User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Post Irving: effetto boomerang?

    | Martedì 6 Dicembre 2005 - 14:22 | Enrico Galoppini |

    di Enrico Galoppini

    Non c’era bisogno dell’arresto dello storico britannico David Irving - il quale rischia dai 10 ai 20 anni di galera in Austria - per scoprire che tutto il gran parlare di «libertà d’espressione» lascia il posto ad un silenzio di tomba non appena ci si addentra in un qualche ‘terreno minato’. E difatti non mi straccerò le vesti per quel che è accaduto e che accadrà di nuovo in questa Europa sempre più integralista ed inquisitoria (1).
    L’apparato mediatico ha, come di consueto, svolto il ruolo che gli compete, presentando Irving come un essere abietto, un falsario dilettante mosso da odio «antisemita» e perciò intento a forzare sistematicamente i documenti per trarne conclusioni preconfezionate. E’ stato anche scritto che Irving si era recato in Austria, paese dove nel 1989 avrebbe commesso il «reato», l’«apologia del Nazismo», negando – sulla base delle ricerche sue e di altri storici - che siano mai esistite le «camere a gas naziste»(2), per partecipare ad un «raduno di estremisti di destra», mentre in realtà avrebbe dovuto tenere una lezione, su invito di un’associazione goliardica universitaria di destra, sull’importante tema dei rapporti tra autorità nazionalsocialiste e sionisti ungheresi. Ma quella lezione non c’è mai stata: Irving, segnalato dagli autovelox della ‘psico-polizia’, è stato arrestato in Stiria mentre viaggiava in autostrada.
    Nel ‘dalli all’untore’ di prammatica si è distinta una giornalista che, citando la querelle giudiziaria tra lo stesso Irving e Deborah Lipstadt, ha sentenziato: “Il tribunale ha tolto a Irving la patente di storico”(3).
    Eh già, la Storia va fatta appunto nei tribunali. Ma se la storia la si lasciasse agli storici - e non si può negare che Irving sia definibile come tale (4) -, lasciati liberi di confrontarsi ad armi pari (cioè, non tutti i media a disposizione, da una parte, qualche sito e pochi editori semisconosciuti, dall’altra, per non parlare delle mene condotte da zelanti ermellini agiti dalle centrali del mondialismo), le cose si evidenzierebbero per quelle che sono, senza esagerazioni in un senso o nell’altro, fuori da ogni teologia olocaustica e con buona pace dei giudeolatri e dei giudeofobi: ciascuno, portato a conoscenza dei fatti e delle conseguenti (provvisorie) conclusioni, potrebbe farsi più che un’idea da sé (5). Ma non ci ripetono sempre che il cittadino delle «moderne democrazie» deve essere informato su tutto? Misteri delle liberaldemocrazie.
    Ma torniamo a David Irving. Va ribadito che non si tratta di uno storico «revisionista» in senso stretto, non avendo scritto nulla sull’«Olocausto». Gli esperti sono altri: Mattogno, Graf, Butz, Faurisson ed altri (di ogni orientamento politico e senza costituire una «scuola»), ai quali le vestali dell’ortodossia olocaustica si guardano dal rispondere perché dovrebbero confrontarsi con degli argomenti. Meglio dunque il silenzio (tante volte qualcuno s’incuriosisse), la morte civile o la morte per davvero! (6) La cosa migliore però è la galera: tanto se uno va in galera qualche cosa avrà pur combinato… E così, in base a leggi che in Germania, Austria, Francia, Svizzera, ecc. impediscono la libera ricerca storica e continuano a sanzionare le opinioni, sono finiti in prigione Siegfried Verbeke, Germar Rudolf, Ernst Zündel, Wilhelm Stäglich, Gaston-Armand Amaudruz, René-Louis Berclaz ecc., mentre per le loro opinioni o per le poro ricerche Robert Faurisson, Henri Roques, Vincent Reynouard, Bernard Notin, Roger Garaudy, Serge Thion, Jürgen Graf, Jean-Marie Boisdefeu ed altri sono stati quasi rovinati dai tribunali, espulsi dalle università, costretti - in qualche caso - a cambiare residenza. A nascondersi come se avessero la lebbra (7).
    In qualche caso gli inquisitori fanno ricorso alla diffamazione. Ma è l’extrema ratio, perché nella società dello spettacolo parlar male di qualcuno (e non dei «revisionisti», dei «negazionisti» in astratto) è pur sempre parlarne. Ed è il caso di Irving, attaccato perché ha una certa notorietà ed è individuato come l’anello debole della catena: primo perché, come già detto, non è uno specialista, secondo per le sue simpatie nazionalsocialiste.
    Il che non significa certo che i risultati delle sue ricerche sulla Seconda Guerra Mondiale siano destituiti di serietà scientifica. Se così fosse, dovremmo porre un’incompatibilità assoluta dello storico in caso di affinità tra l’oggetto delle ricerche e le sue preferenze storico-politiche. La Vita di Gesù di Giuseppe Ricciotti non varrebbe una cicca perché Ricciotti era un cattolico tutto d’un pezzo; lo stesso dicasi della Storia del PCI di Paolo Spriano perché comunista; ma anche la recente storia del «riformismo musulmano» scritta da Tariq Ramadan, se usassimo lo stesso criterio, cadrebbe in un ‘conflitto d’interessi’... Il ragionamento, poi, curiosamente, non vale al contrario, e troviamo fieri anti-nazisti le cui opere su Hitler e la Seconda Guerra Mondiale vengono proposte a modello mentre trasudano propaganda (ma qui non intervengono i tribunali) a piene mani (il che non vuol dire che un autore che non simpatizza per il Nazionalsocialismo non possa scrivere un libro serio: penso a Rainer Zitelmann, Hitler, tradotto da Laterza).
    La storia non deve passare dalle aule di tribunale, ma qui mi sa tanto che, parafrasando Burckhardt, la storia sta diventando quella che i ‘padroni del discorso’ ritengono conveniente. E’ una situazione allucinante. Che si ripercuote sulla libertà, la sovranità, l’autodeterminazione e l’indipendenza dei popoli dell’Eurasia a causa del nesso, individuato da Serge Thion, tra «Olocausto» e «questione palestinese» (8).
    In un mondo normale – ovvero intellettualmente libero - sarebbe partita una petizione di rinomati storici per l’immediata liberazione di David Irving (9). Ma questo non è un mondo normale: è un mondo, invece, dove paga la circospezione, la capziosità, l’opportunismo (10).
    Ma leggiamo l’ultimo aggiornamento su quest’assurda vicenda («La Nazione», 24 nov. 2005): «Irving si ricrede: ‘L’Olocausto c’è stato’». Pensate un po’: “Irving ha cambiato opinione (11) dopo ricerche negli archivi di Mosca che documentano effettivamente l’esistenza della macchina di sterminio nazista. «Ha scoperto che le camere a gas c’erano», ha detto il suo legale”. Un vero autodafé del XXI° secolo, col finale a sorpresa! Un ‘dettaglio’ così, una robetta da nulla, che miracolosamente torna alla mente di uno storico avvezzo a maneggiare tonnellate di documenti e che probabilmente adesso verrà anche accusato di aver taciuto per anni «la verità».
    Tutta questa faccenda non c’entra nulla col «rispetto delle vittime», né col «ritorno del Nazismo» e col «razzismo»: essa è squisitamente politica, e la si capisce solo se si pensa alle conseguenze, politiche, in Palestina e non solo, del successo dell’una o dell’altra linea: verità politica contro verità storica.
    I moderni Torquemada sembrano onnipotenti. Ma è anche vero che quando gli inquisitori si accaniscono significa che hanno il fiato corto; o l’acqua alla gola, con la verità che viene a galla mentre loro annegano nelle menzogne che hanno propalato. Queste cose, infatti, non si sa mai come vanno a finire: hai visto mai che la mossa contro Irving si ritorce contro la Olo-religione?






    1) Cfr. J. Kleeves, Il mandato di cattura europeo ci sarà: ma forse è meglio così, «Italicum», gennaio-febbraio 2004 (http://utenti.lycos.it/progettoeurasia/mandato.htm )
    2) Curioso, che si commetta un’«apologia di reato» negando che il reato in oggetto sia avvenuto! Invece, la produzione del ‘corpo del reato’, ovvero una spiegazione, tecnicamente sensata, del funzionamento di una «camera a gas di Auschwitz», non è mai richiesta!
    3) Ad altri storici sono stati revocati i titoli accademici: si scopre così che anche una laurea è posta ‘sotto condizione’. Va altresì precisato questo: si legge che Irving, in passato, ha fatto ricorso ai tribunali per condizionare i risultati della ricerca storica (come per dire «chi la fa l’aspetti»), ma si omette di dire che Irving citò in giudizio la Lipstadt per diffamazione, per difendere la propria onorabilità da accuse da lui ritenute infamanti.
    4) Irving non è laureato, ma i ‘titoli’ se li è guadagnati sul campo, con le sue opere. Le più recenti, in traduzione italiana, sono: La guerra di Hitler, Roma 2001; Norimberga, ultima battaglia, Roma 2002; Il piano Morgenthau, Roma 2004; Apocalisse 1945. La distruzione di Dresda, Roma 2004. Il sito di David Irving è http://www.fpp.co.uk. Qui è possibile scaricare gratuitamente, in inglese, alcuni dei suoi studi.
    5) Cfr. Eresiarca, La storia siamo noi” o “la storia la fanno loro?, «Identità», n. 2, aprile 2005, pp. 21-24 ( http://www.comedonchisciotte.org/sit...rticle&sid=486 ).
    6) Faurisson ha subito varie pesanti aggressioni, anche con dell’acido.
    7) Cfr. C. Saletta, La repressione legale del revisionismo olocaustico e l’emergere di una questione ebraica, saggio introduttivo a Chomsky, Faurisson, Thion, Il Caso Faurisson e il revisionismo olocaustico, Graphos, Genova 1997, pp. 11-60; C. Mattogno, “Come gli storici delegano alla giustizia il compito di far tacere i revisionisti”, «Lettera d’Informazione», 4.12.2005.
    8) Cfr. l’introduzione a AA. VV., Sul terrorismo israeliano, Graphos,Genova 2004. Di questo libro ho scritto una recensione su Eurasia 1/2005, pp. 219-228 .
    9) In difesa dello storico britannico e dell’assoluta libertà di ricerca storica, sono usciti i segg. contributi: Franco Cardini, Se la giustizia processa le idee e la storia, «Avvenire», 19.11.2005 [lo stesso Cardini, ‘profeticamente’, aveva scritto: “…vogliamo o no difenderla, questa benedettissima libertà d’opinione? Allora bisogna difenderla tutta. Quella della Fallaci, quella di Piccardo, quella di Irving e quella di De Benoist”. Tutti per la libertà d’opinione? Allora difendiamola tutta, «Quotidiano Nazionale», 30 mag. 2005]; Mario Consoli, E’ giunta l’era dello “psicoreato”; «Rinascita», 19 nov. 2005; Franco Damiani, L’arresto di David Irving, «Effedieffe.com», 19 nov. 2005; Massimo Fini, Uno storico in galera è un’assurdità, «Il Gazzettino», 20 nov. 2005; Gabriele Adinolfi, David Irving, Galileo Galilei e quell’inquisizione che non doveva esserci più, «Noreporter.org», 21 nov. 2005 (http://www.noreporter.org; Maurizio Blondet, Giro di vite perché proprio adesso?, «Effedieffe.com», 23 nov. 2005 (http://www.effedieffe.com); Gian Franco Spotti, Gli ultimi eroi, «Rinascita», 1 dic. 2005. Oltre a Cardini, altri storici hanno espresso la loro contrarietà all’arresto di Irving, precisando però che egli scrive «falsità» e che ha «idee sbagliate». Cfr. N. Tranfaglia, Ma le idee non si mettono in prigione, «La Stampa», 18 nov. 2005; Canfora e Galli Della Loggia contro l’arresto di Irving, «Il Foglio», 20 nov. 2005; sullo stesso giornale si legga, del 19 nov. 2005, G. Ferrara, L’arresto silenzioso di Irving, le cui idee sbagliate devono essere libere.
    10) Per non parlare di coloro – certo più schietti e sinceri! - che esplicitamente chiedono la galera per David Irving perché sostenitore di «tesi aberranti», «riabilitatore del Male assoluto», in poche parole «razzista» e «antisemita»: tra questi, alcuni personaggi che sposano una visione del mondo nella quale tutto viene impostato secondo la logica del «Noi contro loro» veicolata da «sacri testi», che vediamo applicata quotidianamente ai danni dei palestinesi… Ma si legga anche quest’altro esempio di «tolleranza»: “È uno di quei casi in cui la giustizia arriva tardi, ma arriva anche per gli storici, costretti ad entrare in tribunale per le loro opinioni, se queste costituiscono una mancanza di rispetto e una violazione della memoria storica” («L’Unità», 17 novembre 2005).
    11) La Storia c'entra qualcosa con le opinioni?

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    03 Apr 2002
    Località
    TAUR-IM-DUINATH
    Messaggi
    1,425
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Certo il clima sta diventando insidioso.
    Due osservatori del "clima" lo avevano previsto: Orwell e Huxley
    G

  3. #3
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    La Psicodittatura del Pensiero Unico.

 

 

Discussioni Simili

  1. Effetto boomerang?
    Di Kobra nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 129
    Ultimo Messaggio: 08-12-09, 19:39
  2. Effetto brunetta, o effetto Carfagna?
    Di libpensatore nel forum Fondoscala
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 05-09-08, 17:27
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 08-03-06, 17:52
  4. Il boomerang
    Di Malik nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 03-01-06, 13:01
  5. Il Boomerang
    Di Francesco81 nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-03-05, 15:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226