User Tag List

Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 36
  1. #1
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,091
    Mentioned
    893 Post(s)
    Tagged
    27 Thread(s)

    Predefinito Se tutti corrono tutti sono fermi di Massimo Fini

    Relatività economica
    Se tutti corrono, tutti son fermi
    Massimo Fini

    Queste lagne sulla Cina che invade i mercati europei e italiani con prodotti a basso prezzo perché può pagare un pugno di riso i propri lavoratori che non hanno tutele, né sindacali, né previdenziali,né assicurative, sono indecenti. È da decenni che le imprese occidentali dislocano le loro produzioni nei Paesi del Terzo Mondo proprio perché pagano con un pugno di riso, o equivalenti, lavoratori che non hanno tutele, né sindacali, né previdenziali, né assicurative. E adesso che la Cina e altri Paesi ci rendono la pariglia facciamo gli scandalizzati e improvvisamente gli imprenditori, italiani ed europei, riscoprono il valore dei sindacati, purché abbiano il muso giallo.

    Del resto il Parlamento europeo non ha fatto in tempo a votare una risoluzione che, a partire dal 2008, vieta di superare il limite delle 48 ore di lavoro settimanali, che subito si sono levati alti lai da parte degli imprenditori (vedi il polemico titolo de Il Giornale di giovedì scorso "La UE vieta agli europei di lavorare di più") segue dalla prima (…) che gridano che si vuole intaccare la fondamentale libertà di lavorare quanto si vuole – la libertà di Stakanov -e chiedono che il limite sia spostato almeno a 65 ore. E prima o poi, ci si arriverà. È una conseguenza inevitabile della globalizzazione esattamente come lo è l’assalto delle cavallette cinesi.

    Perché l’Europa possa competere con la Cina, col Giappone, con gli Stati Uniti è necessario che i suoi cittadini lavorino di più. In Germania, oltre ad allungare l’orario di lavoro, stanno già provvedendo a smantellare il cosiddetto ‘modello renano’, vale a dire il welfare assicurato a tutti, orgoglio del modello di sviluppo tedesco.

    A questo punto, però si pongono, anzi si ripropongono, alcune domande cui la globalizzazione - vale a dire la spietata competizione mondiale fra Stati, che ha le sue origini lontane nella Rivoluzione industriale, ma che arriva oggi alla sua maturazione planetaria - ha perlomeno il pregio di ridare dignità senza che vengano immediatamente sbertucciate come reazionarie, antimoderne, antiprogressiste, irrazionali, come capitò al mio ‘La Ragione aveva torto?’, del 1985, che aveva osato formularle:

    è l’economia al servizio dell’uomo o noi al suo? Il meccanismo produzione-consumo serve a noi o è diventato autoreferenziale e marcia ormai per conto proprio? L’obbiettivo è un’astratta ‘Ricchezza delle Nazioni’, per dirla con Adam Smith, o lo star bene dei loro abitanti?

    Prendiamo l’Italia. Non c’è dubbio che l’Italia di oggi sia complessivamente assai più ricca di quella, poniamo, degli anni Sessanta (e non potrebbe essere diversamente: i Pil e la produzione non han fatto che aumentare), ma noi italiani, presi singolarmente, siamo più poveri o, quando va bene,abbiamo mantenuto le posizioni di allora. Tutta una serie di gadgets tecnologici, una volta quasi inarrivabili, sono oggi alla portata di chiunque, ma i beni essenziali, casa, cibo, vestiti, costano molto più di allora. Come mai?

    Il fatto è che mentre l’Italia corre, e corrono, si affannano e lavorano i suoi abitanti, corrono anche gli altri Paesi. Corriamo tutti, ma proprio per questo è come se stessimo fermi, come se fossimo su un tapis-roulant imboccato a rovescio. Ma se ci fermassimo retrocederemmo immediatamente a condizioni di sottosviluppo inaccettabili. E allora ci si deve chiedere se la competizione economica, questo mito della Modernità che, a destra come a sinistra, ha santificato il lavoro che nei tempi andati era considerato, come dice San Paolo, uno ‘spiacevole sudore della fronte’, sia il modo migliore per affrontare la vita e se abbia un senso o perlomeno un senso umano.

    Vale la pena ricordare che sono esistite società, e anche piuttosto prospere, come quella dell’Europa preindustriale, che non erano regolate dal principio della competizione, ma da quello della cooperazione.

    Se si rileggono gli statuti delle corporazioni artigiane si vede che ponevano infiniti limiti alla concorrenza, considerata spregevole, che era proibito distogliere il cliente dalla bottega del vicino e persino farsi pubblicità.

    A ognuno doveva essere assicurato un posto, sia pur piccolo, al sole, senza che fosse costretto, a differenza di oggi,a inseguire incessantemente un futuro orgiastico che pare sempre lì li per essere colto che invece arretra costantemente davanti ai nostri occhi con la stessa inesorabilità dell’orizzonte davanti a chi abbia la pretesa di raggiungerlo.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    FIGHTER
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected]
    Relatività economica
    Se tutti corrono, tutti son fermi
    Massimo Fini

    Queste lagne sulla Cina che invade i mercati europei e italiani con prodotti a basso prezzo perché può pagare un pugno di riso i propri lavoratori che non hanno tutele, né sindacali, né previdenziali,né assicurative, sono indecenti. È da decenni che le imprese occidentali dislocano le loro produzioni nei Paesi del Terzo Mondo proprio perché pagano con un pugno di riso, o equivalenti, lavoratori che non hanno tutele, né sindacali, né previdenziali, né assicurative. E adesso che la Cina e altri Paesi ci rendono la pariglia facciamo gli scandalizzati e improvvisamente gli imprenditori, italiani ed europei, riscoprono il valore dei sindacati, purché abbiano il muso giallo.

    Del resto il Parlamento europeo non ha fatto in tempo a votare una risoluzione che, a partire dal 2008, vieta di superare il limite delle 48 ore di lavoro settimanali, che subito si sono levati alti lai da parte degli imprenditori (vedi il polemico titolo de Il Giornale di giovedì scorso "La UE vieta agli europei di lavorare di più") segue dalla prima (…) che gridano che si vuole intaccare la fondamentale libertà di lavorare quanto si vuole – la libertà di Stakanov -e chiedono che il limite sia spostato almeno a 65 ore. E prima o poi, ci si arriverà. È una conseguenza inevitabile della globalizzazione esattamente come lo è l’assalto delle cavallette cinesi.

    Perché l’Europa possa competere con la Cina, col Giappone, con gli Stati Uniti è necessario che i suoi cittadini lavorino di più. In Germania, oltre ad allungare l’orario di lavoro, stanno già provvedendo a smantellare il cosiddetto ‘modello renano’, vale a dire il welfare assicurato a tutti, orgoglio del modello di sviluppo tedesco.

    A questo punto, però si pongono, anzi si ripropongono, alcune domande cui la globalizzazione - vale a dire la spietata competizione mondiale fra Stati, che ha le sue origini lontane nella Rivoluzione industriale, ma che arriva oggi alla sua maturazione planetaria - ha perlomeno il pregio di ridare dignità senza che vengano immediatamente sbertucciate come reazionarie, antimoderne, antiprogressiste, irrazionali, come capitò al mio ‘La Ragione aveva torto?’, del 1985, che aveva osato formularle:

    è l’economia al servizio dell’uomo o noi al suo? Il meccanismo produzione-consumo serve a noi o è diventato autoreferenziale e marcia ormai per conto proprio? L’obbiettivo è un’astratta ‘Ricchezza delle Nazioni’, per dirla con Adam Smith, o lo star bene dei loro abitanti?

    Prendiamo l’Italia. Non c’è dubbio che l’Italia di oggi sia complessivamente assai più ricca di quella, poniamo, degli anni Sessanta (e non potrebbe essere diversamente: i Pil e la produzione non han fatto che aumentare), ma noi italiani, presi singolarmente, siamo più poveri o, quando va bene,abbiamo mantenuto le posizioni di allora. Tutta una serie di gadgets tecnologici, una volta quasi inarrivabili, sono oggi alla portata di chiunque, ma i beni essenziali, casa, cibo, vestiti, costano molto più di allora. Come mai?

    Il fatto è che mentre l’Italia corre, e corrono, si affannano e lavorano i suoi abitanti, corrono anche gli altri Paesi. Corriamo tutti, ma proprio per questo è come se stessimo fermi, come se fossimo su un tapis-roulant imboccato a rovescio. Ma se ci fermassimo retrocederemmo immediatamente a condizioni di sottosviluppo inaccettabili. E allora ci si deve chiedere se la competizione economica, questo mito della Modernità che, a destra come a sinistra, ha santificato il lavoro che nei tempi andati era considerato, come dice San Paolo, uno ‘spiacevole sudore della fronte’, sia il modo migliore per affrontare la vita e se abbia un senso o perlomeno un senso umano.

    Vale la pena ricordare che sono esistite società, e anche piuttosto prospere, come quella dell’Europa preindustriale, che non erano regolate dal principio della competizione, ma da quello della cooperazione.

    Se si rileggono gli statuti delle corporazioni artigiane si vede che ponevano infiniti limiti alla concorrenza, considerata spregevole, che era proibito distogliere il cliente dalla bottega del vicino e persino farsi pubblicità.

    A ognuno doveva essere assicurato un posto, sia pur piccolo, al sole, senza che fosse costretto, a differenza di oggi,a inseguire incessantemente un futuro orgiastico che pare sempre lì li per essere colto che invece arretra costantemente davanti ai nostri occhi con la stessa inesorabilità dell’orizzonte davanti a chi abbia la pretesa di raggiungerlo.
    ineccepibile

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    02 Jan 2004
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,989
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected]

    Vale la pena ricordare che sono esistite società, e anche piuttosto prospere, come quella dell’Europa preindustriale, che non erano regolate dal principio della competizione, ma da quello della cooperazione.

    Se si rileggono gli statuti delle corporazioni artigiane si vede che ponevano infiniti limiti alla concorrenza, considerata spregevole, che era proibito distogliere il cliente dalla bottega del vicino e persino farsi pubblicità.

    A ognuno doveva essere assicurato un posto, sia pur piccolo, al sole, senza che fosse costretto, a differenza di oggi,a inseguire incessantemente un futuro orgiastico che pare sempre lì li per essere colto che invece arretra costantemente davanti ai nostri occhi con la stessa inesorabilità dell’orizzonte davanti a chi abbia la pretesa di raggiungerlo.
    Grazie a chi ha deciso che "il Fascismo è morto" e "Dobbiamo dire le stesse cose ma in una forma diversa"....

    Bene, andate con Massimo Fini che da tempo ormai non fa altro che enunciare dottrina Fascista ma in un altro modo e in altra forma.

    Io sarò il primo insieme ai compagni ad apostrofarlo FASCISTA! e vediamo come regge l'accusa...

    Non si può usare il Fascismo senza essere pronti a farsi carico della sua storia e soprattutto dei suoi martiri.

  4. #4
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,091
    Mentioned
    893 Post(s)
    Tagged
    27 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Nolan
    Grazie a chi ha deciso che "il Fascismo è morto" e "Dobbiamo dire le stesse cose ma in una forma diversa"....

    Bene, andate con Massimo Fini che da tempo ormai non fa altro che enunciare dottrina Fascista ma in un altro modo e in altra forma.
    Beh questa non mi sembra un'idea così sbagliata anche se il pensiero di Massimo Fini va un po' oltre: il suo è soprattutto antimodernismo.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    02 Jan 2004
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,989
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected]
    Beh questa non mi sembra un'idea così sbagliata anche se il pensiero di Massimo Fini va un po' oltre.
    Che immagine usi per l'avatar?

  6. #6
    SuperMod
    Data Registrazione
    26 Mar 2005
    Località
    Gubbio
    Messaggi
    52,091
    Mentioned
    893 Post(s)
    Tagged
    27 Thread(s)

    Predefinito

    L'Arco di trionfo di Bolzano che la Sudtirolo Volkspartein ha contestato

  7. #7
    Dalla parte del torto!
    Data Registrazione
    16 Mar 2002
    Località
    roma
    Messaggi
    4,103
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Nolan
    Grazie a chi ha deciso che "il Fascismo è morto" e "Dobbiamo dire le stesse cose ma in una forma diversa"....

    Bene, andate con Massimo Fini che da tempo ormai non fa altro che enunciare dottrina Fascista ma in un altro modo e in altra forma.

    Io sarò il primo insieme ai compagni ad apostrofarlo FASCISTA! e vediamo come regge l'accusa...

    Non si può usare il Fascismo senza essere pronti a farsi carico della sua storia e soprattutto dei suoi martiri.
    No...no ...invece rimaniamo nei nostri ghetti,nei nostri piccoli localini a fare le nostre piccole riunioni dove parliamo sempre delle stesse cose e sempre alle stesse persone.
    Dibattiamo di temi fondamentali quali "io sono più fascista di te..."...e questo vorrebbe dire fare politica?
    Tra l'altro come ha fatto ben notare [email protected] Massimo Fini non è fascista, ma antimodernista.
    Sinistra Nazionale!

  8. #8
    Registered User
    Data Registrazione
    02 Jan 2004
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,989
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito ---

    Citazione Originariamente Scritto da [email protected]
    L'Arco di trionfo di Bolzano che la Sudtirolo Volkspartein ha contestato
    Bhe... basta co sti fasci, sto Fascismo, i caduti... Il Fascismo è morto, buttiamolo giù l'arco... e poi che i bozen non hanno diritto alla loro piccola patria?


  9. #9
    LONGINO
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rodolfo
    No...no ...invece rimaniamo nei nostri ghetti,nei nostri piccoli localini a fare le nostre piccole riunioni dove parliamo sempre delle stesse cose e sempre alle stesse persone.
    Dibattiamo di temi fondamentali quali "io sono più fascista di te..."...e questo vorrebbe dire fare politica?
    Tra l'altro come ha fatto ben notare [email protected] Massimo Fini non è fascista, ma antimodernista.
    a mio parere meglio continuare a essere una "sparuta" minoranza che dover un giorno rinnegare,o peggio arrivare a pensieri politicamente corretti. noi pochi... noi felici pochi noi...noi FASCISTI.

  10. #10
    Registered User
    Data Registrazione
    02 Jan 2004
    Località
    Roma
    Messaggi
    2,989
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Rodolfo
    No...no ...invece rimaniamo nei nostri ghetti,nei nostri piccoli localini a fare le nostre piccole riunioni dove parliamo sempre delle stesse cose e sempre alle stesse persone.
    Dibattiamo di temi fondamentali quali "io sono più fascista di te..."...e questo vorrebbe dire fare politica?
    Tra l'altro come ha fatto ben notare [email protected] Massimo Fini non è fascista, ma antimodernista.
    Antimodernista così come lo può essere chiunque critica il Turbocapitalismo...

    Ma la logica del

    Mercato chiuso

    Produzione legata solo ai bisogni della nazione

    Abbandono del materialismo e delle logiche materialistiche in economia

    Corporativismo

    Sono copyright del Fascismo. Poi uno per avere diritto di parola può anche dire le stesse cose e provare a schivare in maniera più o meno onorevoli le accuse di Fascismo....

    La sostanza non cambia

 

 
Pagina 1 di 4 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Il sistema uccide tutti, non solo i poveri - di Massimo Fini
    Di Avanguardia nel forum Socialismo Nazionale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 08-09-13, 08:50
  2. Risposte: 23
    Ultimo Messaggio: 10-12-12, 17:56
  3. Iraq :Tutti a casa di Massimo Fini
    Di pietro nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 16-03-04, 17:08
  4. Massimo Fini: "Se il tempo cancella la colpa, la cancelli per tutti"
    Di Tomás de Torquemada nel forum Destra Radicale
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 12-06-03, 02:49
  5. Massimo Fini: "Quando la Cecenia non è uguale per tutti"
    Di Tomás de Torquemada nel forum Comunismo e Comunità
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 29-10-02, 02:55

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226