistra autorevole e riformista di cui sono elettore», chiosa il giornalista.
    Per presentare lo “sbarco” anche un foglio pubblicitario con un intervento di Giuseppe Leoni, tra i fondatori della Lega Nord e presidente del Cda della Padania: “È con grande orgoglio che scrivo queste righe di presentazione - si presenta Leoni sulla brochure informativa - per un progetto al quale tengo moltissimo e che ha visto la luce grazie alla sinergia di un gruppo compatto che nutre molte speranze. Qui, in mezzo a molti amici e conoscenti, a collaboratori validi e motivati faccio da apripista anche in rappresentanza del Cda

    . Voglio pubblicamente ringraziare ogni singola persona per tutto il grande lavoro svolto in questi anni. La nostra Padania, dopo 9 anni dalla sua nascita, corona quell’ambìto desiderio, di potere e volere far sentire la sua voce, una voce libera e obiettiva, a tutti quei popoli che, nel nostro Paese, non si sentono liberi. L’impegno è grande, come pure è grande il messaggio di cui siamo portatori. Un pensiero fraterno e un grande grazie, detto con tutto il mio cuore, va all’onorevole Bossi, perché la storia del giornale viene da lontano, un quarto di secolo fa, e lui ne fu l’ispiratore, l’ideatore e il fustigatore”.
    Anche il vicedirettore del quotidiano, Leonardo Boriani, è impegnato nel progetto sul fronte del merchandising: “Esiste un’altra provocazione - scrive sulla brochure - , oltre a quella delineata dal direttore, ed è quella della normalità. E normalità significa, per noi, la capacità di trasferire messaggi importanti in una realtà, in un humus, rappresentato da una base di lettori affezionati e legati. Un legame fortissimo che rende la Padania un unicum: i suoi messaggi vengono immediatamente tradotti in pratica. Un quotidiano normale deve avere un continuo scambio di idee con tutto quel movimento rappresentato “dall’altra metà del cielo”, quello commerciale in contrapposizione a quello strettamente editoriale. Un rapporto alimentato dalle iniziative che la Padania sta lanciando: pagine a più temi, pagine tematiche, pagine dedicate, costruzione di redazionali, pagine rivolte al mondo animale, al mondo indoor e a quello outdoor, mondo delle fiere, pagine su personaggi, aziende e strategie, pagine economiche... pagine, tante pagine ricche di articoli e foto sugli aspetti più disparati della nostra società. Pagine a disposizione di coloro che vogliano dialogare con noi, e, perché no, crescere ulteriormente con noi, aperti e interessati come siamo ad ogni esigenza”.
    Ieri sera si è tenuta a Milano una convenction al Teatro Nuovo che ha segnato il lancio del grande progetto del nostro giornale.


    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    51,099
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Tempo perso.
    Miglio affermava che il cambiamento proposto dalla Lega sarebbe arrivato restando al Nord.
    Non è il primo tentativo di "esportare" il modello altrove, ma è sempre fallito. L'unica novità è quella del referendum cofermativo; potrebbe servire per fare opera di convinzione dell'elettorato meridionale. Ma sull'efficacia nutro molte perplessità.

  3. #3
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    vista l'attuale impostazione lo sboccoitaglione del giornale della Lega Nord è solo l'ennesima coltellata a chi ricorda il quotidiano rivoluzionario di un tempo. D'altronde con gli argomenti che tratta oggi (fallaci, cristi, papi, nazziunale, calcio) non nuoce più a nessuno, tantomeno ai terroni. Anzi, chimatela "l'italia", sarebbe più onesto.

  4. #4
    What am I doing here?
    Data Registrazione
    11 Apr 2004
    Messaggi
    37,582
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Lo aspetto con impazienza....

  5. #5
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Il_Grigio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Lo aspetto con impazienza....

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    11 Dec 2010
    Messaggi
    5,525
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Diaco dixit (in prima pagina):

    ROMA CAPOCCIA: LA LEGA VISTA DA SINISTRA
    Auguri Padania... nazionale


    Domani la Padania diventa un giornale italiano, nazionale, plurale, aperto alle opinioni, consapevole della propria storia ed entusiasta per il futuro che l'attende. Domani, se vivessimo in un Paese civile, normale e rispettoso delle differenze, i direttori dei più autorevoli quotidiani, o almeno qualche autorevole firma del giornalismo scritto, dovrebbero avere il garbo di alzare la cornetta del telefono e chiamare il direttore di questo foglio padano e congratularsi per il coraggio con cui ha messo su la nuova scommessa. Dico questo, perché da italiano, da romano e, credo, da ragazzo per bene sento forte il bisogno di vivere in un Paese in cui le minoranze imparino prima o poi a rispettarsi, magari pure a combattersi con la giusta dose di veleno, ma in un clima leale e sincero. Avendo poco meno di trent'anni e non avendo una storia politica alle spalle, è evidente che la mia attività intellettuale e giornalistica non soffra, come succede a molti, di una malattia comune nell'ambiente politico-culturale: ovvero il pregiudizio politico e lo snobismo di chi pensa di essere depositario unico di verità. Comprendo che per molti colleghi sapere che la Padania punti ad essere un giornale e non un bollettino politico non è una questione di facile digestione. Mi sento di rivolgermi quindi con la dovuta franchezza soprattutto a coloro i quali hanno già liquidato la mia collaborazione con questo giornale come l'ennesima piroetta politica: voglio dirvi, cari illustri e maturi colleghi, che non ho mai creduto che l'unità di un Paese si ottenga imponendo un modello di società e di libertà a coloro i quali hanno già avuto modo di maturarne un altro, considerato per lo più, come nel caso del movimento leghista, un modello alternativo. Penso invece - ed è per questo che tutte le settimane riempio con passione questo spazio - che l'unità di un Paese si ottenga con il buon senso, il dialogo, la pazienza e il tempo.
    Io ci sto. I lettori della Padania, lo spero.

  7. #7
    What am I doing here?
    Data Registrazione
    11 Apr 2004
    Messaggi
    37,582
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Nanths

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Che ti ridi? Ho da rifoderare i cassetti...

  8. #8
    email non funzionante
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Per non lottare ci saranno sempre moltissimi pretesti in ogni circostanza, ma mai in ogni circostanza e in ogni epoca si potrà avere la libertà senza la lotta!
    Messaggi
    12,320
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Il_Grigio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Che ti ridi? Ho da rifoderare i cassetti...
    pensavo che servisse per i merluzzi

  9. #9
    www.noterdechedelada.net
    Data Registrazione
    16 Mar 2005
    Località
    al di qua dell'adda
    Messaggi
    2,196
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Se consideriamo il direttore, i tempi dei verbi, e un'opera di inversione, ed i contenuti, il titolo dobrebbe essere:

    IL SUD HA GIA' CONQUISTATO "LA PADANIA"
    Valtrumplino sicuramente

    Lombardo forse

    Padano..per quel che resta

    Italiano MAI!

  10. #10
    la ricerca della bellezza nascosta
    Data Registrazione
    03 May 2005
    Località
    Calabria Citeriore - Regno delle Due Sicilie
    Messaggi
    1,943
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Birrafondaio

    [L'utente si trova nella tua lista ignorati] Visualizza citazione
    Se consideriamo il direttore, i tempi dei verbi, e un'opera di inversione , ed i contenuti, il titolo dobrebbe essere:

    IL SUD HA GIA' CONQUISTATO "LA PADANIA"
    Azz!

    Birrafondaio, l'inversione a 360° della realtà la stai fantasticando tu!

    E io dico: povero sud, gli si imputa di tutto e di più!

    In pratica non è "la padania" a sbarcare al sud; è il sud che ha invaso "la padania" - questa sì che è una inversione a 1.024 gradi della realtà!

    Un po come l'annessione risorgimentale del sud al nord: molti padani ritengono di essere stati loro ad essere invasi dal sud

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226