User Tag List

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 13

Discussione: Narnia e le polemiche

  1. #1
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    England
    Messaggi
    1,471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Narnia e le polemiche

    Andate a vedere Narnia! E comprate i romanzi!
    E' un film che infastidisce gli anti cristiani mondialisti desiderosi di imporre il pensiero unico (il loro).



    Il film è bellissimo! Piace ai bambini e anche agli adulti.


















    Articolo:

    The latest children's favourite to be given the Hollywood treatment, CS Lewis's Chronicles of Narnia has been dismissed as sexist, racist, Christian propaganda. Alison Lurie on the fairytale that has divided children and adults alike


    Muscular Christianity: a scene from the new Narnia film

    Most enormously successful children's books, like Harry Potter, become successful films within a few years of their publication. But there is one odd exception: CS Lewis's The Lion, the Witch and the Wardrobe has taken 55 years to reach the screen. Or maybe it is not so odd. On first reading, this story and the six other Chronicles of Narnia that followed it seem simple, entertaining and non-controversial; but they have turned some readers into passionate fans, and made others very angry. Children, too, seem to either love the books or strongly dislike them.

    There are, I think, several reasons for this polarisation. The fact that Narnia was intended as a Christian allegory has made the books tremendously popular with the religious establishment, especially in fundamentalist America. It has also, according to reports, troubled the producers of the new film, who are anxious to sell The Lion, the Witch and the Wardrobe as a Christian fable without alienating filmgoers of other (or no) faiths all over the world. This is clearly not an unfounded fear. Recently, the immensely gifted and equally popular British writer Philip Pullman, author of the trilogy His Dark Materials who has described himself as both an agnostic and an atheist, has condemned the Narnia books as religious propaganda.
    Some Christian critics, too, have expressed doubts about Lewis's portrayal of Jesus as the huge, powerful lion Aslan. In most juvenile classics, the heroes and heroines tend to be relatively small and powerless; they are mice, rabbits, dogs, cats, hobbits and, of course, children. (When the good characters are adolescents or adults, they are usually in some way disadvantaged, though often temporarily.) These heroes win through moral rather than physical strength, because they possess the standard folk-tale qualities of intelligence, courage, kindness and luck. Lewis, however, had a preference for what used to be called "muscular Christianity", which recommended a strong and even militant faith, and the portrayal of Christ as athletic and super-masculine. This may have been responsible for his choice of a beautiful but terrifying lion the size of a small elephant as his allegorical figure of Jesus, rather than something nearer to the traditional innocent, meek and mild Lamb of God.

    Lewis has also been charged with racism as a result of his portrait of the Calormenes in The Horse and His Boy. Calormene, a desert country far to the south of Narnia, strongly suggests the Near East: its people are dark-skinned, wear turbans and carry scimitars. Their diet is heavy on oil, rice, onions and garlic. They are cruel to animals and worship a four-armed god with a vulture's head called Tash who demands human sacrifice. Like Tash, the rulers of Calormene are autocratic, corrupt, treacherous and brutal. Slavery is common, and women cannot read or write or choose whom they will marry. However successful the film of The Lion, the Witch and the Wardrobe may be, it is hard to see how The Horse and His Boy could be made into a sequel today without serious political repercussions.

    Other critics, with whom I have considerable sympathy, have seen the Chronicles of Narnia as anti-feminist. Pullman, for instance, has called the books "monumentally disparaging of girls and women". In Narnia, girls almost always come second to boys. They have fewer adventures, and none, like Shasta (The Horse and His Boy) or Caspian (Prince Caspian) has a book named after her. There is no such thing as a good and strong supernatural female figure in Narnia: the principal representation of virtuous supernatural power is male, while the principal representation of evil power is the White Witch. Here Lewis parts company with one of his two favourite predecessors in children's literature, George MacDonald, in whose books the dominant supernatural force for good is female: Princess Irene's fairy godmother, the North Wind who comes to the rescue of little Diamond, and the Wise Woman in the story of that name.

    All these criticisms, though justified, are often partly excused on the grounds that CS Lewis was subject to the beliefs and prejudices of his time and place. His traditional Anglican Christianity, his dislike and suspicion of southern countries, his preference for all things northern (as a boy he fell in love with Norse myth and with Wagner's operas), and the fact that his good characters tend to be fair and fair-haired, are seen as typical of conservative writers of his generation. His anti-feminism is explained by the fact that as a conventional British Tory, born in 1898, and spending most of his life in the then almost completely masculine environment of Oxford, it was natural for him to pay less attention to girls, and to assume that most of them were weaker, less interesting, and more fearful than boys. This is true especially in the first three Narnia books, written before Lewis, at 54, met the American writer Joy Davidman, a bold and outspoken fan and Christian convert whom he later married. Perhaps as a result, the later Narnia books include heroines who can ride and fight as well as boys and have exciting adventures.

    Yet Lewis retained his distaste for what at the time was thought of as typically feminine - and perhaps, to judge by what happens in the final book of the series, The Last Battle, some distaste for most women. Many readers have been infuriated by his condemnation of the former wise and gentle Queen Susan, as no longer "a friend of Narnia". She is cast out of paradise for ever because at 21 she speaks of her earlier experiences as only a childhood fantasy. She is also said to be "too keen on being grown up" and "interested in nothing nowadays except nylons and lipstick and invitations". Apart from the fact that these seem very small sins, it is hard to believe that Susan could have changed that much in only a few years, and forgotten her joy in Narnia. It seems deeply unfair that Edmund, Susan's younger brother, who has betrayed the others to the Witch, is allowed to repent and remain King Edmund, while Susan, whose faults are much less serious, is not given the opportunity.

    It has been suggested that some of these problems arose because Lewis himself did not think things through carefully; that he did not take his writing for children as seriously as his famous works for adults, such as The Allegory of Love and Mere Christianity. Many readers, of whom I am one, have been made uneasy by the confusing and anachronistic borrowings in the Narnia books. In The Lion, the Witch and the Wardrobe, for instance, there are not only giants, dwarfs, ogres and a witch out of folk tales, but a whole zoo of talking animals including two badgers who seem to have come straight from Beatrix Potter. There is also a huge population of fauns, satyrs, dryads, naiads, minotaurs, unicorns and centaurs from Greek mythology, plus a rather modern Santa Claus in his sleigh drawn by reindeer.

    JRR Tolkien, who was a close friend of Lewis, spent decades planning the world about which he would write in The Lord of the Rings, giving it a geography, a botany, a history and several languages. He thought that a fantasy should be what he called a "sub-creation" - a complex, coherent imaginative world. He hated The Lion, the Witch and the Wardrobe, regarding it as too rapidly and carelessly put together out of mismatched scraps.

    Yet Tolkien's view has been overruled by many others, some of them children, who overlook or forgive Lewis's faults because of his occasional moments of imaginative triumph, some of which also involve incongruous juxtapositions. The scene at the beginning of The Lion, the Witch and the Wardrobe, for instance, when Lucy walks into a wardrobe full of fur coats and comes out into a snowy winter landscape lit by a London street lamp, demonstrates even to a critic that sometimes anachronism can be magical, if only temporarily.

    http://books.guardian.co.uk/departme...656323,00.html
    Bien plus que le bruit des bottes, je crains le silence des pantoufles. [Thierry Van Humbeeck]

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Gli itaglioti preferiscono le gag di quei 2 dementi Boldi e De Sica
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  3. #3
    Mé rèste ü bergamàsch
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    13,041
    Mentioned
    2 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    C'è un articolo di Gulisano su "Il Federalismo" di questa settimana a riguardo.

  4. #4
    The Kount
    Ospite

    Predefinito

    Film stupendo!
    L'ho visto 2 sere fa, e pur non avendo mai letto i romanzi di C.S. Lewis (che se non ho capito male era collega docente di letteratura ed amico di Tolkien) il film è meraviglioso.
    Il riferimento a culti pagani, o comunque non cristiani è molto forte, vista la presenza di una serie di figure mitologiche (Centauri, Fauni, Minotauri, ecc.), oltre ai continui richiami alla "magia". Tuttavia, tra i personaggi vi è anche Babbo Natale, che di cristiano non ha nulla, però (almeno nella traduzione) si fa riferimento specifico alla festività del Natale (ma suppongo sia una scelta dei traduttori).
    Comunque film meraviglioso, meno complesso rispetto al Signore degli Anelli di Jackson (anche perchè questo film si rifà solamente ad un singolo libro, il secondo), però molto più epico, specialmente la scena della battaglia finale, e comunque privo di sdolcinature o di scene non rispettose della trama oroginale.
    L'unica lamentela di chi ha letto i libri di Lewis, è che sarebeb stato meglio cominciare con il primo libro (dove tra l'altro si spiega cosa sia quel lampione che compare all'inizo), o almeno fare un prologo di chi fosse il vecchietto che ospitava i bambini nel collegio (protagonista del primo libro), comunque sono dettagli.
    Andate a vederlo!

  5. #5
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    England
    Messaggi
    1,471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da The Kount
    Film stupendo!
    ...
    Tuttavia, tra i personaggi vi è anche Babbo Natale, che di cristiano non ha nulla, però (almeno nella traduzione) si fa riferimento specifico alla festività del Natale (ma suppongo sia una scelta dei traduttori).
    ...
    Andate a vederlo!
    Anche nella versione originale parlano del Natale, dicono che non hanno più avuto il Natale da anni....
    La cristianità è vista nel Leone che potrebbe essere Gesù, il salvatore. Infatti si sacrifica per il suo popolo e poi resuscita!

    Secondo i ben-pensanti la popolazione originaria di Narnia non avrebbe dovuto combattere per la libertà e per la propria terra. Avrebbero dovuto farsi invadere dalla strega bianca e i suoi adepti: accoglierli, lavorare per loro, e farsi uccidere se infedeli e disobbedienti! Se non ti sottometti, per loro sei razzista! (Solo sei sei bianco però; gli abbronzati hanno diritto di resistere alle invasioni senza essere definiti razzisti).
    Non capisco che fastidio diano i riferimenti cristiani. Non siamo un popolo cristiano? Non abbiamo diritto di avere i nostri libri e i nostri film? Loro invece sognano di un mondo asettico dominato dal totalitarismo "ben-pensante"... Loro stanno dalla parte della strega bianca....
    Bien plus que le bruit des bottes, je crains le silence des pantoufles. [Thierry Van Humbeeck]

  6. #6
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    England
    Messaggi
    1,471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Bèrghem
    C'è un articolo di Gulisano su "Il Federalismo" di questa settimana a riguardo.
    Che cosa dice? Ne parla bene? Accenna alle polemiche?
    Bien plus que le bruit des bottes, je crains le silence des pantoufles. [Thierry Van Humbeeck]

  7. #7
    PADANIA NEL CUORE
    Data Registrazione
    07 Apr 2003
    Località
    dall'amata Padania
    Messaggi
    1,731
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Shaytan
    Gli itaglioti preferiscono le gag di quei 2 dementi Boldi e De Sica
    Ricorda cosa disse a Lara Antipova il suo vecchio amante Victor Komarovsky dopo che la ragazza gli aveva presentato il suo fidanzato Pasa, ardente rivoluzionario idealista:
    "questo non lo devi sposare perchè è onesto e generoso ossia ha le doti che la gente comune finge di ammirare ma che in realtà teme.La gente preferisce misurarsi con i pagliacci e gli imbonitori per potersi sentire tranquilla nei propri vizi e difetti"
    Forse le parole non erano esattamente queste ma il senso sì.
    E' inutile dare le perle ai porci.
    TIOCH FAID AR LA'

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,866
    Mentioned
    12 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Laurence

    Che cosa dice? Ne parla bene? Accenna alle polemiche?


    Società

    Per fortuna c’è il mito.

    La letteratura del l’immaginario può essere specchio della condizione psicologica dell'epoca moderna, esprimendo paure, domande insoddisfatte, esigenze profonde dell'animo.
    Miti, leggende rivelano noi stessi, e il mito d'Artù forse più di ogni altro.


    Fantasy, la storia tra sacro e profano

    di Paolo Gulisano

    Dal Signore degli Anelli a Narnia, la terra incantata uscita dalla fantasia dello scrittore irlandese Lewis, che da oggi è un film destinato ad affascinare milioni di spettatori, la fantasia, il mito, la leggenda, sembrano destinati a riprendere forza e vigore.
    Come ci ha insegnato il grande creatore di miti J.R.R. Tolkien la letteratura dell'immaginario può essere lo specchio dei gusti, degli umori e addirittura della condizione psicologica dell' epoca moderna, esprimendo i dubbi, le paure, le domande insoddisfatte, le esigenze profonde dell'animo umano.
    I miti, i simboli, le leggende e le tradizioni ci rivelano noi stessi, e il mito e il simbolismo medievale di Artù forse più di ogni altro.

    Al centro di tutto il Medio Evo c'era il simbolo: la vita dell'uomo medievale era inscritta in un universo simbolico, dove ogni forma del pensiero, artistica, mistica, teologica, si basava su di esso. L'esperienza quotidiana era esperienza spirituale, nutrita dai simboli che la provocavano, l'animavano le conferivano un valore profondo.

    L'abilità narrativa e la fervida immaginazione di chi scolpiva le cattedrali gotiche, con i suoi mostri e le sue creature fantastiche, o di chi scriveva la storia della Cerca del Santo Graal o le peripezie di un Re e della sua spada incantata adoperavano il linguaggio del simbolo, che trasfigurava la realtà stessa, ed è stato capace di mantenere la sua intensità e il suo valore, trascorrendo, inattaccabile, il tempo e la storia.

    Il lettore disincantato di oggi viene quindi provocato opportunamente dalle antiche fantastiche leggende, collocate in una loro ambientazione storica, in cui tuttavia ci si imbatte in personaggi e figure leggendarie e straordinarie, lasciando anche qual che interrogativo non del tutto ozioso: quanto ne sappiamo veramente del passato? Quali misteri si celano nella nostra storia? Quanto c'è rivelato effettivamente dai testi ufficiali?

    Nel divertirci con le appassionanti vicende che coinvolgono i personaggi, tra toni epici e avventure emozionanti, ci possiamo ritrovare a indagare tra i meandri del nostro passato, ricordandoci che, come diceva il grande Shakespeare "ci sono più cose in cielo e in terra, Orazio, che nella tua filosofia".
    Il racconto fantastico dunque, sia che si tratti di fiaba o di narrazione epica, di leggenda come di racconto "gotico", sospeso tra il misterioso e il terribile, è sempre in qualche modo espressione umana sottesa tra il sacro e il profano, a partire dal linguaggio, che reca sempre in sè le tracce di arcaici miti, fino ai contenuti, che sono comunque e sempre quelli del fantastico, ossia dell'irruzione, oscura e inquietante oppure solare e confortante di un evento soprannaturale nella realtà quotidiana.

    Non c'è generazione di lettori (o di spettatori) la quale, a dispetto di tutte le mode, non senta la suggestione dell' elemento fantastico, mitico, fiabesco: un tipo di letteratura portatrice di una sapienza antichissima, che mimetizza i suoi contenuti nel linguaggio apparentemente semplice ed infantile delle fiabe, o del folklore popolare.
    L'epica, da Omero a Tolkien passando per le gesta di Re Artù, arrivando fino all' armadio magico che si spalanca sul mondo incantato di Narnia, è sempre un racconto universalizzato della condizione, dei sentimenti, dell' animo dell'uomo, una narrazione esemplare della parabola umana.




    Tra Vangelo e mito ecco lo scrittore Lewis

    Dopo vari libri dedicati alla Scozia, all'Irlanda, a Tolkien, Paolo Gulisano, studioso della cultura celtica e anglosassone, ha dato alle stampe il volume C.S. Lewis: tra Fantasy e Vangelo (Editrice Ancora, Milano, pag. 200 15).

    Con piacevole stile narrativo Gulisano ci racconta l'uomo Lewis o meglio, ci racconta di Jack (così veniva chiamato lo scrittore dagli amici), della sua infanzia, della sua irrequietezza nei confronti della fede che l'aveva portato a transitare nei territori aspri dell' ateismo, dei suoi incontri imprevisti che hanno intagliato la sua vita e la legnosità delle ideologie.

    Il sottotitolo del libro di Paolo Gulisano, tra Fantasy e Vangelo, suggerisce l'esistenza di una relazione profonda tra il linguaggio simbolico del fantastico e il realistico sguardo sulle cose che la fede propone.

    Vale la pena chiedersi in cosa consiste questo rapporto tra due realtà apparentemente così distanti e antagoniste tra loro; vale la pena avventurarsi alla scoperta dei temi, dei significati, dei valori contenuti nella saga delle cronache di Narnia; vale la pena “chiedere ancora" ed entrare nel magico armadio di una villa di campagna per esplorare questi mondi fantastici e veri al tempo stesso.

    Questo libro non è la risposta ma certamente una piccola e valida guida per non cadere prigionieri dei lusinghieri ma pericolosi inviti della Strega Bianca che congelano il cuore nel pregiudizio e nella dimenticanza di quella magia più grande che, come una gioia improvvisa elle sorprende, prima o poi vuole invadere la vita di ognuno di noi.

    L. Boadicca


    fonte: il federalismo martedì 27 dicembre 2005

  9. #9
    Forumista senior
    Data Registrazione
    13 Aug 2002
    Località
    England
    Messaggi
    1,471
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego
    Società

    Per fortuna c’è il mito.
    ...
    fonte: il federalismo martedì 27 dicembre 2005
    Grazie!
    Bien plus que le bruit des bottes, je crains le silence des pantoufles. [Thierry Van Humbeeck]

  10. #10
    Hrodland
    Ospite

    Predefinito

    Ho visto il film: è davvero bello, e per essere fatta dalla moderna Disney (quella diretta da Walt era la migliore!) è buon film.

    Come in Tolkien, c'è un misto di paganesimo (centauri & co.) e cristianesimo (il leone Aslan). Ma è davvero assurdo accusare di antifemminismo (conseguentemente nella mente di troppe persone...misoginia!) perchè il buono è un leone e la cattiva è una donna!

    Dovremmo imporre una legge contro questa cosa?

    Sarebbe stato bello vedere questi Calormeni nel film. Ma, forse, non c'erano nel film perchè erano davvero troppo simili ai veri mediorientali... Sempre prima il politicamente corretto, poi la verità!

 

 
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226