User Tag List

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: La Cina E' Vicina

  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La Cina E' Vicina

    Gabriele Adinolfi

    Gigante giallo, sfruttamento, Stati Uniti, multinazionali: un minuetto!
    Nel mio “Nuovo Ordine Mondiale tra imperialismo e Impero” pochi anni fa sostenevo che la Cina sarebbe stato il principale interlocutore degli Usa e che questi ultimi avrebbero provato ad instaurare un duopolio mondiale che alla lunga avrebbe polverizzato l’Europa. In particolare scrivevo: “I cinesi vantano sia la mentalità sia le abitudini plurisecolari adatte a far funzionare un immenso formicaio mondiale assorbendone tutte le scosse. Sono infatti adusi da millenni a vivere in sistemi di controllo di massa particolarmente dispotici ed i loro parametri mentali sia in relazione all’esistenza, sia in relazione alla politica e all’economia, se a noi appaiono particolarmente robotici sono però ottimali per una gestione fredda, funzionale ed identicida financo maniacale. Se quest’ipotesi (il dupolio sino-americano) si realizzasse pienamente, assisteremmo all’abbraccio finale, alla saldatura assoluta fra capitalismo e comunismo, il culmine dell’ascesa dell’orrore”.
    Da quando scrivevo quelle righe il processo di distensione fra Pechino e gli Usa ha prevalso sulle reciproche frizioni. La Cina ha aiutato il Pentagono in Asia centrale, ha fornito industria militare all’Us Army (in particolare le pallottole al tungsteno) ed ha ottenuto il beneplacito del WTO per invadere i mercati europei. Da qualche settimana è però partita, in occidente, una campagna anticinese. In Italia il dissidente Harry Wu, oggi cittadino americano, sta denunciando i campi di concentramento, i Laogai, dove i condannati lavorano sodo e gratis permettendo così l’abbattimento dei costi delle merci. Harry Wu è sostenuto dalle destre, dal Vaticano alla Lega. Il Presidente americano Bush ha criticato aspramente la Cina alla vigilia del suo viaggio a Pechino dove incontrerà il Presidente giallo Hu Jintao. Ha parlato dei diritti dell’uomo e persino della libertà di stampa. “Non è possibile che sia vietata la libera stampa della Bibbia!” ha tuonato il Cavaliere dell’Apocalisse.
    È bene fare il punto su tutto questo. In sé, nella misura in cui sia sincera e non manovrata, la critica alla Cina è fondata e condivisibile. Le domande che dobbiamo porci sono però di altro ordine. È un’azione spontanea o piuttosto una sceneggiata atta proprio a favorire l’avvento del duopolio sino-americano? E poi: quello che si rimprovera alla Cina non è da rimproverare anche all’intero occidente? Alla prima incognita solo il tempo ci permetterà di rispondere. Per quel che mi riguarda non posso fare a meno di avanzare un paio di considerazioni. La prima è che questo battage in concomitanza col viaggio di Bush mi pare alquanto sospetto. A me sembra orchestrato proprio per far vedere che sì gli americani avviano un processo con la Cina, ma lo fanno con fermezza. Chiacchiere ovviamente. La seconda è che l’utilizzo in chiave anticomunista delle destre reazionarie non ostili agli Usa già lo abbiamo conosciuto in passato e, al di là delle considerazioni ideali e morali su quegli ambienti, abbiamo visto a cosa è servito. A fornire una sorta di “antitesi” hegeliana alla “tesi” in questione (l’Urss, il Pci) che permettesse di fatto l’accelerazione della “sintesi” (il compromesso storico, il bipolarismo). Sospetto, insomma, che la campagna anticinese delle destre serva, oggettivamente ad accelerare l’alleanza sino-americana e non ad ostacolarla così come le destre spererebbero.
    In quanto alle accuse, sacrosante, che si muovono alla Cina, non vorrei che servissero a sciacquarsi le coscienze o a sentirsi belli specchiandosi negli stagni altrui. Le condizioni carcerarie cinesi sono terrificanti; tuttavia non è che gli Stati Uniti possano vantare chissà quali paradisi concentrazionali, né che il rispetto dei detenuti sia colà esemplare; e per sostenerlo non è nemmeno necessario ricorrere agli orrori inauditi di Guantanamo. Gli americani neppur possono scandalizzarsi per le condanne a morte comminate in Cina, vista la falcidie quotidiana praticata negli States; con detenuti gasati o fritti sulla sedia elettrica, spesso suppliziati dopo una reclusione di dieci o quindici anni: una doppia pena che attesta un altissimo livello di barbarie. Lo sfruttamento integrale dei lavoratori, poi, non è monopolio cinese ma è uso costante delle multinazionali che producono nel Terzo Mondo invadendo i nostri mercati. E se qui vendono a prezzi più alti dei cinesi, questo è dovuto in larga parte alla truffa (false etichette che ci attestano come prodotti locali dei manufatti asiatici) e alla cosiddetta legge di mercato che proprio loro hanno codificato e che soffre ora la concorrenza cinese. A tutto questo (non solo alla concorrenza, ma allo sfruttamento) si potrebbe mettere un freno mediante l’intervento della sovranità statale, a raggio continentale, e il conseguente protezionismo. Il che imporrebbe, però, un cambio radicale di civiltà economica e non una lotta isolata contro un soggetto specifico; in questo caso il gigante giallo.
    Non vorrei che la Cina diventasse l’emblema propagandistico dello sfruttamento dell’uomo che non è prerogativa pechinese bensì la pratica fondante e comune del capitalismo prima ancora che del comunismo. Non solo non avrebbe senso battersi contro la Cina senza aver sgombrato il campo da questi equivoci, ma sarebbe pericoloso e controproducente. Perché combattere una battaglia restando all’interno delle logiche del capitalismo, multinazionale o privato che sia, scaturirebbe in un’ulteriore abdicazione del (presunto) ruolo di avanguardie politiche. Che poi ci si venga a parlare di libertà di stampa negata in Cina quando proprio in questi giorni nel libero occidente è stato imprigionato uno storico(David Irving) perché non conferma i dogmi fondanti della mistica sacrificale su cui si basa questo sistema dal 1945 mi sembra infine piuttosto grottesco!

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    brescianofobo
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    Bergamo, Italy
    Messaggi
    116,629
    Mentioned
    151 Post(s)
    Tagged
    4 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito



    Pechino, 18 settembre 2006 - Il Presidente del Consiglio Romano Prodi con il Primo Ministro Wen Jiabao

 

 

Discussioni Simili

  1. La Cina è vicina
    Di DiegoVR nel forum Destra Radicale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 03-07-13, 19:51
  2. La Cina è vicina
    Di metapolis nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 19-11-05, 17:17
  3. la Cina è vicina
    Di romameeting nel forum Politica Estera
    Risposte: 188
    Ultimo Messaggio: 13-11-05, 18:16
  4. La Cina e’ vicina
    Di AldoVincent nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 10-07-05, 18:32
  5. La Cina è vicina?
    Di marcejap nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 05-11-03, 02:16

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226