User Tag List

Risultati da 1 a 1 di 1
  1. #1
    + Gothic +
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Località
    Napoli
    Messaggi
    17,936
    Mentioned
    106 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Nel 2010 capiremo chi sarà il nuovo leader del Partito Repubblicano

    Aspettando le elezioni di Midterm

    Usa, nel 2010 capiremo chi sarà il nuovo leader del Partito Repubblicano


    di Luca Meneghel

    l'Occidentale, 30 Dicembre 2009


    Il 4 Novembre 2008 gli americani hanno parlato forte e chiaro: Barack Obama è il nuovo presidente degli Stati Uniti. John McCain, lo sfidante repubblicano, ha provato a rassicurare i suoi sostenitori: “È naturale, questa notte, essere dispiaciuti. Ma domani dobbiamo ripartire e lavorare tutti insieme per far crescere ancora questo Paese”. Belle parole, ma quella notte in pochi avrebbero scommesso su una rapida ripresa del Grand Old Party. L’affermazione democratica è stata netta e profonda, e ha lasciato i repubblicani disorientati alla ricerca di un nuovo leader. Col passare dei mesi però – tra salvataggi bancari e riforma sanitaria – la stella democratica ha perso luminosità, tanto che E. J. Dionne è arrivato a chiedersi sul “Washington Post” se i democratici possano davvero prosperare anche in assenza di George W. Bush, contro il quale si era generata “una creatività politica mai più vista nel centrosinistra dagli anni Trenta”.

    Attenzione: il calo di consensi nei confronti di Obama non ha portato sinora ad un compattamento del GOP. Un sondaggio commissionato dal “Washington Post” a fine novembre dipinge i repubblicani allo stesso tempo “uniti” nella contrapposizione al presidente in carica e “divisi” sulla condotta del proprio partito. La netta condanna delle politiche democratiche fa insomma il paio con “una profonda insoddisfazione verso la leadership repubblicana”. “Meno della metà dei sostenitori – scrive il Post – crede che il GOP stia andando nella giusta direzione” e il 40% degli intervistati è “insoddisfatto della linea politica seguita dal partito al Congresso”. Ciò che ancora manca è un leader capace di capitalizzare l’insoddisfazione dell’elettorato guidando i conservatori da qui alle elezioni presidenziali del 2012: nei mesi appena trascorsi, si vedrà, sono emerse alcune figure carismatiche e la loro posizione potrebbe rafforzarsi nel corso del 2010.

    Parlare dei futuri leader conservatori non significa necessariamente scommettere sul candidato repubblicano alle prossime elezioni. Maurizio Molinari, corrispondente de “La Stampa” e attento osservatore delle dinamiche politiche statunitensi, è molto chiaro: “Come sempre avviene – spiega a L’Occidentale – il partito all’opposizione inizia a far emergere i suoi candidati solo dopo le elezioni di midterm, che in questo caso sono nel novembre 2010”. Chiarito ciò, continua il giornalista, si può notare che “la Palin cattura grande attenzione e il lancio del libro (l’autobiografia Going Rogue, An American Life, nda) evoca il precedente di Obama, così come Petraeus piace molto ai conservatori”, mentre anche “Pawlenty e Romney restano fra i papabili”. Posto allora che “azzardare previsioni prima di midterm è proibitivo, e quasi sempre si incorre in errore” alla fine del 2009 possiamo limitarci ad individuare alcune personalità di spicco che potrebbero calamitare il consenso dei repubblicani.

    Sul piano mediatico, Sarah Palin è stata senza dubbio uno dei personaggi dell’anno: nel corso del 2009 ha lasciato la poltrona di governatrice dell’Alaska, ha dato alle stampe un bestseller, ha intrapreso un tour promozionale, è comparsa su decine di copertine, si è fatta intervistare da Oprah ed è diventata il bersaglio prediletto di Letterman. Tutta questa iperattività, scrive Alan Dowd su “Front Page Mag”, serve a ricordarci che “Sarah Palin è una forza della politica con la quale bisogna fare i conti”: “Oggi sta chiaramente preparando il terreno per la sua corsa alla Casa Bianca” continua Dowd, e avendo abbandonato la poltrona da governatrice potrà stare maggiormente “a contatto con la base conservatrice, chiarendo le sue posizioni politiche”. Dopo essere stata bollata come impresentabile da gran parte dei media americani, difficilmente la Palin potrebbe intercettare il favore repubblicani moderati: allo stesso tempo, però, potrebbe galvanizzare parte di un elettorato senza più riferimenti.

    Nella seconda parte del 2009, tra le file del GOP è maturata un’altra ipotesi: a settembre l’informatissimo quotidiano online “Politico” ha lanciato il nome del Generale David Petraeus, autore del provvidenziale “surge” delle truppe americane in Iraq nel 2007, come possibile leader del partito repubblicano. Beniamino dell’elettorato conservatore, Petraeus piace anche ai moderati: secondo Bob Dole, candidato alla presidenza nel 1996 contro Bill Clinton, quello del Generale sarebbe un nome capace di intercettare consensi dentro e fuori il partito, esattamente come ha fatto Obama alle passate elezioni. E se Arnaud de Borchgrave, in un editoriale per la United Press, collega suggestivamente il nome di Petraeus a quello del generale Eisenhower – il quale, una volta alla Casa Bianca, “diede una grande spinta all’economia americana” – secondo Alex Massie dello “Spectator” è più probabile che l’ex capo delle forze americane in Iraq decida di scendere in campo nel 2016.

    A differenza della Palin, la quale non nasconde i suoi progetti futuri, Petraeus smentisce però ogni intenzione di scendere in politica. Fox News ha chiesto conto al Generale del discorso che terrà al think tank neoconservatore American Enterprise Institute, dove il 6 maggio 2010 riceverà l’Irving Kristol Award, ma Petreaus ha confermato di essere “apolitico” (dal 2002, il militare non si è mai recato alle urne) e ricorda di aver parlato anche presso associazioni di diverso orientamento, come il Brookings Institute; l’ipotesi di una candidatura repubblicana per il 2012, infine, è stata bollata come pura fantasia. Gli esperti consigliano comunque di tenere gli occhi puntati sulle mosse del Generale, il cui nome è stato inserito dalla prestigiosa rivista “Foreign Policy” tra i dieci più importanti “global thinkers” del 2009. Sportsbook, uno dei bookmakers che già scommette sulle urne del 2012, dà Petraeus candidato repubblicano a 15/1, mentre altre agenzie danno la Palin a 7/2 (puntando due dollari, se ne vincono sette).

    Un altro serbatoio di possibili leader del futuro viene dai governatori repubblicani. Tim Pawlenty, governatore del Minnesota, ha annunciato lo scorso giugno che non correrà per un terzo mandato, liberandosi così in vista di altri traguardi; altro nome di peso è quello di Mark Sanford, governatore del South Carolina: su di lui pesa però lo scandalo suscitato da una relazione extraconiugale con una giornalista argentina, una vicenda che lo ha costretto a dimettersi da capo dell’Associazione dei governatori repubblicani. Considerato da molti come un vero e proprio enfant prodige è invece Bobby Jindal, classe 1971, governatore della Louisiana: intervistato da “Politico”, ha recentemente proposto al GOP di collaborare con Obama per ricercare un terreno di intese comuni. Come Petraeus, anche Jindal potrebbe conquistare voti tra gli elettori moderati: a chi gli chiede del futuro, però, il giovane governatore assicura di voler correre per la rielezione nel suo Stato in vista delle elezioni del 2011.

    Non è da escludere, infine, che dalle fila del partito repubblicano possano riemergere personaggi già scesi in campo contro McCain alle scorse primarie. Particolarmente apprezzato sembra essere Mike Huckabee: secondo un sondaggio condotto a inizio dicembre, l’ex governatore dell’Arkansas verrebbe battuto da Obama di un solo punto percentuale (45% contro il 46%), mentre Mitt Romney si fermerebbe a 5 punti dal presidente democratico. Al di là dei numeri, chi si mostra ottimista sul futuro è l’ex vicepresidente Dick Cheney: “Credo che conquisteremo molti seggi” ha detto a Fox News parlando delle elezioni di midterm, per poi dichiarare possibile una sconfitta di Obama nel 2012. E se a scendere in campo contro l’attuale presidente fosse proprio lui, Cheney? Interrogata a proposito, la figlia Liz ha così risposto: “Penso di no. Intendiamoci, piacerebbe anche a me. Ma no”.

    Usa, nel 2010 capiremo chi sarà il nuovo leader del Partito Repubblicano | l'Occidentale
    Ultima modifica di Florian; 31-12-09 alle 08:47
    SADNESS IS REBELLION

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

 

 

Discussioni Simili

  1. Chi sarà il futuro leader repubblicano?
    Di Florian nel forum Liberalismo e Libertarismo
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 24-02-10, 01:13
  2. Domanda Ul Nuovo Leader Del Partito Repubblicano
    Di luigi maria op (POL) nel forum Conservatorismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-01-09, 18:30
  3. La nascita di un nuovo partito Repubblicano
    Di The Niro nel forum Repubblicani
    Risposte: 162
    Ultimo Messaggio: 23-11-08, 08:07
  4. Si avvicina il Nuovo, Grande Partito Repubblicano
    Di Filippo Strozzi nel forum Repubblicani
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 03-10-08, 16:37
  5. Il Nuovo Leader CDL sarà Casini
    Di ORONZO nel forum Padania!
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 05-07-04, 18:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226