User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    13 Apr 2005
    Messaggi
    829
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Massimo Fini contro l'alleanza Berlusconi-Lega

    Caro Direttore,
    Silvio Berlusconi è “overcome”. È andato. Non ci fosse altro, basterebbe il suo scomposto comportamento di queste ultime settimane e mesi per dire che l’uomo è arrivato alla frutta.
    MASSIMO FINI
    Uno che dopo aver delegittimato per dieci anni in ogni modo la magistratura si rivolge a quei pubblici ministeri che definì “antropologicamente pazzi” per riferire notizie che lui stesso ha ammesso non avere alcuna rilevanza penale (se lo avessi fatto tu saresti stato cacciato a pedate nel sedere, perché i magistrati non son lì, pagati dalla collettività, per ascoltare chiacchiere da bar) è alla disperazione. Il suo comportamento - del resto in linea con tutta la storia del personaggio, il suo egocentrismo, il suo narcisismo, il suo delirio di onnipotenza coniugato con un insuperabile “inferiority complex” - è da “Apres moi le deluge!” o da “cada Sansone con tutti i filistei”.
    Ma i Berlusconi passano, la Lega resta. Perché i motivi del suo esistere non hanno a che fare con le vicende personali di questo o quel personaggio, ma affondano le proprie radici in esigenze profonde dell’uomo contemporaneo.
    Entrando quindi un po’ indebitamente “in partibus infidelium” - perché io non sono leghista, anche se spesso ho difeso le ragioni di questo movimento soprattutto negli anni in cui tutti lo demonizzavano - mi chiedo, e ti chiedo, se non sia venuto il momento per la Lega, approfittando anche del sistema proporzionale, di riprendere in pieno la propria autonomia.
    Il vero, autentico, nemico della Lega in questi anni - come Bossi sa benissimo e come un giorno, anzi una notte, mi confidò - non è stata la sinistra, ma proprio Silvio Berlusconi. Fu Umberto Bossi, insieme a Di Pietro e ai suoi colleghi della procura di Milano, a scuotere, nel 1992-94, l’albero marcio della Prima Repubblica.
    Ma è stato Silvio Berlusconi a raccoglierne i frutti. Come mai nel 1994, quando si parlava solo di cambiamento, gli italiani abbiano dato la loro preferenza a Silvio Berlusconi, che era stato stretto sodale di Craxi, che della Prima Repubblica, e della sua corruzione, era ritenuto, a torto o a ragione (a mio parere a ragione, a straragione) l’emblema, fa parte dei misteri dolorosi della nostra storia. Ma forse mistero non è, perché fa parte del notorio trasformismo italiano immortalato dalla famosa frase del principe di Lampedusa “è bene che tutto cambi perché nulla cambi”.
    Fatto sta che nel 1994 gli italiani non premiarono la Lega, come meritava, ma Berlusconi che non lo meritava affatto. Bossi fu costretto ad un’alleanza col Cavaliere che gli stava strettissima, tanto che solo un anno dopo mandò a gambe all’aria il governo Berlusconi chiudendo uno dei suoi migliori, e appassionati, discorsi parlamentari con le parole «oggi cade la Prima Repubblica!». Purtroppo non era vero. La Prima Repubblica, dopo gli anni di sbandamento per le inchieste giudiziarie, cominciava la sua rapida restaurazione eliminando, in vario modo, tutti i protagonisti, grandi e piccoli, di quella che era stata chiamata la “rivoluzione italiana”. Chi demonizzandolo (Di Pietro); chi sbattendolo fuori dal circuito mediatico (Funari), chi acquisendo alla propria causa e distruggendo il giornale-novità di quegli anni (Feltri e L’Indipendente), chi costringendolo nell’angolo (Bossi).
    Io non dimentico tutte le denunce, e le accuse, gli epiteti irriferibili che Bossi rivolgeva in quegli anni al Cavaliere (i più gentili dei quali erano “Berluscaso” e “Berluscosa”) e che certamente anche i leghisti ricordano.
    Ma alle elezioni del 2001 il sistema maggioritario, che proprio Bossi a suo tempo, malconsigliato da Miglio, aveva abbracciato, ha obbligato la Lega a riallearsi con Berlusconi. Ed è stato un abbraccio mortale. Perché ha costretto la Lega ad abbandonare tutti i suoi temi “forti”, quelli che vanno al di là del contingente, dei protagonisti attuali e del suo stesso fondatore, e che saranno i temi degli anni a venire.
    L’identità, innanzitutto. Berlusconi è un uomo senza identità, senza tradizioni, senza storia. Gli stessi studi e uffici della Fininvest, quelli, poniamo, di Milano Due o di Cologno Monzese, sono luoghi senza identità, senza tradizione, senza storia. Berlusconi è un lombardo per caso, sta nell’etere che, per definizione, è un luogo senza identità. Se della grande borghesia lombarda di un tempo, dei Pirelli, dei Borletti, dei Bassetti, dei Brion Vega, dei Crespi, si poteva avvertire il radicamento, di Berlusconi no, egli sta in un punto imprecisato dello spazio mediatico.
    L’antiglobalismo. Un movimento localista come la Lega è, per ragioni intrinseche, per la “contraddizzion che nol consente”, antiglobalista. I primi discorsi “no global”, a livello politico, io li ho sentiti fare da Umberto Bossi. Ma la Lega ha dovuto ricacciarseli in gola perché un imprenditore del tipo di Berlusconi, che nulla ha a che vedere con la piccola e media impresa, ha, per sua natura, una vocazione globalista.
    L’antiamericanismo, intendendo gli Stati Uniti quale potenza imperiale che ha come obiettivo naturale l’omologazione a sé dell’intero esistente. Anche questo era un tema “forte” della Lega delle origini (mi ricordo che parlamentari leghisti andarono coraggiosamente a Belgrado per manifestare, prima di Santoro, contro le bombe americane che colpivano un Paese cristiano e ortodosso a favore della componente islamica e terrorista dei Balcani). Ma come fare se l’alleato Berlusconi è più “amerikano” di George W. Bush?
    L’antivaticanismo, inteso come sacrosanta reazione alle sempre più pesanti ingerenze della Chiesa nelle vicende interne dello Stato italiano (Papa Wojtyla arrivò a tornare contro l’indipendentismo leghista, come se una cosa del genere potesse avere a che fare col magistero della Chiesa per quanto lato lo si voglia intendere). Ma come si può conciliare questa posizione con quella di un ipocrita baciapile come l’onorevole Berlusconi? E così via.
    La partita delle prossime elezioni è perduta, per quanto la sinistra, con la sua litigiosità interna, con la brama, così evidente, di spartirsi ogni briciola di potere prima ancora di averlo, faccia di tutto per rendersi ripugnante. Ma per quanto questa sinistra sia in larga misura indecente, ciò non compensa il totale fallimento dell’esperienza Berlusconi, le promesse sesquipedali non mantenute soprattutto in campo economico, la personalizzazione narcisistica, onirica, quasi delirante, della sua leadership a danno, e oserei dire quasi a disprezzo, delle ragioni politiche dei suoi alleati.
    E allora queste elezioni inevitabilmente perdute possono tramutarsi in un’occasione, almeno per la Lega, che ha ragioni di fondo che vanno ben al di là di una tornata elettorale, per ritrovare se stessa e l’entusiasmo delle origini.
    recensione da La Padania
    WaLd

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Registered User
    Data Registrazione
    10 Jan 2005
    Messaggi
    56
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Eccessivamente anti-berlusconi ma comunque condivido particolarmente quest'affermazione:

    "E allora queste elezioni inevitabilmente perdute possono tramutarsi in un’occasione, almeno per la Lega, che ha ragioni di fondo che vanno ben al di là di una tornata elettorale, per ritrovare se stessa e l’entusiasmo delle origini."

  3. #3
    Registered User
    Data Registrazione
    31 Mar 2005
    Località
    venezia
    Messaggi
    1,511
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    ricordo un articolo di tanti anni fa in cui fini scriveva a montanelli direttore de la voce..credo...più o meno diceva le stesse cose.

 

 

Discussioni Simili

  1. Massimo Fini contro il ddl Mastella
    Di ANSUZ nel forum Destra Radicale
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 28-01-07, 22:02
  2. Massimo Fini contro ddl Mastella
    Di ANSUZ nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 27-01-07, 13:53
  3. Massimo Fini su Berlusconi, Prodi e Lega Nord
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 10-04-06, 15:40
  4. Massimo Fini contro l'alleanza Lega-Berlusconi
    Di waldgaenger76 nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 31-01-06, 14:29
  5. Massimo Fini sgradito in RAI: Lega Nord vergogna!!!!
    Di padus996 (POL) nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 02-01-05, 18:20

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226