La Forleo incassa il colpo: per Calderoli vicina l’archiviazione

La Procura della Repubblica di Roma ha concluso l'indagine scaturita da una querela per diffamazione che il gip di Milano Clementina Forleo aveva presentato contro il presidente della Commissione esteri della Camera Gustavo Selva, l'esponente di Forza Italia Fabrizio Cicchitto e l'ex ministro Maurizio Gasparri, il ministro per le Riforme Roberto Calderoli in seguito ai commenti fatti a proposito delle sentenze da lei pronunciate su un gruppo di islamici. Il pubblico ministero Francesco Scavo, a conclusione delle indagini scaturite dalla querela ha depositato gli atti per quanto riguarda Selva, Cicchitto e Gasparri mentre, con provvedimento a parte ha chiesto per il ministro Roberto Calderoli l'archiviazione degli atti. Per quanto riguarda Selva, Cicchitto e Gasparri non appena avranno ricevuto la notifica dell'avviso di chiusa inchiesta i difensori avranno 20 giorni di tempo per predisporre memorie e depositare documenti dopodiché il magistrato deciderà se ci siano sufficienti motivi per chiedere i loro rinvio a giudizio per diffamazione. Richiesta sulla quale dovrà pronunciarsi poi il giudice dell'udienza preliminare. Lo stesso giudice poi dovrà pronunciarsi sulla richiesta di archiviazione per quanto riguada Calderoli.