User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    figlio di Zeus e Danae...
    Data Registrazione
    07 Aug 2011
    Messaggi
    1,325
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito E questi vorrebbero integrarsi in Europa ?

    Forse identificato l'omicida, sarebbe un giovane di 16 anni
    La vittima era di Roma, si chiamava Andrea Santoro
    Turchia, sacerdote italiano cattolico
    ucciso a colpi d'arma da fuoco
    Il cardinale Ruini: "La diocesi di Roma, pur nel grande dolore, è orgogliosa di lui"
    Il delitto forse collegato alla vicenda delle vignette sul profeta Maometto

    ANKARA - Un sacerdote cattolico italiano è stato ucciso a colpi d'arma da fuoco nella città turca settentrionale di Trebisonda. Il sacerdote si chiamava Andrea Santoro ed era della diocesi di Roma, hanno precisato fonti della Conferenza episcopale in Turchia. E' stato ucciso, secondo testimoni, davanti alla porta della chiesa parrocchiale di Santa Maria, dove aveva appena celebrato messa, da un giovane che si è poi dato alla fuga gridando "Allah Akbar", Allah è grande.

    L'omicida, secondo la rete televisiva turca Sky-Turk, avrebbe solo 16 anni, e la polizia lo ha probabilmente già identificato. Il nome non è stato comunque reso noto.
    La polizia al momento non è in grado di precisare neanche se l'omicidio abbia un legame con la protesta esplosa nel mondo musulmano in seguito alla pubblicazione in Danimarca di alcune vignette che mettevano in ridicolo il profeta Maometto.
    Non ne è certo al momento né lo esclude monsignor Luigi Padovese, vicario apostolico in Anatolia: "Non possiamo escludere che l'uccisione del sacerdote sia legata alle reazioni del mondo islamico per la pubblicazione delle vignette blasfeme. Non posso escludere niente perchè ancora non si sa niente", ha detto il sacerdote.

    Monsignor Padovese si è detto sconvolto per l'omicidio e ha spiegato che don Andrea Santoro, sacerdote 'fidei donum' appartenente alla diocesi di Roma, è stato ucciso con un colpo di pistola. Ma pare impossibile al momento dare una risposta sul movente. In questi giorni, tuttavia, la piccola comunità cattolica turca, nonostante le proteste anti-occidentali che hanno agitato anche la Turchia per la pubblicazione delle vignette su Maometto, non è stata oggetto di intimidazioni di sorta o minacce.
    Il Cardinale Vicario di Roma Camillo Ruini ha rilasciato una lunga dichiarazione sull'omicidio, sottolineando che "La Diocesi di Roma, pur nel grande dolore, è orgogliosa di lui e ringrazia il Signore per questa fulgida testimonianza nell'umile certezza che da essa nascerà nuova vita cristiana".
    Il governatore di Trebisonda Huseyin Yavuzdemir ha subito pronunciato parole di condanna nei confronti dell'omicida: "Condanniamo questo attacco contro un uomo di religione...Ci sono testimoni e la polizia sta cercando di catturare il sospetto (omicida) sulla base delle informazioni fornite da questi".
    Don Andrea Santoro era nato a Priverno (LT), il 7 settembre 1945 ed era stato ordinato sacerdote il 18 ottobre 1970 a Roma per la Diocesi della capitale. Aveva prestato servizio nelle parrocchie Santi Fabiano e Venanzio di via Terni 92, in zona Tuscolana, e nella parrocchia Gesù di Nazareth di via Igino Giordani al quartiere Collatino.

    Era curatore del progetto interculturale "Finestra per il Medio Oriente" che si propone tra l'altro di favorire "un dialogo rispettoso tra il patrimonio cristiano e il patrimonio musulmano". "Ho trovato ovunque interesse e partecipazione e un sincero desiderio di capire e di allacciare legami di comunione", aveva scritto recentemente della sua esperienza in Turchia in una lettera pubblicata nel sito del centro pastorale missionario della diocesi di Roma.

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    figlio di Zeus e Danae...
    Data Registrazione
    07 Aug 2011
    Messaggi
    1,325
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Angry Riepilogo..

    ecco un breve riepilogo dell'escalation....

    30 settembre 2005: l'Jyllands Posten, il più diffuso quotidiano danese, pubblica 12 caricature sotto il titolo 'I volti di Maometto. I rappresentanti musulmani in Danimarca chiedono il ritiro delle vignette e le scuse ufficiali.

    - 12 ottobre 2005: il caporedattore dell'Jyllands Posten riceve minacce di morte.

    - 14 ottobre: più di 1.000 musulmani manifestano a Copenaghen.

    - 20 ottobre: 11 ambasciatori dei Paesi musulmani, in visita a Copenaghen, protestano davanti all'ufficio del primo ministro liberale Anders Fogh Rasmussen, che si rifiuta di riceverli.

    - 29 dicembre: la Lega Araba condanna le vignette definendole un'attentato contro la santità delle religioni, del profeta e dei valori dell'Islam.

    - 5 gennaio 2006: Accordo tra la Danimarca ed il segretario generale della Lega Araba, Amr Moussa, per la distribuzione, nei Paesi arabi, di una lettera di Rasmussen che, pur difendendo la libertà d'espressione, condanna 'tutte le azioni volte a demonizzare alcuni gruppi in virtù del credo e dell'appartenenza etnica'.

    - 10 gennaio: Magazinet, un giornale cristiano norvegese, pubblica le caricature in nome della 'libertà d'espressione'. Due giorni più tardi il redattore capo del giornale dichiara d'aver ricevuto minacce di morte.

    - 21 gennaio: l'Unione internazionale dei saggi musulmani, dal Cairo, di invitare tutti i musulmani del mondo a boicottare prodotti e attività danesi e norvegesi.

    - 26 gennaio: l'Arabia Saudita richiama il proprio ambasciatore a Copenaghen. Il gruppo danese-svedese Arla Foods segnala i primi danni economici seguiti al boicottaggio dell' Arabia Saudita che si sta estendendo a Kuwait, Emirati Arabi, Giordania e Maghreb.

    - 29 gennaio: Rasmussen dichiara che il governo in nessun caso ha influenza sui mezzi di comunicazione e che né l'esecutivo né lo Stato possono essere ritenuti responsabili

    - 30 gennaio: i paesi scandinavi annunciano misure per proteggere i propri cittadini in Medio Oriente. Il giornale Jyllands Posten presenta le proprie scuse ai musulmani

    - 31 gennaio: anche il giornale norvegese Magazinet esprime il proprio rammarico per aver l'offesa recata. I ministri degli Interni dei Paesi arabi, riuniti a Tunisi, chiedono al governo danese di 'sanzionare con decisione' gli autori delle vignette - 1 febbraio: molti giornali europei, tra cui il francese France Soir, pubblicano, in nome della libertàdi stampa,le caricature. Marocco e Tunisia vietano la vendita del quotidiano francese, mentre Raymond Lakah, il proprietario franco-egiziano di France Soir, ne licenzia il direttore, per "rispetto per le convinzioni di ogni individuo".

    - 3 febbraio: alcuni giornali belgi, fiamminghi e valloni pubblicano tutte o alcune delle vignette 'blasfeme'. A Giakarta circa 300 militanti islamici fanno irruzione nell'ambasciata di Danimarca. Mentre Hamas condanna le vignette, nei Territori le proteste sfociano in violenze aperte.

    - 4 febbraio: l'Unione europea invita i palestinesi a proteggere le sedi europee. Diverse centinaia di militanti islamici incendiano le ambasciate di Danimarca e Norvegia a Damasco. Alcune dozzine di giovani palestinesi cercano di irrompere nella sede Ue di Gaza City. Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad annuncia ritorsioni contro i paesi occidentali in cui sono state pubblicate le caricature. La polizia siriana blocca alcuni manifestanti in procinto di attaccare l'ambasciata francese a Damasco.

    - 5 febbraio: la presidenza austriaca dell'Ue dichiara "inaccettabili" gli attacchi e le minacce contro le ambasciate di paesi scandinavi a Damasco e nei Territori palestinesi. Manifestanti danno alle fiamme l'edificio del consolato danese a Beirut. La Danimarca chiede a tutti i suoi cittadini di lasciare il Libano. Più di 1.000 afghani protestano pacificamente contro i giornali che hanno pubblicato le vignette. Gruppi militanti iracheni minacciano di morte i cittadini occidentali presenti nel Paese.


  3. #3
    Valsesia=Lega al 50%
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Messaggi
    2,367
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Sono pazzi..non lo scopriamo certo ora..
    VALSESIA libera.. Paolo Tiramani

 

 

Discussioni Simili

  1. Dobbiamo aiutarli ad integrarsi
    Di pensiero nel forum Fondoscala
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 15-12-07, 16:47
  2. Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 08-07-07, 03:14
  3. Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 10-01-07, 20:33
  4. Questi non vogliono l’Europa
    Di bluedanube nel forum Politica Estera
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 08-02-06, 20:01
  5. Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 15-06-04, 10:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226