User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Apr 2005
    Messaggi
    829
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Libri su scandali di Prodi e compagni?

    Vorrei sapere se vi sono dei libri in commercio che parlino di tutti scandali di Prodi e dei suoi compagni mi piacerebbe farlo leggere ai miei conoscenti e colleghi di lavoro sinistroidi che sanno solo parlare delle malefatte di Berlusconi. Ne usci' uno intitolato "Prodeide" che ora e' introvabile forse perche' sequestrato.Altri, reperibili?
    WaLd

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    31 Mar 2005
    Località
    venezia
    Messaggi
    1,511
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    l'ultimo libro di Travaglio e Gomez parla anche di questo. Scusa ma non ricordo il titolo comunque è appena uscito, altrimenti anche quello di Cesare Salvi Il costo della politica, parla anche degli sprechi rossi.
    ciao

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,909
    Mentioned
    13 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    La malattia statalista
    da Prodi a oggi
    di Giancarlo Galli

    In un'epoca in cui, celebrando i riti del peggior gattopardismo italico, un po' tutti (soprattutto a parole) si proclamano liberal-liberisti, desta quasi ammirazione la posizione di un navigato «boiardo» che non esita a dar corpo alla nostalgia dei tempi, per lui felici o comunque migliori del presente.

    Quelli dell'economia «mista», delle Partecipazioni statali.
    Il narratore-protagonista è Massimo Pini «fra i più stretti collaboratori di Bettino Craxi» (sue parole), due volte membro del Consiglio d'amministrazione della Rai, per un lustro partecipe del Comitato di presidenza dell'Iri, quindi «consigliere per le privatizzazioni» di Giuliano Amato quando (1992-1993) stava a Palazzo Chigi per designazione craxiana.

    Prescindendo dal titolo un tantino banale, il libro è di notevole interesse nonostante un sin troppo evidente limite «ideologico»: ricostruzioni di eventi, statistiche, a sostegno di una precisa tesi.
    Il ragionar di Pini è peraltro lineare. L'Iri, padre delle statizzazioni, fu una scelta obbligata negli anni Trenta, dopo il crac di larga parte del sistema industrial-bancario.

    E sin qui, nessuna novità. Però, subito aggiunge che in carenza delle imprese a partecipazioni statali, non si sarebbe avuto lo straordinario sviluppo economico del dopoguerra. E questo non è proprio pacifico, se pensiamo alla nazionalizzazione elettrica (tenacemente voluta proprio dai socialisti), che a trent'anni di distanza s'è rivelata fra i più colossali errori del dirigismo economico.

    Pini sfodera poi denti aguzzi nei confronti di Romano Prodi: «Sette anni di presidenza nei quali l'Istituto non ha certo mostrato il suo volto migliore: dal "pasticciaccio brutto" della Sme alla vendita dell'Alfa Romeo, dal crac del settore siderurgico ai fondi neri».
    Opinioni che meritano di essere discusse, al pari di un'alta: l'Iri, all'atto della smobilitazione, non era affatto un gigante dai piedi d'argilla, indebitato sino al collo, bensì un patrimonio che ha consentito allo Stato d'incassare, attraverso le privatizzazioni, una montagna di miliardi.

    Qui, Pini tira due sciabole pesanti. L'Iri che ormai poteva marciare sulle sue gambe, venne sacrificato sull'altare della globalizzazione e dei Trattati di Maastricht, che avevano decretato la fine dell'economia «mista»; le privatizzazioni sono state fatte per compiacere alcuni «grandi interessi», e ricucendo ai minimi termini il prestigio internazionale dell'Italia.

    (Tesi non peregrina dopo l'asta Umts). Al di là di ogni valutazione, il libro di Pini va preso in considerazione per quel che sottende: l'esistenza, piaccia o meno, di una radicatissima cultura statalista, che non sarà facile sradicare. E quel che avviene con Enel, Eni, Fondazioni bancarie purtroppo ben lo dimostra.

    Massimo Pini,
    I giorni dell'Iri. Storie e misfatti da Beneduce a Prodi,
    Mondadori, 307 pagine,
    32 mila lire

    Giancarlo Galli

 

 

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226