User Tag List

Risultati da 1 a 4 di 4
  1. #1
    Alvise
    Ospite

    Predefinito L'Economia Sociale di Mercato ed il "Modello Renano"

    Riporto una discussione che ho aperto anche in Destra Sociale. Ritengo possa essere interessante da leggere, e non priva di spunti.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Alvise
    Ospite

    Predefinito

    Tratto da: "Germania" di Palermo e Woelk

    La solidità economica della Germania è parte dell'immaginario collettivo. Per decenni, a partire dalla ricostruzione del dopoguerra, il paese si è identificato, all'interno ed all'estero, come l'economia trainante del continente europeo, grazie alla forza della sua industria e alla compattezza del sistema di relazioni industriali. Una sapiente e fortunata combinazione di libertà economica e di intervento pubblico ha saputo garantire una crescita relativamente armoniosa e territorialmente bilanciata, prezzi stabili e una complessiva pace sociale tra industria e sindacati.

    Il sistema ha radici lontane, specie nella politica economica del cancelliere Bismarck e nella legislazione sociale che l'ha accompagnata. E' nella seconda metà dell'Ottocento che politica economica e politica sociale vengono inscindibilmente unite. Dopo la Seconda Guerra Mondiale, la conferenza di Potsdam del 1945 stabilisce che sia mantenuta l'unità economica della Germania occupata. Tuttavia, le insanabili divergenze tra le potenze occidentali e l'Unione Sovietica quanto alla concezione economica, portano fin da subito alla creazione di zone economiche profondamente diverse tra l'area di occupazione occidentale e quella sovietica. La ricostruzione economica inizia - ormai di fatto per le sole zone occidentali - nel 1948, con la riforma monetaria e il piano Marshall, il programma di aiuti alla ricostruzione economica e infrastrutturale lanciato dall'allora segretario di Stato statunitense.

    Conformemente alla tradizione di forte interventismo statale nell'economia, la nuova parola d'ordine, il principio ispiratore della politica economica della nuova Germania guidata dal Cancelliere Adenauer* e dal Ministro dell'Economia Erhard**, è l'economia sociale di mercato: un sistema basato sulla libera iniziativa economica bilanciata dal limitato ma costante intervento dello Stato per mantenere l'equità sociale. Il concetto di economia sociale di mercato nasce soprattutto nella scuola di Friburgo al tempo della dittatura, ed è fortemente ispirato sotto il profilo ideologico dalla dottrina sociale della Chiesa. L'obiettivo è la creazione di un sistema economico che consenta e promuova lo sviluppo dell'individuo nel quadro di un sistema politico che si prenda cura del bene pubblico e dell'assistenza ai più deboli. Il padre dell'economia sociale di mercato nella sua attuazione pratica è Ludwig Erhard, che in 18 anni di governo, prima come Ministro per gli Affari Economici, poi come Cancelliere, riesce a guidare lo sviluppo di un sistema economico che consente di conciliare la promozione della libertà economica con il controllo e la regolazione pubblici. Lo Stato interviene a garanzia della libera competizione, gestendo la distribuzione dei redditi e dei patrimoni e regolamentando la politica strutturale e finanziaria. Sostanzialmente l'intervento pubblico regolatore mira a evitare l'eccessiva concentrazione di potere nei diversi settori creando e mantenendo le condizioni per una competizione effettiva.

    Dopo non poche difficoltà iniziali, il sistema prende piede e ottiene soprattutto il consenso sociale indispensabile al proprio funzionamento. Specie i primi spettacolari risultati nella lotta alla disoccupazione e alla mancanza di abitazioni convincono anche gli scettici a sposare le linee fondamentali di questa politica.

    Note:
    *Konrad Adenauer (1876-1967), Cancelliere dal 1949 al 1963. Partito: CDU.
    **Ludwig Erhard (1897-1977). Ministro dell'Economia dal 1949 al 1963, Vicecancelliere dal 1957 al 1963, Cancelliere dal 1963 al 1966. Partito: CDU.

  3. #3
    Alvise
    Ospite

    Predefinito

    Nel 1959 il Partito Socialdemocratico (Sozialdemokratische Partei Deutschlands, SPD), nel famoso programma di Bad Godesberg rinuncia espressamente e definitivamente all'ideologia marxista e si avvicina alla politica economica sociale di mercato. L'intero "arco costituzionale" tedesco condivide gli obiettivi della crescita economica bilanciata dall'intervento pubblico, della forte tutela dei diritti sociali, della collaborazione sociale, dell'uniformità del tenore di vita e di sviluppo tra le varie parti del Paese.

    E' il momento del massimo sviluppo economico. Il maggiolino della Volkswagen diviene il simbolo del successo mondiale dell'industria automobilistica tedesca e della motorizzazione di massa. Vengono approvate moltissime leggi in ambito sociale, dalle assicurazioni alle pensioni alla lotta alla disoccupazione, e il clima economico favorevole consente una maggiore partecipazione dei lavoratori alla vita dell'impresa attraverso appositi organismi che contribuiscono alla cosiddetta democratizzazione dell'economia.

  4. #4
    Alvise
    Ospite

    Predefinito Il ‹‹Modello Renano››

    In questo momento di grande crescita e di prima stabilizzazione [inizio degli anni '60] si radica e si propaga il cosiddetto "modello renano", quel sistema economico complessivo fatto di economia sociale di mercato, di relazioni industriali, di politiche pubbliche, di cooperazione sociale e di una forte garanzia dei diritti sociali dei lavoratori che accompagna la fase più florida dell'economia tedesca, portandola ai vertici mondiali e proponendosi, per questo, come modello vincente e, forse, irripetibile. La caratteristica principale è la collaborazione tra le parti socali che si instaura e si esprime nel finanziamento congiunto da parte di datori di lavoro e lavoratori delle assicurazioni pensionistiche. di malattia e di disoccupazione, le quali, per questo motivo, sono tra le più alte del mondo, così come i salari. Il cosiddetto partenariato sociale tra sindacati e imprese si esprime, inoltre, nell'istituzionalizzazione del conflitto nel quadro del diritto sindacale e del lavoro, concordato tra le parti sociali. Dal 1949 le 16 sigle sindacali tedesche, organizzate per categorie economiche, sono riunite in un unico sindacato dei lavoratori, il Deutscher Gewerkschaftsbund, e questo ha assicurato la forza contrattuale e impedito la divisione ideologico-partitica tra le rappresentanze dei lavoratori. Gli scioperi sono stati per questo molto rari, anche se, nelle poche volte in cui si sono avuti, sono stati particolarmente duri ed efficaci.

 

 

Discussioni Simili

  1. Draghi: "Il modello sociale europeo è superato"...
    Di WalterA nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 24-02-12, 12:51
  2. CULTURA - L'Economia Sociale di Mercato ed il "Modello Renano"
    Di Dimitri Oblomov (POL) nel forum Conservatorismo
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-12-08, 14:52
  3. L'Economia Sociale di Mercato ed il "Modello Renano"
    Di Alvise nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 85
    Ultimo Messaggio: 30-01-08, 13:51
  4. Risposte: 20
    Ultimo Messaggio: 10-07-07, 19:51
  5. Dalla rivoluzione liberal-liberista all'economia di "mercato" di ....Mamma Rosa
    Di Pieffebi nel forum Imperial Regio Apostolico Magnifico Senato
    Risposte: 25
    Ultimo Messaggio: 22-02-04, 15:29

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226