User Tag List

Risultati da 1 a 7 di 7
  1. #1
    Registered User
    Data Registrazione
    28 Jun 2002
    Località
    Milano
    Messaggi
    1,297
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Rischio attentati islamici prima del 9 aprile

    Ascoltato oggi 17-2 su RDS (credo) - che riprendeva una informativa del SISMI (servizio segreto militare)

    Certo è che i tagli alla odiata magistratura non aiutano ... vero bananas ? (nn mi riferisco ai lettori di qs forum)

    http://www.corriere.it/edicola/index...RNI&doc=MOD208

    SICUREZZA E INFORMAZIONI

    Cinquantatrè mesi dopo l’11 settembre, l’Italia è ancora senza una banca dati sul terrorismo internazionale.

    Dopo quattro anni di proposte sempre meno ambiziose ma puntualmente respinte, i magistrati si sono visti bocciare dal ministero della Giustizia anche l’ultimo «progetto minimo» di creare almeno un archivio parziale con i computer già esistenti nelle undici procure dove sono in pieno svolgimento indagini sul terrorismo islamico. Il governo però non ha concesso neppure i 10 mila euro che i pm giudicavano sufficienti a questo progetto limitato.

    A questo punto i 26 procuratori anti-terrorismo di tutta Italia hanno firmato un appello, per denunciare la gravità del problema, che il procuratore generale della Cassazione ha trasmesso lunedì al ministro della Giustizia, al Csm, alla Camera e al Senato.

    L’appello dei capi delle direzioni antiterrorismo di Venezia, Milano, Torino, Roma, Napoli e di tutti gli altri distretti giudiziari si apre ricordando che già nell’ottobre 2004, dopo l’imprevisto stop a un primo progetto più generale (e costoso), gli stessi 26 procuratori avevano «segnalato l’urgenza di realizzare un sistema di banche dati» per superare «l’attuale inadeguatezza informativa, foriera di ritardi, carenze di sviluppi investigativi, sovrapposizione di azioni...». In pratica oggi i pm italiani possono fornire ai colleghi di altre città i dati decisivi (nomi e alias degli indagati, numeri di telefono, passaporto, targa, contatti personali...) solo scambiandosi l’un l’altro carte o archivi informatici: tocca a ogni procura, insomma, improvvisare una banca dati solo locale. Ogni forza di polizia ha archivi nazionali, che però ignorano sia gli indagati altrui che i risultati dei processi. Per comprendere l’importanza cruciale dello scambio immediato d’informazioni, basta ricordare il più importante arresto in Italia per terrorismo internazionale: un numero trovato dalla polizia spagnola su un’agenda a Madrid, trasmesso d’urgenza a Torino e da qui a Milano, ha consentito alla Digos di intercettare un jihadista egiziano, Mohamed Osman Rabei, mentre confessava a un complice che «la strage di Madrid è stata un mio progetto» e pianificava un nuovo attacco-kamikaze, probabilmente a Roma.

    L’appello dei 26 procuratori sottolinea tutti gli ostacoli via via superati. Invocato subito dopo l’11 settembre 2001, il progetto di una banca dati nazionale si era scontrato per mesi con le norme sulla privacy: la legge sembrava ammettere solo il maxi-archivio centralizzato delle procure antimafia (sistema Sidda-Sidna). Risolto il problema grazie a un intervento del Garante, i pm avevano presentato un progetto identico al Sidda, bloccato però prima perché non esiste una direzione nazionale antiterrorismo (c’è solo quella antimafia) e poi dai tagli alle spese imposti dal ministero.

    Di qui il primo appello dell’ottobre 2004. Da allora, i pm hanno continuato a proporre banche dati sempre meno costose (e più limitate). Alla fine hanno proposto il minimo: arrangiarsi con computer già esistenti, ma guasti, chiedendo a Roma solo 10 mila euro per ripararli. Il ministero però ha negato anche questi.

    Lamentando «la mancanza delle necessarie - e invero contenute - risorse», i 26 procuratori garantiscono «comunque l’impegno per assolvere al meglio il nostro ruolo istituzionale per il contrasto al terrorismo», ma «con il rammarico di non poter disporre degli strumenti adeguati».

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    illuminista eretico
    Data Registrazione
    23 Feb 2005
    Messaggi
    17,558
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Delaware
    Ascoltato oggi 17-2 su RDS (credo) - che riprendeva una informativa del SISMI (servizio segreto militare)

    Certo è che i tagli alla odiata magistratura non aiutano ... vero bananas ? (nn mi riferisco ai lettori di qs forum)

    http://www.corriere.it/edicola/index...RNI&doc=MOD208

    SICUREZZA E INFORMAZIONI

    Cinquantatrè mesi dopo l’11 settembre, l’Italia è ancora senza una banca dati sul terrorismo internazionale.

    Dopo quattro anni di proposte sempre meno ambiziose ma puntualmente respinte, i magistrati si sono visti bocciare dal ministero della Giustizia anche l’ultimo «progetto minimo» di creare almeno un archivio parziale con i computer già esistenti nelle undici procure dove sono in pieno svolgimento indagini sul terrorismo islamico. Il governo però non ha concesso neppure i 10 mila euro che i pm giudicavano sufficienti a questo progetto limitato.

    A questo punto i 26 procuratori anti-terrorismo di tutta Italia hanno firmato un appello, per denunciare la gravità del problema, che il procuratore generale della Cassazione ha trasmesso lunedì al ministro della Giustizia, al Csm, alla Camera e al Senato.

    L’appello dei capi delle direzioni antiterrorismo di Venezia, Milano, Torino, Roma, Napoli e di tutti gli altri distretti giudiziari si apre ricordando che già nell’ottobre 2004, dopo l’imprevisto stop a un primo progetto più generale (e costoso), gli stessi 26 procuratori avevano «segnalato l’urgenza di realizzare un sistema di banche dati» per superare «l’attuale inadeguatezza informativa, foriera di ritardi, carenze di sviluppi investigativi, sovrapposizione di azioni...». In pratica oggi i pm italiani possono fornire ai colleghi di altre città i dati decisivi (nomi e alias degli indagati, numeri di telefono, passaporto, targa, contatti personali...) solo scambiandosi l’un l’altro carte o archivi informatici: tocca a ogni procura, insomma, improvvisare una banca dati solo locale. Ogni forza di polizia ha archivi nazionali, che però ignorano sia gli indagati altrui che i risultati dei processi. Per comprendere l’importanza cruciale dello scambio immediato d’informazioni, basta ricordare il più importante arresto in Italia per terrorismo internazionale: un numero trovato dalla polizia spagnola su un’agenda a Madrid, trasmesso d’urgenza a Torino e da qui a Milano, ha consentito alla Digos di intercettare un jihadista egiziano, Mohamed Osman Rabei, mentre confessava a un complice che «la strage di Madrid è stata un mio progetto» e pianificava un nuovo attacco-kamikaze, probabilmente a Roma.

    L’appello dei 26 procuratori sottolinea tutti gli ostacoli via via superati. Invocato subito dopo l’11 settembre 2001, il progetto di una banca dati nazionale si era scontrato per mesi con le norme sulla privacy: la legge sembrava ammettere solo il maxi-archivio centralizzato delle procure antimafia (sistema Sidda-Sidna). Risolto il problema grazie a un intervento del Garante, i pm avevano presentato un progetto identico al Sidda, bloccato però prima perché non esiste una direzione nazionale antiterrorismo (c’è solo quella antimafia) e poi dai tagli alle spese imposti dal ministero.

    Di qui il primo appello dell’ottobre 2004. Da allora, i pm hanno continuato a proporre banche dati sempre meno costose (e più limitate). Alla fine hanno proposto il minimo: arrangiarsi con computer già esistenti, ma guasti, chiedendo a Roma solo 10 mila euro per ripararli. Il ministero però ha negato anche questi.

    Lamentando «la mancanza delle necessarie - e invero contenute - risorse», i 26 procuratori garantiscono «comunque l’impegno per assolvere al meglio il nostro ruolo istituzionale per il contrasto al terrorismo», ma «con il rammarico di non poter disporre degli strumenti adeguati».
    hai un pvt!!!

  3. #3
    EUROSIBBERIANO CONVINTO
    Data Registrazione
    15 Nov 2005
    Messaggi
    7,771
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Bengasi, vittime durante protesta
    davanti al consolato italiano

    BENGASI - Feriti e vittime a Bengasi, in Libia, durante una manifestazione di protesta davanti al consolato italiano. La polizia libica, intervenuta per disperdere la folla, avrebbe sparato, impedendo ai manifestanti di raggiungere l'edificio. Ne ha dato notizia la Farnesina, precisando che i sei italiani che lavorano nella sede diplomatica stanno tutti bene. Alla base della protesta ci sarebbe, secondo quanto si è appreso, l'iniziativa del ministro per le Riforme, Roberto Calderoli, di indossare una maglietta anti Islam sulla quale era stampata una delle vignette satiriche su Maometto.

    Intanto da Perugia il presidente del Consiglio Silvio Berlusconi prende nuovamente - e decisamente - le distanze dal ministro leghista, affermando che il governo è in disaccordo con la sua iniziativa "personale".
    (2006-02-17 20:25:49)


    L'agente provocatore si frega le mani dopo l'ottimo lavoro...

  4. #4
    Blut und Boden
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Località
    Lothlorien
    Messaggi
    50,169
    Mentioned
    42 Post(s)
    Tagged
    1 Thread(s)

    Predefinito Rischio attentati islamici prima del 9 aprile

    Prima no, vero?

    "L'Italia è in pericolo, ci sarà un attacco mirato, chirurgico, contro i politici da parte dei fratelli mujaheddin. Se non è oggi, sarà domani. E' sicuro."
    Abdel Kader Mamour, ex imam di Carmagnola espulso fall'Italia nel 2003.

  5. #5
    La Spada ci rendera' liberi
    Data Registrazione
    14 Nov 2003
    Località
    Busto Garolfo
    Messaggi
    246
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Fino ad ora non li hanno fatti per, paradossalmente, merito della Lega Nord: un attentato avrebbe portato molti a pensarla come noi, e quindi non conveniva farli, anche perche' le conseguenze potevano essere diverse da quelle di statunitensi, spagnoli ed inglesi. Ora pero' hanno una scusa pronta con cui fare un attentato e dare la colpa a presunte (???!!) provocazioni della lega, ed il rischio ritengo sia reale

  6. #6
    ambrosini
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da aprile crudele
    L'agente provocatore si frega le mani dopo l'ottimo lavoro...
    Ma finiscila!!!!E svegliati!!!I provocatori stanno al di là dell'Atlantico e al di là della Manica....

    P.s. ho volutamente lasciato da parte Gerusalemme

  7. #7
    ambrosini
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da BenArsor
    Fino ad ora non li hanno fatti per, paradossalmente, merito della Lega Nord: un attentato avrebbe portato molti a pensarla come noi, e quindi non conveniva farli, anche perche' le conseguenze potevano essere diverse da quelle di statunitensi, spagnoli ed inglesi. Ora pero' hanno una scusa pronta con cui fare un attentato e dare la colpa a presunte (???!!) provocazioni della lega, ed il rischio ritengo sia reale
    Hai centrato in pieno la questione.Ora salterà fuori qualcuno che ti dirà che soffri di complottismo e bla bla bla.....la solita minestra ripetuta fino allo sfinimento....alla fine ti darà del padagno e via.....

 

 

Discussioni Simili

  1. Attentati a moschee e centri islamici, arrestato Sandalo (ex Prima Linea)
    Di Dragonball (POL) nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 15
    Ultimo Messaggio: 10-04-08, 15:34
  2. Martino: rischio attentati prima del voto...
    Di Nikalte nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 21-03-06, 14:21
  3. Rischio attentati islamici prima del 9 aprile
    Di Delaware nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-02-06, 18:59
  4. Rischio attentati islamici prima del 9 aprile
    Di Delaware nel forum Centrodestra Italiano
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-02-06, 18:13
  5. Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 23-01-03, 22:07

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226