User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 24
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Talking La Germania non sarà iper-liberista

    Maurizio Blondet
    23/12/2005

    «Non abbiamo troppo Stato, ne abbiamo troppo poco»: parola del vice-cancelliere tedesco Muentfering.
    I circoli finanziari angloidi speravano tanto che Angela Merkel avrebbe applicato le loro ricette iperliberiste, smantellato le costose protezioni sociali teutoniche, reso «flessibile» (precario) il lavoro, abbandonato il modello renano, insomma «meno Stato e più mercato».
    Il fatto è che la Merkel non governa da sola; guida un governo di coalizione con i socialdemocratici.
    E questi le hanno messo a fianco, come vicepremier, Franz Muentefering.
    Muentefering è il personaggio che lo scorso aprile definì «uno sciame di locuste» i fondi speculativi americani che sono piombati in Germania a comprare imprese per «snellirle», magari per rivenderle a pezzi e bocconi, dissanguandole della loro forza-lavoro e del loro patrimonio produttivo.
    Questo è contro l'interesse nazionale, tuonò Franz: «certi investitori finanziari non pensano un istante alla gente di cui distruggono il lavoro; sono anonimi, non hanno faccia, piombano come sciami di locuste sulle nostre imprese, le divorano, poi volano a divorarne altre».
    Scandalo, indignazione, dei mercati.



    Ora Muentefering è vice-cancelliere.
    E il 15 dicembre a Berlino, davanti a 300 consiglieri d'amministrazione, ha reso chiaro che la Germania non rincorrerà la Cina nella concorrenza sul dumping sociale.
    «La Germania sta diventando un paese di bassi salari, ci sono persone che lavorano 40 ore la settimana per 800 euro lordi al mese».
    Ed ha delineato la strategia alternativa.
    «Primo: la Germania deve tornare ad essere un Paese di alti salari e di alti standard produttivi, e ciò significa grandi investimenti in istruzione, ricerca e tecnologia. Secondo: lo Stato deve ricevere introiti maggiori, non abbiamo 'troppo Stato', ne abbiamo poco. Specie le comunità locali hanno bisogno di un migliore sostegno finanziario, perché oggi investono 15 miliardi di euro in meno che dieci anni fa…se investono, creano posti di lavoro nella costruzione di strade, canali, linee elettriche».
    Senza rammodernare le infrastrutture, avverte Muentefering, la Germania «collasserà nei prossimi 20-30 anni», nel vano tentativo di inseguire i bassi salari cinesi.
    «Bisogna cambiare strada e da subito».



    Come?
    Tanto per cominciare, ha detto il vice-premier, «bloccare la rincorsa al dumping sociale all'interno dell'Europa».
    Insomma la concorrenza sleale di Polonia e Lituania, che non hanno Stato sociale, sarà combattuta dalla Germania.
    E di fatto, anche Angela Merkel non sembra più tanto incline a seguire le ricette di Wall Street.
    Lo dice William Pfaff sull'Herald Tribune: «fedele all'Europa sociale, Angela Merkel, si dice, vuole rilanciare il discorso sulla costituzione europea, ma dando al documento una nuova dimensione sociale che precluda le più stravaganti idee del liberismo di mercato, che hanno provocato guai non solo in Francia e Germania, ma anche in Svezia ed Irlanda. Una cosa è che i nuovi Paesi membri, che hanno politiche sociali ultraliberiste, esportino merci a prezzo modico nel resto dell'Unione, un'altra che esportino manodopera a prezzo basso che sottrae lavoro agli europei che vivono in Paesi con migliori politiche sociali» (1).
    L'allusione è alla la direttiva Bolkenstein, quella che vuol liberalizzare il settore dei servizi in Europa (facendo temere ai francesi la calata di torme di idraulici polacchi che aggiustano i gabinetti a metà prezzo), e che - bocciata - viene continuamente riproposta per vie traverse dagli eurocrati.
    La Merkel non l'appoggerà.
    Il che significa che forse, finalmente, la direttiva Bolkenstein colerà a picco.



    Il rischio Muentefering, e del suo programma di rilancio keynesiano, è acutamente sentito nei circoli finanziari americani.
    Tanto che ai primi di dicembre, parlando all'Institute for International Economics di Washington, David Rubinstein, il fondatore della finanziaria Carlyle (la più grossa delle «locuste»), ha chiamato a raccolta i potentati di Wall Street e il governo USA: riuniamo le nostre forze, ha detto in sostanza, per chiedere più diritti per i nostri fondi speculativi, contro idee come quelle dei socialdemocratici tedeschi che ci vorrebbero mettere le redini.
    Il fatto è che anche negli Stati Uniti, forse, l'atmosfera sta cambiando, e non del tutto a favore del business finanziario senza limiti.
    Nancy Pelosi, che guida la minoranza democratica alla Camera dei rappresentanti, ha criticato i repubblicani di indifferenza «ai bisogni immediati di fronte a cui si trova il popolo americano».
    La Pelosi intendeva le vittime di Katrina («sono passati 100 giorni e la gente ha ancora bisogno di aiuto»), accusando apertamente «il più corrotto Congresso della storia, la cui corruzione e collusione ha causato la perdita di vite umane» a New Orleans.
    Ma ha ripetutamente alluso alle «necessità non soccorse» (unmet needs) degli americani dopo decenni di liberismo selvaggio.
    Da molto tempo un simile linguaggio «sociale» non aveva più risuonato nel Parlamento USA.



    Ma Nancy Pelosi non si è limitata a questo.
    Il 2 dicembre, ad Harvard, ha pronunciato un discorso («A new era of American Innovation and Competition») che è parso a molti lo schema di un nuovo, inaudito programma democratico.
    Un programma neo-keynesiano, fondato meno sul «mercato» e più sul sostegno pubblico all'istruzione e alla ricerca.
    Una «nuova frontiera» kennediana, non liberista».
    Cina e India, ha detto, stanno copiando queste politiche kennediane, che «sono state la guida degli Stati Uniti per decenni, e da cui viene il nostro primato. Stanno investendo molto per migliorare il loro sistema di istruzione, creano università di livello mondiale in scienza e tecnologia.Noi abbiamo abbandonato le direttrici che loro ci hanno copiato. Loro si impegnano in ricerche e sviluppo con visuale a lungo termine, noi abbiamo smesso. Il sostegno federale alla ricerca di base raggiunse il suo apice nel 1987, e da allora non fa che diminuire; a Corea è un'incubatrice di innovazione e guida la classifica planetaria per la diffusione della banda larga; noi siamo al 16mo posto».



    La Pelosi ha enumerato «cinque aree di intervento» da sostenere.
    Primo: una migliore istruzione di base per creare una «nuova generazione di innovatori».
    E non inventori di «prodotti finanziari creativi», ma inventori tecnici e scientifici.
    Secondo: raddoppiare il finanziamento pubblico nella ricerca scientifica di base.
    Terzo: lo sviluppo di comunicazioni a banda larga su scala nazionale «per ogni americano» entro cinque anni.
    Quarto: il lancio di un programma d'urto per l'indipendenza energetica.
    Quinto: creare un ambiente favorevole alle piccole imprese, fra cui l'accesso a «un'assistenza sanitaria che si possano permettere» (2).
    Insomma: istruzione, ricerca, tecnologia.
    Un programma che non si distingue molto da quello di Muentefering: America e Germania devono tornare ad essere Paesi «di alti salari e di alti standard tecnologici».
    E che implica la riduzione del potere scatenato del «libero mercato» e delle «locuste» finanziarie.
    Forse anche gli USA si stanno stancando del liberismo globale al ribasso.

    Maurizio Blondet




    --------------------------------------------------------------------------------
    Note
    1) William Pfaff, «German star rising», International Herald Tribune, 22 dicembre 2005.
    2) «Pelosi: a new era of american innovation», Executive Intelligence Review, 12 dicembre 2005.



    Copyright © - EFFEDIEFFE - all rights reserved.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.stopbolkestein.it/petizione.php

    L'allusione è alla la direttiva Bolkenstein, quella che vuol liberalizzare il settore dei servizi in Europa (facendo temere ai francesi la calata di torme di idraulici polacchi che aggiustano i gabinetti a metà prezzo), e che - bocciata - viene continuamente riproposta per vie traverse dagli eurocrati.
    La Merkel non l'appoggerà.
    Il che significa che forse, finalmente, la direttiva Bolkenstein colerà a picco.

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.stopbolkestein.org/



    Signez la pétition contre la directive Bolkestein
    Onderteken de petitie tegen de richtlijn Bolkestein
    Sign against the Bolkestein's directive
    Unterzeichnen Sie die Petition gegen die Bolkestein-Direktive
    Firmate la petizione contro la direttiva Bolkestein
    Firme la petición contra la directiva Bolkestein

    Dedicate to Facco and to Stagnarus.

  4. #4
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E invece grazie all'economia socialista statalista e pianificata, si ritrovano con la maggior percentuale di disoccupati dal dopoguerra ad oggi... meno stato e meno corporazioni, altro che balle...

  5. #5
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Auferstanden aus ruinen
    un der zukunft zugewandt,
    lass uns dir zum guten dienen,
    Deutschland einig Vaterland.
    Alte not gilt es zu zwingen,
    und dir zwingen sie vereint,
    denn es muss wird uns doch
    gelingen,
    dass die sonne schön wie nie
    über Deutschland scheint.
    Glück und friede sei
    beschieden,
    Deutschland, unserm Vaterland.
    Alle welt sehnt sich nach
    frieden,
    reicht den Völkern eure hand.
    Wenn wir brüderlich un einen,
    schlagen wir des Volkes Feind.
    lasst da licht des friedens
    scheinen,
    dass nie eine mutter mehr
    ihren sohn beweint.
    Lasst uns pflügen! Lasst uns
    bauen,
    lernt und schafft wie nie zuvor,
    und der eignen kraft vertrauend
    steigt ein frei geschlecht empor
    Deutsche jugend: bestes
    streben
    uns'res volks in dir vereint,
    wirst du Deutschland neues
    leben,
    un die sonne schön wie nie
    über Deutschland scheint.

    http://web.tiscali.it/altoreno/menu.htm

  6. #6

  7. #7
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    http://www.ilcinghialecorazzato.org/...o%20danese.JPG

    e anche quest'articolo sulla florida situazione danese è daleggere con molta attenzione,poichè è indicativo del fatto che non c'è bisogno di arrivare all'odioso capitalismo anglosassone per evitare il comunismo e l'assistenzialismo di stato.

  8. #8
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jenainsubrica
    Auferstanden aus ruinen
    un der zukunft zugewandt,
    lass uns dir zum guten dienen,
    Deutschland einig Vaterland.
    Alte not gilt es zu zwingen,
    und dir zwingen sie vereint,
    denn es muss wird uns doch
    gelingen,
    dass die sonne schön wie nie
    über Deutschland scheint.
    Glück und friede sei
    beschieden,
    Deutschland, unserm Vaterland.
    Alle welt sehnt sich nach
    frieden,
    reicht den Völkern eure hand.
    Wenn wir brüderlich un einen,
    schlagen wir des Volkes Feind.
    lasst da licht des friedens
    scheinen,
    dass nie eine mutter mehr
    ihren sohn beweint.
    Lasst uns pflügen! Lasst uns
    bauen,
    lernt und schafft wie nie zuvor,
    und der eignen kraft vertrauend
    steigt ein frei geschlecht empor
    Deutsche jugend: bestes
    streben
    uns'res volks in dir vereint,
    wirst du Deutschland neues
    leben,
    un die sonne schön wie nie
    über Deutschland scheint.

    http://web.tiscali.it/altoreno/menu.htm
    Ecco l'inno. Una delle più belle cose prodotte dalla DDR.
    Con un'opportuna rettifica di certi versi potrebbe diventare un inno etnonazionalista.

    http://members.fortunecity.com/stali...tional/DDR.wav

  9. #9
    Io_secedo
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jenainsubrica
    http://www.ilcinghialecorazzato.org/...o%20danese.JPG

    e anche quest'articolo sulla florida situazione danese è daleggere con molta attenzione,poichè è indicativo del fatto che non c'è bisogno di arrivare all'odioso capitalismo anglosassone per evitare il comunismo e l'assistenzialismo di stato.
    beh,sulle "mitiche" socialdemocrazie del Nord Europa se ne leggono anche di cotte e di crude...dalle politiche eugenetiche allo stato sociale che in realtà è il punto dolente di quei Paesi...non credo vi interessino certe letture,ma se volete le posto...

  10. #10
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Sinceramente delle socialdemocrazie scandinave farrei volentieri a meno. Altra cosa è "il capitalismo renano". Un capitalismo con vincoli etici ed estremamente competitivo e che è stato il motore della rinascita europea negli anni '60-70.

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Liberista sarà lei.
    Di H.I.M. nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 38
    Ultimo Messaggio: 02-08-11, 19:44
  2. Germania: sara' riparata la statua di Hitler decapitata
    Di lupodellasila nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 07-07-08, 11:32
  3. Dunque sarà Germania-Spagna: per chi tiferete?
    Di DrugoLebowsky nel forum Il Seggio Elettorale
    Risposte: 117
    Ultimo Messaggio: 02-07-08, 23:31
  4. Ma in Germania ci sarà una Grosse Koalition per sempre?
    Di Danny nel forum Centrosinistra Italiano
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 27-02-08, 15:41
  5. La Germania non sarà iper-liberista
    Di Zefram_Cochrane nel forum Politica Estera
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 28-12-05, 11:35

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226