User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7

Discussione: Inno e Sudtirolo

  1. #1
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,176
    Mentioned
    43 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Inno e Sudtirolo

    L’inno dei sudtirolesi

    A ogni Olimpiade si tirano fuori le menate sulla fratellanza dei popoli, sullo spirito di Olimpia, sulle buone intenzioni del barone de Coubertin. Tutti fanno finta di crederci. In realtà – ha ragione Massimo Fini – è solo un ambaradan sul quale vengono appiccicate tutte le possibili etichette commerciali e politiche: Hitler ne aveva fatto una manifestazione di partito, Americani e Russi uno scenario da guerra fredda, pantere nere e terroristi palestinesi ci hanno fatto i cavoli loro. Solo i più civili si sono limitati a farne uno spot elettorale facendo vedere quanto fossero stati bravi a organizzarle.
    La Repubblica italiana non ha ideologie o prodotti Ogm da vendere: la sola cosa che può spacciare è se stessa. Mostrare al mondo come un aggeggio improbabile riesce a resistere contro ogni legge di natura e vento della storia è di per sé piuttosto notevole, e per farlo si può anche buttare un sacco di soldi e arricchire un po’ di furbetti del quartierino olimpico. Non serve mostrare opere di regime (che non ci sono o non sono presentabili) o i muscoli, non ha da esibire che la propria sopravvivenza, come faceva un Breznev incartapecorito sul mausoleo della Piazza Rossa. E lo fa con il solito contorno di icone rassicuranti, sventolando tricolori e gorgheggiando inni patriottici e guerreschi. Così le Olimpiadi di Torino sono cominciate con un tripudio di bandiere agitate dagli atleti con la frenesia delle cheerleaders con i pon pon. In realtà di italiani “veraci” nella squadra ce ne sono pochini: sono quasi tutti sudtirolesi e padani.
    Non sarebbe stato perciò più bello (scenograficamente) e civile fare sventolare a ciascuno la propria bandiera identitaria, magari lasciando in testa quella della Repubblica, così come la si mette sulle confezioni di spaghetti di fianco alla scritta in italiano.
    Sarebbe stato un bel colpo di civiltà, uno sfolgorio di leoni, croci, aquile, i mille colori dela libertà che avrebbero sollevato un grande entusiasmo fra la gente. Invece si è preferito entusiasmare solo degli anziani coniugi livornesi che alla tricromia sono tanto affezionati forse perché ricorda quegli occhiali che parecchi anni fa venivano spacciati per la visione tridimensionale. Invece li si è voluti tutti uguali. Ha resistito solo un ladino con un artigianale cartello di saluti nella sua lingua. Un grande!
    Adesso salta fuori la grana del forestale sudtirolese che non conosce a memoria le bellicose strofette di Mameli. Primo: non è il solo. Tutti si fermano all’elmo di Scipio ed è già una notevole prova di tenuta organica. Secondo: nelle Forze Armate sono in pochi nati sopra il 44° parallelo. Se ne hanno qualcuno, non se lo facciano scappare costringendolo a improbabili esercizi canori. Terzo: come si fa a chiedere a un Tirolese di gorgheggiare l’elegante verso: “Son giunchi che piegano le spade vendute; già l’aquila d’Austria le penne ha perdute”? Quarto: non è bastata l’esibizione canora di una innocente bambinetta vestita come Elvira Donnarumma (roba da sito per pedofili)? Quinto: non tutti aspirano ad andare alla Corrida. Non si può pretendere che si confonda un Palazzotto del Ghiaccio con una Arena de Toros.
    Un buon montanaro tirolese canterebbe assai più volentieri in “Serbidiola” o “Zu Manta in Banden” l’inno che ricorda il sacrificio di Andreas Hofer Anche noi.
    P.S. A proposito, domani mattina alla cittadella di Mantova Padani e Sudtirolesi si ritrovano a commemorare la fucilazione di Hofer. Nessuno sarà costretto a cantare l’inno di Mameli. Neanche in playback.

    Gilberto Oneto, La Padania, Venerdì 17 febbraio 2006, prima pagina.


    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Ottimo articolo. Però è più facile combattere i sintomi del cancro che la malattia stessa. Anche a me dà un brivido spiacevole sentire i nomi dei nostri sciatori con la denominazione "azzurri" (ormai a doppio significato), però, mettiamoci per un momento nei panni dell' italiano verace, di quello che ora comanda: in fondo tutti gli Stati nazionali, Svizzera compresa, mandano gli atleti che vogliono gareggiare nelle loro file (se uno è tanto Patriota, anche rifiuta l' incarico e rinuncia ai soldi e alla gloria, oppure va a risiedere in Austria) ad indossare un' unica divisa e cantare un unico inno. Pensate se una parte della squadra tedesca cantasse "Einigkeit und Recht und Freiheit" ed un' altra " Auferstanden aus Ruinen und der Zukunft zugewandt". A me farebbe vomitare.

    Piuttosto a me fa pensare un altro personaggio: Manuela Di Centa. Per anni simbolo della Friulanità, anche negli spot del formaggio Montasio e del prosciutto di San Daniele, ed ora si presenta alle elezioni sotto il simbolo di Forza Italia :-(

  3. #3
    Forumista
    Data Registrazione
    21 May 2009
    Messaggi
    130
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bell'articolo davvero

  4. #4
    La Spada ci rendera' liberi
    Data Registrazione
    14 Nov 2003
    Località
    Busto Garolfo
    Messaggi
    246
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    come al solito Oneto e' un grande

  5. #5
    Moderatore
    Data Registrazione
    05 Mar 2002
    Località
    La Lupa romana è una cagna bastarda che muore allattando 2 figli di puttana
    Messaggi
    8,867
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Mah non credo che nessuno punti una pistola alla testa degli atleti olimpici e non. Se non vogliono sventolare il triculore possono anche farlo..
    Tu che odi dio e la vita cristiana
    Senti la sua presenza come un doloroso cancro
    Vengano profanate e profanate aspramente
    Le praterie del cielo bagnate di sangue

    Odiatore di dio
    E della peste della luce

    Guarda negli occhi paralizzati di dio
    E sputa al suo cospetto
    Colpisci a morte il suo miserevole agnello
    Con la clava

    Dio, con ciò che ti appartiene ed i tuoi seguaci
    Hai mandato il mio regno di Norvegia in rovine
    I tempi antichi, le solide usanze e tradizioni
    Hai distrutto con la tua orrida parola
    Ora vai via dalla nostra terra!

  6. #6
    email non funzionante
    Data Registrazione
    01 Apr 2009
    Messaggi
    9,909
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Shaytan
    Mah non credo che nessuno punti una pistola alla testa degli atleti olimpici e non. Se non vogliono sventolare il triculore possono anche farlo..
    * Qui non sarei tanto d' accordo. Non conosco l' ambiente, ma immagino che, una volta che sei nella squadra, ti fanno capire senza tante cerimonie "o dentro o fuori".

  7. #7
    Forumista senior
    Data Registrazione
    21 Sep 2011
    Messaggi
    2,726
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Questa non era una squadra italiana, ma padana, sudtirolese e valostana. Gli italomediterranei sono portati per il mare ... A me e' venuto il vomito a vedere tutti quei tricolori ...

    Sono contenti di essere schiavi e di ballare la tarantella ... Menomale che una piccola minoranza resiste ...



    Citazione Originariamente Scritto da Mitteleuropeo
    Ottimo articolo. Però è più facile combattere i sintomi del cancro che la malattia stessa. Anche a me dà un brivido spiacevole sentire i nomi dei nostri sciatori con la denominazione "azzurri" (ormai a doppio significato), però, mettiamoci per un momento nei panni dell' italiano verace, di quello che ora comanda: in fondo tutti gli Stati nazionali, Svizzera compresa, mandano gli atleti che vogliono gareggiare nelle loro file (se uno è tanto Patriota, anche rifiuta l' incarico e rinuncia ai soldi e alla gloria, oppure va a risiedere in Austria) ad indossare un' unica divisa e cantare un unico inno. Pensate se una parte della squadra tedesca cantasse "Einigkeit und Recht und Freiheit" ed un' altra " Auferstanden aus Ruinen und der Zukunft zugewandt". A me farebbe vomitare.

    Piuttosto a me fa pensare un altro personaggio: Manuela Di Centa. Per anni simbolo della Friulanità, anche negli spot del formaggio Montasio e del prosciutto di San Daniele, ed ora si presenta alle elezioni sotto il simbolo di Forza Italia :-(

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 40
    Ultimo Messaggio: 06-02-17, 10:49
  2. quale è per voi il secondo inno d'Italia dopo l'Inno di Mameli?
    Di Haxel nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 31-10-12, 09:13
  3. Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 27-08-07, 11:33
  4. Inno e Sudtirolo
    Di Eridano nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 17-02-06, 13:57
  5. Inno e Sudtirolo
    Di Eridano nel forum Etnonazionalismo
    Risposte: 0
    Ultimo Messaggio: 17-02-06, 09:31

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226