User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 14
  1. #1
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito è l'itaglia che va...in malora

    FAMIGLIE/ EURISPES: IN ITALIA CRESCONO DEBITI, MA NON CONSUMI -2-
    Nel 2005 indebitamento famiglie pari al 35% del pil
    16-12-2005 16:15
    Articoli a tema | Tutte le news di Economia

    Roma, 16 dic. (Apcom) - Nel 2005, secondo i calcoli dell'Eurispes, l'indebitamento delle famiglie italiane è stato nell'ordine del 35% del pil, il che vuol dire che in media ogni famiglia ha già impegnato più di un terzo del proprio reddito attuale in obblighi finanziari da onorare nel futuro. A fine 2005, dunque, gli italiani si troveranno indebitati con le banche per una somma pari a circa 390 miliardi. Anche i prestiti concessi alle famiglie italiane dalle società finanziarie nel 2003 e 2004 sono aumentati, in particolare per quanto riguarda il ricorso ai finanziamenti per il breve periodo, in un solo anno, del 55% circa. Mentre il ricorso a crediti pluriennali è cresciuto del 4,2%.

    Nel corso di una rilevazione effettuata lo scorso anno su 1.000 cittadini, il 52,2% degli intervistati ha dichiarato di aver impiegato la propria tredicesima per saldare bollette, mutui, imposte e altri debiti accumulati durante l'anno. Se nel corso del 2005 il volume d'affari del credito al consumo è aumentato (+23,4%) ed il numero degli italiani indebitati è molto più alto rispetto al 2004, non è arbitrario - secondo l'Eurispes - concludere che ragionevolmente anche quest'anno la tredicesima sarà per la maggior parte utilizzata per saldare mutui e debiti. Le proiezioni dicono che la percentuale delle famiglie italiane che nel 2006 faranno ricorso al credito al consumo aumenterà dell'11,8%. Anche i mutui conosceranno una evidente impennata pari al 10%, così come cresceranno di 8,4 punti percentuali gli "altri prestiti".

    In Italia le famiglie ricorrono al credito soprattutto per far fronte ai bisogni essenziali (cure mediche e specialistiche, automobili, elettrodomestici, servizi per la casa, ecc.), piuttosto che per acquistare beni e servizi voluttuari quali, ad esempio, viaggi e vacanze. Si sta inoltre diffondendo sempre più la pratica di credito al consumo per l'acquisto di beni di prima necessità come quelli alimentari.

    La motivazione prevalente addotta da chi ricorre al credito al consumo è la mancanza della disponibilità necessaria al momento dell'acquisto: infatti il 40% degli italiani dilaziona i pagamenti nel tempo essenzialmente per motivi di scarsa liquidità. In questo contesto il ceto medio si trova a dover fare i conti con una crisi che ha inciso profondamente sul proprio potere di acquisto e con tassi di inflazione che hanno divorato più del 20% del reddito dei pensionati e dei lavoratori dipendenti.

    "I recenti, timidi segnali di ripresa - conclude l'Eurispes - non sembrano sufficienti a far pensare alla possibilità di una consistente ripartenza dell'economia almeno per tutto il 2006. L'indebitamento delle famiglie continuerà quindi a crescere non per alzare la quantità e la qualità dei consumi, ma per riuscire a mantenere il vecchio, dignitoso livello di vita

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    mutui a breve termine, prestiti per pagare i beni alimentari, tredicesime per pagare le bollette...la società sta per esplodere...grazie euro...

  3. #3
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    Francia: aumento fallimento aziende
    Tra novembre 2004 e ottobre 2005 incremento del 3,8%
    16-12-2005 15:04
    Articoli a tema | Tutte le news di Economia

    (ANSA) - PARIGI, 16 DIC - Il numero delle imprese che hanno dovuto chiudere i battenti e' il forte aumento in Francia. Secondo i dati dell'ufficio centrale di statistica Insee tra novembre 2004 e ottobre 2005 sono fallite 42.014 aziende e imprese commerciali, il 3,8% in piu' che nei dodici mesi precedent

  4. #4
    Runes
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Il Patriota
    mutui a breve termine, prestiti per pagare i beni alimentari, tredicesime per pagare le bollette...la società sta per esplodere...grazie euro...

    Intanto il consumismo impera sempre...le macchine da 30 milioni se le comprano

  5. #5
    Totila
    Ospite

    Predefinito Qualcuno può spiegarmi questo mistero?

    PARIGI - In Francia ci sono quasi 2,5 milioni di disoccupati, ma nessuno di loro ha risposto alla richiesta dell'Agenzia nazionale per l'impiego che cerca disperatamente da mesi quasi 235.000 persone fra muratori, elettricisti, camionisti, cuochi, infermiere.

    E allora Parigi, colpita come tutta l'Europa da crisi demografica ed invecchiamento della popolazione, pensa di aprire le porte all'immigrazione.


    Ma gli immigrati non vengono da noi per fare i lavori che gli indigeni, ormai nababbi, non vogliono più fare?

  6. #6
    Totila
    Ospite

    Predefinito sempre sull'immigrazione....

    Al 1° gennaio 2005 gli stranieri residenti in Italia sono 2.402.157
    (1.226.712 maschi e 1.175.445 femmine); rispetto all’anno precedente gli iscritti in anagrafe aumentano di 411.998 unità (+20,7%), soprattutto grazie al saldo migratorio con l’estero (+380.737 di nuovi immigrati).
    L’incremento registrato nel corso del 2004 è inferiore a quello del
    2003 (+440.786 unità), ma comunque molto consistente. Com’è noto, infatti, in questi due anni ai normali flussi migratori dall’estero si sono aggiunte le iscrizioni in anagrafe dei circa 650 mila immigrati che hanno ottenuto la convalida della domanda di regolarizzazione in seguito alle leggi n. 189 del 30 luglio 2002, e
    n. 222 del 9 ottobre 2002. La maggior parte di loro si è iscritta in
    anagrafe nel corso del 2003, mentre nel 2004 le iscrizioni dei regolarizzati sono state meno numerose.
    L’incremento della popolazione straniera residente nel nostro paese
    è dovuto anche, in misura non trascurabile, al continuo aumento dei nati di cittadinanza straniera (figli di genitori residenti in Italia, entrambi stranieri) che si traduce in un saldo naturale differenza tra nascite e decessi) in attivo (+45.994 unità). L’apporto della popolazione straniera alla crescita demografica è decisamente rilevante, soprattutto se contrapposto al bilancio naturale della popolazione residente di cittadinanza italiana che risulta negativo nella maggior parte delle regioni.



    Sempre all'inizio del 2005 un'altra versione...

    Immigrati, Istat: 2,7 mln regolari a inizio 2005
    ''L'immigrazione in Italia è in continua e rapida espansione''. Dati più che raddoppiati nel corso degli anni '90 e aumentati di circa 1 milione di unità tra il 2000 e il 2004
    Roma, 15 dic. (Adnkronos/Ign) - Due milioni e 740 mila gli stranieri regolarmente presenti in Italia al primo gennaio 2005 contro i due milioni e 570mila del primo gennaio 2004 (+6%) ed il milione e 800mila alla stessa data del 2003. Questi i dati diffusi oggi dall''Istat sugli effetti dell'ultima regolarizzazione, nell’ambito della presentazione del volume 'Gli stranieri in Italia: analisi dei dati censuari'. Sempre secondo i dati raccolti dall'Istituto di statistica di via Cesare Balbo, dati che tuttavia necessitano di conferme da parte del Ministero dell’Interno, i permessi di soggiorno in Italia al primo gennaio 2005 si attestano a quota 2.320 mila unità



    da 2 milioni e 400 mila a 2 milioni e 700 mila...
    Una bazzecola di 300 mila persone in più.


    In questi giorni l'ISMU ha parlato di 3.000.000 di stranieri alla fine dell'anno.
    Insomma: incrementi del 20% !!!!

  7. #7
    Totila
    Ospite

    Predefinito Altra bella notizia...

    Alle famiglie di immigrati si aggiungono quelle miste, sempre più numerose in Italia. Le unioni miste fotografate dal rapporto sono circa 200 mila (nel 1991 erano 65 mila). Tre su quattro sono tra un italiano e una straniera. In meno del 10% dei casi - rileva il rapporto Caritas-Unicef - un coniuge e' cristiano e l'altro e' musulmano, mentre in generale si rileva una maggioranza di mogli provenienti dal Brasile (6,5%). Il numero dei nati dalle unioni miste e' aumentato del 22% da 2000 al 2004, con la maggior percentuale in Lombardia. In questa regione, 1 bambino su 4 ha un padre straniero: il 10% egiziano, il 9% marocchino, il 6,4% tunisino.



    La Lombardia al primo posto...

  8. #8
    Il Patriota
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Totila
    Alle famiglie di immigrati si aggiungono quelle miste, sempre più numerose in Italia. Le unioni miste fotografate dal rapporto sono circa 200 mila (nel 1991 erano 65 mila). Tre su quattro sono tra un italiano e una straniera. In meno del 10% dei casi - rileva il rapporto Caritas-Unicef - un coniuge e' cristiano e l'altro e' musulmano, mentre in generale si rileva una maggioranza di mogli provenienti dal Brasile (6,5%). Il numero dei nati dalle unioni miste e' aumentato del 22% da 2000 al 2004, con la maggior percentuale in Lombardia. In questa regione, 1 bambino su 4 ha un padre straniero: il 10% egiziano, il 9% marocchino, il 6,4% tunisino.



    La Lombardia al primo posto...
    cifre da genocidio ..in lombardia un bambino su 3 ha padre straniero....pazzesco...è la fine.

  9. #9
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Il Patriota
    cifre da genocidio ..in lombardia un bambino su 3 ha padre straniero....pazzesco...è la fine.

    Queste cifre e statistiche le ignoravo. Siamo sull'orlo di un baratro etnico e sociale.

  10. #10
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,373
    Mentioned
    32 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Si chiama BOMBA DEMOGRAFICA.

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Un altro baraccone pubblico va in malora
    Di L'anticristo nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 27
    Ultimo Messaggio: 19-06-13, 12:37
  2. e mentre l'italia va in malora...
    Di José Frasquelo nel forum Destra Radicale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 13-06-11, 08:09
  3. Oste Della Malora
    Di GEORGE (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 06-01-06, 19:21
  4. Pagliarini: Carissimo Stato Cittadini in malora
    Di Stonewall nel forum Padania!
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 06-09-04, 11:15
  5. Pol Della Malora
    Di ITALIANOVERO (POL) nel forum Fondoscala
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 12-05-02, 04:52

Chi Ha Letto Questa Discussione negli Ultimi 365 Giorni: 0

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226