Scajola. Massari, Finanziamenti pubblici: non basta erogare fondi, si devono verificare i risultati

3 gennaio 2010


Il ministro Scajola ha annunciato una nuova iniezione di risorse per le piccole e medie impresa, soprattutto del Mezzogiorno, per sostenere la ripresa economica agendo sull'innovazione e sulle energie rinnovabili.


Alessandro Massari, della direzione nazionale di radicali italiani afferma: “Intento lodevole, soprattutto in Italia dove, grazie all’arretratezza del sistema produttivo, si ha una percentuale altissima di PMI.
Ottimo l’utilizzo dei fondi europei, eccezionale la volontà di sostenere l’innovazione e l’energia rinnovabile, ma chi ci dice quanto queste misure siano adeguate per non perdere il treno della ripresa economica?
Non è con la difesa ad oltranza dell’industria manifatturiera di piccole e piccolissime dimensione che riusciremo a rimanere tra i maggiori paesi industriali, poiché con la globalizzazione ed il mercato mondiale si acquista da chi produce i medesimi beni a costi di molto inferiori.
L’Italia deve non solo salvaguardare la parte migliore delle piccole e medie imprese, ma deve favorire lo sviluppo di imprese medio grandi, ad alto contenuto tecnologico, basate su un sistema di ricerca universitaria ed imprenditoriale strettamente connesse, che consenta produzioni di beni con minore concorrenza globale.
Purtroppo siamo in Italia, non in India. Continueremo quindi ad avere le grandi famiglie imprenditoriali sempre finanziate dallo Stato fuori da ogni regola di mercato, ed un finanziamento a piaggia senza verifica dell’efficacia per tutte le altre, quando la crisi economica e di fiducia lo fa ritenere necessario.
Le elezioni regionali alle porte, prosegue il dirigente radicale, possono far comprendere i motivi di tali scelte, ma non possiamo sottrarci ad un parere sincero: “se la tattica è sbagliata, la strategia è fallimentare”.
:: Radicali.it ::