User Tag List

Risultati da 1 a 3 di 3
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    13 May 2009
    Messaggi
    30,192
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito La terza guerra mondiale è già scoppiata?

    Tratto da www.borsari.it - 8/02/2006

    Il mondo, oggi, consuma circa 28 miliardi l'anno di barili di petrolio ed è, evidentemente, un consumo in crescita (il petrolio è quasi l'unica "fonte energetica" per i mezzi di trasporto e, quindi, al momento non può essere immediatamente sostituito in tale impiego).
    Chi sono, oggi, i maggiori consumatori mondiali?
    Stati Uniti: 7.24 miliardi di barili l'anno (25.9% del totale);
    Europa: 5.5 miliardi di barili l'anno (19.7% del totale);
    Cina: 2.2 miliardi di barili l'anno (7.9% del totale);
    Giappone: 2.0 miliardi di barili l'anno (7.0% del totale).

    Più dei consumi attuali, tuttavia, interessa la previsione dei consumi futuri.
    La tabella sotto mostra la probabile evoluzione dei consumi (in miliardi di barili l'anno) nei prossimi 15 anni.

    Anni
    2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020
    Stati Uniti 7,24 7,42 7,61 7,80 7,99 8,19 8,40 8,61 8,82 9,04 9,27 9,50 9,74 9,98 10,23
    Europa 5,50 5,56 5,61 5,67 5,72 5,78 5,84 5,90 5,96 6,02 6,08 6,14 6,20 6,26 6,32
    Cina 2,20 2,40 2,63 2,87 3,14 3,43 3,75 4,10 4,48 4,90 5,35 5,85 6,40 6,99 7,64
    Giappone 2,00 2,02 2,04 2,06 2,08 2,10 2,12 2,14 2,17 2,19 2,21 2,23 2,25 2,28 2,30
    Resto del mondo 11,10 11,38 11,66 11,95 12,25 12,56 12,87 13,19 13,52 13,86 14,21 14,56 14,93 15,30 15,68
    TOTALE 28,04 28,78 29,55 30,35 31,19 32,06 32,98 33,94 34,95 36,00 37,11 38,28 39,51 40,81 42,18

    Nel 2020 (la stima è dell'Iea: International energy agency) il mondo consumerà oltre 42 miliardi di barili l'anno di petrolio: il 50% in più dei consumi attuali.
    I problemi, però, sono sostanzialmente due:
    Su quel tasso di sviluppo, i prezzi "voleranno" oltre i 100 dollari al barile;
    Nonostante ciò, sarà impossibile soddisfare quella domanda di petrolio.
    Un certo Campbell, il massimo esperto mondiale di estrazioni petrolifere, ha fatto due conti ed ha scoperto che:
    Le nuove scoperte di petrolio, hanno toccato il massimo nel 1964;
    La produzione mondiale di petrolio ha toccato il massimo incremento nel 2004.

    Significa che: dal 1964 in poi, si scoprono sempre meno giacimenti nuovi e, dal 2004 in poi, la produzione di petrolio cresce ad un ritmo inferiore al precedente (ante 2004).

    Il tasso di crescita della produzione mondiale di petrolio, prima del 2004, era dell'1.4% l'anno e, dunque, se i conteggi di Campbell sono giusti, da qui al 2020 sarà inferiore a quel valore.
    Assumiamo, dunque, un tasso di crescita medio dell' 1.2% l'anno e, mostriamo il risultato nella tabellina sotto.

    Anni
    2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020
    Totale Consumo 28,04 28,78 29,55 30,35 31,19 32,06 32,98 33,94 34,95 36,00 37,11 38,28 39,51 40,81 42,18
    Produzione totale 28,10 28,44 28,78 29,12 29,47 29,83 30,18 30,55 30,91 31,28 31,66 32,04 32,42 32,81 33,21

    Vedete cosa succede?
    La differenza tra consumi e produzione si fa sempre più grande, fino a diventare abissale ed incolmabile.
    Ed è, semplicemente, evidente che: più la differenza tra consumo e produzione si fa grande, e più i prezzi del barile di petrolio salgono, fino a livelli inimmaginabili (intorno a 200 dollari per barile), quando quella differenza dovesse superare i 5 miliardi di barili l'anno (intorno al 2015).
    Mi direte: ma, se la produzione non ce la fa a stare dietro al consumo, bisognerà trovare altre fonti energetiche, diversamente si crea una "frattura" insanabile.

    Vero, in teoria; in pratica non è così, perché il grosso del consumo di petrolio alimenta (principalmente) i mezzi di locomozione (autovetture, camion, aerei etc..) per i quali, all'orizzonte prossimo (i prossimi 5-10 anni), non c'è alcuna alternativa (immediatamente utilizzabile) al petrolio.
    Sicché il consumo è, in gran parte, rigido ed incomprimibile (almeno per i prossimi 5-10 anni).
    E ciò comporterà due conseguenze nefaste:
    I prezzi andranno alle stelle;
    Non ci sarà abbastanza petrolio per tutti (e, quindi, alcuni consumatori dovranno, necessariamente, essere "scoraggiati" con la "forza" dall'utilizzo del petrolio).

    Adesso osservate la prima tabellina (in alto a questo foglio): quali sono i due paesi che consumano di più?
    Oggi sono l'Europa e gli Stati Uniti; in futuro saranno la Cina e gli Stati Uniti.
    La Cina , in particolare, per "alimentare" il suo tumultuoso sviluppo (il Pil cinese cresce del 9.3% l'anno) ha disperato bisogno di petrolio, e non potrà, per nessun motivo, rinunciare neanche ad una goccia di quello che gli serve.
    E gli Stati Uniti?
    Neanche loro possono fare a meno del petrolio; neanche l'Europa e men che meno il Giappone.
    E, quindi, come si fa quadrare questo cerchio?

    ...... Con una guerra.
    Una parte del mondo, dovrà essere "costretta" a non utilizzare più petrolio (o a consumarne molto meno di adesso), in modo che il consumo totale sia (più o meno in linea) con la produzione.
    Vedete altre soluzioni?
    Per favore, lasciate perdere le fonti alternative (sole, vento, acqua, idrogeno, etc..): qui stiamo discutendo di futuro prossimo (da qui al 2015) e non di "calende greche"; e nel futuro prossimo, quelle fonti non saranno in grado di sostituire il petrolio.
    Il problema, secondo me, è chi farà la guerra contro chi (europei, giapponesi ed americani contro cinesi ed arabi oppure altre possibili "alleanze")?
    In ogni caso, le prime "battaglie" sono già iniziate: americani ed inglesi hanno invaso l'Iraq (per "esportare" la democrazia, s'intende, mica per "impadronirsi" del loro petrolio), ed i cinesi si stanno muovente in Sudan e Ciad (con lo stesso obiettivo).

    Al prossimo "giro", americani ed inglesi attaccheranno l'Iran (sempre per "esportare" la democrazia, inutile dirlo) ed i Cinesi decideranno dove "esportare" la loro democrazia popolare.
    La guerra, dunque, è già iniziata nell'incredulità generale, indotta dalle straripanti stronzate del regime mediatico in cui viviamo (tipo: "esportare la democrazia", "peace keeping", progresso e sviluppo per gli oppressi e via così, ad minchiam); ed è una guerra che ha già fatto milioni di morti (sono più di un milione le vittime irachene, decine di migliaia quelle afghane, e circa tremila i soldati americani ed inglesi già morti in combattimento).
    Questa guerra ha già prodotto (quasi) tanti morti, quanti ne hanno causato tutte le guerre napoleoniche; eppure, un pubblico semi-addormentato dalle vicende del "Grande fratello" (o da altre, simili, scemenze televisive), continua, incredibilmente, a baloccarsi con l'idea che, in Iraq si stia combattendo per "assicurare" pace e libertà agli iracheni.
    Esattamente come quegli americani che, nel dicembre del 1941, si sorpresero e s'indignarono per l'attacco giapponese a Pearl Harbor, trascurando il fatto (nascostogli, ovviamente, dal loro presidente) che, avendo la flotta americana imposto l'embargo petrolifero al Giappone (vedete come, alla fine, il petrolio determina i conflitti moderni), ed essendo lo stesso Giappone dipendente al 100% dai rifornimenti di petrolio via mare, quest'ultimo non aveva che due alternative: arrendersi senza neanche combattere (le scorte di petrolio potevano coprire un periodo massimo di nove mesi), oppure attaccare di sorpresa la flotta americana, rompere l'accerchiamento e "riconquistare" l'utilizzo delle rotte via mare.

    L'ammiraglio Nimitz (quello della battaglia di Midway), dopo la guerra disse: "l'unica sorpresa di Pearl Harbor, fu che i giapponesi avessero impiegato tanto tempo prima di attaccarci; noi ce l'aspettavamo almeno due mesi prima".
    Eppure, ancora oggi, un sacco di gente pensa che l'attacco giapponese sia stato un "vile colpo a tradimento" inferto dai "cattivi" orientali ai "buoni" americani.
    La storia, come vedete, si ripete sempre, e gli stupidi non tramontano mai



    http://www.disinformazione.it/terzaguerramondiale.htm

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    48,912
    Mentioned
    37 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Der Wehrwolf
    E, quindi, come si fa quadrare questo cerchio?
    ...... Con una guerra.
    Una parte del mondo, dovrà essere "costretta" a non utilizzare più petrolio (o a consumarne molto meno di adesso), in modo che il consumo totale sia (più o meno in linea) con la produzione.
    Vedete altre soluzioni?
    Nikola Tesla, circa un secolo fa, ha dimostrato con i fatti che l'alternativa ESISTE.
    Il suo finanziatore, J. P. Morgan, dopo un iniziale assecondamento dello sviluppo delle tecnologie teslane, accortosi che il genio serbo-croato rendeva possibile l'utilizzo di energia naturale a bassissimi costi, ne ha abbandonato la causa, interrotto i finanziamenti e distrutto gli impianti di produzione. Pare che si sia anche impossessato dei brevetti e ne abbia occultato l'esistenza.
    Oggi, chiunque osi parlare di tali argomenti, viene tacciato di follia.

  3. #3
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,227
    Mentioned
    8 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Der Wehrwolf
    Tratto da www.borsari.it - 8/02/2006


    E ciò comporterà due conseguenze nefaste:
    I prezzi andranno alle stelle;
    Non ci sarà abbastanza petrolio per tutti (e, quindi, alcuni consumatori dovranno, necessariamente, essere "scoraggiati" con la "forza" dall'utilizzo del petrolio).

    http://www.disinformazione.it/terzaguerramondiale.htm
    i teorizzatori del progresso e della crescita infiniti, sono serviti; del resto queste cose avevano trovato rigore scientifico già dagli anni 50-60, ma non se ne fece niente.

    si cercò invece in tutti i modi di "aprire la Cina al mercato e al progresso", svegliando il gigante che dormiva felice con il libretto rosso di Mao, nella speranza di concludere buoni affari.......
    appunto, affari del.........

 

 

Discussioni Simili

  1. Terza Guerra Mondiale
    Di Cattivo nel forum FantaTermometro
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 04-05-12, 17:42
  2. La Terza Guerra Mondiale?
    Di Nando Biondini nel forum Repubblicani
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 20-02-08, 11:37
  3. La terza guerra mondiale è già scoppiata?
    Di Squalo nel forum Politica Estera
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 15-05-06, 19:01
  4. La terza guerra mondiale è già scoppiata?
    Di Iron81 nel forum Destra Radicale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 08-02-06, 19:03
  5. E' scoppiata la Terza guerra mondiale
    Di Catilina nel forum Sinistra Italiana
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 24-03-03, 16:44

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226