ANKARA - La magistratura turca ha deciso l'archiviazione del processo contro lo scrittore Orhan Pamuk, accusato di «denigrazione dell'identità nazionale turca» per quanto da lui scritto sul genocidio degli armeni di Turchia, perpetrato durante la Prima Guerra Mondiale. L'archiviazione del caso è stato annunciato oggi dall'emittente CNN-Turk .

La corte aveva sospeso il processo allo scrittore, iniziato il 7 febbraio dell' anno scorso, nell' attesa di una autorizzazione del ministero della Giustizia, che considerava necessaria per andare avanti. In una lettera indirizzata al tribunale, il ministero si è dichiarato non competente a pronunciarsi sul caso, e i giudici - secondo la Cnn-Turchia - in assenza di direttive, hanno deciso di abbandonare il procedimento. L' avvocato di Orhan Pamuk non ha ancora rilasciato dichiarazioni. Lo scrittore, insignito di numerosi premi letterari internazionali, rischiava tra i sei mesi e i tre anni di reclusione per «insulto aperto alla nazione turca».

22 gennaio 2006