User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Exclamation Mittal, Re Dell'Acciaio Partito Dall'India rischia di comprarsi...l'Europa!

    Siderurgia: /Ansa
    (ANSA) - ROMA, 27 gen - Dal deserto del Rajasthan ad un impero esteso su 4 continenti, con attività dirette in 14 paesi. Lakshmi Mittal, indiano di adozione britannica, è oggi il proprietario della più grande industria siderurgica mondiale, la Mittal Steel (Amsterdam: MT.AS - notizie) , un colosso da 175.000 dipendenti e 22 miliardi di dollari di ricavi. Dimensioni destinate quasi a raddoppiare una volta portata a termine l'offerta lanciata oggi sulla rivale Arcelor (Parigi: LU0140205948 - notizie) .
    Per approdare in Inghilterra, il re dell'acciaio, oggi 56/enne, parte proprio dal nord dell'India dove agli inizi degli anni '70, dopo una laurea in Commercio all'Università di Calcutta, inizia la sua carriera lavorando nella piccola acciaieria del padre. Nel 1976 la famiglia Mittal emigra in Indonesia, dove Lakshmi fonda la sua prima società di investimento e comincia ad acquisire il controllo di compagnie pubbliche in difficoltà. Il primo colpo messo a segno è l'acquisto nel 1989 della Iron and Steel Company di Trinidad e Tobago. Un'operazione che consente a Mittal di raddoppiare la propria produzione.
    Negli anni '90 e' la volta del Messico (con l'acquisizione della Sibalsa), del Canada (dove viene acquisita la Sidbec-Dosco), dell'Irlanda, della Germania, del Kazakhstan, della Francia e poi ancora, dal 2000 in poi, dell'Algeria e dell'Europa orientale.
    Ma Mittal diventa il primo gruppo mondiale dell'acciaio nel 2004: dalla fusione delle due società olandesi LNM ed Ispat International (entrambe controllate dallo stesso Mittal) e la conseguente acquisizione dell'americana International Steel Group nasce la Mittal Steel, un colosso in grado di scavalcare nella classifica mondiale l'allora re dell'acciaio Arcelor, oggi oggetto dell'offerta.
    Ricchissimo (si stima sia il quinto uomo più ricco d'Inghilterra), Mittal è molto influente anche sulla vita politica inglese, grazie ai rapporti con il partito laburista. Ne è esempio la vicenda che nel 2001 vide Tony Blair scrivere personalmente al capo del governo rumeno, Adrian Nastase, per caldeggiare la vendita alla LNM di Mittal delle acciaierie di stato rumene Sidex. Un affare da 450 milioni di euro che si concluse un paio di giorni dopo l'arrivo della lettera di Blair. La storia, resa pubblica l'anno successivo, fu una spina nel fianco per il governo di Blair, anche perché, come contropartita per l'interessamento diretto del premier, il magnate indiano aveva "donato" al partito laburista quasi 200.000 euro. (ANSA).

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    L'India e l'acciaio europeo

    L'opa lanciata dal colosso dell'acciaio indiano Mittal steel sull'europea Arcelor fa discutere la stampa francese. Le Figaro avverte: il protezionismo non serve a nulla.

    Il 27 gennaio il settore della siderurgia europea è stato scosso da un vero e proprio terremoto: l'offerta di pubblico acquisto lanciata dall'indiana Mittal steel sul gruppo Arcelor, nato nel 2002 dalla fusione tra la lussemburghese Arbed, la spagnola Aceralia e la francese Usinor.

    Mentre dirigenti, sindacati e governi esprimono sdegno e preoccupazione per quella che viene definita una mossa "ostile", la stampa francese riflette sull'evoluzione del mercato globale e sulla crescita delle potenze economiche asiatiche.

    "Non ha senso opporsi a un'acquisizione per semplice sciovinismo", scrive Le Monde, "ma non si può nemmeno restare indifferenti al destino di uno dei grandi simboli dell'Europa industriale. Se c'è un settore nel quale l'Unione europea ha investito tanto, anche a costo di grandi sacrifici, è proprio quello della siderurgia". Ora, però, Arcelor rischia di passare in mani straniere, "dimostrando che nell'era della concorrenza globale nessuna posizione può considerarsi acquisita una volta per tutte".

    "Mentre a Davos il gotha degli affari cercava di valutare le conseguenze dell'espansione indiana e cinese", sostiene Le Figaro, "il mercato dell'acciaio offriva un esempio concreto di questo fenomeno".

    Il governo francese si è detto contrario all'opa di Mittal steel, ma il quotidiano avverte: "Ricorrere al tema del 'patriottismo economico' può solo rallentare il processo della globalizzazione dei mercati, non fermarlo. Perché una cosa è certa: questo è solo l'inizio di una serie di grandi manovre".

    E mentre il quotidiano finanziario La Tribune invita a riflettere sul futuro delle grandi industrie europee – "bloccate tra il martello statunitense e l'incudine asiatica" –, Les Échos osserva: "Governi e sindacati chiederanno probabilmente aiuto a Bruxelles che, trovandosi in una fase politica delicata, farebbe volentieri a meno d'intervenire in questa vicenda".

    "Il caso Arcelor ci serva da lezione", conclude il quotidiano locale Sud-Ouest. "Invece di perdere tempo a discutere delle strategie di bilancio, dell'Iva e degli idraulici polacchi, gli europei dovrebbero impegnarsi a rafforzare la loro potenza industriale".-Francesca Spinelli

  3. #3
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Siderurgia: Mittal; In India Frena L'Entusiasmo
    (ANSA) - NEW DELHI, 30 GEN - L'India frena per ora i suoi entusiasmi dopo che la francese Arcelor (Parigi: LU0140205948 - notizie) ha detto di no all'OPA di 18,6 miliardi di euro lanciata dal magnate dell'acciaio indiano, Lakshmi Mittal.
    Nei giorni scorsi i giornali indiani erano pieni di articoli sul magnate indiano dell'acciaio, dichiarandosi velatamente orgogliosi per questo figlio dell'India che tenta di diventare il re mondiale dell'acciaio. Il no francese, ha raffreddato gli animi e lasciato lo spazio ai commenti tecnici.
    Secondo la visione degli economisti indiani, la eventuale fusione tra la Arcelor e la Mittal avrebbe risvolti positivi in quanto contribuirebbe a stabilizzare il prezzo dell'acciaio in un mercato attualmente molto frammentario. Un'opinione non condivisa da tutti: se da un lato infatti, osservano i più scettici, l'accordo potrebbe contribuire a calmierare la volatilità dei prezzi, il 10% del mercato mondiale dell'acciaio (che sarebbe quello controllato dalla eventuale nuovo gigante Mittal-Arcelor) non sarebbe di per sé sufficiente ad imporre i prezzi sul mercato.
    "L'impero di Mittal - ha dichiarato Firoz, un economista indiano al Times of India - è largamente frastagliato. La sua strategia chiaramente è quella di ridurre i costi e questo può avvenire solo attraverso l'acquisto di economie, il reallineamento degli investimenti per la crescita e il controllo dei materiali grezzi". Il colosso dell'acciaio indiano, secondo gli analisti, dovrebbe essere tenuto d'occhio per l'influenza che esercita sui prezzi dell'acciaio. La Mittal infatti gode già di una posizione dominante grazie soprattutto alla speculazione relativa all'accesso di Mittal alle miniere di minerali in Africa. L'integrazione delle attività di estrazione dei minerali con quella di produzione dell'acciaio è infatti considerata un elemento chiave.
    Per ora dunque accantonata l'ipotesi di un gigante industriale dell'acciaio quale sarebbe derivato dalla fusione di due tra le più grandi industrie dell'acciaio mondiali, la Mittal e la Arcelor, per l'appunto. Un no, quello di Arcelor, che non sembra aver scalfito più di tanto l'ottimismo del magnate dell'industria indiano. "Non stiamo conducendo una guerra qui - ha detto Mittal in conferenza stampa - ma per costruire valori da condividere".

    Pur dicendosi pronto a riprendere i colloqui con la Arcelor e a dare tutte le assicurazioni possibili alle autorità francesi circa soprattutto il futuro dei circa 30.000 impiegati dell'azienda francese, Laksmi Mittal ha però chiarito che non intende modificare la sua proposta innalzando l'offerta. (ANSA)

  4. #4
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Insomma ragazzi non so se ci rendiamo conto di ciò che sta avvenendo.
    E qui non si tartta di andare a scovare chissà quali complotti massonici nascosti.

    Qui abbiamo un pisquano venito dall'India , ma poteva anche venire dalla Cina o dal ruanda Burundi che in un boccone rischia di comprarsi con l'acciaio mezza Francia.

    Chi ride addosso a chi propone di creare insiemi continentali economicamente autarchici è servito.

    Ci troviamo in un bordello globale grazie all'utopia del libero mercato partita dal mondo anglosassone ed estesa su scala cazz globale.

    Meditate gente meditate prima che sia troppo tardi.

  5. #5
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,201
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    metà del mercato dell'acciaio è nelle sue mani, la seconda metà la comprerà a breve; d'accordo è il mercato, ma la concorrenza la farà a se stesso?

    qua mi sa tanto che andrà tutto a ...............

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    15 Dec 2002
    Località
    Bielorussia
    Messaggi
    3,343
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito


    Mhhhh...razzialmente è dravida..mi aspettavio fosse decisamente piu' ario..
    <p><center>Europa Dei Popoli!
    http://www.slowplayers.org/SBSP/images/Animated_Scots_Flag.gif<p><center>

  7. #7
    Totila
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Jenainsubrica
    Insomma ragazzi non so se ci rendiamo conto di ciò che sta avvenendo.
    E qui non si tartta di andare a scovare chissà quali complotti massonici nascosti.

    Qui abbiamo un pisquano venito dall'India , ma poteva anche venire dalla Cina o dal ruanda Burundi che in un boccone rischia di comprarsi con l'acciaio mezza Francia.

    Chi ride addosso a chi propone di creare insiemi continentali economicamente autarchici è servito.

    Ci troviamo in un bordello globale grazie all'utopia del libero mercato partita dal mondo anglosassone ed estesa su scala cazz globale.

    Meditate gente meditate prima che sia troppo tardi.
    E' la globalizzazione, bellezza!

  8. #8
    Forumista assiduo
    Data Registrazione
    07 May 2009
    Località
    INSUBRIA, next to the Ticino river
    Messaggi
    6,738
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Padanik
    Mhhhh...razzialmente è dravida..mi aspettavio fosse decisamente piu' ario..

    No Padanik questo è l'homo sapiens americanizzatus globalizzatus consumator.

 

 

Discussioni Simili

  1. Crollano in Europa i consumi di acciaio: quest'anno -5,6%
    Di dedelind nel forum Economia e Finanza
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13-10-12, 15:02
  2. Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 29-08-07, 11:09
  3. Sempre news dall'India: Air India
    Di skyrobbie nel forum Aviazione Civile
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 22-02-05, 21:44
  4. Europa impara dall’India “quanto sa di sale lo pane altrui”
    Di Der Wehrwolf nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 31-01-05, 17:11
  5. Libri dell'odio pagati anche dall'Europa
    Di Affus nel forum Destra Radicale
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 08-05-04, 01:43

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226