User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Jun 2002
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,297
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La battaglia x la difesa dell'italianità delle banche ... bello skifo

    Miliardi e galline

    • da La Stampa del 15 dicembre 2005, pag. 1

    di Francesco Manacorda

    I miliardi di euro puntati senza batter ciglio in battaglie finanziarie che parevano decisive per le sorti del sistema bancario e del Paese intero e intanto le ville acquistate compulsivamente in ogni angolo alla moda - la Costa Azzurra come quella Smeralda - da immobiliari con nomi dolcissimi come la Giorni Sereni, la Frontemare e perfino la Patrimoniale degli Orsi (non quelli di Borsa, si presume); gli scontri all’arma bianca sull’Antonveneta con un colosso del credito come Abn Amro, combattuti sventolando la retorica del Davide padano che si oppone al Golia globalizzatore e intanto - cita impietosa l’ordinanza del gip Forleo - «prelievi diretti in contante dal caveau della banca» per spiccioli come 5-600 mila euro; gli editoriali di fuoco del Financial Times e della stampa anglosassone tutta contro Gianpiero Fiorani e Antonio Fazio «attaccato come una cozza allo scoglio» e intanto l’implacabile «regola del 40%», la percentuale delle plusvalenze agevolmente ottenute grazie agli ottimi consigli ricevuti, che i clienti privilegiati «avrebbero dovuto retrocedere allo stesso Fiorani, al Boni e allo Spinelli». E ancora, le dichiarazioni infuocate della Commissione europea, con il temibile commissario al Mercato interno Charles McCreevy che preannuncia per mesi missive durissime e ultimative alla Banca d’Italia, e intanto una girandola di operazioni vecchie quanto la Borsa, che vanno dal «portage» all’«insider trading», in moto perpetuo da quasi un decennio.

    Ecco, stando alle accuse circostanziate della Procura di Milano e alla valutazione che ne dà il gip nella sua ordinanza di arresto per Fiorani & Co., nel crollo finale dei furbetti del quartierino - corrente lodigiana - spira un profumo assai antico di italica furbizia. Quel che si vede è la lunghissima istantanea di una banda del buco decisamente tradizionale, sebbene in versione finanziaria spinta, che ai grimaldelli aggiunge le opzioni «put» e «call» e le triangolazioni con il Lussemburgo, ma che non disdegna - sostiene il magistrato - più tradizionali «creste» sulle spese dei correntisti. Ladri di galline, insomma, sempre precisando che nella fase delle ipotesi accusatorie siamo e che le galline in questione appaiono abbastanza appetitose. Un’immagine che riflette di sicuro solo una parte del ruolo dell’onnipresente Fiorani nelle tre partite finanziarie - Antonveneta, Bnl e Rcs - degli ultimi dodici mesi, ma che riporta il mondo astratto delle grandi scalate, delle battaglie internazionali e delle pensose paginate di dibattiti su ruolo e prospettive della vigilanza bancaria alla sanguigna concretezza dell’accumulo della «roba»: le ville, i contanti, gli scambi vorticosi di titoli dove restano sempre appiccicati alle mani un bel po’ di utili, se si vuole perfino i regali che a Natale da Lodi partivano alla volta di Via Nazionale. E un’immagine di certo deludente per chi (ma chi?) era convinto di aver visto nell’emergere prepotente di un nuovo, rapidissimo e spesso misterioso capitalismo i segni di un’energia vitale dai quali il sistema dei cosiddetti «poteri forti» tentava di difendersi con ogni modo.

    In verità l’unico potere forte, il cui esercizio diventa peraltro inevitabile in assenza di altri poteri che agiscano - come sarebbe loro spettato - in via preventiva o comunque prima che fosse troppo tardi, si dimostra ancora una volta quello dei magistrati. E in fondo, a voler leggere tra le righe delle comunicazioni della magistratura - fatta la doverosa e un po’ ipocrita premessa che un’ordinanza di custodia cautelare non è certo una condanna definitiva, ma con la consapevolezza che un documento come questo pubblicato su tutti i giornali costituisce in sé una condanna senza troppi appelli - si vede che l’arma mediaticamente vincente, quella che oggi schiaccia Fiorani e il suo entourage, è proprio la dimensione personalissima e strapaesana dell’arricchimento di pochi «con notevoli danni per i medi e soprattutto per i piccoli risparmiatori». Ecco che d’incanto il caso Lodi piomba accanto a nomi come quello di Parmalat e Cirio perché quello che accade nell’empireo dei mercati finanziari forse interesserà solo a pochi, ma quello che accade nel caveau di una banca riguarda tutti noi.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2003
    Località
    gallia cisalpina
    Messaggi
    4,702
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    [QUOTE=Delaware]Miliardi e galline

    Delaware!

    ma quale difesa delle banche italiane!; qui si voleva impiantare un sistema di espropriazione vellutata ai dannni dei piccolo risparmiatore con lasconnivenza dei politici che infatti non hanno difeso affatto il Risparmio riguardo al caso Cirio ,Parmalat e chissa quanti altri casi non ancora noti per interessi bi-partisan.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    30 Mar 2009
    Località
    Milano
    Messaggi
    18,973
    Mentioned
    51 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Delaware
    Miliardi e galline

    • da La Stampa del 15 dicembre 2005, pag. 1

    di Francesco Manacorda

    I miliardi di euro puntati senza batter ciglio in battaglie finanziarie che parevano decisive per le sorti del sistema bancario e del Paese intero e intanto le ville acquistate compulsivamente in ogni angolo alla moda - la Costa Azzurra come quella Smeralda - da immobiliari con nomi dolcissimi come la Giorni Sereni, la Frontemare e perfino la Patrimoniale degli Orsi (non quelli di Borsa, si presume); gli scontri all’arma bianca sull’Antonveneta con un colosso del credito come Abn Amro, combattuti sventolando la retorica del Davide padano che si oppone al Golia globalizzatore e intanto - cita impietosa l’ordinanza del gip Forleo - «prelievi diretti in contante dal caveau della banca» per spiccioli come 5-600 mila euro; gli editoriali di fuoco del Financial Times e della stampa anglosassone tutta contro Gianpiero Fiorani e Antonio Fazio «attaccato come una cozza allo scoglio» e intanto l’implacabile «regola del 40%», la percentuale delle plusvalenze agevolmente ottenute grazie agli ottimi consigli ricevuti, che i clienti privilegiati «avrebbero dovuto retrocedere allo stesso Fiorani, al Boni e allo Spinelli». E ancora, le dichiarazioni infuocate della Commissione europea, con il temibile commissario al Mercato interno Charles McCreevy che preannuncia per mesi missive durissime e ultimative alla Banca d’Italia, e intanto una girandola di operazioni vecchie quanto la Borsa, che vanno dal «portage» all’«insider trading», in moto perpetuo da quasi un decennio.

    Ecco, stando alle accuse circostanziate della Procura di Milano e alla valutazione che ne dà il gip nella sua ordinanza di arresto per Fiorani & Co., nel crollo finale dei furbetti del quartierino - corrente lodigiana - spira un profumo assai antico di italica furbizia. Quel che si vede è la lunghissima istantanea di una banda del buco decisamente tradizionale, sebbene in versione finanziaria spinta, che ai grimaldelli aggiunge le opzioni «put» e «call» e le triangolazioni con il Lussemburgo, ma che non disdegna - sostiene il magistrato - più tradizionali «creste» sulle spese dei correntisti. Ladri di galline, insomma, sempre precisando che nella fase delle ipotesi accusatorie siamo e che le galline in questione appaiono abbastanza appetitose. Un’immagine che riflette di sicuro solo una parte del ruolo dell’onnipresente Fiorani nelle tre partite finanziarie - Antonveneta, Bnl e Rcs - degli ultimi dodici mesi, ma che riporta il mondo astratto delle grandi scalate, delle battaglie internazionali e delle pensose paginate di dibattiti su ruolo e prospettive della vigilanza bancaria alla sanguigna concretezza dell’accumulo della «roba»: le ville, i contanti, gli scambi vorticosi di titoli dove restano sempre appiccicati alle mani un bel po’ di utili, se si vuole perfino i regali che a Natale da Lodi partivano alla volta di Via Nazionale. E un’immagine di certo deludente per chi (ma chi?) era convinto di aver visto nell’emergere prepotente di un nuovo, rapidissimo e spesso misterioso capitalismo i segni di un’energia vitale dai quali il sistema dei cosiddetti «poteri forti» tentava di difendersi con ogni modo.

    In verità l’unico potere forte, il cui esercizio diventa peraltro inevitabile in assenza di altri poteri che agiscano - come sarebbe loro spettato - in via preventiva o comunque prima che fosse troppo tardi, si dimostra ancora una volta quello dei magistrati. E in fondo, a voler leggere tra le righe delle comunicazioni della magistratura - fatta la doverosa e un po’ ipocrita premessa che un’ordinanza di custodia cautelare non è certo una condanna definitiva, ma con la consapevolezza che un documento come questo pubblicato su tutti i giornali costituisce in sé una condanna senza troppi appelli - si vede che l’arma mediaticamente vincente, quella che oggi schiaccia Fiorani e il suo entourage, è proprio la dimensione personalissima e strapaesana dell’arricchimento di pochi «con notevoli danni per i medi e soprattutto per i piccoli risparmiatori». Ecco che d’incanto il caso Lodi piomba accanto a nomi come quello di Parmalat e Cirio perché quello che accade nell’empireo dei mercati finanziari forse interesserà solo a pochi, ma quello che accade nel caveau di una banca riguarda tutti noi.
    E che cosa doveva dire la Stampa degli Agnelli su questo sporchissimo caso, la verità per caso? l'unico potere forte sarebbe quello della magistratura, quando la magistratura è solo una marionetta nelle mani dei veri poteri forti? ma chi può crederci ?

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226