User Tag List

Risultati da 1 a 8 di 8
  1. #1
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Località
    Pavia
    Messaggi
    29,041
    Mentioned
    21 Post(s)
    Tagged
    8 Thread(s)

    Predefinito Stupendo articolo di Galli della Loggia

    "La via pericolosa dell’Islam e i nostri silenzi

    Tolleranza, serve un limite

    di Ernesto Galli Della Loggia
    STRUMENTI
    VERSIONE STAMPABILE
    I PIU' LETTI
    INVIA QUESTO ARTICOLO
    Intanto cominciamo a convincerci—lo ha scritto ieri Magdi Allam — che le famigerate vignette antiislamiche c'entrano abbastanza poco con la bufera antioccidentale che da settimane sta soffiando dal Pakistan a Bengasi. Certamente quelle vignette hanno offeso milioni di credenti, ma esse hanno rappresentato solo un pretesto, sono state usate puramente come un'esca per scatenare violenze e disordini (il che non attenua, ma semmai aggrava, le responsabilità di chi come il ministro Calderoli non ha capito o, se ha capito, ha abboccato all'esca sperando in una manciata di voti in più).
    Sono almeno due le ragioni che inducono a dubitare fortemente della spontaneità dei moti di piazza nelle capitali islamiche. Innanzi tutto le notizie che si hanno del complesso lavorio (durato almeno tre mesi dalla pubblicazione delle vignette alle prime manifestazioni) messo in opera dai capi della comunità islamica danese al fine di attivare i canali di mobilitazione che poi sono entrati in azione; e in secondo luogo l'ovvia complicità dei governi nei disordini, disordini avvenuti perlopiù in Paesi dove neppure un capannello di poche persone può riunirsi senza che la polizia lo sappia in anticipo, potendo così intervenire (o non intervenire) a suo piacere.
    Dunque disordini preparati e voluti, ma non perciò meno gravemente rivelatori. L'estrema violenza e la rabbia cieca delle manifestazioni, la loro estensione e il loro ripetersi continuo, la partecipazione ad esse di una moltitudine di giovani, sono la spia che oggi nel mondo islamico si sta diffondendo, si è già diffuso, un virus cultural-religioso e politico dagli effetti incontrollabili, di cui la vittoria di Hamas nelle elezioni palestinesi e i proclami atomico-antisemiti di Ahmadinejad sono un'ulteriore e preoccupantissima prova. Che cosa sta succedendo tra quelle centinaia di milioni di uomini governati da regimi deboli e dispotici? Molta parte della scena ci rimane oscura, dominata dalla mancanza di libertà e quindi dal segreto, ma ne vediamo gli effetti: una sfera politica caratterizzata dalla demagogia e dall'incapacità di avviare qualunque vera riforma, una sfera sociale priva di qualsivoglia guida alla discussione razionale (giornali e tv indipendenti, intellettuali di orientamento liberale, scienziati), con un’altissima propensione al fanatismo religioso, indisponibile a riconoscere alcun diritto a chi pensa o vive diversamente, con una paurosa accettazione della violenza, e alla quale, infine, è possibile far credere che l'Occidente sia responsabile di ogni cosa.
    Noi europei ci stiamo rapidamente abituando a tutto ciò, non ne scorgiamo più l'assoluta anomalia. Timoroso dell'accusa di leso multiculturalismo, il nostro discorso pubblico non osa più esprimere giudizi che non siano di comprensione, di più o meno tacita «tolleranza», verso qualunque intollerabile violenza o malefatta commessa nelle contrade dell' Islam. Ad una folla polacca o irlandese non perdoneremmo neppure un centesimo di quello che siamo pronti a perdonare ad una folla libica o afghana: ma ci va bene così. Dando un esempio stupefacente di viltà l'Unione Europea non ha espresso una protesta vigorosa neppure quando è stata devastata la sua sede a Gaza da una folla di quegli stessi palestinesi che vivono solo grazie agli aiuti di Bruxelles. Nulla sembra scuoterci, insomma: non solo non vogliamo accorgerci della via pericolosa che l'Islam ha imboccato, ma, quel che è peggio, sembriamo aver perfino paura di parlarne."
    Against all odds

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    Forumista senior
    Data Registrazione
    03 Sep 2003
    Messaggi
    3,056
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    è proprio chiarissimo il punto di vista di galli della Loggia.
    ricordo che mia mamma mi insegnava a non frequentare cattive compagnie se avessi tenuto a camminar dritto per la mia strada.
    e così dovremmo far noi che ci definiamo "occidentali"
    non dovremmo ne cercarli gli islamici ne frequentarli..ognuno a casa propria
    e poi serenamente si potrbbe parlar chiaro se voi volete venir da noi ci venite laicamente e civilmente
    se noi vogliam comprare il vostro petrolio o gas vi chiediamo quanto fa'? ..e così ognuno si sa' amministrare...giusto così vero galli dellaloggia?

  3. #3
    Forumista senior
    Data Registrazione
    01 Jun 2010
    Messaggi
    3,912
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Lezione di giornalismo.

  4. #4
    Cacciatore di leoni
    Data Registrazione
    06 May 2003
    Località
    Savana brianzola
    Messaggi
    2,805
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Come mysbetter ha fatto notare, galli della loggia si è dimenticato la radice del problema: il petrolio.

    In termini tecnici: non è possibile incazzarsi apertamente con chi ti tiene per le palle.

  5. #5
    Registered User
    Data Registrazione
    12 Jan 2003
    Messaggi
    83
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Devo essere sincero: non mi apettavo un articolo di questo

    genere dal politilogo in questione

  6. #6
    Registered User
    Data Registrazione
    22 Sep 2002
    Messaggi
    2,183
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da myisbetter
    è proprio chiarissimo il punto di vista di galli della Loggia.
    ricordo che mia mamma mi insegnava a non frequentare cattive compagnie se avessi tenuto a camminar dritto per la mia strada.
    e così dovremmo far noi che ci definiamo "occidentali"
    non dovremmo ne cercarli gli islamici ne frequentarli..ognuno a casa propria
    e poi serenamente si potrbbe parlar chiaro se voi volete venir da noi ci venite laicamente e civilmente
    se noi vogliam comprare il vostro petrolio o gas vi chiediamo quanto fa'? ..e così ognuno si sa' amministrare...giusto così vero galli dellaloggia?
    Se poi il conto é troppo caro... gli facciamo un paio di Guerre, ne ammazziamo un qualche centomila, gli insediamo dei governanti favorevoli a noi occidentali che metá dei soldi se li magnano e rispendono in occidente, un quarto li danno direttamente agli occidentali (mazzette corruzioni, sovraprezzi etc) ed un quato li spendono per il paese.... in armamenti da ditte occidentali!!!

  7. #7
    T34
    T34 è offline
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    06 Mar 2002
    Località
    A, A
    Messaggi
    25,262
    Mentioned
    1 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)
    Inserzioni Blog
    1

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da iannis
    "La via pericolosa dell’Islam e i nostri silenzi

    Tolleranza, serve un limite

    di Ernesto Galli Della Loggia
    STRUMENTI
    VERSIONE STAMPABILE
    I PIU' LETTI
    INVIA QUESTO ARTICOLO
    Intanto cominciamo a convincerci—lo ha scritto ieri Magdi Allam — che le famigerate vignette antiislamiche c'entrano abbastanza poco con la bufera antioccidentale che da settimane sta soffiando dal Pakistan a Bengasi. Certamente quelle vignette hanno offeso milioni di credenti, ma esse hanno rappresentato solo un pretesto, sono state usate puramente come un'esca per scatenare violenze e disordini (il che non attenua, ma semmai aggrava, le responsabilità di chi come il ministro Calderoli non ha capito o, se ha capito, ha abboccato all'esca sperando in una manciata di voti in più).
    Sono almeno due le ragioni che inducono a dubitare fortemente della spontaneità dei moti di piazza nelle capitali islamiche. Innanzi tutto le notizie che si hanno del complesso lavorio (durato almeno tre mesi dalla pubblicazione delle vignette alle prime manifestazioni) messo in opera dai capi della comunità islamica danese al fine di attivare i canali di mobilitazione che poi sono entrati in azione; e in secondo luogo l'ovvia complicità dei governi nei disordini, disordini avvenuti perlopiù in Paesi dove neppure un capannello di poche persone può riunirsi senza che la polizia lo sappia in anticipo, potendo così intervenire (o non intervenire) a suo piacere.
    Dunque disordini preparati e voluti, ma non perciò meno gravemente rivelatori. L'estrema violenza e la rabbia cieca delle manifestazioni, la loro estensione e il loro ripetersi continuo, la partecipazione ad esse di una moltitudine di giovani, sono la spia che oggi nel mondo islamico si sta diffondendo, si è già diffuso, un virus cultural-religioso e politico dagli effetti incontrollabili, di cui la vittoria di Hamas nelle elezioni palestinesi e i proclami atomico-antisemiti di Ahmadinejad sono un'ulteriore e preoccupantissima prova. Che cosa sta succedendo tra quelle centinaia di milioni di uomini governati da regimi deboli e dispotici? Molta parte della scena ci rimane oscura, dominata dalla mancanza di libertà e quindi dal segreto, ma ne vediamo gli effetti: una sfera politica caratterizzata dalla demagogia e dall'incapacità di avviare qualunque vera riforma, una sfera sociale priva di qualsivoglia guida alla discussione razionale (giornali e tv indipendenti, intellettuali di orientamento liberale, scienziati), con un’altissima propensione al fanatismo religioso, indisponibile a riconoscere alcun diritto a chi pensa o vive diversamente, con una paurosa accettazione della violenza, e alla quale, infine, è possibile far credere che l'Occidente sia responsabile di ogni cosa.
    Noi europei ci stiamo rapidamente abituando a tutto ciò, non ne scorgiamo più l'assoluta anomalia. Timoroso dell'accusa di leso multiculturalismo, il nostro discorso pubblico non osa più esprimere giudizi che non siano di comprensione, di più o meno tacita «tolleranza», verso qualunque intollerabile violenza o malefatta commessa nelle contrade dell' Islam. Ad una folla polacca o irlandese non perdoneremmo neppure un centesimo di quello che siamo pronti a perdonare ad una folla libica o afghana: ma ci va bene così. Dando un esempio stupefacente di viltà l'Unione Europea non ha espresso una protesta vigorosa neppure quando è stata devastata la sua sede a Gaza da una folla di quegli stessi palestinesi che vivono solo grazie agli aiuti di Bruxelles. Nulla sembra scuoterci, insomma: non solo non vogliamo accorgerci della via pericolosa che l'Islam ha imboccato, ma, quel che è peggio, sembriamo aver perfino paura di parlarne."
    Ho accennato la cosa quando a Bengasi è successo il casino... oltre 25 anni di mondo arabo, saranno pure serviti a qualcosa..
    Solo gli sprovveduti o i prevenuti possono credere alle manifestazioni spontanee, è come se, sotto Mussolini la folla avesse assaltato il consolato francese e britannico...spontaneamente.
    http://www.politicaonline.net/forum/...6&postcount=15

  8. #8
    Cometa Rossa
    Data Registrazione
    11 May 2005
    Località
    […] ’Άνοιξε τά μάτια στίν ’ελευθερία [cit.]
    Messaggi
    2,323
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Non è che il Della Loggia abbia detto qualcosa di nuovo...

 

 

Discussioni Simili

  1. Risposte: 30
    Ultimo Messaggio: 27-10-13, 18:13
  2. Risposte: 39
    Ultimo Messaggio: 03-11-12, 10:10
  3. Bell'articolo di Galli della Loggia su Italia e cristianesimo
    Di Iannis nel forum Il Termometro Politico
    Risposte: 29
    Ultimo Messaggio: 22-03-10, 15:05
  4. Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12-04-05, 18:56
  5. Galli della Loggia su torure e decapitazione!
    Di Gianfranco nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 17-05-04, 15:31

Tag per Questa Discussione

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226