User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Tringeadeuroppa
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    8,356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Un parroco all'inferno.

    http://civiumlibert as.blogspot. com/

    Un parroco all'inferno.
    Abuna Manuel tra le macerie di Gaza

    don Nandino Capovilla intervista Abuna Manuel Musallam, parroco palestinese della Chiesa Cattolica a Gaza

    In una libreria romana ha avuto luogo la presentazione di un libro di un rimarchevole prete palestinese: Abuna Manuel Musallam, parroco a Gaza, che ha vissuto in quella regione per quattordici anni, fino ai giorni della tristemente celebre operazione militare israeliana denominata "Piombo Fuso". Il libro in questione, sotto forma di intervista, è stato curato da don Nandino Capovilla, referente per l'Italia dell'organizzazione `Pax Christi International' . In pagine sofferte che lasciano il segno in chi legge, il sacerdote Musallam risponde alle articolate domande del suo intervistatore Capovilla. Nel corso della serata, il suddetto libro è stato altresì presentato da Paola Caridi che si è rivolta ad un piccolo gruppo di giornalisti e di blogger, fra i quali ero presente anch'io. E come altri, sono intervenuto al dibattito, quando mi è stato concesso di potermi esprimere. Ho naturalmente acquistato il libro, edito dalle edizioni Paoline, che era messo in vendita al prezzo di 13 euro. Ne parlo adesso, dopo averlo finito di leggere. Va da sé che, in questa sede, non voglio in nessun modo riassumere i contenuti del libro, né tanto meno farne la rituale recensione. Voglio, al contrario, cercare di rifletterci sopra, raccogliendo spunti dalle mie private esperienze di quest'anno. Un anno che volge alla fine, a quasi dodici mesi da "Piombo Fuso", di cui mi rendo conto, oggi, del ruolo di vero e proprio spartiacque che ha giocato nella mia comprensione della contemporaneità .

    Non vi è dubbio di sorta che in Gaza si consuma, sotto i nostri occhi, un vero e proprio genocidio. Il periodo denominato "Piombo Fuso", compreso fra il 27 dicembre 2009 ed il 18 gennaio 2009, è solo una fase, particolarmente cruenta, di un "genocidio" che dura da almeno 61 anni. L'operazione "Piombo Fuso" si concluse ufficialmente pochi giorni prima che in Italia venisse celebrata, soprattutto nelle scuole, la ricorrenza del «Giorno della Memoria». Già, la `Memoria'! Ma quale Memoria? A quali onorevoli lobbisti dobbiamo la fissazione, per legge, di `Una Memoria'? Quasi che ognuno di noi fosse sprovvisto della sua propria `Memoria' ed avesse bisogno del Governo che gli dica quale Memoria gli è consentita avere, in quale forma e con quali contenuti, e quale, invece, non gli è consentita. Per giunta, una `Memoria' che quasi nessuno, ormai, può riscontrare per sua esperienza diretta, e per la quale, in parecchi paesi d'Europa, non è permessa la libera ricerca ed analisi storica. In Germania, ad esempio, ogni anno, all'incirca 15.000 persone vengono perseguite penalmente per meri reati di opinione. Laddove la Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo, ed altre carte simili, riconoscono, come diritto fondamentale, la libertà di pensiero, il cui concreto contenuto viene in realtà sempre più ristretto ed eluso da leggi liberticide e cervellotiche prassi giurisprudenziali.

    Se appena si tenta di solidarizzare con le vittime di una capillare ed occulta censura, si è immediatamente accomunati a queste ultime, e presi nel vortice di una moderna "caccia alla streghe" o di un redivivo "dagli all'untore!" Sembra incredibile. È incredibile. Purtroppo, però, è storia dei nostri giorni. E' cronaca di una quotidianità che, attraverso un diabolico apparato mediatico, di cui ci si vuol togliere la possibilità di qualsiasi comprensione. La totale mancanza di pietà, la ferocia, la volontà di sterminio, è quanto emerge agli occhi e alla mente di chi appena voglia porsi lo scrupolo o la curiosità di andarsi a documentare su quanto sia, o possa essere, realmente successo. Anche se il governo israeliano ha fatto di tutto per tenere nascosta al mondo la mattanza di esseri umani in Palestina, la verità non può essere a lungo nascosta: è il parere di Paola Caridi. Hanno concorso all'occultamento della verità la stragrande maggioranza dei main stream occidentali. Come ben ricordiamo, infatti, i giornalisti occidentali, accreditati, non facevano altro che leggere… i comunicati ufficiali del dipartimento `pubbliche relazioni' dell'esercito israeliano. Insomma: mai – come in quell'occasione - menzogna è stata più capillare.

    Davanti alle parole del parroco cattolico Abuna Manuel, che ognuno dovrebbe senz'altro andare a leggere, non vi è menzogna che possa reggere. Poco dopo aver posto unilateralmente termine alla mattanza sul campo, il 18 gennaio del 2009, la macchina propagandista israeliana ha creato una serie diversivi, per allontanare l'attenzione dalla scena del crimine. Tra questi, è stato tirato fuori, come un proverbiale coniglio dal cilindro del mago, il vescovo Williamson, la cui colpa fu – se ben ricordo – quella di avere esternato opinioni di cui non aveva inteso far mistero. Che volete... In nome di un «Olocausto» remoto nel tempo, si è preteso, e si pretende, di legittimare un assimilabile e, forse, ben più grave «Olocausto», per durata, intensità ed assenza di ogni umana pietà. Non sono pochi i rabbini "nazionali" che giustificano tanta ferocia, un vero e proprio genocidio, in nome ed alla luce delle loro dottrine religiose. Nessuno chiede loro conto di simili enormità. Dopo il rapporto ONU di Richard Goldstone – un "ebreo", per giunta "sionista" – che nel settembre scorso ha rivelato l'esistenza di crimini di guerra e crimini contro l'umanità commessi non solo dal governo israeliano, ma moralmente imputabili anche a quanti, in Italia e in Occidente, hanno dato "copertura" ai criminali, è in atto una nuova campagna diversiva delle pubbliche opinioni. Mi considero una vittima di una simile campagna, avendo, io, inteso denunciare, fin dall'inizio, il genocidio in atto, ed al tempo stesso, rivendicare la piena libertà di pensiero di quanti osano criticare le "verità" mediatiche.

    * * *

    Un dato interessante che emerge dall'intervista al parroco cattolico palestinese è la piena legittimazione del governo di Hamas, laddove noi siamo ogni giorno tempestati da un'immagine demonizzata di un governo che mai ha avuto elezione più regolare e democratica: terroristi, terroristi, terroristi! Come a dire che un parola coniata in una stanza del potere fra pochi personaggi debba valere come Verbo di Verità per tutto il resto del mondo. Anche pochi giorni fa, in un'intervista alla televisione danese, si è potuto vedere l'ennesimo spot di un ministro israeliano che inveisce all'infinito contro Hamas come ostacolo alla pace. Norman G. Finkelstein ha avuto facile a rispondere all'intervistatore danese che Hamas esiste da pochi anni, e che Israele aveva avuto tutto il tempo per cercare la pace, se la pace davvero voleva. In realtà, sappiamo che Israele non ha mai voluto la pace. Ha sempre soltanto voluto il completamento della pulizia etnica avviata nel 1948, secondo un progetto che risale agli inizi dell'impresa sionista.

    A capire una verità alquanto semplice è di ostacolo solo una propaganda martellante che si avvale di una rete capillare di redazioni e televisioni d'Europa e d'America. Le parole del parroco squarciano le tenebre della menzogna mediatica. Peraltro, il parroco si dice appartenente ad al Fatah, non ad Hamas, ma riconosce piena legittimità ad Hamas. La figura morale del parroco appare a prova di fango, cioè su di lui non è possibile gettare del fango: chi ci provasse appena, si ritroverebbe lo stesso fango di ritorno, cresciuto di interessi. Non voglio qui riportare i brani del libro riguardanti Hamas. Ne consiglio vivamente la lettura. Tornano qui di attualità le critiche al sionismo condotta da un certo giudaismo che si richiama ad una più stretta ortodossia religiosa. Vale a dire la violenza immane di "Piombo Fuso" non può trovare nessuna giustificazione ed un macigno, un crimine orrendo che ricade su tutto il mondo ebraico, che non ha saputo dissociarsi nella sua interezza.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Tringeadeuroppa
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    8,356
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Un parroco all'inferno.

    Ma non interessa a nessuno la sofferenza di questo servitore del Signore?
    Buon Natale a Lui.

  3. #3
    Aghori
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    9,736
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rif: Un parroco all'inferno.

    Buon Natale a lui.
    Gli Arya seggono ancora al picco dell'avvoltoio.

  4. #4
    Hic Sunt Leones
    Data Registrazione
    26 May 2009
    Località
    Soprattutto Italia
    Messaggi
    13,708
    Mentioned
    9 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    2

    Predefinito Rif: Un parroco all'inferno.

    Buon Natale a tutti i cristiani di Palestina oppressi dall'occupazione sionista
    Per amare sul serio l'Italia oggi bisogna essere anti-italiani

 

 

Discussioni Simili

  1. Il parroco...
    Di Miles nel forum Cattolici
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 18-05-14, 16:10
  2. Si impicca ex parroco
    Di geometrantonio nel forum Fondoscala
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 11-08-06, 18:50
  3. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 15-03-05, 21:35
  4. Parroco *murato*
    Di nel forum Cattolici
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 18-11-03, 07:49
  5. Vita da Parroco
    Di Colombo da Priverno nel forum Fondoscala
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09-06-02, 16:01

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226