User Tag List

Risultati da 1 a 9 di 9
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Jun 2002
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,297
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito W la Fiorentina W il Granducato di Toscana e il giovane e combattivo presidente , Die

    ... Diego Della Valle (presidente della Fiorentina , non del Granducato...)

    http://www.repubblica.it/2005/l/sezi...accuvalle.html

    ROMA - Diego Della Valle, la sua riforma per un calcio che suddivida più equamente le risorse, non è passata: Forza Italia ha bloccato i diritti tv collettivi.
    "E' vergognoso far pesare la politica contro gli interessi della gente e a favore di certe aziende".

    Parla di Berlusconi.
    "Certo che parlo di lui, tutte le forze politiche avevano dato il via libera, guarda caso dice no un dipendente di Berlusconi (il deputato Vito ndr.) che porta a casa gli interessi del padrone. E' inaccettabile sentire il Presidente del Consiglio dire che non ne sapeva nulla: io stesso mercoledì mattina lo avevo fatto avvertire di quanto stava accadendo. Per cui è un bugiardo".

    Continueremo dunque a vedere super contratti per i grandi club e briciole, come si dice, agli altri.
    "Come cittadino non lo accetto e come presidente lo trovo vergognoso. Non ammetto che si tolga competitività ai club più piccoli che restano dipendenti di quelli più importanti. L'obiettivo di questa operazione, di opposizione ai diritti tv collettivi, è controllare il calcio e far spendere meno denaro alle tv. Prima con Sky e in futuro con chi avrà le esclusive. Ma tutti hanno diritto alla loro dignità, non si devono impaurire i presidenti delle squadre. E se non riequilibreremo gli introiti tv fra tutti i club, non potremo nemmeno ridare dignità al calcio italiano".

    Insomma un patto tv-grandi club.
    "Pensano di fare come vogliono, per un eccesso di senso del potere supportato da chi dovrà pagare i diritti: e noi, tutti insieme, non dobbiamo permetterlo".

    Cosa si propone di fare?
    "Con i diritti collettivi stabiliamo una precisa tabella di parametri, un sistema di regole, così ogni club saprà in anticipo quanto guadagnerà rispetto a quello che incassa di più. Questo toglierà la possibilità ai "furbetti" di fare ciò che vogliono: in un paese democratico non deve succedere. Io penso che i grandi club debbano essere rispettati, ma devono esserlo anche gli altri. E tutti insieme possiamo riuscirci: le tv senza il calcio non fanno nulla".

    Quindi lei considera Berlusconi direttamente responsabile di questa situazione.
    "Vedere un uomo politico che utilizza la sua forza per portare vantaggi alle sue aziende è una cosa vergognosa. Lo dico senza problemi: si deve vergognare".

    Lei vuol scardinare un sistema calcio ormai consolidato nei secoli...
    "Io penso che un ragazzino che tifa Lecce o Treviso, non parlo del mio club, debba avere la speranza che un giorno la sua squadra potrà fare qualcosa. Se gli uccidiamo la speranza, abbiamo ucciso anche il calcio. Non accetto un calcio in cui ci sono tre club e il resto non conta nulla. I grandi club facciano i risultati con i soldi dei rispettivi presidenti, non con i soldi degli altri. Facciano come i presidenti di una volta".

    Veramente Berlusconi i soldi per il Milan li tira fuori, eccome.
    "Se non bastano, ne tiri fuori altri".

    Un calcio retto dalle regole di Juve, Milan, Inter.
    "Se loro si fossero unite a questa battaglia già anni fa, avremmo ottenuto tutti risultati più convincenti e fatto pagare più denaro alle tv. Dico la verità: non so nemmeno quanti soldi arriverebbero alla Fiorentina dalla sua quota di diritti collettivi, può darsi pure che non ci convenga. Ma è il principio da stabilire. Io ho molte imprese e aziende, non mi è mai capitato di non poter fare un budget. Mentre loro possono farlo a tre anni".

    Lei vuole una rivoluzione.
    "No, noi vogliamo fare questo in maniera civile. Adesso le grandi società prendono quello che vogliono e le altre devono accettare ciò che dicono loro: quando facemmo il contratto per la Fiorentina mi dissero che non c'erano parametri di riferimento".

    Una semplice tabella di parametri.
    "Semplicissima. Se la Juve è 100 io voglio sapere quanto vale la Fiorentina, o il Lecce o il Treviso. Le tv non la vogliono perché ai grandi dovrebbero dare quei soldi e in proporzione agli altri. Un giorno dissi pure a dirigenti di Juve e Milan: fateli voi i parametri. Li aspetto ancora".

    Così si fa in Inghilterra.
    "Certo, i nostri grandi club dicono che loro devono confrontarsi con i grandi club europei, che però quasi sempre adottano questo sistema. In Francia le tv pagano molto di più, perché non deve essere così anche da noi? Ecco perché dico: i proprietari delle nostri maggiori società mettano le mani nelle tasche, non tocchino i soldi degli altri".

    Obbiettivi?
    "Penso che quella legge possiamo ancora cambiarla. Con un sistema nuovo otterremo un campionato più competitivo, con più gente negli stadi, con giocatori migliori e con club più sani".

    Conta ancora sulla politica?
    "So che tra i parlamentari c'è molto malumore. Casini aveva considerato la cosa: An, i Ds, la Margherita, l'Udeur, tutti, tutti i partiti erano d'accordo su una legge di principio. La cosa è successa quando si è andati a toccare gli interessi del padrone di Forza Italia".

    Conflitto di interessi?
    "Il ritorno ai diritti collettivi non fa comodo a Mediaset: vogliono lavorare con lo sconto, pensano che l'Italia sia un grande supermarket e prendono dagli scaffali ciò che gli fa comodo. E io non voglio che ci sia uno che fa il fenomeno con le forze degli altri, lo faccia con le forze sue".

    Però lo scorso anno non riusciste a non far rieleggere Galliani, uomo chiave nella catena presidente del Consiglio- Milan- Lega Calcio-tv...
    "Con lui niente di personale. E comunque dopo quella battaglia in Lega ora c'è un'opposizione, ci sono dei sentimenti comuni a tanti. In ogni caso mi sembra più grave, per il momento, che il presidente del Consiglio schieri il suo partito contro delle cose sacrosante, che tutti volevano: gli italiani devono saperlo. Anche se a lui dell'opinione degli italiani evidentemente non importa nulla. E lo ripeto, ha detto che non sapeva, ma io lo avevo fatto avvisare: è un bugiardo"

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    piemonteis downunder
    Data Registrazione
    20 Mar 2002
    Località
    sydney
    Messaggi
    3,615
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    E' bastato che Della Valle mettesse in discussione i diritti televisivi del nano di Arcore, che sono subito scattati i cagnolini di pappagone a proteggere il padrone. In soli due giorni, in differenti articoli su La Pravdania, il Della Valle e' stato accusato di essere, rispettivamente: complice dei comunisti nello scandalo bancario; in combutta coi cinesi per rovinare l'economia; amico dei "culattoni" (Calderoli) per distruggere la famiglia tradizionale e ribaltare i valori morali.


  3. #3
    La mia autorità morale SONO IO
    Data Registrazione
    30 Oct 2004
    Località
    Martesana, Insubria, Europa.
    Messaggi
    1,355
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ma per cortesia.....
    Della Valle è politicamente schieratissimo e dice quello che dice solo per interesse politico... è passato dagli insulti in diretta a porta a porta agli attacchi sui giornali, passando dai diritti tv... è vergognoso e indifendibile.
    Non so di pappagone, di complicità o di diritti calcio (che proprio non capisco perchè mai dovrebbero essere collettivi comunque...) ma rimane il fatto che Della Valle non perde occasione per far propaganda.

  4. #4
    Hrodland
    Ospite

    Predefinito

    Complimenti a Delaware, che ha dimostrato un'apertura inusitata fra i leghisti:

    difatti Diego Della Valle è ascolano!

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2004
    Messaggi
    55
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Carissimi,
    Della Valle è un farabutto.
    Lo si desume da molteplici aspetti, sia affaristici che politici.
    Primo aspetto: perchè un Treviso, un Lecce o un Messina, che vengono seguiti da un numero iperbolicamente inferiore di persone, dovrebbero ricevere gli stessi compensi di Juventus, Milan, Inter, Roma o Lazio, che come tutti sappiamo, hanno un numero di sostenitori vastissimo?!
    Perchè un uomo vende scarpe (Tod's, Hogan), borse (Tod's) e vestiario, sopratutto giacconi (Fay), il tutto fabbricato in Cina e nell'est europeo (a Casette D'Ete viene prodotto soltanto il 5% del calzaturiero per poter ipocritamente dire ancora "made in Italy) a prezzi esorbitanti, mentre la loro produzione ha costi irrisori? Un paio di Tod's o Hogan prodotte in Cina costano circa 3,50 euro e vengono vendute a circa 230.
    Come mai si continua a dire che non è schierato, quyando in Confindustria palesemente ha sempre sostenuto la sinistra, come nel Corriere della Sera, di cui detiene il 12% delle azioni?!
    La conclusione è che non ci sono dubbiego Della Valle è il classico esempio del comunista con l'elicottero.
    W il Granducato di Toscana!

  6. #6
    Indipendentista
    Data Registrazione
    08 Mar 2002
    Località
    veneto
    Messaggi
    925
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Stilicone
    Un paio di Tod's o Hogan prodotte in Cina costano circa 3,50 euro e vengono vendute a circa 230.
    mah su questo non so quanto tu abbia ragione.... se vai nelle Marche nel distretto calzaturiero delle scarpe di Montegranaro , zona Macerata, troverai degli spacci dove puoi trovare Hogan e tod's a tre volte meno il prezzo che trovi nei negozi normali.... e questo te lo dico per esperienza personale, poi non so se vengono prodotte anche in Cina, magari ci saranno alcune produzioni , boh!

  7. #7
    Registered User
    Data Registrazione
    05 Mar 2004
    Messaggi
    55
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da cabernet
    mah su questo non so quanto tu abbia ragione.... se vai nelle Marche nel distretto calzaturiero delle scarpe di Montegranaro , zona Macerata, troverai degli spacci dove puoi trovare Hogan e tod's a tre volte meno il prezzo che trovi nei negozi normali.... e questo te lo dico per esperienza personale, poi non so se vengono prodotte anche in Cina, magari ci saranno alcune produzioni , boh!
    Ti dico per esperienza che nella fabbrichetta-spaccio di Casette D'Ete (dove vengono prodotte Tod's ed Hogan italiane, ovvero il 5% della produzione totale di Della Valle), vengono vendute al 40% di sconto sul prezzo di listino, ma ci sono soltanto i modelli vecchi, le novità sono soltanto nei negozi ai prezzi che ho indicato sopra. Se le trovi a meno sono finte ed io sinceramente non ne ho mai viste scarpe di Della Valle finte, soltanto borse Tod's da qualche vu cumprà...

  8. #8
    Valsesia=Lega al 50%
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Messaggi
    2,367
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    della valle è ancor peggio di berluscaz..

    abbia il buongusto di tacere!
    VALSESIA libera.. Paolo Tiramani

  9. #9
    email non funzionante
    Data Registrazione
    02 May 2003
    Località
    gallia cisalpina
    Messaggi
    4,702
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Stilicone
    Carissimi,
    Della Valle è un farabutto.
    La conclusione è che non ci sono dubbiego Della Valle è il classico esempio del comunista con l'elicottero.
    W il Granducato di Toscana!
    Stilicone,
    Ma da quando i comunisti post vogliono tornare alla nobiltà del Granducato?forse perchè sono ancora parassiti o non sono più nulla politicamente parlando?

 

 

Discussioni Simili

  1. Ed io rivoglio il Granducato di Toscana
    Di the fool nel forum Fondoscala
    Risposte: 14
    Ultimo Messaggio: 05-10-12, 21:21
  2. rivorreste il Granducato di Toscana?
    Di dedelind nel forum Toscana
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 19-10-10, 03:36
  3. Risposte: 46
    Ultimo Messaggio: 19-04-06, 00:37
  4. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 14-04-06, 21:45
  5. Il giovane nazista, la carabina e il presidente Chirac
    Di Pieffebi nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 16-07-02, 23:19

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226