User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito I retroscena dei disordini in Libano. Ecco come Israele prepara la guerra alla Siria.

    Quello che i Media non dicono


    «E' stata la Siria!»: il grido unanime di tutti i mass media asserviti risuona dopo l'uccisione in Libano di Gebran Tueni, un noto giornalista e parlamentare cristiano ortodosso, caduto vittima di un'autobomba lunedì mattina.
    Anti-siriano certo Tueni lo era, come direttore del giornale An-Nahar.
    Era il primo di una lista siriana di bersagli, stranamente scoperta dopo l'assassinio di Rafik Hariri, l'altro grande libanese che si dice eliminato dai siriani.
    E tuttavia, qualcosa non quadra.
    Perché il regime di Damasco, debole e sotto minaccia di attacco americano, avrebbe dovuto commettere questo omicidio sotto gli occhi del mondo?
    Che vantaggio ne avrebbe ricavato?



    Tanto più che le accuse contro il regime siriano di aver ucciso Hariri stavano svanendo.
    Il prosecutor dell'ONU Detlev Mehlis ha abbandonato l'indagine in modo vergognoso, dopo che il suo principale testimone d'accusa, Hussam Taher Hussam, ha ritrattato tutto, asserendo di essere stato pagato, poi intimidito e torturato per confermare il teorema accusatorio di Mehlis.
    Il figlio del defunto, Saad Hariri, gli avrebbe promesso 1,3 milioni di dollari come compenso per la sua falsa testimonianza; alla sua resistenza, l'avrebbe drogato con iniezioni e torturato.
    Hussam ha detto che gli era stato richiesto di implicare nell'assassinio di Hariri Maher Assad, il fratello minore del presidente siriano Bashar Assad, e il cognato di questo, Asef Shawat.
    Un altro testimone a carico, Zuhair Saddik, che aveva deposto «provando» collegamenti fra elementi dei servizi siriani e libanesi per l'assassinio di Hariri, è stato addirittura arrestato: ha confessato di essere stato uno dei partecipanti al piano dell'attentato.
    Ora è in galera in Francia e sarà estradato in Libano.
    .
    Saddik fu «presentato» a Mehlis da Rifaat Assad, zio dell'attuale dittatore siriano, che è in rotta con la famiglia e spera evidentemente di diventare il primo presidente siriano collaborazionista, nel caso (probabile) di un'invasione americana.
    A parte questi due ora screditatisi da sé, non ci sono altri testimoni che consentano di incolpare la Siria per l'assassinio di Hariri.
    Fatto notevole, nel riportare tutta la storia, il francese Le Figaro cita un membro dell'entourage di Saad Hariri, secondo il quale Saddik «è stato usato per dare informazioni che venivano da altrove».
    E Der Spiegel ha raccontato che Saddik telefonò a un suo fratello a Damasco gridando «sono diventato miliardario!»: aveva ricevuto denaro da altrove.



    E dove va ricercato questo altrove?
    La sola cosa che si può dire è che il crollo del castello accusatorio contro la Siria è un duro colpo per Bush e i suoi falchi israeliani, nonché per Chirac, che aveva subito preso la guida (strano) della demonizzazione di Assad.
    Quanto ai neocon israelo-americani, basti dire che John Bolton, l'ambasciatore USA all'ONU e uomo del giro Wolfowitz, ha preteso che l'inchiesta di Mehlis continuasse anche senza Mehlis, e senza testimoni credibili.
    Tutti costoro volevano il «cambio di regime» a Damasco, e si preparavano ad imporre sanzioni contro la Siria, posta sul banco degli accusati dall'ONU; come preludio a un'invasione.

    Il crollo del teorema Mehlis li ha gettati nell'impasse, tanto più che la Siria ha accettato di collaborare, consentendo a quattro alti ufficiali dei suoi servizi di testimoniare a Vienna sull'attentato.
    Peggio: Damasco ha offerto di riprendere i colloqui con Israele per il riconoscimento dello Stato ebraico.
    In modo da uscire dall'isolamento diplomatico.
    «Non c'è motivo che il Consiglio di Sicurezza prenda misure contro la Siria, a meno che non voglia punirci per la nostra cooperazione in buona fede con l'inchiesta internazionale», ha detto il vice-ministro degli Esteri siriano Walid al-Mouallim.



    Si può solo immaginare il dispetto del «Partito della guerra globale»: quale altra scusa trovare per far fare ad Assad la fine di Saddam?
    In questa situazione è arrivato - giusto in tempo - l'attentato a Tueni, il più noto giornalista anti-siriano del Libano.
    E tutti i media servili possono di nuovo gridare: «è stata la Siria!».
    In realtà, qualunque cosa si pensi del regime siriano, è difficile crederlo.
    Cui prodest?
    Alla Siria no di sicuro.
    Forse, come gli specialisti della morte che hanno fatto saltare Hariri, come i soldi pagati ai testimoni, come le informazioni false messe nelle loro bocche, gli assassini di Tueni vengono da «altrove».
    Un «altrove» molto vicino, del resto.
    Gerusalemme o Tel Aviv.
    Quegli speciali assassini, detti in ebraico kidon, corrono per il Libano come e quanto vogliono.

    Maurizio Blondet

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Non sono d'esempio in nulla
    Data Registrazione
    25 May 2003
    Località
    Firenze
    Messaggi
    8,665
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito ...intanto...

    GERUSALEMME - Il ministro della Difesa israeliano Shaul Mofaz ha approvato la costruzione di 200 nuove case per coloni in Cisgiordania, nonostante il richiamo ad Israele di congelare tali costruzioni contenuto nel piano di pace sostenuto dagli Usa.

    Il funzionario del ministero della Difesa ha detto che le 200 abitazione sono state previste per Maale Adumin, la più grande colonia israeliana in Cisgiordania, e che Mofaz ha dato il suo via libera ai piani per allargare due insediamenti isolati, Bracha e Nokdim.

    La "road map" per la pace in Medioriente, secondo cui Israele e i palestinesi devono compiere entrambi alcuni passi verso la creazione di uno stato palestinese, chiede al governo israeliano di congelare "ogni attività di insediamento".

    Israele ha sostenuto tuttavia che continuerà ad espandere le enclave esistenti in Cisgiordania, il territorio occupato dove vivono 245.000 israeliani e 2,4 milioni di palestinesi, per far fronte alla "crescita naturale" della popolazione che vi abita.

    Il quotidiano Yedioth Ahronoth scrive che Mofaz ha autorizzato la costruzione poco prima di ritirarsi dalla competizione per la leadership del Likud e unirsi al nuovo partito di centro di Ariel Sharon, il Kadima.

    Il giornale cita l'ufficio di Mofaz secondo cui "non c'è significato politico o un qualunque rapporto politico con queste approvazioni".

    L'autorizzazione di Mofaz, secondo il giornale, era un tentativo di conquistare punti tra i votanti alle primarie del Likud in cui era un candidato.

    La costruzione di altre case nelle colonie urterà il più potente alleato di Israele, gli Stati Uniti, che considerano l'espansione degli insediamenti in Cisgiordania in contraddizione con la road map.

  3. #3
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Sùrsum corda!
    GERUSALEMME - Il ministro della Difesa israeliano Shaul Mofaz ha approvato la costruzione di 200 nuove case per coloni in Cisgiordania, nonostante il richiamo ad Israele di congelare tali costruzioni contenuto nel piano di pace sostenuto dagli Usa.

    Il funzionario del ministero della Difesa ha detto che le 200 abitazione sono state previste per Maale Adumin, la più grande colonia israeliana in Cisgiordania, e che Mofaz ha dato il suo via libera ai piani per allargare due insediamenti isolati, Bracha e Nokdim.

    La "road map" per la pace in Medioriente, secondo cui Israele e i palestinesi devono compiere entrambi alcuni passi verso la creazione di uno stato palestinese, chiede al governo israeliano di congelare "ogni attività di insediamento".

    Israele ha sostenuto tuttavia che continuerà ad espandere le enclave esistenti in Cisgiordania, il territorio occupato dove vivono 245.000 israeliani e 2,4 milioni di palestinesi, per far fronte alla "crescita naturale" della popolazione che vi abita.

    Il quotidiano Yedioth Ahronoth scrive che Mofaz ha autorizzato la costruzione poco prima di ritirarsi dalla competizione per la leadership del Likud e unirsi al nuovo partito di centro di Ariel Sharon, il Kadima.

    Il giornale cita l'ufficio di Mofaz secondo cui "non c'è significato politico o un qualunque rapporto politico con queste approvazioni".

    L'autorizzazione di Mofaz, secondo il giornale, era un tentativo di conquistare punti tra i votanti alle primarie del Likud in cui era un candidato.

    La costruzione di altre case nelle colonie urterà il più potente alleato di Israele, gli Stati Uniti, che considerano l'espansione degli insediamenti in Cisgiordania in contraddizione con la road map.
    Gli Usa non diranno nulla sugli insediamenti. Se fra poco scoppierà il cataclisma in Medioriente, gli israeliani porteranno i loro insediamenti fino alle porte di Damasco e di Bagdad.

 

 

Discussioni Simili

  1. Iran: gli Usa incitano alla guerra civile in Siria per salvare Israele
    Di RadioItaliaIRIB nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 01-08-12, 09:24
  2. Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 10-10-10, 22:02
  3. Libano, Israele prepara nuova guerra secondo stampa kuwaitiana
    Di Salah al-Din nel forum Politica Estera
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 07-05-10, 19:35
  4. Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-04-10, 16:13
  5. Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 12-02-10, 14:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226