di WALTER D’AGOSTINO ARSITA — Pillola amara per Arsita e Bisenti prima dello scambio delle consegne ...


... tra il direttore generale uscente della Asl Casini ed il suo successore Mario Molinari. In tutti e due i Comuni dell'alta Valle del Fino infatti c'é gran subbuglio perché se venissero confermate le voci,per ora non ufficiali,sembrerebbe che fra gli ultimi atti firmati da Casini ci sarebbe anche quello che di fatto trasferirebbe la sede del presidio sanitario di Guardia Medica,da anni localizzata a Bisenti,nel territorio del Comune di Castiglione. La stessa ordinanza sposterebbe a Bisenti il servizio del 118 attualmente collocato presso la residenza sanitaria assistita di Castilenti per un servizio di assistenza di 12 ore. Una soluzione questa del 118 che tutto sommato dice qualcosa,ma che non compensa le aspettative dell'Amministrazione comunale e della popolazione che si sentono penalizzate per usurpazione di un ruolo ampiamente riconosciuto a Bisenti come sede baricentrica più qualificata per un eventuale soccorso o ospedalizzazione in caso di emergenze.Molto più aggravata invece la situazione per Arsita dove si registrerebbe un isolamento ancora più ampio con notevoli aumenti di difficoltà soprattutto per le zone più a ridosso della montagna dove ovviamente il tempo degli eventuali interventi si allunga molto di più. Amareggiati più degli altri sono i sindaci di Arsita Pierino Ridolfi e di Bisenti Enzino De Febis,che nonostante il loro impegno,di fronte a questa decisione hanno trovato completamente disattesi i suggerimenti e le indicazioni da loro forniti durante la conferenza dei sindaci convocati dall'ex menager Casini anche su proposta del responsabile provinciale del 118 dr.Pallini.

Da "Il Tempo" - (Ed. "Abruzzo") di lunedì 5 dicembre 2005

___________

Secondo me Casini è proprio in torto! Non si fa un atto qualche giorno prima di andarsene. . Poi, quando si decide di fare qualcosa, si fa una conferenza di servizi, o altro. La Asl di Teramo non è una S.p.A. che, qualsiasi sia l'azionista di maggioranza, anche se totale, è autonoma nelle decisioni, no! La Asl è un ente pubblico economico, che deve servire prima di tutto ai bisogni della gente. Qualcuno mormora che Casini abbia voluto punire Bisenti per averci perso i voti alle ultime elezioni regionali, e anche in questo caso è in torto perché la Valle del Fino, zona della Provincia di Teramo al confine con la Provincia di Pescara, è già svantaggiata di suo e ha votato da molto al centro - destra ... che cosa ha ottenuto? Niente, sopratutto i comuni di Arsita e Bisenti! Solo promesse e solite favole, prima la Diga sul Fino, ora la Strada! Nonostante avesse la continuità amministrativa per il fatto che tutti i cinque comuni erano del centro - destra e la Regione era amministrata dal centro - destra ... quando c'è Città Sant'Angelo, rossa da sempre, che con ogni amministrazione ha continuato a guadagnare. Si vuole fare un esame di coscienza sul perché il centro - destra ha perso i voti, a Arsita e Bisenti maggiormente? Qualcuno del centro - destra dice che non si può mettere tutto a Bisenti ... è in torto! La guardia medica c'è da sempre, non è una cosa nuova che si deve dividere tra più comuni ... prima c'era guardia medica + 118 a Bisenti perché la Regione stabilì che Bisenti era punto strategico in quanto la parte più svantaggiata della Valle del Fino, zona già disagiata, e, se uno si sente male a Collemesole o le altre frazioni di Arsita che vanno verso le montagne bisognava trovare un luogo da cui potere arrivare per i soccorsi sia dagli altri comuni della Valle del Fino che da questi paesi di montagna, e fu scelto Bisenti ... poi cosa fa il centro - destra? Toglie il 118 e lo mette alla RSA di Villa San Romualdo, e Bisenti e Arsita si fanno sentire. Che cosa succede poi? Tolgono la Guardia Medica con la scusa che ridanno il 118! Ma il 118 senza Guardia Medica non ha senso perché sarebbe solo un parcheggio di ambulanze, allora era meglio che rimaneva tutto come prima. Poi può succedere che tra 5, 10, 20 anni diranno "il 118 senza Guardia Medica non è niente allora togliamo anche il 118 e mettiamolo a Castiglione insieme alla Guardia Medica", e Bisenti (e Arsita) vengono fragati! A Bisenti si rivoterà per il sindaco nel 2007 e certamente il candidato a sindaco del centro - destra (il sindaco in carica non può più candidarsi perché ha fatto due candidature) dirà "quando c'era il centro - destra c'era la guardia medica e ora non c'è più" in caso di vittoria del centro - sinistra; il centro - sinistra può dire alla campagna elettorale "avete visto il centro - destra che ha tolto la guardia medica?" ... a Castiglione il centro - destra potrà dire "abbiamo tolto la guardia medica a Bisenti e ce la siamo presi noi", gli unici che non potranno dire niente sono quelli del popolo. Boh!