User Tag List

Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 10 di 29
  1. #1
    Valsesia=Lega al 50%
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Messaggi
    2,367
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito Lettera Aperta Sulla Questione Calderoli

    Spero che i signori moderatori lascino questo mio topic..

    Ha sbagliato, Calderoli, a scegliere il mezzo facilmente attaccabile da tutti i buonisti del nostro paese. La questione è che noi non dobbiamo generalizzare, come fanno gli ideologi dell'estremismo islamico. E che non dobbiamo mischiare politica-cultura e religione. Lo scontro vero è di politiche e culture: da un lato noi, liberali, liberi, con governi del tutto liberi da influssi religiosi. Dall'altro loro che vivono in regimi illiberali, sono più poveri perchè i loro governanti li mantengono nella povertà più nera. Ma esiste un problema Lega Nord? No, perchè quello che viene detto da Calderoli, per quanto in modo sbagliato, è giusto ed è vero: non dobbiamo inginocchiarci di fronte all'Islam che vorrebbe distruggerci.


    Calderoli ha fatto quel che ha fatto. Berlusconi gli ha immediatamente chiesto di dimettersi da ministro; altrettanto ha fatto Fini. Più in là si sono spinti a sinistra, Prodi richiedendo non si sa bene cosa, forse auspicandosi una condanna per reato di opinione, Fassino e Rutelli suggerendo che sia il premier stesso a trovare un modo di mandarlo a casa, volente o nolente, volenti o nolenti anche quanti avessero eletto lo stesso Calderoli.
    Proviamo a fare un po’ di chiarezza.

    Quello che Calderoli non doveva fare, mettersi la maglietta con le vignette, l’ha fatto: il risultato è stato subito dopo uno scontro violento al consolato italiano in Libia, con morti, l’auto del console incendiata, il console stesso salvato dalla polizia dalle intenzioni della folla urlante che se avesse potuto non avrebbe bruciato solo l’auto.
    E’ chiaro il motivo per cui ha sbagliato, almeno, dovrebbe essere chiaro: e non è assolutamente l’aver scelto, con l’incarico istituzionale che ricopre, di denunciare in modo eclatante lo scontro di civiltà che sempre troppo pochi occidentali riconoscono. Scontro di civiltà, si badi bene, non di religioni. E quindi di cultura e di politica.
    E’ stato un errore mettere a rischio i nostri diplomatici in paesi che in questo momento sono bollenti. Il problema, l’empasse, nasce dal fatto che l’unico modo di sensibilizzare la nostra opinione pubblica e la nostra classe intellettuale, ahimé comunque inutile, è questo: far vedere quali reazioni smodate ci siano per qualsiasi gesto che non sia da dhimmi, ovvero da popolo sottomesso all’Islam.

    Islam religioso, Islam politico. Purtroppo lo scontro di civiltà, politiche, culture, dall’altra parte, cioè non da noi occidentali, si ammanta di religiosità. Il Corano non scinde la politica dalla vita sociale dei fedeli: per questo si fa tutta questa confusione e caciara sul rispetto al sacro e quant’altro. Ma non è questo il punto. Una vignetta su Maometto, non colpisce per il senso del sacro (quante vignette sul papa con la faccia da maiale, quanti riferimenti al cadaverino appeso per definire Gesù Cristo, quante vignette sugli imam o sulle politiche interne alle fazioni religiose sono indizi del senso del sacro musulmano quando gli è comodo non averlo!), colpisce per il violento odio culturale di cui siamo oggetto, spesso inconsapevole.
    I regimi illiberali che si nutrono della povertà dei paesi musulmani sono ben felici di convogliare l’odio delle loro popolazioni, con tassi di povertà, analfabetismo, con problemi di corruzione e di non funzionalità endemica e strutturale delle loro realtà inaccettabili, così da sollevarsi da quelle che sarebbero più che giustificate rivoluzioni interne e liberali.
    Ma non c’è abbastanza cultura, in quelle popolazioni, abbastanza informazione, per capire come stanno le cose. La stampa è controllata, così le notizie sono quelle che fanno infiammare gli animi contro il nemico esterno.

    In questo ha sbagliato Calderoli, e per questo merita di doversi dimettere, sebbene non con l’ostilità e lo sdegno che tanta classe politica gli ha rivolto. Ha sbagliato nel far confusione e nell’alzare un polverone che resta inutile.
    La Lega è rappresentativa di un certo elettorato, ed è vicina anche a molte persone che non la votano. Ha ottenuto la devolution e, senza dubbio, si avvicina allo spirito di governo del centro destra, senza mai toccare razzismo o populismo alla Haider, ma pur sempre mantenendo toni alti per le problematiche vicine ai suoi elettori. Scudi più alti sull’immigrazione, più consapevolezza partigiana della propria funzione: sono limiti ma sono anche caratteristiche, che non devono far sorprendere in un partito che ha una bassa percentuale di voto e di rappresentanza nel governo.
    Fa sorridere la sinistra, quando attacca la Casa delle Libertà per l’appoggio della Lega: si dimenticano forse che quando faceva comodo anche a loro, senza alcun motivo apparente se non con le promesse delle riforme federali del Titolo V della costituzione avevano accolto felicemente la Lega da loro? E poi, pagliuzza nell’occhio altrui, quando tutti i movimentismi violenti sono la trave nell’occhio della sinistra: una trave che mai ammetteranno, ma che cadrà sulle spalle degli elettori se mai avranno la meglio.
    Allora forse non ci saranno più problemi con la cultura islamica, perché le intimidazioni coglieranno nel segno: il quieto vivere avrà la meglio e il multiculturalismo che sta rovinando l’Europa da decenni potrà svilupparsi sempre più rapidamente. Ora che Calderoli si dimetta, ma non evitiamo volontariamente di capirlo, per non affrontare problemi che ci sono.

    Paolo Tiramani

    Segretario Lega Nord Valsesia
    VALSESIA libera.. Paolo Tiramani

    •   Alt 

      TP Advertising

      advertising

       

  2. #2
    email non funzionante
    Data Registrazione
    31 Mar 2009
    Messaggi
    21,993
    Mentioned
    55 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pablito el drit
    Spero che i signori moderatori lascino questo mio topic..

    Ha sbagliato, Calderoli, a scegliere il mezzo facilmente attaccabile da tutti i buonisti del nostro paese. La questione è che noi non dobbiamo generalizzare, come fanno gli ideologi dell'estremismo islamico. E che non dobbiamo mischiare politica-cultura e religione. Lo scontro vero è di politiche e culture: da un lato noi, liberali, liberi, con governi del tutto liberi da influssi religiosi. Dall'altro loro che vivono in regimi illiberali, sono più poveri perchè i loro governanti li mantengono nella povertà più nera. Ma esiste un problema Lega Nord? No, perchè quello che viene detto da Calderoli, per quanto in modo sbagliato, è giusto ed è vero: non dobbiamo inginocchiarci di fronte all'Islam che vorrebbe distruggerci.


    Calderoli ha fatto quel che ha fatto. Berlusconi gli ha immediatamente chiesto di dimettersi da ministro; altrettanto ha fatto Fini. Più in là si sono spinti a sinistra, Prodi richiedendo non si sa bene cosa, forse auspicandosi una condanna per reato di opinione, Fassino e Rutelli suggerendo che sia il premier stesso a trovare un modo di mandarlo a casa, volente o nolente, volenti o nolenti anche quanti avessero eletto lo stesso Calderoli.
    Proviamo a fare un po’ di chiarezza.

    Quello che Calderoli non doveva fare, mettersi la maglietta con le vignette, l’ha fatto: il risultato è stato subito dopo uno scontro violento al consolato italiano in Libia, con morti, l’auto del console incendiata, il console stesso salvato dalla polizia dalle intenzioni della folla urlante che se avesse potuto non avrebbe bruciato solo l’auto.
    E’ chiaro il motivo per cui ha sbagliato, almeno, dovrebbe essere chiaro: e non è assolutamente l’aver scelto, con l’incarico istituzionale che ricopre, di denunciare in modo eclatante lo scontro di civiltà che sempre troppo pochi occidentali riconoscono. Scontro di civiltà, si badi bene, non di religioni. E quindi di cultura e di politica.
    E’ stato un errore mettere a rischio i nostri diplomatici in paesi che in questo momento sono bollenti. Il problema, l’empasse, nasce dal fatto che l’unico modo di sensibilizzare la nostra opinione pubblica e la nostra classe intellettuale, ahimé comunque inutile, è questo: far vedere quali reazioni smodate ci siano per qualsiasi gesto che non sia da dhimmi, ovvero da popolo sottomesso all’Islam.

    Islam religioso, Islam politico. Purtroppo lo scontro di civiltà, politiche, culture, dall’altra parte, cioè non da noi occidentali, si ammanta di religiosità. Il Corano non scinde la politica dalla vita sociale dei fedeli: per questo si fa tutta questa confusione e caciara sul rispetto al sacro e quant’altro. Ma non è questo il punto. Una vignetta su Maometto, non colpisce per il senso del sacro (quante vignette sul papa con la faccia da maiale, quanti riferimenti al cadaverino appeso per definire Gesù Cristo, quante vignette sugli imam o sulle politiche interne alle fazioni religiose sono indizi del senso del sacro musulmano quando gli è comodo non averlo!), colpisce per il violento odio culturale di cui siamo oggetto, spesso inconsapevole.
    I regimi illiberali che si nutrono della povertà dei paesi musulmani sono ben felici di convogliare l’odio delle loro popolazioni, con tassi di povertà, analfabetismo, con problemi di corruzione e di non funzionalità endemica e strutturale delle loro realtà inaccettabili, così da sollevarsi da quelle che sarebbero più che giustificate rivoluzioni interne e liberali.
    Ma non c’è abbastanza cultura, in quelle popolazioni, abbastanza informazione, per capire come stanno le cose. La stampa è controllata, così le notizie sono quelle che fanno infiammare gli animi contro il nemico esterno.

    In questo ha sbagliato Calderoli, e per questo merita di doversi dimettere, sebbene non con l’ostilità e lo sdegno che tanta classe politica gli ha rivolto. Ha sbagliato nel far confusione e nell’alzare un polverone che resta inutile.
    La Lega è rappresentativa di un certo elettorato, ed è vicina anche a molte persone che non la votano. Ha ottenuto la devolution e, senza dubbio, si avvicina allo spirito di governo del centro destra, senza mai toccare razzismo o populismo alla Haider, ma pur sempre mantenendo toni alti per le problematiche vicine ai suoi elettori. Scudi più alti sull’immigrazione, più consapevolezza partigiana della propria funzione: sono limiti ma sono anche caratteristiche, che non devono far sorprendere in un partito che ha una bassa percentuale di voto e di rappresentanza nel governo.
    Fa sorridere la sinistra, quando attacca la Casa delle Libertà per l’appoggio della Lega: si dimenticano forse che quando faceva comodo anche a loro, senza alcun motivo apparente se non con le promesse delle riforme federali del Titolo V della costituzione avevano accolto felicemente la Lega da loro? E poi, pagliuzza nell’occhio altrui, quando tutti i movimentismi violenti sono la trave nell’occhio della sinistra: una trave che mai ammetteranno, ma che cadrà sulle spalle degli elettori se mai avranno la meglio.
    Allora forse non ci saranno più problemi con la cultura islamica, perché le intimidazioni coglieranno nel segno: il quieto vivere avrà la meglio e il multiculturalismo che sta rovinando l’Europa da decenni potrà svilupparsi sempre più rapidamente. Ora che Calderoli si dimetta, ma non evitiamo volontariamente di capirlo, per non affrontare problemi che ci sono.

    Paolo Tiramani

    Segretario Lega Nord Valsesia
    quoto

  3. #3
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    ehila, complimenti per l'elezione. però non sono d'accordo.calderoli ha fatto benissimo e volgio una di quelle magliette

  4. #4
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,599
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pablito el drit

    Allora forse non ci saranno più problemi con la cultura islamica, perché le intimidazioni coglieranno nel segno: il quieto vivere avrà la meglio e il multiculturalismo che sta rovinando l’Europa da decenni potrà svilupparsi sempre più rapidamente. Ora che Calderoli si dimetta, ma non evitiamo volontariamente di capirlo, per non affrontare problemi che ci sono.

    Paolo Tiramani

    Segretario Lega Nord Valsesia
    Ma credo che sia proprio in virtù di questo fatto oggettivo che non ci si può più permettere di usare la solita retorica mielosa, la quale serve più per nascondere che per rendere evidenti i veri problemi e drammi insiti nell'attuale invasione in corso.

    O li vediamo e li affrontiamo con decisione, o addio per sempre alle libertà a cui eravamo abituati e affezionati.
    In questo senso, il gesto di Calderoli merita la massima stima per il coraggio e la coerenza mostrati.
    Io aggiungo che in caso di accordo all'interno della CdL, la Lega dovrà avere oltre ai soliti ministri, quello degli interni proprio per esercitare quell'indispensabile controllo sui flussi, senza il quale non ci sarà alcuna speranza per bloccare la pericolosa deriva multietnica che trova i suoi più potenti ispiratori, nelle lobbies finanziocratiche apolidi e mondialiste.
    Ti ricordi del felice spot, "padroni a casa nostra"?
    Bene, ricominciamo allora a parlare di sovranità.
    O si tratta ormai di un tabù?
    Sinceramente non mi va che le nostre decisioni debbano ottenere il visto di qualche paese mediorientale......

  5. #5
    Valsesia=Lega al 50%
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Messaggi
    2,367
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    elezione?

    sono ormai due anni che faccio il segretario di sezione

    Non è che non sia d'accordo,diciamo che tempi e modi sono sbagliati,la causa è comuqnue buonissima
    VALSESIA libera.. Paolo Tiramani

  6. #6
    Valsesia=Lega al 50%
    Data Registrazione
    28 Jul 2005
    Messaggi
    2,367
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da Maxadhego
    Ma credo che sia proprio in virtù di questo fatto oggettivo che non ci si può più permettere di usare la solita retorica mielosa, la quale serve più per nascondere che per rendere evidenti i veri problemi e drammi insiti nell'attuale invasione in corso.

    O li vediamo e li affrontiamo con decisione, o addio per sempre alle libertà a cui eravamo abituati e affezionati.
    In questo senso, il gesto di Calderoli merita la massima stima per il coraggio e la coerenza mostrati.
    Io aggiungo che in caso di accordo all'interno della CdL, la Lega dovrà avere oltre ai soliti ministri, quello degli interni proprio per esercitare quell'indispensabile controllo sui flussi, senza il quale non ci sarà alcuna speranza per bloccare la pericolosa deriva multietnica che trova i suoi più potenti ispiratori, nelle lobbies finanziocratiche apolidi e mondialiste.
    Ti ricordi del felice spot, "padroni a casa nostra"?
    Bene, ricominciamo allora a parlare di sovranità.
    O si tratta ormai di un tabù?
    Sinceramente non mi va che le nostre decisioni debbano ottenere il visto di qualche paese mediorientale......

    Sinceramente credo sotto elezioni, visti e considerati i cervelli spesso "lobotizzati" degli itagliani dobbiamo andarci piu' cauti..come ho detto a ilaria maria,la causa è nobilissima, modi e tempi sono ahimè sbagliati..
    VALSESIA libera.. Paolo Tiramani

  7. #7
    Fervido Biologista
    Data Registrazione
    28 Jan 2006
    Località
    ANCON DORICA CIVITAS FIDEI
    Messaggi
    1,763
    Mentioned
    0 Post(s)
    Tagged
    0 Thread(s)

    Predefinito

    Quel democristiano traditore di Fini ne fa una dietro l'altra...Fecondazione,voto agli immigrati, contro Alternativa SOciale in lista e ora propone le dimissioni di Calderoli ed entra a scusarsi nella moschea..
    Ricordo ai meno esperti che nel '90 andò in Iraq ad appoggiare quello che lui chiamava "Camerata Saddam Hussein" e ora è il primo interventista. Stessa sorte toccò a LE Pen prima amico e poi Fini gli girò le spalle e lo tacciò di "cancro per l'Europa". Questi sono i politici che rappresentano l'Italiano medio. Ogni giorno la sparano diversa e tutti stanno ad acclamare( visto che in base ai sondaggi è il politico più amato dagli italiani). AL di fuori della mia idea politica esprimo la massima stima per Calderoli, per la sua coerenza, per aver rinunciato ad un importante poltrona per continuare a combattere la sua battaglia, che poi è quella di tutti, salvarci dall'Islam...
    Politici come Fini e Casini,che erano niente,ora vorrebbero pure strappare la sedia a Berlusconi andrebbero linciati dalla folla..

  8. #8
    Forumista esperto
    Data Registrazione
    03 Apr 2009
    Messaggi
    15,599
    Mentioned
    10 Post(s)
    Tagged
    2 Thread(s)

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pablito el drit

    Sinceramente credo sotto elezioni, visti e considerati i cervelli spesso "lobotizzati" degli itagliani dobbiamo andarci piu' cauti..come ho detto a ilaria maria,la causa è nobilissima, modi e tempi sono ahimè sbagliati..
    probabilmente i "tempi giusti" coincideranno con la fine di queste discussioni;
    in forza di opportuni provvedimenti legislativi naturalmente.........
    attenzione, a che non ci siano più "tempi" a disposizione......

  9. #9
    ilariamaria
    Ospite

    Predefinito

    Citazione Originariamente Scritto da pablito el drit
    elezione?

    sono ormai due anni che faccio il segretario di sezione

    Non è che non sia d'accordo,diciamo che tempi e modi sono sbagliati,la causa è comuqnue buonissima
    ah credevo che avessi incarichi solo nell'MGP. complimenti in ritardo

    Però dato quello che è successo e come sono saltati allo scoperto gli squali direi che forse non a causa della maglietta, i tempi erano giustissimi...
    La convocazione del parlamento padano è del 7 febbraio... ne avevo parlato anche qui. Secondo me è questo che ha fatto saltare i nervi al berlusca, quando ha saputo di questa riunione.

    Non si ricordava più che c'eravamo e non conosce gli scopi e il modo di lavoro del parlamento padano. D'altra parte, ci vuole qualche giorno per organizzare una campagna come quella che hanno organizzato contro Calderoli.
    Le magliette sono state semplicemente la scusa, ma dietro ci sono molte altre cose, secondo me.

    Ad esempio il fatto che già da un po' Bossi chiede a Berlusconi di parlare di Islam e dei temi che interessano alla gente e lui regolarmente non lo fa.Rimanda. Ha rimandato perchè non voleva parlarne

  10. #10
    AnnoPDN
    Ospite

    Predefinito

    Il solito Pablito! ah ah ah

 

 
Pagina 1 di 3 12 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Lettera aperta alla signora che ha scritto la lettera aperta al Ministro Kyenge
    Di Roberto essenziale nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 331
    Ultimo Messaggio: 15-05-13, 19:38
  2. Lettera aperta a Marco Travaglio sulla libertà
    Di Santa Teppa nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 81
    Ultimo Messaggio: 02-05-08, 19:27
  3. Lettera aperta sulla giustizia e ingiustizia. Salvatore Borsellino
    Di gladiator82ct nel forum Politica Nazionale
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 08-10-07, 20:19

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82 83 84 85 86 87 88 89 90 91 92 93 94 95 96 97 98 99 100 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 111 112 113 114 115 116 117 118 119 120 121 122 123 124 125 126 127 128 129 130 131 132 133 134 135 136 137 138 139 140 141 142 143 144 145 146 147 148 149 150 151 152 153 154 155 156 157 158 159 160 161 162 163 164 165 166 167 168 169 170 171 172 173 174 175 176 177 178 179 180 181 182 183 184 185 186 187 188 189 190 191 192 193 194 195 196 197 198 199 200 201 202 203 204 205 206 207 208 209 210 211 212 213 214 215 216 217 218 219 220 221 222 223 224 225 226